Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 03/21/2018 in all areas

  1. Un anno dopo Santa Maria del Fiore la mia vocazione si è fatta di nuovo viva e ne ho approfittato per progettare una cattedrale barocco-neoclassica, che concluderà il viale principale della città e darà finalmente agli abitanti di Bricksfield un luogo dove pregare in pace. La pianta è praticamente quella del duomo di Firenze mentre il colonnato ricorda quello di San Pietro. Questi sono rendering, ma la cupola (autoportante) l'ho già completata. Spero vi piaccia! Qualche numero N.PEZZI 13305 LUNGHEZZA 86.6 cm LARGHEZZA 76.8 cm ALTEZZA 50 cm
  2. Ecco a voi il mio nono modulare, la Piazza dell'Orologio! Oltre alla torre, che è visitabile dalle minifigures attraverso una scala a chiocciola, la MOC include anche un gelataio e un vecchio negozio di giocattoli con un settore esclusivo LEGO al primo piano. Spero vi piaccia
  3. ciao a tutti questa è la mia ultima moc ,Nee York 1929,molto similare a Detroit 1930 ma con piu colori
  4. Vi presento la mia Moc a tema Leonardo da Vinci, pesentata per la prima volta al BiFF 2018 di Firenze, un tema a me particolarmente caro, in quanto io vivo proprio a Vinci, città natale di Leonardo e un omaggio al il mio famoso concittadino nell'anno in cui si celebra il 500entenario dalla morte. L'dea era quella di ricostruire un laboratorio di Leonardo, e lo spunto è preso da un quadro in cui si raffigurava l'arrivo di Leonardo a Milano e venivano mostrate alcune sue opere (macchine, quadri e studi sul volo e sull'anatomia) come se fosse un vero e proprio curriculum. Ho voluto anche inserire il momento in cui veniva dipinta la Monna Lisa, con tanto di modella.... Al Piano interrato ho inserito un laboratorio di anatomia ed uno di falegnameria.
  5. Il Chiosco del caffè Il caffè è probabilmente la bevanda più bevuta al mondo, con un consumo annuo di più di 400 miliardi di tazzine. Io sono un gran bevitore di caffè: moka e espresso a "leva" sono i miei preferiti. Era quindi scontato che costruissi qualcosa a tema. Ecco qui il mio nuovissimo chiosco del caffè in stile retrò. Non manca niente: dai tavolini sul terrazzo alle insegne in stile "googie", dagli interni super dettagliati al pick-up vintage che trasporta i sacchi di caffè verde. Dategli un occhio e scoprite tutti i dettagli del "Coffee Stand" Qui sotto il retro del chiosco Gli interni con molti dettagli Altre foto e info sul mio FLICKR Buona serata e alla prossima MOC!
  6. Grazie ai social, penso che oramai la stragrande maggioranza di voi è già a conoscenza che, anche per il secondo anno, un altro italiano è stato selezionato dal team della LEGO House per esporre alcune sue creazioni nella "Masterpiece Gallery". Andrea @Norton74 Lattanzio, prende il posto di Cristiano @vedosololeg0 Grassi e ItLUG è onorata di essere nuovamente "presente" nella LEGO House con uno dei suoi soci! Andrea è stato "suggerito" da ItLUG lo scorso gennaio (insieme ad altri 2 nomi, sempre soci ItLUG) e la sua 'selezione' si è potuta conoscere già lo scorso aprile, benché non è stato possibile "ufficializzarla" fino ad oggi. Giusto per dovere di cronaca, anche il povero Luca @Lukaseddy Di Lazzaro fu suggerito a tempo debito (da @Damiano, per AFDL). Benché sia particolarmente presto, non si può non pensare al detto "non c'è due senza tre" ed immaginare che, nel periodo 2019/2020, possa esserci nuovamente un AFOL italiano ad occupare una di quelle teche. Magari non tutti ricordano, ma la proposta di esporre opere di AFOL all'interno della LEGO House nasce sempre in seno a ItLUG: fu il socio Nico @ZioTitanok Mascagni a suggerire questa possibilità quando (nel 2015) fu mandato in missione a Billund per partecipare ad un brainstorming con lo staff della LEGO House, per avere "pareri da AFOL" sui contenuti della "Home of Brick". Complimenti a @Norton74 e un applauso anche a @vedosololeg0 per il termine del suo periodo espositivo! Bravi, bravi, bravi...
  7. Ecco il mio primo modulare angolare, in stile liberty, con colori più vivaci del solito. Al piano terra un negozio di minerali (con laboratorio d'alchimia segreto - il proprietario, un alchimista occulto, è riuscito a trasformare i metalli poveri in oro grazie ad una formula ricercata da secoli) e al primo piano uno studio di architettura con luminosi lucernari di rame ossidato. Spero vi piaccia!
  8. Ciao a tutti, ho realizzato un isolato micropolis che esporró a Genova, rappresentazione di un impianto chimico, spero vi piaccia!
  9. Questa volta a diventare Skyline è Il Signore Degli Anelli con un architecture dedicato alla Terra di Mezzo  Il viaggio di Frodo dalla Contea a Mordor. Passando per Gran Burrone; Le Miniere di Moria; Gli Argonath; Il Fosso di Helm; Minas Tirith fino ai Cancelli di Mordor con il Monte Fato , il Barad-dûr e l'occhio di Sauron. Pezzi: 730 Misure: 47 x 12 x 28 studs 37.2 x 9.5 x 22.5 cm Altre immagini, informazioni ed istruzioni qui
  10. Caio, questa è la mia ultima MOC, l'iconico camper della serie televisiva Breaking Bad. Il Fleetwood Bounder , un camper utilizzato come laboratorio mobile in cui Walter White e Jesse Pinkman cucinavano metanfetamina , soprannominato "The Krystal Ship". Il modello include interni dettagliati e ha una porta laterale apribile. Spero vi piaccia, contattatemi se siete interessati alle istruzioni Altre foto nella pagina flickr con le minifig
  11. Un saluto a tutti. Dopo aver presentato il mio ultimo diorama all'evento di Lecco, posto alcune foto qui sul forum. Ringrazio tutti coloro che sono passati a visionarlo e a fare due chiacchiere sul medesimo. Come da titolo, ho voluto ricostruire un'angolo di stazione verosimile occupata dalla Wehrmacht durante la seconda guerra mondiale. Faccio una precisazione su due GROSSI errori storici presenti in foto: le locomotive! Quella "grossa" a vapore è una copia della BR23 che nel 1944 NON esisteva essendo post bellica e prodotta negli anni 50. Mentre il manovratore sullo sfondo (il D.236) era si esistente ed utilizzato ma non in questa combinazione di colori (era tutta grigia, la versione rosso\nero è post bellica). Detto questo vi lascio alle immagini per chi ancora non lo avesse visto. Per poter vedere singolarmente ogni treno, vagone, mezzo presente nel diorama vi rimando a questa PAGINA o a QUESTA dove sono catalogate tutte le mie realizzazioni. Se ci fossero domande, sentitevi liberi di lasciare un commento (non fatemele sul numero dei pezzi perchè non ne ho idea, a spanne 10000)
  12. Don't mess with Eleven! Tra pochi mesi partirà la terza stagione della serie TV Stranger Things e nell'attesa mi sono divertito a ricostruire una delle location più iconiche della seconda serie: la baracca dello Sceriffo Hopper. La baracca, usata per nascondere Eleven, ricercata dal "cattivo" Dr. Martin Brenner a capo degli Hawkins Laboratory, era di proprietà del nonno dello sceriffo. Da notare anche lo Chevrolet Blazer in una bellissima colorazione, perfetta per la palette dei colori LEGO: tan + dark tan. Ecco qualche foto: Qualche mese fa avevo realizzato una delle scene più famose delle prima serie, il "flip" del furgone sulle teste dei 4 protagonisti in bici. Un caro saluto e alla prossima MOC!
  13. Ciao a tutti! Vi pubblico qualche foto della mia prima MOC, progettata in Stud.io e realizzata qualche mese fa. Il tutto nasce dalla malsana idea di collezionare le minifig di IronMan. Dico a mio marito: "Uh che bello, però bisognerebbe fargli un display fatto bene!". Morale: lui si illumina e io mi lancio nella progettazione XD La moc è progettata per essere il più simile possibile alla versione filmica ed espandibile per contenere altre future minifigure. Che ne pensate? Qui di seguito il link Flickr a cui ho pubblicato le foto, dove vorrei continuare a pubblicare le mie moc in futuro! https://flic.kr/s/aHsmn7fWpm
  14. Vi presento in ritardo una delle mie ultime fatiche, la Stazione Centrale in stile viennese. Buona visione!
  15. LT12V

    Vagoni FS

    Buongiorno a tutti, è un po' che non pubblico nuovi treni sul forum, perchè mi riprometto sempre di farlo a fine collezzione (ormai prossima al termine ...così almeno mi piace ripetermi ) , ma questi due vagoni così semplici ma così iconici non potevo non mostrarli a tutti gli appassionati di materiali rotabili italiani. Si tratta delle carrozze UIC di prima e seconda classe delle FS nel classico color rosso "fegato" ed il vagone letto, che da piccolo mi faceva sognare con il suo colore blu notte (ricordo anche le bellissime riproduzioni della Rivarossi) Ora posso finalmente abbinare alla Caimano l'intero treno...
