alf

Socio ItLUG
  • Numero messaggi

    338
  • Registrato

  • Ultima visita

  • Vittorie

    1

L'ultima volta ha vinto il alf

alf ha il contenuto con più Mi Piace!

Su alf

  • Rango
    Giovane Costruttore

Informazioni Personali

  • Città
    Campania, NA

Profilo AFOL

  • Temi Preferiti
    Technic, City, treni
  • Nickname BrickLink
    alfmar
  1. Leggo che LEGOLAND Japan (a Nagoya, 260 km a ovest di Tokyo) non riesce ad attrarre abbastanza visitatori, per cui dal prossimo autunno resterà aperto solo 5 giorni alla settimana: http://en.rocketnews24.com/2017/07/18/struggling-legoland-japan-will-shut-down-for-two-days-a-week-starting-in-fall/
  2. Mai visti tanti AFOL del sud tutti insieme!! e a quanto pare la Sicilia è in testa...
  3. Ah! se avessi avuto un paio di centinaia di quei "doppi jumper" mi sarei risparmiato una valanga di acrobazie nella mia ultima MOC...
  4. Il dettaglio di cui vado più fiero è la scala del soprapassaggio, la cui ringhiera è fatta con l'utilissimo 93061 (promemoria: al prossimo LUGbulk!) e coi tubetti Technic 76302 / 60676 / 63037 tagliati a misura (non è "impuro": nelle istruzioni dei set Technic che li contenevano, c'era l'icona delle forbici ).
  5. Ahimé, lato strada e negli interni ho ancora parecchio lavoro da fare.
  6. La mia ultima MOC: una stazione ferroviaria ispirata a quelle delle linee FS secondarie del centro-sud. La esporrò a Lecco insieme ai treni. 5x2 baseplate, circa 3000 pezzi:
  7. Ad agosto 2013 fotografai a Roma, dall'autobus, un'autovettura particolarmente invidiabile...
  8. moc

