Jump to content

Laz

Ambassador
  • Posts

    3,875
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    312

Laz last won the day on October 7

Laz had the most liked content!

4 Followers

About Laz

  • Birthday 07/29/1975

AFOL Profile

  • Tagline
    -
  • Set Preferito
    375
  • Tema Preferito
    City, Castle, Architecture
  • Temi Collezionati
    -
  • Costruttori AFOL preferiti
    -
  • Designer LEGO preferiti
    Daniel August Krentz
  • System o Technic?
    System
  • Stud o Tile?
    Tile
  • Slope o BURP?
    Slope

Web e Social Network

Recent Profile Visitors

5,688 profile views
  1. https://ideas.LEGO.com/blogs/a4ae09b6-0d4c-4307-9da8-3ee9f3d368d6/post/e7bfb82d-38ce-4c86-8ce2-d0f910c42d02 Non sono per niente interessato nei due che sono passati (ma bisognerà vedere i modelli finali). Sono MOLTO interessato a quello che è stato possibilmente rimandato.
  2. Hanno rimandato a domani, intanto fanno il solito concorso "indovina i risultati" sul blog: https://ideas.LEGO.com/blogs/a4ae09b6-0d4c-4307-9da8-3ee9f3d368d6/post/ab8bc94d-2389-4c11-9bc7-7182a9166d84
  3. Tipicamente BrickLink è la risposta, anche se naturalmente è come dici, si rischia di dover comprare da diversi venditori. Dipende un po' da che pezzi ti servono... a volte può convenire prenderli direttamente sul sito LEGO (per pezzi in produzione e disponibili), a volte può aver senso andare a qualche evento con venditori di sfuso (anche se lì è più facile trovare pezzi usati, anche se ci sono anche quelli nuovi a volte). La risposta generale è: alla lunga prenderai i pezzi che ti servono con qualsiasi metodo esistente.
  4. Direi intrusi! Non sono LEGO di quel periodo (che si attaccavano agli stud), né quelli molto più vecchi (che avevano effettivamente basi simili "piatte", ma erano più bassi). O mi sto dimenticando un tipo, oppure non sono LEGO.
  5. Iniziativa fresca fresca... e decisamente ottima. PS: No, non si sa ancora bene cosa significherà all'atto pratico, ma sicuramente non "la fine del tema Friends" come qualcuno sta andando in giro a dire. https://www.LEGO.com/it-it/aboutus/news/2021/september/LEGO-ready-for-girls-campaign ============================ LA NUOVA RICERCA DEL GRUPPO LEGO RIVELA CHE LE RAGAZZE SONO PRONTE A SUPERARE GLI STEREOTIPI DI GENERE, MA LA SOCIETÀ CONTINUA A IMPORRE PREGIUDIZI CHE OSTACOLANO IL LORO POTENZIALE CREATIVO Una nuova ricerca del Gruppo LEGO e del Geena Davis Institute on Gender in Media rivela che, mentre le ragazze sono pronte a rompere gli stereotipi di genere, il loro potenziale creativo è a rischio a causa del pregiudizio sociale In risposta alla ricerca, il Gruppo LEGO lancia la sua campagna "Ready for Girls" per celebrare le ragazze che vogliono riscrivere la storia antiquata delle norme di genere Billund, 11 Ottobre 2021 - Una nuova ricerca commissionata dal Gruppo LEGO rivela che, se da un lato le ragazze di oggi si sentono sempre più a loro agio con diversi tipi di attività creative e di gioco, dall’altro, durante la crescita, rimangono frenate a causa degli stereotipi di genere radicati nella società. Lo studio è stato condotto dal Geena Davis Institute in occasione della Giornata Internazionale delle Ragazze istituita dall'ONU, per accompagnare il lancio della nuova campagna LEGO® "Ready for Girls", che celebra le ragazze che ricostruiscono il mondo attraverso il problem solving creativo. La ricerca, che ha intervistato quasi 7.000 genitori e bambini dai 6 ai 14 anni in Cina, Repubblica Ceca, Giappone, Polonia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti, evidenzia la necessità per la società di ripensare le proprie percezioni, azioni e parole per sostenere l'empowerment creativo di tutti i bambini. Ready for Girls I risultati della ricerca mostrano che le ragazze si sentono pronte ad affrontare il mondo ma, al