  16. B5017 Dreaming: The Arrival Chi mi conosce bene sa quanto detesto fare le cose all'ultimo momento e quanto è importante per me arrivare pronto e con anticipo alle scadenze. Ecco quindi un breve racconto della genesi di questa MOC. Quattro giorni prima di intraprendere il lungo viaggio della speranza verso Skærbæk, decisi che era arrivato il momento di mettere mano alla MOC che, furbescamente, avevo indicato mesi prima nel modulo di registrazione. No, non è vero visto che quello che avevo registrato era un progetto decisamente diverso! Naturalmente il cambio di progetto/contenuto non era un grande problema, ma la dimensione/ingombro sì, e visto che avevo registrato una MOC di 64x64 stud dovevo comunque stare in quella dimensione per non creare problemi agli amici di Skærbæk. Ora il punto era solo trovare qualcosa da costruire in uno spazio di 4096 stud... IDEA! Costruisco una scena in formato microscala ispirata a ViaregiaBricks così da usare pochi brick e far presto! Certo, certo... Ma quanto sarò ingenuo (leggi stupido)?! In ogni caso vado avanti con l'idea e a quel punto approfondisco un po' quello che avevo immediatamente disegnato su carta: un mare, una spiaggia, un porto, una città, una montagna, un treno in galleria... Ecco no, quello l'ho fatto sparire subito! Proseguo nel ragionamento e a quel punto decido che serve anche un background, una storia. ALTRA IDEA! Realizzo il prequel di Dreaming, la piccola vignetta che tante soddisfazioni mi aveva regalato in passato e, a dirla tutta, ancora oggi. Naturalmente come quasi tutti i prequel il risultato non è mai all'altezza dell'originale... Deciso tutto questo inizio a costruire il mare, la spiaggia, le strade e il molo (a questo punto qualcuno potrebbe notare una qualche somiglianza con Viareggio, ma non è Viareggio, è una cittadina di fantasia vagamente ispirata in alcune parti alla mia città natale) e ad incontrare le prime difficoltà dovute alla tolleranza dei mattoncini LEGO. Sì perché in soli cinquanta stud circa si è creata, incredibile ma vero, una differenza di lunghezza davvero importante (parliamo di diversi millimetri) tra brick e plate che ne rende particolarmente noioso il montaggio. In questo caso il punto critico è la divisione della parte di mare fatta di brick e l'attacco con la spiaggia fatto di plate (più avanti posterò foto del dettaglio). Comunque vado avanti e dopo un primo giorno di lavoro riesco ad abbozzare tutta la 'base'. Nel secondo giorno sistemo la parte rocciosa e quindi smonto e rimonto quasi tutto per rendere la MOC parzialmente smontabile e trasportabile. A quel punto decido anche di realizzare gli edifici piccoli su plate 4x6 e quelli grandi su plate 4x12. Passo quindi tutto il terzo giorno a realizzare i vari edifici, sistemare qualche dettaglio e a fare qualche correzione qua e là. In realtà qualche bozza di edificio l'avevo già fatta il giorno prima... Ah, oltre agli edifici 'standard' 4x6 e 4x12 decisi anche di realizzare due edifici più piccoli, uno su plate 2x6 e uno su plate 2x12 da usare in modo diverso dagli altri. Infine, proprio di fronte alla parete rocciosa, ci sono due spazi verdi costruiti su plate 8x16. Alla fine riesco a completare, smontare e imballare tutto il pomeriggio del giorno precedente la partenza. Partenza teorica visto che l'incendio attivo sui monti pisani in quei giorni portò alla chiusura dell'aeroporto di Pisa e alla cancellazione di tutti i voli. Da lì il lungo viaggio della speranza con l'acquisto di un nuovo volo last minute e un viaggio non previsto verso Roma e Bruxelles. Nonostante tutto, io, @ZioTitanok e @mirkolitico siamo riusciti ad arrivare in Danimarca e quindi a Skærbæk pronti per iniziare il setup. Un setup che sulla carta doveva durare pochi minuti, ma che invece si è trasformato in un setup di almeno un paio d'ore visto che la parete rocciosa si era quasi completamente distrutta nel viaggio. Per fortuna il buon @mirkolitico mi ha dato una gran mano nel ricostruirla aiutandomi a trovare i giusti incastri utilizzando anche alcuni pezzi rubati dalla MOC di @ZioTitanok (non volevo stud a vista e non trovavo più alcuni pezzi...), ma questa è un'altra storia! Dopo Skærbæk la MOC è stata esposta anche durante Bricks in Florence Festival e lì, in un mio raro passaggio davanti alla MOC, mi sono accorto di un ulteriore punto di collegamento con Dreaming: l'osservatore non capisce immediatamente la MOC finché non si rende conto che... Ah, dimenticavo... nella MOC ci sono alcuni 'easter egg' passati, presenti e futuri oltre ad un grossolano errore!
  17. John Deere Serie 9620 RX Da sempre sono appassionato di trattori e poiché mi occupo di CITY, non potevo non cimentarmi nella realizzazione di modellini in scala minifig. Anticipo già che non uso LDD o similari, mi piace "sporcarmi le mani" costruendo liberamente con i pezzi che possiedo della mia collezione e solo successivamente inizio con Bricklink. Studio il progetto quasi sempre osservando foto dal web ma se sono fortunato scatto anche qualche foto dal reale. Per questo progetto mi sono anche recato presso un concessionario di trattori dove ho reperito del materiale interessante ma che ho utilizzato per realizzare altri modelli. Ho impiegato un paio di settimane lavorandoci la sera dopo cena più un fine settimana. Ho realizzato anche altri modelli tra cui altri tre JohnDeere. Mi piacciono molto i colori di questa Azienda produttrice di macchine agricole.
  18. Ciao a tutti! Questo weekend sono finalmente riuscita a terminare la mia ultima fatica, la nave Thousand Sunny del manga One Piece! La particolarità in questo caso è data dal fatto che la nave è apribile e molti dettagli sono staccabili, per trasformarla in una dice tower. L'idea per questa moc è nata infatti dall'acquisto di un gioco da tavolo piratesco. L'idea di costruire una dice tower LEGO mi attirava, e dato ho iniziato a pensare a un adattamento a tema! Ho tentato di mantenere il più possibile la somiglianza con la nave (grazie all'autore che ha pubblicato un bello speciale con tutti i disegni di interni ed esterni avevo molto materiale su cui lavorare!), ma adattandola alle necessità strutturali. Se qualcuno di voi conosce One Piece potrà riconoscere alcuni dettagli, come la libreria sospesa, i mandarini di Nami e la sala di addestramento in cima all'albero maestro. Alcuni dettagli, come la polena-leone, sono fragilini, ma visto che starà per lo più in una teca tra una sessione di gioco e l'altra mi accontento. Le vele sono l'unica parte non LEGO, tagliate, cucite e dipinte dalla sottoscritta (che ora ha le mani piene di tagli e buchi dovuti alla poca dimistichezza con ago e filo XD). Lascio il link a Flickr (https://flic.kr/s/aHsmuE8QBp), dove ho pubblicato qualche foto in più anche senza vele. Spero vi piaccia!
  19. Visto l'esito "bulgaro" del sondaggio, le richieste ricevute scritte e di persona ai membri dello staff, nonchè i messaggi in questo post; abbiamo deciso di raccogliere la sfida ed organizzare "ItLUG Lecco 2019". L'evento è già stato approvato dal consiglio direttivo, che ringrazio, nel verbale del 3/2: Stiamo preparando il sito e i form di iscrizione, contiamo di essere pronti nel giro di qualche giorno aprendo anche la sezione sul forum e le iscrizioni.
  20. Questa è una vecchia cabina elettrica, probabilmente ora dismessa, che è situata nella mia città Macerata. Ne esistono in realtà due, una "sand red" e una "tan. Inizialmente l'avevo realizzata in rosso (poco reale) ispirandomi a quella esistente (vedi foto allegata) vicino casa dei miei genitori, ma poi ho voluto realizzarla nella versione tan per aggiungere realismo.
  21. Ciao a tutti. Vorrei presentarvi il mio Lakeside Cottage. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Non è esattamente una nuova MOC, l'avevo già portata al compleanno di ItLUG a Bologna, ma non avevo mai avuto il tempo di fotografarla a dovere. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Ho immaginato questo cottage immerso in un bosco, affacciato su un lago dalle acque verde smeraldo ai piedi di una montagna. Un luogo ideale per una vacanza all'insegna del relax e delle attività all'aria aperta. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Composto da due piani, sia il tetto che il primo piano sono completamente rimovibili per aumentare la giocabilità. Esternamente mantiene uno stile classico e naturale per mimetizzarsi nel bosco, mentre all'interno è arredato in uno stile molto moderno. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Al piano terra ci sono: Una cucina con molti armadietti, piano cottura e bancone all'americana. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Un salotto con televisore a schermo piatto e impianto stereo, divani in pelle, tavolino di cristallo, poltrona relax, camino (che prosegue al piano superiore) ed una piccola libreria. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Al primo piano raggiungibile tramite una scaletta: Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Un'ampia camera da letto matrimoniale con letto basso, cassettiera e armadio. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Un corridoio con un comodo mobile basso. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Un ampio bagno con lavandino, servizi igienici ed un'ampia doccia per due persone. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr All'esterno: Un barbecue per delle buonissime grigliate di carne o pesce da soli o con gli amici. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Un pontile di legno dove attraccare la barca da pesca oppure passare le giornate a rilassarsi sui comodi lettini. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Una cassetta delle lettere in stile americano per ricevere la posta degli amici (ma anche le bollette!). Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Un angolo piacevole dove far riposare i vostri cavalli Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr E dopo la grigliata una bella serata rilassandovi sulla riva del lago, magari suonando un po' di musica Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Oppure passare un pomeriggio di pesca Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr E per godervi al massimo la natura, avventurarvi nel bosco con i cavalli, in compagnia di animali come il riccio e la rondine che ha appena fatto il nido proprio su un albero. Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Lakeside Cottage by Cristiano Grassi, su Flickr Credo di aver usato circa 2000 pezzi per costruirlo, ma è una stima molto approssimativa. Spero vi piaccia e mi facciate sapere cosa ne pensate e che magari troviate il tempo di andare a votarlo su LEGO Ideas. So bene che ci ho provato ormai molte volte e che le speranze sono poche. Ma io ho la testa dura. Perciò vi lascio il link https://ideas.LEGO.com/projects/a02c6ccb-4155-457e-9b41-f48bf5db61d9 Grazie a tutti e a presto. Cristiano
  22. Dopo essermi reso conto che per finire la versione minifig (uno, due e tre) mi serviranno ancora diversi anni, ho deciso di crearne una versione microscale... e, per ora, non sono riuscito a finire nemmeno quella! Per ora ci sono Lion House (no, il tetto non mi soddisfa nemmeno qui, naturalmente), System House e un pezzo di fabbrica vera e propria. Ha debuttato in Portogallo e naturalmente potrete vederla a Borgoricco e Lecco. E chissà, magari per Skaerbaek riuscirò anche a finirla (ma dubito).