    Se per "prese d'aria" intendi quelle dei condizionatori (come nel locomotore Maersk), si tratta del disco 3x3 Technic 2958 (codice Bricklink), che trovi in LDD nella categoria delle ruote cercando nella casellina ricerche il 2723 (che è il codice LEGO), accompagnato dalla sua turntable 61485 (anche questa disponibile in LDD).
  9. Ci avrei giurato infatti nella smorfia napoletana 71 è l'òmm' é mèrd', che tradurrei come minifig Reddish Brown.
  10. Ognuno assegna nomignoli più o meno graziosi ai suoi mattoncini e alle attività °legose" e pertanto finisce per crearsi un proprio gergo. In nome della Scienza oso presentare il mio qui sotto. Vocabolario legoso in auge da queste parti. AAARGH! - frequente imprecazione quando una MOC è per aria in caduta libera verso il pavimento AFOL - Acquirent Frequent Of LEGO BIANCHERIA - scatolone contenente tutti pezzi bianchi (vedi TANNERIA) BOHROK CAHDOK E GAHDOK! - furente imprecazione (composta dai nomi di tre Bionicle) adoperata quando non si trovano pezzi nei cassettini in cui teoricamente dovevano risiedere BOMBARDINO - mini-MOC da meno di cento pezzi ma alquanto entusiasmante (esempio: quelle del tema vignette) CAMOMILLA CONCENTRATA! - ordine impartito ad un (inesistente) maggiordomo dopo aver scoperto di aver sbagliato le misure di un solo stud CANNIBALIZZARE - togliere pezzi a una MOC (completa o incompleta) per la fretta di continuare la realizzazione di un'altra CELÒ CELÒ CELÒ CE-NOOO! - momento di panico quando ci si accorge di dover fare ulteriori acquisti di mattoncini sfusi CONVERTITO - uno diventato religiosamente AFOL senza aver mai giocato coi LEGO da bambino CUBETTO - brick 2x2 EPPURE A CASA ANDAVA BENE... - formula di autoassoluzione rituale quando porti un modulo GBC ad una SPARATA DI POSE GBC - Gran Ball Contreppscion, cioè le MOC che si fanno beffe delle leggi della fisica e che pertanto dopo dieci mesi che non tocchi più scovi ancora palline nei posti più impossibili della tua cameretta GNAFÒ - segnalazione che le proprie dita sono troppo corte per raggiungere un determinato mattoncino LA CALATA DEGLI UNNI - visite di nipotini bramosi di "giocare" (aiuto!!) con le tue MOC MA CHE PAPERE! - esclamazione di rassegnazione nel momento in cui occorre rimettere ordine ai mattoncini sparsi dappertutto MA PUERCA VACA MAIALA BURRITO - presa di coscienza che a causa di un singolo irrinunciabile dettaglio un muro originariamente costruito con soli brick va rifatto quasi esclusivamente di plate MALATONE - inguaribile appassionato costruttore di MOC MERDA (ehm) - mattoncini di colore Reddish Brown METTÉMO, LEVÀMO, COPRÌMO, SNOTTÀMO... - scetticismo espresso ad un inesperto che ti suggerisce modifiche non banali alle MOC MOC - Meravigliosa Opera di Creatività OTTINO, OTTELLO, OTTONE, OTTOTTO - rispettivamente: plate 1x8, tile 1x8, brick 1x8, brick 2x8 OTTANTACINQUONE - autobus Atac linea 85 (cioè "MOC che hai sempre sognato di realizzare ma senza mai cominciarla") PÈSO EL TACÒN DEL BUSO - ammissione della propria colpa nel correggere troppo frettolosamente una MOC PLATONE - plate di dimensioni almeno 4x4 PLURIBOMBARDONE - una MOC da almeno 500 pezzi QUANDO HAI UN MARTELLO TUTTO SEMBRA CHIODO - formula di autoassoluzione rituale quando per non dover ravanare tra i mattoncini si è tolto un pezzo da una MOC completa per andare avanti con una incompleta (vedi anche: CANNIBALIZZARE) QUARTIROLO - flat tile 2x2 bianchi SBÀMBARABRÀNG - onomatopea per suggerire l'imminente ed ineluttabile smontaggio di qualcosa costruito male SCIARMARE - smontare frettolosamente una MOC SPARATA DI POSE - partecipazione a un evento espositivo ItLUG SPECIALINO - cassettiera contenente i pezzi più strani TANNERIA - scatolone contenente tutti i pezzi di colore Tan ("Brick Yellow" secondo la nomenclatura ufficiale LEGO) TRADITORE DELLA PATRIA - acquirente di cineserie imitanti i mattoncini UÙUH, I QUADRATÌIINI! - espressione scaramantica da pronunciare con voce infantile per trovare subito plate 2x2 e tile 2x2 VERGOGNA! - esclamazione di rassegnazione quando un qualsiasi prodotto non-LEGO supera di una frazione di millimetro le dimensioni per potere essere nascosto all'interno di una MOC ZOZZERIA - scatola contenente i pezzi graffiati e irrimediabilmente sporcati, da usare come riempitivi. Nota 1: dal vocabolario sono escluse le imprecazioni volgari, per lo più utilizzate nel momento in cui si fanno acquisti on-line e si hanno impreviste sorprese riguardo ai prezzi e alle disponibilità. Nota 2: dimmi cosa vezzeggi, e ti dirò chi sei. Esempio: "manca ancora qualche ritocchino alla stazioncina che sto costruendo per il circuitino del trenino..."