contrario, la società non lo è nel sostenere la loro crescita attraverso l’apprendimento ludico. Se si parla di gioco creativo, le giovani donne non si sentono per niente limitate per questo tipo di attività: rispetto ai ragazzi, infatti, sono più restie ai pregiudizi di genere (il 74% dei ragazzi contro il 62% delle ragazze crede che alcune attività siano solo per un determinato genere) e più aperte verso i diversi tipi di gioco rispetto anche a quello che i loro genitori e la società tipicamente impongono. Per esempio, l'82% delle ragazze crede che sia giusto giocare a calcio e che i loro coetanei pratichino la danza classica, rispetto al solo 71% dei ragazzi. Tuttavia, nonostante i progressi compiuti dalle giovani donne, che eliminano i pregiudizi già in tenera età, gli atteggiamenti generali che circondano il gioco e le carriere creative rimangono disuguali e restrittivi. Infatti, secondo questa ricerca: I genitori che hanno risposto al sondaggio, indipendentemente dal fatto che abbiano un figlio, una figlia o entrambi, per la maggior parte delle professioni creative immaginano esserci un uomo a ricoprire tale ruolo. Sono quasi sei volte più propensi a pensare a scienziati e atleti uomini, piuttosto che donne (85% contro 15%) e più di otto volte ad immaginare gli ingegneri come uomini che donne (89% contro 11%). I bambini intervistati in questa ricerca condividono queste stesse impressioni, ad esclusione delle ragazze, che sono molto più propense dei loro coetanei a considerare una gamma più ampia di professioni sia per le donne che per gli uomini. Gli approfondimenti indicano inoltre, che le ragazze, in genere, sono incoraggiate verso attività più cognitive, artistiche o legate alla performance rispetto ai ragazzi, che invece sono più propensi ad essere spinti in attività fisiche e di tipo STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics). I genitori coinvolti in questo studio sono quasi cinque volte più predisposti a incoraggiare le ragazze rispetto ai ragazzi a impegnarsi in attività di danza (81% vs. 19%) e di dress-up (83% vs. 17%), e più di tre volte più propensi a fare lo stesso per la cucina (80% vs. 20%). Al contrario, sono quasi quattro volte più disposti a incoraggiare i ragazzi verso giochi di programmazione (80% vs. 20%) e sport (76% vs. 24%) e oltre il doppio quando si tratta di giocattoli di codifica (71% vs. 29%) Rebuilding the World Nella Giornata Internazionale delle Ragazze, il Gruppo LEGO vuole invitare genitori e bambini a sostenere il gioco inclusivo. Per aiutarli, l’azienda ha sviluppato una divertente guida in 10 passi che si conclude con una call to action rivolta ai genitori: l’idea è quella di condividere le foto delle creazioni LEGO dei loro figli su uno sfondo AR predefinito che riporta le parole “Get the World Ready for Me”. Inoltre, il Gruppo LEGO ha realizzato dei cortometraggi che celebrano le aspirazioni e le idee imprenditoriali di giovani donne degli Emirati Arabi Uniti, degli Stati Uniti e del Giappone: ognuna delle quali sta già ricostruendo il mondo attraverso la creatività. Fatima & Shaika (18 e 8 anni, EAU): Fatima è la più giovane inventrice degli EAU. Sua sorella Shaika ama lo spazio e vuole essere la prima donna sulla Luna. Chelsea (11, USA) è la fondatrice di Chelsea's Charity, dove distribuisce gratuitamente materiale artistico ai bambini bisognosi in modo che possano esprimere creativamente le loro emozioni e superare i momenti difficili. Mahiru (11 anni, Giappone) è un membro chiave di SEEDS+, una marching band scolastica che come mission ha portare gioia attraverso la musica e la creatività, per ricostruire la percezione in cui la sua città viene vista, dopo il periodo difficile che ha passato. "Come mamma di tre bambini, da sempre ammiro il Gruppo LEGO e sono rincuorata dal loro impegno globale