  23. Salve a tutti! Dopo qualche giorno (troppi a dire la verità! ) per riprendermi dal "complicato e stancante" viaggio, riesco finalmente a buttare giù due righe su questa mia esperienza in terra romena, per il 10° anniversario dell'evento "Ethnologia Galactica", organizzato dal Brickenburg RLUG e tenutosi dal 29/05 al 03/06, all'interno del Museo Etnografico della città di Cluji, nel cuore della Transylvania. La prima cosa che mi viene da dire, così di getto, è sicuramente che la Romania non è la Romania che ti aspetti!!! Abbiamo una concezione mooolto diversa da quella che effettivamente è la realtà. Siamo abituati ad essere circondati, specialmente da noi al sud Italia, da una grande comunità di emigrati romeni, che però non rispecchiano l'abitante medio, anzi forse nessuno degli abitanti presenti nella maggior parte del paese. Ma mi spiego meglio. La Transylvania è enorme, ma è da una sola piccola area di essa, la Moldavia, che provengono i romeni presenti nelle nostre città. Una zona povera e priva di qualsiasi infrastruttura, servizi, disponibilità di lavoro e soprattutto un altissimo tasso di analfabetismo fra gli abitanti. Tutto questo spinge gli abitanti a lasciare la propria terra per raggiungere la "più ricca" Italia!! Di questo potremmo discutere a lungo, ma non mi sembra il caso... Tolta questa parentesi socio-culturale, parliamo invece del vero motivo per il quale ero lì! Ad attendermi all'aeroporto (sono arrivato alle 2:00 di mattina!!! ), oltre all'amico Tony Tocaci, addirittura l'Ambassador del LUG con moglie a seguito, che si sono dimostrati subito davvero molto amichevoli e disponibili nel tragitto fino al mio hotel, durante il quale mi hanno raccontato parte della vastissima storia della città!!! L' evento in sé è stato davvero ben organizzato: LUG presenti da 10 diversi paesi provenienti più che altro dall'est europa (con eccezione della Svizzera), un Museo e dunque una location davvero notevole, con grandi spazi a disposizione per tutti, dislocati in varie aree e su diversi livelli. Certo le modalità con le quali si svolgono gli eventi sono "leggermente" diverse rispetto all'Italia. Gli espositori ad esempio, vanno e vengono per tutta la settimana e non sono obbligati a stare li…anzi, quasi tutti, installano le loro opere e poi...spariscono!! C'è una libertà assoluta sul come decidere di vivere l'evento... Per loro è un onore tu decida di partecipare ed esporre la tua MOC, per il resto puoi sentirti libero di lasciare l'evento in qualsiasi momento o, come ha fatto qualcuno, non andarci proprio!! I membri del LUG ospitante sono persone eccezionali: persone accoglienti, disponibili, molto orgogliose del proprio paese e della propria storia, tanto da volerti continuamente raccontare e spiegare tutto in maniera approfondita; qualunque sia l'argomento in questione. Ah dimenticavo, i tavoli NON sono transennati in alcun modo!! I bambini sono di una civiltà e di un'educazione mai vista!! Si avvicinano, chiedono, ti fanno domande, ma finisce lì...non si sognano neanche di "allungare la manina", verso qualche minifigure o altro!! Pranzi, cene (…e dopocene! ) invece, si fanno tutti insieme. Sono quelli i momenti in cui si fa gruppo e si approfondicono le conoscenze. Ma direi anche la notte...essendo Cluji città universitaria, puoi passeggiare tranquillamente anche alle 03:45 (!!) ed avere la sensazione che il tempo si sia fermato e sia ad esempio mezzogiorno, per quanta gente ci sia ancora in giro. Svegliarsi la mattina e sentirsi dire che avremmo fatto colazione con la Responsabile Marketing di LEGO Romania poi...ha dell'incredibile!! Mica succede sempre…forse mai!! Anzi, si è fermata anche a pranzo!! C'è un clima molto collaborativo fra la Respons. Marketing e l'Ambassador (e direi anche con i membri del LUG stesso), ma la cosa che lascia basiti è il fatto di potersi interfacciare di persona e davanti a una tazza di caffè, con qualcuno "che conti" e che possa risolvere i problemi, darti una mano nell'organizzazione degli eventi, un sostegno economico e anche logistico…e poi non ha prezzo conoscere in anteprima i dettagli sul prossimo set esclusivo in uscita a Natale!!!! Ovviamente scherzo… non li conosco, ma sentirne parlare per telefono…mette addosso una certa eccitazione!! Ultima e fra le più eccitanti esperienze del mio viaggio è stata sicuramente la visita riservata esclusivamente agli espositori, presso il deposito di Clever Toys, il più grande distributore LEGO del paese, proprietario dei 10 LEGO Certified Store della Romania. Si, avete capito bene...il deposito!!! Cosa vuol dire?!? Che si tratta di un enorme capannone contenente TUTTI i set LEGO (in commercio), con annesso un wall con un Pick a Brick che pochi hanno visto!!! Da infarto!!! E soprattutto da chiudersi dentro e gettare le chiavi per qualche giorno...Il sogno di ogni builder!!! Ora ditemi, quale sarebbe stato un finale megagalattico a tutto ciò?! Avere anche uno sconto sugli acquisti?!?! Signori...ebbene si! In esclusiva per gli espositori, un graditissimo 20% SU TUTTO!!! Ripeto…SU TUTTO!!! Ho visto espositori piangere per la gioia, ma credetemi…non era difficile! Beh, che altro dirvi...se in futuro avrete la possibilità di andare in Romania, non dubitate e partite subito!! E' una nazione eccezionale, ricchissima di Storia, Arte, Cultura, Eventi... Sembra uno spot!…ma…VISITATE LA ROMANIA e soprattutto Cluji, la città dell'evento… Se avete voglia di dare un'occhiata alle foto scattate durante il mio viaggio, di seguito i link: dalla mia pagina Flickr: https://www.flickr.com/photos/marcellooliani/albums/72157697648294464 oppure dalla pagina Facebook del Brick Generation Days: https://www.facebook.com/brickgenerationdays Un doveroso ringraziamento va a @Laz senza il quale, non avrei fatto questa esperienza! GRAZIE MILLE!! E alla prossima…si va tutti insieme! @Laz @FEDE LEGO @Fabbbbbricks @OMY
  24. Dalle ore 00.01 del 1° aprile inizierà il nuovo anno sociale ItLUG 2019/2020 (dal 1° aprile 2019 al 31 marzo 2020) e sarà quindi possibile procedere con il rinnovo della propria iscrizione già in corso, ovvero sottoscrivere una nuova iscrizione per chi, ad oggi, non è ancora socio. ATTENZIONE: NON INVIATE PAGAMENTI PRIMA DELLE ORE 00.01 DEL 1° APRILE!!! Per effettuare il rinnovo è possibile procedere inviando semplicemente l'importo di euro 20,00 tramite PayPal ( paypal.me/itlug/20 ) oppure tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate: Beneficiario: ASSOCIAZIONE CULTURALE DI PROMOZIONE SOCIALE “ITALIAN LEGO(R) USERS GROUP” IBAN: IT73F0521603218000000005570 Avendo cura di specificare, in entrambi i casi, come causale, nome e cognome del socio e relativo numero di tessera (se non lo ricordate e non avete la tessera a portata di mano, consultata il portale 'Anagrafica soci'). I rinnovi potranno essere effettuati entro il 31° luglio 2019. Dopo tale data, i soci che non avranno ottemperato al versamento della quota, verranno disattivati dai servizi riservati esclusivamente ai soci in regola. Per i rinnovanti e i nuovi soci, sono previsti i seguenti gadget 2019/2020: - n.1 brick doppio 1x8 con logo ItLUG - n.1 Minifigure ItLUG nuova versione (sia maschile, che femminile) Chi intendesse associarsi per la priva volta all'Associazione Culturale di Promozione Sociale ItLUG - Italian LEGO Users Group, è invitato a prendere visione dello statuto e dei regolamenti e, successivamente, procedere all'invio della propria domanda per la richiesta di iscrizione, secondo le modalità specificate in questa pagina. Ci auguriamo un rinnovo da parte dei soci già iscritti: anche se non si è "soci attivi" sotto il profilo della partecipazione ad eventi/attività sociali, o nella costruzione di MOC o nella partecipazione alle discussioni sul forum, il vostro contributo (inteso meramente con "versamento della quota sociale") è di fondamentale supporto all'intera attività sociale organizzata da ItLUG. Se siete appassionati del mondo LEGO e apprezzate tutto ciò che la nostra associazione porta avanti nel segno dello statuto e, in particolar modo, nella finalità associativa di "promuovere la passione per le costruzioni LEGO..." non indugiate a restare, o diventare per chi ancora non lo fosse, Socio ItLUG. E non dimenticate che il consiglio direttivo è sempre a disposizione per qualsiasi necessità/proposta/chiarimento!