  11. Aggiungiamo alle fonti di ispirazione la serie di post intitolati "Lettering Contest" su New Elementary. Contengono una notevole serie di "font" fatti per lo più con le tile introdotte di recente: 24246 - tile 1x1 tondeggiante, BrickLink - Brickset 25269 - tile 1x1 a quarto di cerchio, BrickLink - Brickset 27263 - tile 2x2 con angolo tagliato, BrickLink - Brickset 27925 - tile 2x2 quarto di cerchio, BrickLink - Brickset 27507 - tile 4x4 quarto di cerchio, BrickLink - Brickset
  12. Farlo tutto con pezzi 1x1 costerebbe molto di più... e non ti permetterebbe di sfruttare i pezzi che già hai. p.s.: per esempio per il mio logo in QR-code non ho dovuto comprare neppure una tile
  13. Permettetemi di insistere a ricordare che tutti i cloni LEGO (tutti, proprio tutti) partono dal presupposto di voler far soldi usando idee di LEGO per vendere ai clienti di LEGO dei cloni economici di LEGO (se un clone costasse quanto LEGO o addirittura più di LEGO, quale valore aggiunto dovrà avere per stuzzicare il portafogli di un AFOL o di un genitore?). Questo non è integralismo, è solo una constatazione, e il tentativo di alcuni produttori di raggiungere qualche accordo con TLG non cambia il fatto che nella foga di lanciarsi sul mercato hanno copiato senza scrupolo "quello che vende di più" (scena che ho peraltro visto più volte nella mia carriera lavorativa, per cui non mi meraviglia la comparsa e proliferazione della giungla dei cloni). Chi per propria inventiva o per evitare pastoie legali ha proposto un sistema di mattoncini con misure e incastri diversi, ha fatto concorrenza senza tentare di rubare clienti. Concorrenza che non si fa solo nei negozi: per esempio, la mia prima astronave Tente era un miniset omaggio di non ricordo più quale prodotto alimentare, così come LEGO aveva fatto per Ovomaltina riempiendomi casa di improbabili automobili 2-wide), e perfino le casette di Italocremona avevano un loro appeal (e all'epoca si incastravano addirittura meglio dei Minitalia). Da piccolo mi dispiaceva avere in casa addirittura tre sistemi di mattoncini diversi non integrabili tra di loro, ma era dovuto al fatto che i miei non sapevano distinguere tra Plastic City e LEGO, più il dispiacere del non aver speso quei soldi tutto sul LEGO (del resto, anni dopo, nessuno era così dispiaciuto di avere in casa un PC, una Playstation e un Mac, piattaforme diverse e sommamente incompatibili tra loro). Se Apple (che già negli anni '80 querelava i produttori di "Compappleble", di "Lemon II" e affini) è riuscita a proteggere il proprio ecosistema (soprattutto coltivando lo zoccolo duro di clienti fedelissimi), ci può riuscire anche TLG (che a differenza di tutti i produttori di suoi cloni, non ha il difetto di pensare: "faremo soldi a palate vendendo pezzi di plastica che si incastrano coi LEGO").
  14. Non capisco perché il titolo è "LEGO Xingbao 03011 ecc." invece di "Xingbao 03011 ecc." Le recensioni positive sono state lasciate dopo aver visto solo i primi venti secondi. Gli ultimi cinque minuti del video sono divertentissimi.
  15. Il mio primo progetto con un NXT fu una macchina sforacchiatrice, che realizzai all'inizio del 2007. Purtroppo le foto - che avevo su Brickshelf e su Youbrick - sono andate irrimediabilmente perdute. Per tener ferma la carta avevo usato del nastro adesivo... ed ancor oggi ho qualche pezzo Technic sporco di quella colla del nastro adesivo, difficilissima da pulire. Smontai e ricostruii l'aggeggio usando i pneumatici (ruote) per tener ferma la carta, ma non avevano abbastanza frizione. Al terzo tentativo, ad agosto 2008, finalmente non ebbe più bisogno di manutenzione e taratura. La esposi a ItLUG Ballabio 2009 e l'ho portata praticamente ogni anno a Ballabio e Lecco (quest'anno no, porterò solo treni). La risoluzione è di 115x90 pixel su un'area stampabile di 91x70mm (praticamente 33dpi). Le immagini vanno salvate in formato PBM/PPM in bianco e nero e inviate via bluetooth; il software (scritto in NXC) provvede a sbrogliare la bitmap e a sforacchiare la carta. Il computer non è necessario, se non per creare il disegno e inviarlo via bluetooth. L'unico pezzo non LEGO è l'ago, incollato in un vecchio mattoncino 1x2 bianco. Spiegazioni, caratteristiche tecniche e foto sono qui. Nel video qui sotto l'NXT è collegato ad un alimentatore, anche se l'ho quasi sempre utilizzata con pile ricaricabili. Lo stantuffo e l'aria compressa servono per tener teso il foglio di carta ai mattoncini Technic in gomma. Il motore dell'ago non fa una frenata brusca in risalita ma fa coasting, per guadagnare tempo e ridurre le vibrazioni. Durante la "stampa" lo schermo mostra varie statistiche (tempo trascorso, percentuale di buchi rimanenti, ecc.). La "stampa" è monodirezionale su entrambi gli assi in modo da non perdere l'allineamento tra i buchi fatti; gli assi hanno come sincronizzazione un sensore touch NXT per determinare il fine corsa con maggior precisione rispetto al contagiri dei motori NXT. La piattaforma per la minifig serve in realtà a non far notare i mattoncini-zavorra posti ad appesantire il carrello.