espresso in questo studio, che ha lo scopo di fornirci indicazioni su come possiamo ispirare concretamente la creatività nelle ragazze attraverso il gioco e la narrazione", ha detto Geena Davis, fondatrice del Geena Davies Institute on Gender in Media. "Sappiamo anche che mostrare alle ragazze attività uniche e non stereotipate può portare a un punto di vista più ampio di possibilità e opportunità future". La campagna sarà ulteriormente amplificata attraverso partnership locali e attività in diverse aree. In Italia, ad esempio, il 18 ottobre partirà la campagna “Mums of Girls” per sostenere e celebrare la creatività delle bambine e rendere il gioco più aperto e significativo per i loro genitori. Il progetto ha l’obiettivo di sensibilizzare le mamme e i papà sull’importanza di sostenere i sogni delle donne del futuro fin dalla tenera età, qualunque essi siano. Ambassador del progetto, Kiara Fontanesi, pilota motociclistica italiana e prima donna a vincere il Campionato mondiale di motocross per quattro volte consecutive. L’esperienza della campionessa, vittorie e sfide compresi, vuole essere una testimonianza di quanto l’impatto e il supporto dei genitori è stato importante per realizzare il suo sogno. Partendo proprio da questo esempio, Kiara a sua volta, essendo mamma di una bambina, sarà pronta a sostenere ogni ambizione e progetto della propria figlia. Il ruolo dell’attività ludica LEGO Il Gruppo LEGO crede nel valore dell'apprendimento ludico e che lo sviluppo delle competenze del 21° secolo attraverso il gioco LEGO sia ugualmente rilevante per tutti i bambini. Sebbene molti genitori percepiscono il marchio LEGO come un buon esempio di inclusività, il gioco LEGO è considerato più rilevante per i ragazzi che per le ragazze: il 59% dei genitori infatti, dice di incoraggiare all’uso dei mattoncini LEGO i loro figli maschi, mentre il 48% le loro figlie. Questa differenza è diventata più pronunciata quando ai genitori è stato chiesto di completare una valutazione sugli stereotipi: il 76% ha rivelato che incoraggerebbe il proprio figlio nel gioco LEGO, contro il 24% che lo consiglierebbe a una figlia. "I benefici del gioco creativo, come la costruzione della fiducia, della creatività e delle capacità di comunicazione, sono sentiti da tutti i bambini, eppure sperimentiamo ancora stereotipi arcaici che etichettano le attività come adatte solo ad un genere specifico. Noi del Gruppo LEGO sappiamo di avere un ruolo importante per rimediare a questa situazione e questa campagna è una delle diverse iniziative che stiamo mettendo in atto per aumentare la consapevolezza sulla questione di genere e garantire che il gioco LEGO sia il più inclusivo possibile. Tutti i bambini dovrebbero essere in grado di raggiungere il loro vero potenziale creativo", dice Julia Goldin, CMO LEGO Group. La campagna 'Ready for Girls' ha lo scopo di aiutare le ragazze a ricostruire la storia e ad accogliere più coetanee possibili nel mondo delle costruzioni LEGO, assicurandosi che non perdano i benefici che ne derivano a causa delle aspettative della società. L'azienda farà in modo che ogni bambino, indipendentemente dall'identità di genere, si senta libero di poter costruire qualsiasi cosa gli piaccia, giocando in un modo che li aiuterà a sviluppare e realizzare il loro talento unico. Il nostro impegno È fondamentale garantire un gioco più inclusivo e sollevare il dibattito sulle norme di genere, non solo per le bambine ma per qualsiasi bambino. Il Gruppo LEGO sa che anche i ragazzi stanno lottando contro i pregiudizi quando si tratta di attività ludiche creative e di giocare con giocattoli che sono tradizionalmente considerati per il sesso opposto. Il 71% dei ragazzi contro il 42% delle ragazze dice di preoccuparsi di essere preso in giro se gioca con un giocattolo tipicamente associato all'altro