  25. E alla fine, all'improvviso, ecco che arriva anche il mio commento finale al primo ItLUG LEG GODT Award: meglio tardi che mai (spero) L'idea di realizzare un 'campionato' di contest l'ho avuto in testa per molto tempo, forse addirittura da prima della mia candidatura al CD di ItLUG e quando l'ho proposto al consiglio direttivo è stato subito accolto positivamente da tutti i membri: grazie! L'andamento dell'ILGA è stato abbastanza altalenante durante l'intero ciclo di sfide (soprattutto verso la fine), ma l'entusiasmo, in alcuni casi eccezionale, dimostrato dai soci che hanno partecipato a tutti o quasi i contest è la cosa che più mi ha colpito e quindi, con questa premessa, non posso che decretare il successo di questa iniziativa. Naturalmente non posso nascondere un goccia di delusione per la poca attenzione rivolta da tutti gli utenti del forum alle varie fasi di votazione dato che il numero di utenti attivi sul forum è decisamente più alto della media di 30 voti per sondaggio in prima votazione e di 21 in seconda (nel caso di uno o più spareggi). La mia speranza per il futuro ILGA, se ci sarà, è quella di avere un feedback maggiore da parte di tutti gli utenti sia in fase di votazione che di discussione. Ovviamente mi sarebbe piaciuta avere anche più partecipazione da parte dei soci, ma sono assolutamente conscio che già a cose normali si ha mediamente poco tempo per poter costruire, figuriamoci per costruire qualcosa entro una certa data e su un tema scelto dal sottoscritto! Detto questo, ringrazio Matteo per le belle parole qui sopra, per l'evidente entusiasmo e, sopratutto, per aver colto alla perfezione lo spirito dell'iniziativa. Ringrazio ovviamente tutti i soci che hanno partecipato a uno o più contest (sperando di non aver dimenticato nessuno): @babystuta @dabol_t @Dario3643 @dark.collector @Fanfaro @Gozer @ilcarota @Iry @kriminal @Marco Me @matteog87 @mikemelz @OMY @pivan @sdrnet @Teazza @the_vince82 @vedosololeg0 Ringrazio anche il CD per aver supportato questa mia idea e per aver votato positivamente ad ogni mia richiesta di supporto (talvolta anche economica) per i premi messi in palio in ogni contest: ILGA Contest 1: Un Edificio Modulare x ItLUG 1°: LEGO Creator Expert 10260: Downtown Diner. 2°: LEGO Creator 31065: Casa di Città. 3°: una busta piccola di sfuso. ILGA Contest 2: Building Bigger Thinking 1°: LEGO Building Bigger Thinking 10405: Missione su Marte. 2°: LEGO Building Bigger Thinking 10403: Un Mondo di Divertimento. 3°: LEGO Building Bigger Thinking 10401: Un Arcobaleno di Divertimento. ILGA Contest 3: Un BrickHeadz x ItLUG II 1°: LEGO BrickHeadz 41597: Selfie BrickHeadz + LEGO BrickHeadz 41598: The Flash™ + LEGO BrickHeadz 41599: Wonder Woman™. 2°: LEGO BrickHeadz 41597: Selfie BrickHeadz. 3°: LEGO BrickHeadz 41600: Aquaman™. ILGA Contest 4: Una Skyline x ItLUG 1°: LEGO Architecture 21039: Shanghai. 2°: LEGO Architecture 21032: Sydney. 3°: una busta piccola di sfuso. ILGA Contest 5: Un Diorama x ItLUG 1°: LEGO Ideas 21310: Vecchio negozio dei pescatori. 2°: sei buste piccole di sfuso. 3°: tre buste piccole di sfuso. ILGA Contest 6: Una Vacanza Estiva x ItLUG 1°: tre buste piccole di sfuso. 2°: due buste piccole di sfuso 3°: una busta piccola di sfuso. ILGA Contest 7: Un Mio Hobby x ItLUG 1°: tre buste piccole di sfuso. 2°: due buste piccole di sfuso 3°: una busta piccola di sfuso. ILGA Contest 8: Una Scultura x ItLUG 1°: LEGO Classic 10717: Mattoncini, mattoncini, mattoncini 2°: LEGO Classic 10712: Mattoncini e ingranaggi 3°: LEGO Classic 1070X: Scatola della Creatività [colore] (a scelta tra 10706, 10707, 10708 o 10709) ILGA Contest 9: Un Parchetto x ItLUG 1°: LEGO City 60202: People Pack - Avventure all'aria aperta + LEGO Classic 10700: Base verde + LEGO Xtra 40310: Accessori botanici + LEGO Xtra 40311: Semafori + LEGO Xtra 40312: Lampioni + LEGO Xtra 40313: Biciclette. 2°: LEGO Classic 10700: Base verde + LEGO Xtra 40310: Accessori botanici + LEGO Xtra 40311: Semafori + LEGO Xtra 40312: Lampioni + LEGO Xtra 40313: Biciclette 3°: LEGO Xtra a scelta tra LEGO Xtra 40310: Accessori botanici, LEGO Xtra40311: Semafori, LEGO Xtra 40312: Lampioni o LEGO Xtra 40313: Biciclette. ILGA Contest 10: Una Vignetta x i Soci ItLUG 1°: LEGO Brickheadz 40274: Sig. e Sig.ra Babbo Natale. 2°: LEGO 40256: Schiaccianoci LEGO®. 3°: LEGO Minifigures 5005156: Omino pan di zenzero. Premio finale ItLUG LEG GODT Award 2018 4002017: The Nutcracker (Esclusiva dipendenti LEGO natale 2017) Oltre ai premi qui elencati sono anche stati realizzati i tile 2x4 di partecipazione per tutti i partecipanti dei primi quattro contest. Per i successivi sei contest i tile saranno stampati a breve (ho appena ordinato i pezzi ) e spediti o consegnati appena possibile! Questo però non è solo un tardivo post di conclusione e ringraziamenti al primo ItLUG LEG GODT Award, ma anche un post per annunciare la nuova edizione dell'ItLUG LEG GODT Award in partenza... oggi! Buon divertimento e... giocate bene!
  26. Dall'inizio del mese di marzo sono oltre 250 gli utenti univoci *registrati* che hanno eseguito almeno un accesso al forum. Di questi, ben 75 nelle ultime 14 ore. Nonostante i social (con la loro semplicità ed immediatezza), questi numeri sono comunque molto buoni. Tra questi, quelli che effettivamente partecipano attivamente alle discussioni sono percentualmente pochi (ma così è anche sui gruppi Facebook, e persino con una percentuale di partecipazione inferiore, visti il numero di iscritti di qualche gruppo e i nomi di chi effettivamente scrive periodicamente). Tutto sommato, il forum di ItLUG continua ad essere frequentato, nonostante i "Social".
  27. Supercortemaggiore: la potente benzina italiana. Negli '50 e '60 l'AGIP era il distributore di benzina più diffuso del nostro paese. Nella mia mente ho impresse le immagini delle bellissime stazioni di servizio Agip in stile modernista che vedevo sulle nostre strade da bambino. La benzina ai tempi dell'ENI di Mattei si chiamava Supecortemaggiore e sulla strade s'incontravano gli infaticabili FIAT e OM, come quello giallo che ho ricostruito per questo diorama. Il mio ultimo lavoro è un omaggio a quell'Italia che via via sta scomparendo e a cui sono molto legato. Ecco qualche foto. Qui l'album completo su flickr. Grazie per l'attenzione e alla prossima MOC!
  28. ItLUG Lecco 2019 - 3/4 Agosto:
  29. Ciao a tutti! Mi chiamo Nicola e questa è la mia prima MOC, una nave pirata che ho chiamato Black Star. L'ho realizzata nel corso del 2017, non so di preciso quanti pezzi siano perchè l'ho costruita un pò alla volta e non ho usato LDD, comunque credo oltre i 2200. Ero partito con l'idea di ricostruire l'Imperial Flagship in versione pirata e nera, ma guardandola e riguardandola nonostante sia un gran bel set, ci sono alcune cose che mi fanno storcere il naso, tipo la mancanza di una vera scala che porta al ponte di comando. Così ho deciso di provare a farne una mia. E' lunga circa 80 cm, ci sono 16 cannoni e gli interni arredati. Le vele sono custom, semplice stoffa nera presa al mercato. Dopo la nave ho costruito un'isola con villaggio e fortino da portare in esposizione. Non so se sia possibile aggiungere link alla galleria completa di foto e video della nave, fatemi sapere
  30. Bergamo.. Città dei mille.. Come i mille Garibaldini che partirono dalla "lontana" Sicilia, capeggiati da Garibaldi per l'unità d'Italia... In questi storici edifici rappresentati ci sono tra gli altri.. Palazzo della provincia, prefettura, banca d'Italia e altre banche, chiese, teatro Donizetti, negozi . Ed in infine il tram che scorrazzava su e giù, ormai decadi orsono.. Essendo giallo e rosso il colore di Bergamo, ne ho voluto dare il giusto risalto.
  31. Siamo oramai ad un mese dalla seconda edizione di Bricks in Florence Festival e i preparativi diventano sempre più frenetici. Chi segue la pagina Facebook di ToscanaBricks e di ItLUG, conosce già le notizie su alcuni degli ospiti-AFOL internazionali che saranno presenti a #BiFF2018, insieme a decine di AFOL italiani, alcuni dei quali alla loro prima presenza all'evento fiorentino. È quindi arrivato il momento di presentare alcuni di questi ospiti anche sul forum di ItLUG. Per questioni di gentilezza, e ospitalità, partiamo dal gentil sesso, presentando Melanie "Mel" Finelli. Canadese di origini, ma attualmente residente in Scozia per lavoro, Melan-E (il suo nick su Flickr) è da anni nota nella community AFOL internazionale. Non più di una decina di giorni fa, Mel era a Billund per posizionare alcune delle sue opere nelle teche della Masterpieces Gallery: Mel, infatti, è una dei 20 costruttori selezionati dal team della LEGO House (su suggerimento dei rispettivi LUG di appartenenza), per allestire lo spazio dedicato agli AFOL. Tra questi 20 anche Andrea @Norton74 Lattanzio (vedi qui), che ha "sostituito" Cristiano @vedosololeg0 Grassi nella rappresentanza della creatività AFOL italiana nella House of Brick. È la seconda volta che Mel partecipa ad una esposizione in Italia: la prima fu in occasione del debutto di Brick Generation Days. L'ospitalità e l'accoglienza di @MastroMarco saranno stati sicuramente dei motivi in più per decidere di partecipare ad un secondo evento italiano Ovviamente Mel non sarà l'unica "AFOL-Girl" presente a BiFF, anzi! È ben numerosa la presenza di ragazze, sia tra le espositrici (@Iry e @Sara, giusto per citare due "Girls" di ItLUG) sia tra le collaboratrici che si occuperanno delle varie attività che si svolgeranno nel weekend. Detto questo, è con particolare piacere che a BiFF avremo tra gli ospiti anche due nomi particolarmente noti alla maggior parte di noi AFOL: Huw Millington, fondatore e direttore di Brickset (credo non ci sia bisogno di dire altro...), e Tim Johnson, ovvero colui che ha ideato e gestisce il noto blog New Elementary, dedicato all'analisi approfondita ed accurata dei nuovi elementi prodotti da LEGO, studiandone tutte le possibili applicazioni. A loro due, si aggiunge un "ospite" nostrano (che non ha mai saltato un evento ItLUG di rilievo, in terra toscana, sin dal primo "ItLUG Empoli 2013 - Mattoncini a Palazzo"): Francesco @Laz Spreafico, Ambassador ItLUG, ideatore e curatore del blog Old Bricks e, senza ombra di dubbio, uno dei maggiori esperti-conoscitori-appassionati della storia LEGO. E, non di meno, l'AFOL italiano che è stato a Billund più volte di chiunque altro Ebbene, già solo la presenza di questi 3 ragazzi sottolinea l'intenzione di dare un connotato maggiormente AFOL-oriented a questa edizione di BiFF. Non solo una classica esposizione (e molto bella, viste le opere che sono state registrate dai singoli espositori), ma anche una due giorni "da AFOL" con workshop e sessioni riservate principalmente agli espositori e ad un limitato e selezionato pubblico di AFOL (la limitazione è dovuta esclusivamente a ragioni di spazio e per dare priorità agli espositori). Oltre al nutrito gruppo di espositori toscani, alcuni dei quali al debutto in quel di BiFF, abbiamo il piacere di annoverare la partecipazione di amici dal Veneto, dalla Lombardia, dal Friuli Venezia Giulia, dal Piemonte, dalla Liguria, dal Lazio e dalle Marche. Non di meno, avremo ospite anche Kevin Gaiscogne di Fairy Bricks che, in collaborazione con ToscanaBricks e ItLUG, porterà in Italia le iniziative di charity che contraddistinguono il LUG inglese, dedicate ai bambini ricoverati nei nosocomi o comunque meno fortunati di altri. Dopo mesi di lavoro e progettazione, questa edizione di BiFF è in dirittura di arrivo e l'intento di fondo del nostro staff (io, @Fabbbbbricks, @ZioTitanokcon la stretta collaborazione di @Bargello, @mattes e @Laz) è quello offrire a tutti (espositori e visitatori) una "due giorni" full-immersion all'insegna della nostra passione comune. Ci sono ulteriori ospiti internazioni ed attività varie... ma li presenterò in un secondo momento
  32. GianCann

    Luca Di Lazzaro

    Aggiungo un'ultima cosa: è stato bello vedere che tutti i LUG/gruppi e pagine Facebook di settore, abbiano aderito alla pubblicazione contemporanea di un messaggio di saluto in concomitanza dell'inizio della cerimonia funebre e che molti AFOL abbiano, di loro iniziativa, fatto loro questo saluto. Almeno per una volta, siamo stati tutti d'accordo, e di questo Luca ne sarà molto contento
  33. Purtroppo io non sono tra i fortunati che hanno una moglie/compagna che li sostiene. Mia moglie col tempo, molto tempo, si è abituata al fatto che ho questa passione e mi "concede" di fare 2 o 3 viaggi all'anno per gli eventi LEGO. Sa che per me è importante ma al tempo stesso non le frega assolutamente nulla di questo mondo e non mi sostiene per nulla anzi spesso c'è da discutere sul fatto che io spenda troppi soldi per una mia passione... tempo e soldi tolti alla famiglia. Ho cercato di spiegarle, senza grande successo purtroppo, che molta parte della mia gioia, quel carisma, carattere simpatico e al contempo artistico e quel pizzico di spensieratezza che ancora mi rimane è grazie a quello che sono e alle passioni che coltivo, o a quello che sono diventato dopo aver fatto le mie esperienze da ragazzino. Sono le nostre passioni a darci linfa vitale, ad essere diversi dalla massa di gente stereotipata, ad avere quella "vena di follia" che ci vuole nella vita per non essere piatti o uguali a tutti gli altri come se fossimo degli automi creati alla Matrix. Le mie passioni sono la fotografia e ovviamente i LEGO. Se non fosse per loro ora sarei ridotto ad una prugna secca senza più quella gioia di vivere che ti porta a superare tutti i piccoli e grandi problemi della vita. Scusate se sono stato troppo filosofico ma questo è il mio pensiero...
  34. Avevo in mente questa idea da diverso tempo... non si tratta di una vera e propria MOC, nel comune significato che diamo a questo termine, ma alla fine è comunque una "creazione personale" se la vediamo dal punto di vista dell'idea. Mi piaceva, in sostanza, l'idea di utilizzare il set Ideas 21313, "Ship in the bottle", in modo "alternativo" e spiritoso... Non sono certo l'unico ed il primo AFOL che ha usato il set come base per altre MOC ma, da quel che mi risulta, la mia "idea" è originale Volevo far qualcosa di spiritoso ed ecco quindi che ho immaginato una (improbabile) "fuga della nave" dall'interno della bottiglia di vetro. La fuga della nave... (ep. 1) Volevo già esporre questa "MOC" in occasione di Ludicomix ma, causa mancanza di spazio, il materiale è rimasto in una scatola fino allo scorso weekend, in occasione di un evento organizzato da ToscanaBricks, in quel di Prato. A termine del primo giorno di esposizione, mentre tornavo a casa, m'è venuto in mente che avrei potuto "animare" questa MOC introducendo una 'storia' in più... episodi Il giorno dopo, infatti, ecco comparire sulla scena 3 Stormtrooper che, preso atto del tentativo di fuga, tentano di porre rimedio all'accaduto. Risolviamo il problema (ep. 2) Di scenette divertenti, che vedono protagonisti questi personaggi, ne esistono a migliaia e quindi il risultato "spiritoso" era anche abbastanza scontato La semplicità e la simpatia di questa idea, ha riscosso un discreto successo, sia nel pubblico che l'ha vista dal vivo, sia su Facebook: ho pubblicato per gioco le foto su un gruppo AFOL internazionale raccogliendo in poche ore un numero di like "impressionante" rispetto alla media dei post pubblicati nel gruppo stesso. L'esempio pratico che talvolta non è necessario costruire MOC particolarmente imponenti per "stupire" il pubblico Una volta terminato l'evento, mentre riponevo via il materiale, ho pensato di continuare lo "sviluppo" di questa piccola storia... Ecco quindi che ieri, a casa, ho dedicato una decina di minuti per creare il 3° episodio di questa "saga" Sei sicuro che sia corretto in questo modo? (ep. 3) Ho già in mente altri 2 episodi, per arrivare alla conclusione di questa "storia" nata quasi per caso... ma per questi, ho bisogno di introdurre un nuovo "attore" SPOILER ...to be continued
  35. Apro questo nuovo topic per introdurvi ad un progetto che abbiamo iniziato a sviluppare unitamente a @Valter1966 e @pivan e al quale ci piacerebbe coinvolgere altri AFOL di ItLUG e non solo. Penso ad esempio a persone come @alf, @fonderiadigitale, @bricksnspace ma sono sicuro che tra noi ci sono molti altri che potrebbero essere interessati ad avere una parte attiva nel progetto, ognuno con le proprie competenze, idee ed esperienze. Scopo del progetto è quello di colmare una lacuna di LEGO in tema di 'automazione/programmazione' di un diorama/circuito ferroviario. Nonostante il neonato Powered Up abbia introdotto il protocollo Bluetooth (che elimina una parte dei problemi del precedente sistema IR), non è in grado di soddisfare le esigenze di noi AFOL che vogliamo rendere più dinamici i nostri circuiti ferroviari. Sia chiaro: il nostro progetto non è certo una novità nel panorama AFOL. Sono stati moltissimi coloro che negli anni si sono ingegnati nell'automatizzare i diorami, soprattutto grazie alla facilità di programmazione offerta dalle ben note schede Arduino, ma ancora prima con gli RCX/NXT. La caratteristica principale del nostro progetto è la comunicazione Wireless tra i singoli elementi del sistema, rendendo più semplice implementare l'automazione anche su circuiti di grandi dimensioni senza la necessità di dover passare metri e metri di cavi per collegare sensori ed attuatori alla 'Control Unit' (capire meglio più avanti cos'è...) A questa caratteristica, si aggiunge lo sviluppo di componenti elettronici specifici, a basso impatto visivo, integrabili con i normali elementi LEGO. Ovviamente, per quanto cercheremo di sviluppare una cosa molto semplice da realizzare sul piano pratico (documentando passo per passo), non potrà comunque essere paragonato alla semplicità di accendere due dispositivi e fare il pairing tra loro (come il Powered Up, per intenderci...). Del resto, o ci si accontenta di usare un telecomando per fare andare un treno avanti/indietro regolandone la velocità, oppure ci si ingegna un pochino più del necessario per avere 2, 3 o 4 treni che circolano su un tracciato articolato, effettuando fermate programmate, azionando le barriere dei passaggi a livello primo del loro transito o attivando scambi per modificare il tracciato da percorrere. Questo nuovo topic nasce come prosecuzione di un discorso già avviato tempo fa e che vi invito a leggere come "background" informativo sui concetti relativi ad un automatismo ferroviario in ambito LEGO, benchè alcuni passaggi sono superati (soprattutto nella parte harware). ITS è fondamentalmente composto da sensori, attuatori e da una Control Unit. Sensori e attuatori parleranno con la Control Unit usando il protocollo MQTT per mezzo di un Broker MQTT (un sofware che agisce da centro di smistamento messaggio). Il protocollo MQTT è un protocollo di comunicazione molto diffuso in ambito IoT (Internet of Things). (Nota: non fatevi 'impressionare' da sigle/acronimi. È molto, molto più semplice di quanto vi possa apparire in una prima lettura.) Questo vuol dire che la Control Unit può essere realizzata i modi diversi ed integrarsi a sistemi già esistenti tipo ArduTrain (nel caso l'ideatore Luca Bellan decidesse di evolvere il suo sistema di controllo ferroviario implementando l'MQTT) anziché utilizzare componenti di terze tipo SBrick, EV3, NXT. Ricordate: lo scopo del progetto ITS è quello di sviluppare un sistema flessibile e facile da implementare, che offra un po' di dinamismo ad un diorama ferroviario LEGO, permettendo di espandersi con facilità verso "nuove frontiere". Come hardware di base per la Control Unit ci baseremo sulla scheda Raspberry 3B+ per il suo basso costo, le sue dimensioni, le sue caratteristiche (ecc. ecc.) tra cui il WiFi integrato (con la possibilità di funzionare da Access Point) e il Bluetooth (per parlare direttamente con i nuovi treni LEGO Powered UP, SBrick, Smartphone). L'hardware utilizzato per far girare la Control Unit non è in realtà così importante: in alternativa potrà essere utilizzato un qualsiasi PC portatile, purché ci sia un Access Point WiFi che faccia da "infrastruttura di rete". I software che useremo per questo progetto sono tutti Open Source e sono comunque sostituibili con altri simili, dato che si basano su protocolli e standard a loro volta aperti e largamente diffusi. Insomma: niente di proprietario/chiuso. Anche laddove scriveremo il nostro firmware specifico per l'harware sul quale svilupperemo i sensori/attuatori, il codice sarà comunque messo a disposizione di tutti anche perché, con il contributo di altri AFOL-Maker, potrà essere sicuramente migliorato/evoluto. Sensori ed attuatori, come già detto, dialogheranno con il protocollo MQTT su infrastruttura WiFI. Il cuore di questi dispositivi sarà il chip ESP8266 della EspressIf, diventato oramai molto diffuso, soprattutto nell'ambito della domotica. Il primo dispositivo che abbiamo avviato alla prototipizzazione è il sensore di prossimità che avrà il compito di rilevare il passaggio del treno davanti ai Check Point comunicandone tale passaggio alla Control Unit. Sarà quest'ultima, sulla base delle impostazioni impartite per lo specifico tracciato, ad inviare i comandi verso gli altri dispositivi che agiranno sui passaggi a livello, sugli scambi e sul motore del treno. Come primo attuatore, invece, partiremo dal controller del motore PF (hardware+software) e, parallelamente da quello per l'HUB Powered Up (software). Da quanto ho potuto vedere documentandomi sulla Rete, non sarà troppo difficile integrarsi anche con i dispositivi SBrick, BuWizz e PFx Brick. Avendo sotto mano un SBrick (grazie @ZioTitanok ) proverò inizialmente ad interfacciarmi con questo primo componente di terze parti, ma solo dopo aver sviluppato un prototipo del nostro attuatore (ad un costo nettamente inferiore rispetto ai vari "intelligent brick" già disponibili sul mercato). Sensori ed attuatori, da soli, non servono sostanzialmente a nulla se in mezzo a loro non c'è un 'cervello' ovvero il centro di controllo, quello che finora ho nominato com 'Control Unit', nell'ecosistema ITS - ItLUG Train System. La parte software che rappresenterà la C.U. potrà essere realizzata con qualsiasi linguaggio/piattaforma che sia in grado di interfacciarsi con un broker MQTT (praticamente tutti). Per semplicità e flessibilità, noi useremo Node Red (basato su Node.js, ovvero JavaScript), un ambiente di sviluppo visuale che ci permetterà di creare dei 'flussi' di messaggi, disegnando (nel vero senso della parola) la logica di controllo per i nostri circuiti ferroviari e potendola adattare 'all'istante', senza troppe complicazioni e con una rappresentazione chiara. Per farvi comprendere meglio, vi farò un esempio pratico, usando come base un circuito molto semplice: Su questo circuito sono posizionati 4 check point che identificano l'approssimarsi a dei punti 'nevralgici' del circuito. 1) La stazione/punto di partenza/punto di stop 2) e 3) Passaggi a livello 4) Scambio Il sensore che identifica questi check point è posizionato a bordo del treno (immaginiamolo all'inizio del convoglio). Il treno parte sempre da un punto prestabilito (la stazione) ed inizia a passare tra i vari check point... ad ogni passaggio, invia un messaggio MQTT che non fa altro che comunicare 'Sono transitato su un check point'.... Nient'altro! A bordo del treno, ovviamente, ci sarà anche un dispositivo 'attuatore' ovvero quello che, nella pratica, agirà sul motore. Cosa ci facciamo con i messaggi trasmessi dal treno ad ogni passaggio per un check point? Ecco che vi presento l'interfaccia della Control Unit, basata su Node Red: Quello rappresentato nell'immagine è un Workflow di messaggi. Ho separato il workflow in 3 aree: le prime due in alto, sono semplicissime: inviano un messaggio al treno, rispettivamente per avviare il motore e per fermarlo. L'invio del messaggio è determinato dal click sull'interfaccia grafica (il quadratino azzurrino, sul lato sx del primo box, per essere chiaro) ma può tranquillamente essere scatenato da un trigger esterno (un pulsante sullo smartphone, il caso più semplice). Il resto, rappresenta la logica vera e propria: Il primo box ('Sensore treno A') riceve il messaggio e lo passa a 'Conta Check Point', una funziona che non fa altro che contare in modo sequenziale il passaggio dei check point, resettando il contatore ogni volta che arriva al valore 4. Il 'Conta Check Point' passa il messaggio (contenente il numero del check point sul quale il treno è in transito) al blocco 'Smista Check Point': questo non fa altro che, in funzione del valore, smistare il flusso verso ulteriori blocchi... ognuno di questi ha un propria sotto-logica che, fondamentalmente, determina l'azione da intraprendere: azionare l'attuatore del passaggio a livello, anzichè dello scambio... oppure intervenire sull'attuatore che controlla il treno, fermando la corsa e facendola riprendere dopo 10 secondi... Nei prossimi giorni, entreremo nel dettaglio dei singoli componenti... (Nota: Tutto l'ambiente software relativo al Raspberry verrà messo a disposizione come 'file immagine' da replicare sulla vostra microSD, in modo da avere tutto già pronto, senza dover conoscenere i minimi dettagli della configurazione, benché gli stessi saranno comunque messi tutti a disposizione).
  36. Vi presentiamo la SESTA edizione di ItLUG Borgoricco o conosciuto anche come BorgoBrick!! Le date sono il 13 e 14 Luglio e gli orari per il pubblico sono dalle 17.00 alle 23.00 del sabato e dalle 10.00-12.30 e 14.30-19.00 della domenica. Come sempre la manifestazione è in concomitanza alla sagra del paese che ci da la possibilità di mangiare durante l'evento. Come l'anno scorso BorgoBrick si svolgerà nel teatro comunale con l'aggiunta della tensostruttura esterna, così da ampliare la metratura per permettere di accogliere più espositori possibile arrivando a coprire un'aera totale di circa 1800 metri quadrati. L'indirizzo è Viale Europa 10 a Borgoricco (Padova). Durante l'evento ci saranno dei giochi e varie attività riservate agli espositori, così da rendere il tutto un po più movimentato. Nei prossimi giorni apriremo il topic con l'iscrizione per gli espositori, seguito dalle varie informazioni per alberghi, mangiare, parcheggi ecc. Tenetevi liberi :)
  37. Buongiorno a tutti, anche se è ancora allo stadio di progetto esecutivo, prima di essere travolto dalla febbre da Chiron, volevo presentare la mia nuova "creatura": una gru telescopica in scala circa 1:14, liberamente ispirata ad una Demag AC 700. In configurazione da lavoro al veicolo sono collegati i contrappesi, mentre tutte le funzioni di bordo sono sempre comandate da uno specifico telecomando (nel modello è rappresentata solo la parte iniziale della tracolla), che sfrutta tutti i canali dell'attuale sistema PF. Il progetto, tutto realizzato con LDD, conta complessivamente circa 41.000 pezzi, di cui circa 2.000 per il telecomando. Il corpo gru, in configurazione stradale, misura 200 brick in lunghezza, 42 in larghezza e 40 in altezza. Tutte le funzioni proprie della gru sono riprodotte meccanicamente impiegando solo ed esclusivamente i componenti del sistema PF ed in particolare: 15 motori XL; 5 motori L; 13 motori S; 4 servomotori; 18 ricevitori; 4 trasmettitori; 5 batterie, di cui 4 al litio. Le funzioni comandate sono 20, ovvero: trazione, su quattro assi; sterzo, su sette assi; sollevamento braccio; estensione braccio; rotazione tavola rotante; argano; rotazione stabilizzatori anteriori; rotazione stabilizzatori posteriori; allungamento stabilizzatori anteriori; allungamento stabilizzatori posteriori; discesa stabilizzatori anteriori; discesa stabilizzatori posteriori; commutatore stabilizzatori destra / sinistra; rotazione cabina sovrastruttura; inclinazione cabina sovrastruttura; sollevamento superlift; apertura superlift; tensionamento cavi superlift; varo contrappesi; selettore sfilo. Per poterle comandare tutte ed avere sempre abbastanza potenza per questo colosso, l'impianto elettrico è suddiviso in 4 sezioni principali, ciascuna alimentata da una batteria al litio, a cui si aggiunge una sezione ausiliaria, comandata dalla quinta batteria. Il sistema è pensato in modo che 1 trasmettitore (le due levette a fianco del secondo manipolatore) controlli sempre la sezione ausiliaria che comanda un commutatore a bordo gru in grado di attivare simultaneamente fino a un massimo di 6 funzioni alla volta (3 trasmettitori, uno per ciascuno dei tre manipolatori), consentendo, in questo modo, di controllare da remoto l'intera gru. Il numero elevato di ricevitori, invece, si spiega con la scelta di collegare i motori delle funzioni più energivore (trazione, sterzo, sollevamento braccio ed estensione braccio) a più batterie (ad esempio la trazione e lo sterzo le usano tutte e quattro), in modo da potere sfruttare al meglio tutta la potenza disponibile. Un apposito carosello presente sul telecomando (nel modello è la serie di pneumatici bianchi nella parte alta della struttura) e collegato alla stessa leva che controlla il sistema di commutazione, mostrerà, di volta in volta, quali comandi sono attivi, simulando la presenza di un display. Sulla gru, invece, sono presenti una serie di led di stato (sono i plate round visibili nella parte nera dietro la cabina di guida all'altezza del secondo asse) per confermare la sezione dell'impianto elettrico attiva. Le uniche parti non originali LEGO saranno il rotolo di carta stampata avvolto sul carosello del telecomando e tutti i cavi e le funi della gru (chi ha detto che sono un purista? ). Come i frequentatori di Latina sapranno già, questa non è la mia prima creazione di questo tipo, visto che negli ultimi anni ho portato a quella esposizione la stessa gru, in scala 1:20 e livrea completamente nera. Il cambio di scala mi ha consentito di migliorare la funzionalità complessiva e riprodurre, con la massima fedeltà possibile, le modalità di funzionamento della una gru telescopica reale: questa volta saranno i cilindri ai lati del braccio a sollevarlo, il sistema telescopico usa un singolo attuatore centrale per tutte le cinque sezioni di cui è composto e così via. Riguardo la realizzazione siamo appena agli inizi. Attualmente ho costruito solo il commutatore, le sezioni fisse degli stabilizzatori e la struttura interna del telecomando. Tralascio, ovviamente, gli innumerevoli provini che negli ultimi due anni ho realizzato per avere la ragionevole certezza che tutto funzioni a dovere (alcuni erano con me a Latina 2017). Per il resto ho quasi completato la fase di approvvigionamento dei pezzi: la wanted list iniziale era di circa 18.000 unità, che per un neofita assoluto di Bricklink erano oggettivamente troppi !!! A tal proposito colgo l'occasione per ringraziare tutti gli amici che mi hanno fornito le parti che mi erano necessarie ed in particolare Marcello di Pianeta Mattoncino che mi sta aiutando anche con gli ordini Bricklink internazionali. Conto di iniziare la costruzione a pieno regime appena finito di riordinare i pezzi che erano della vecchia gru che, inevitabilmente, ha dovuto cedere il passo alla nuova realizzazione. Lavoro ed altri impegni personali permettendo, a meno di intoppi in fase di realizzazione che vanno comunque messi in conto, spero di completare il tutto per la fine di quest'anno. Seguiranno aggiornamenti. Arrivederci a presto, Fabio
  38. Buongiorno a tutti, sono Paolo, vengo dalla provincia di Treviso e ho 30 anni! Fin da piccolo ho collezionato set Bionicle (mio obiettivo è recuperarli tutti!) per poi proseguire con tutte le serie affini (Hero Factory, Buildable Figure). Da 2/3 anni sono entrato nel mondo espositivo grazie a @PUPMAT e questo mi ha dato l'opportunità di conoscere un sacco di bella gente e gruppi LEGO come questo! Ovviamente ho iniziato e espandere la mia collezione con altre serie e mi sto cimentando in creazioni proprie (se avete visto un acquario pieno di segatura e pezzi Bionicle...quello ero io ). Ho anche gestito, assieme ad altri iscritti a questo gruppo, una mostra a San Stino di Livenza a settembre 2018 e approfitto per ringraziare ItLUG per il supporto che ci hanno dato! L'idea è di continuare questa cara (in tutti i sensi) passione sia come builder che come espositore e crescere sempre più. Detto questo vi saluto tutti e spero di vedervi nei prossimi eventi a cui parteciperò! Ciao! P.S.: Non sono pratico di forum e la navigazione da cellulare non aiuta. Mi sto ancora ambientando tra i mille topic e cose da leggere/vedere. Spero abbiate comprensione. Grazie!
  39. Il 2018 di Norton74: un grande anno con un finale da dimenticare... E' tempo di guardarsi indietro e fare il punto su quanto fatto nel 2018. La news più importante dell'anno è sicuramente che sono stato scelto dalla LEGO per esporre i miei lavori per un anno nella Masterpiece Gallery della LEGO House a Billund (DK). E' stata un'esperienza incredibile e unica. Se siete interessati potete leggere un approfondimento su The LEGO Car Blog. Probabilmente ho costruito meno MOC rispetto al '17, questo per il fatto di aver speso tempo per preparare il viaggio a Billund e per sistemare le MOCs da esporre alla LEGO House. Le ho dovute infatti restringere per farcele stare nelle teche della Masterpiece Gallery. Comunque sia ho costruito alcuni diorami "vintage", qualche veicolo e due mezzi blindati in stile retro-space: il B-59 in livrea Blacktron e il Mobile Laboratory in stile Ice Planet. Entrambi erano nella mia wishlist da anni. Ho realizzato inoltre un video di presentazione per il B-59. Qui sotto tutti i lavori realizzati: Altra novità del 2018 è stata la prima serie delle Minifigure custom di Norton74 che ho realizzato per celebrare l'esperienza della LEGO House. Le Minifigure sono andate letteralmente a ruba tanto che ne sto preparando una seconda serie per il 2019. Ho avuto il piacere e l'onore di consegnare la prima a Mr. Kjeld Kirk Kristiansen (aka KKK, nipote del fondatore della LEGO) durante la festa per il 1° compleanno della LEGO House. Qui il momento in cui ho incontrato e chiacchierato con KKK davanti alla teca con le mie MOC: Alla vigilia di Natale ho avuto una grande e inaspettata sorpresa: The Brothers Brick, che non ha bisogno di presentazioni, ha inserito il mio Hot Dog Stand nella shortlist per la Creazione dell'anno 2018. Già solo essere nella shortlist è un risultato incredibile per me. Come se non bastasse ieri la mia Bugatti Type 35 è stata inserita da The Brothers Brick tra le 10 istruzioni più popolari del 2018. Ero incredulo! Grandi soddisfazioni insomma. Ecco che arriva la nota dolente, nel vero senso della parola. Il 26 di dicembre purtroppo sono incappato in un incidente che mi ha provocato lo schiacciamento e semiamputazione dell'ultima parte del dito medio della mano sinistra: ambulanza, ospedale e operazione di ricostruzione. Dopo due giorni di ricovero ora sono tornato a casa con il ditone fasciato e con una ferro nel dito. E le vacanze in vacca. Dovrebbe essere andato tutto bene anche se il dito non sarà più quello di prima Uno dei primi pensieri che ho avuto e se sarei riuscito ancora a costruire con il LEGO: penso di si, in questi gironi ci proverò. Eh vabbé, è andata così: un grande anno ricco di soddisfazioni con un finale da dimenticare. Passo ai ringraziamenti: grazie a chi mi ha supportato, commentato, condiviso le mie MOCs e anche fatto critiche costruttive. Grazie ai fantastici builder di tutto il mondo che sono una grande fonte d'ispirazione per me. Un grande grazie anche ai BLOG e ai MAGAZINE che hanno pubblicato i miei lavori, sempre un'immensa soddisfazione. Grazie a ItLUG per il supporto. Grazie a chi ha condiviso il viaggio a Billund e Skaerbaek. Insomma grazie a tutti! Auguro a tutti un 2019 sereno e divertente!
  40. Organizzare Bricks in Florence Festival non significa 'soltanto' pensare all'esposizione, significa anche pensare a quelle persone che rendono BiFF un evento ed è quindi con questo pensiero che lo scorso settembre ho avuto l'idea di creare qualcosa che ancora non avevamo mai realizzato: un booklet, una guida ricordo per tutti i partecipanti (e visitatori)! In passato avevamo già realizzato qualcosa di stampato con i pieghevoli di benvenuto di Lucca e Empoli, ma questo booklet è molto di più. Questo booklet racconta la nostra passione e mette al centro delle sue 24 pagine le facce (o avatar) di tutti gli ottantasei espositori di BiFF raccontando in poche righe la loro storia AFOL. Non tutti però siamo AFOL e volevo che questo booklet invitasse i visitatori a scoprire qualcosa di più del mondo LEGO così è venuta subito naturale l'ipotesi di realizzare un flip-book: da un lato la guida, da un lato dei contenuti di approfondimento. A quel punto il primo (e unico) pensiero è andato ad @alteras di Brick.it Magazine che, dopo un primo contatto, si è reso immediatamente disponibile alla collaborazione. La scelta dei contenuti è stata facile dato che cercavo qualcosa di introduttivo alla storia del mondo LEGO e visto che questo 2018 è l'anno degli anniversari LEGO non potevamo che preparare qualcosa sulla storia del mattoncino, della Minifigure e del sistema MINDSTORMS che compiono rispettivamente 60, 40 e 20 anni. Sviluppare un progetto del genere, per di più in 'segreto' e durante i giorni clou dell'organizzazione di BiFF, complica non poco le cose dato che una volta che si è dato il via alle stampe non si può più tornare indietro su certe scelte: il layout, gli spazi, la numerazione, la disposizione degli espositori e tutto il resto sono ormai fissati nero su bian... ehm, bianco su rosso. Far accettare ad alcune persone i miei NO assoluti a certi cambiamenti non è stato facile, ma alla fine sono molto soddisfatto del risultato e credo sia valsa la pena prendersi magari qualche &%$#ç! Ringrazio tutti gli amici che hanno compilato quel misterioso modulo in tempi strettissimi, @ZioTitanok per avermi aiutato a dare una forma a tutti i contenuti e per aver ideato insieme a me (il giorno prima di andare in stampa e via skype) il Duomo di Firenze in microscala che trovate a pagina 15 (grazie anche a @GiancasStick che ha realizzato uno sticker da applicare sulla facciata del mini duomo: se ne volete uno scrivetemi). Grazie a Andrea, Giaa, Marco e Marco per gli articoli dello speciale di Brick.it Magazine. Grazie infine a @Laz per la rilettura e @GianCann per... no lui no che non ha tenuto segreto il progetto speciale per BiFF! Qui sotto potete sfogliare la versione (lineare) digitale. Spero vi piaccia e spero vivamente che questo booklet si sia guadagnato un posticino speciale nella casa di tutti gli amici che hanno partecipato a questa seconda edizione di BiFF e perché no di tutte quelle persone che hanno visitato l'evento e hanno avuto la possibilità di ricevere una delle 1500 copie stampate. Importante! Purtroppo mi sono accorto di un grossolano errore in una scheda solo dopo esser andato in stampa. Nello scusarmi con l'interessato riporto qui sotto la versione corretta.
  41. Una Skyline un po' particolare che segue la scia di quelle che avevo fatto per Game Of Thrones ed i Simpsons, ma si spinge molto verso l'alto... nello spazio Per ora ho optato per la sintesi delle prime due trilogie in un'unica creazione, poi vedremo in futuro. Potete vedere altre foto anche su flickr . Dopo le immagini trovate la lista di luoghi e navi rappresentati. E' stato abbastanza complesso adattare la microscala dei veicoli (visti e rivisti in mille modi in giro) al formato architecture dove anche i microset dell'advent calendar sono troppo grandi Trovo che nel complesso sia un ottimo modo di raccogliere il tutto insieme ed anche bello da esporre, pieno di dettagli da cogliere anche in questa scala. Che ne pensate? NABOO Naboo Palace Naboo Starfighter Trade Federation Tank TATOOINE Star Destroyer Devastator Tantive IV Luke's Landspeeder Sandcrawler DEATH STAR Trench Run Tie Fighters Darth Vader Tie X-Wing Millennium Falcon Y-Wing HOTH Executor Echo Base Shield Generators Snowspeeder AT-AT Imperial Probe Droid BESPIN Cloud City Slave One Cloud Car ENDOR. Ewok Village Imperial Shuttle Speeder Bikes AT-ST DEATH STAR II A-Wing B-Wing Dimensioni cm 37.5x 10 x 19 studs 47 x 12.5 x 23.5
  42. GianCann

    Luca Di Lazzaro

    Oggi sono due mesi da quando il nostro amico Luca Di Lazzaro è venuto a mancare tragicamente... Un fatto, quello della sua scomparsa, che ancora mi lascia fortemente incredulo... A Bricks in Florence Festival, ricorderemo Luca con una galleria fotografica molto speciale, che racconterà al pubblico la sua forte passione per il mondo dei mattoncini LEGO. Non sapremo mai se Luca avrebbe potuto effettivamente partecipare a BiFF: eravamo d'accordo che a inizio settembre ci saremmo sentiti per valutare la fattibilità, in base ai suoi impegni di lavoro e di famiglia. Ma, d'accordo con la sua famiglia, abbiamo pensato che Luca, in qualche modo, dovesse essere "dei nostri". Anche la sorella Francesca e il figlio Edoardo saranno presenti a BiFF, perché anche loro sanno quanto era forte questa sua passione e vogliono omaggiarla con la loro presenza all'evento fiorentino. La galleria forografica sarà composto da 14 immagini stampate su pannelli 70x60, selezionate dall'account Flickr di Luca (con l'autorizzazione esplicita della famiglia) e cercheranno, per quanto possibile, di raccontare la sua poliedricità e la sua bravura. La galleria sarà aperta da un pannello "In ricordo di Luca di Lazzaro" e si chiuderà con un pannello che parlerà, in brevi ma significative parole, della passione di un AFOL che oggi non c'è più...
  43. Totally Tubular Dude! Ciao a tutti, e con questa mia ultima foto vi auguro di trascorrere serenamente quel che resta di questa calda estate, magari in spiaggia... Un caro saluto e alla prossima MOC!
  44. E questo è il mio ultimo modulare, l'Agenzia di Viaggi, che molto probabilmente porterò a biff2018
  45. Sono partito dalla collezione di Mini ispirata al set 40109 che ho realizzato nel 2014 con l'idea di creare un concessionario: Con una ricerca sul web mi sono imbattuto in questo Mini dealer: https://www.thestar.com/entertainment/2010/04/09/mini_dealership_designed_for_maximum_effect.html Questo è il risultato finale: Spero vi possa piacere.... Qui la galleria completa: https://www.flickr.com/photos/157577229@N03/albums/72157697710872055/with/41907032024/ Al prossimo evento di Lecco sarà nel diorama comunitario.
  46. E' stata dura fare un brickheadz in scala ridotta ma alla fine ci sono riuscito, l'unica cosa di cui non sono soddisfatto è la testa troppo larga, dovrei togliere i plate e lasciare solo i tile ma per farlo dovrei rivedere tutta la struttura interna con i nuovi pezzi usciti. Sono ormai 6 mesi che l'ho finito, mi mancano solo i due tile modified tan dietro la testa ma dimentico sempre di ordinarli. Non credo servano spiegazioni sul soggetto
  47. Tempio finito, al netto di qualche piccolo dettaglio da rivedere
  48. Metto anche qui un posto con l'ultima skyline a tema cinema che ho realizzato, spero a qualcuno piaccia. The Inifinity Saga is coming to an... Endgame. Recreate the most iconic locations and vehicles seen in the movies of the marvel Universe Avengers Tower with Quinjet New York Sanctum and the Mirror Dimension Tony Stark's Mansion Triskelion with Helicarrier Asgard Titan with the M-Ship and the Q-Ship Wakanda under the energy dome The Build Total parts: 600 bricks / 231 different parts Measures: 44 x 13 x 19.6 studs 35.2 x 10.4 x 15.7 cm 13.9 x 4.1 x 6.2 inches More Images Anche di questa ho messe le , istruzioni su rebrickable
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00
×
×
  • Create New...