sesso. L'azienda è impegnata a rendere il gioco LEGO più inclusivo e ad assicurare che le ambizioni creative dei bambini - sia ora che in futuro - non siano limitate dagli stereotipi di genere. Sappiamo che c'è del lavoro da fare ed è per questo che dal 2021 lavoreremo a stretto contatto con il Geena Davis Institute on Gender in Media e UNICEF per garantire che i prodotti LEGO e il marketing siano accessibili a tutti e privi di pregiudizi di genere e stereotipi dannosi. Per vedere e scaricare la campagna: www.LEGO.com/aboutus/news/2021/september/LEGO-ready-for-girls-campaign Sulla ricerca Abbiamo effettuato sondaggi online in sette paesi (Cina, Repubblica Ceca, Giappone, Polonia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti) per valutare se la creatività viene identificata con un genere per i genitori e i loro figli. Più specificamente, abbiamo testato i pregiudizi impliciti nel modo in cui i genitori definiscono la creatività in modo diverso per i loro figli e le loro figlie. I genitori di bambini di età compresa tra i 6 e i 14 anni hanno completato la prima metà del sondaggio, poi hanno dato il consenso affinché il loro figlio, figlia o figlio non conforme al genere completassero la seconda metà (nessun bambino si è identificato come non conforme al genere in nessuno dei paesi esaminati, quindi la nostra analisi si basa solo su figlie e figli). Il sondaggio è stato completato da un totale di 6.844 intervistati.
  6. I video delle sessioni che ci sono state durante l'evento sono online, ma solo per oggi! https://www.youtube.com/channel/UCjBQqKHcZmrNXprScwVOkdw I tour delle MOC a cura di Are però resteranno online normalmente.
  7. Certo, te lo dirò anch'io (aggiungendo sempre "per me"). Ma allo stesso tempo qualcuno che li compra lo conosco. Conosco tot persone con il Falcon. Conosco tot persone con il Colosseo... e sono sicuro che conoscerò tot persone con il Titanic. Ma probabilmente non saranno le stesse persone. Non è tutto per tutti, questo è il concetto che curiosamente non sembra passare a molti. Una volta un collezionista poteva comprare tutto quello che usciva, oggi no, a meno che non si chiami Bezos o Musk. E va bene così... finché non dovesse più andar bene (se non venderanno più, magari si arriverà a saturazione di... spazio!) e allora si cambierà di nuovo. Io francamente sono contento che esistano modelli così, anche se 9 su 10 (o anche 10 su 10) alla fine non li compro. Faranno felici chi se li comprerà. Per rispondere alla domanda sui dati di vendita no, naturalmente non ne ho. Mi sembra solo abbastanza logico che se continuano a farli, significa che li vendono quanto basta per guadagnarci (potrebbero anche farli in perdita per una questione di immagine, ma mi sembra un po' più improbabile).
  8. Se li fanno, li vendono, altrimenti smetterebbero di farli. Nel momento in cui non dovessero vendere più, smetteranno di farli, su questo possiamo stare certi. Per il posto... in realtà questo set secondo me è paradossalmente molto più semplice da posizionare in casa di, per esempio, un Millennium Falcon. Io per esempio avrei lo spazio sopra il mobile del televisore, ci starebbe perfettamente! Il problema, in questo caso, è esclusivamente quello economico! Nello specifico questo è il primo set costosissimo che mi tenta davvero. (Non è vero, anche Hogwarts, ma quello non avrei saputo dove metterlo, a differenza di questo.)
  9. Direi che a Huw è piaciuto! Peccato essere poveri, ma sembra davvero spettacolare. https://brickset.com/article/65066/review-10294-titanic https://brickset.com/article/65065
  10. E questo? https://brickset.com/article/65032/21226-art-project-create-together-revealed! E' la volta che prendo un mosaico...
  11. In realtà è ormai stato appurato che non si tratta di rumor di set veri, bensì di normali MOC. Per cui non vedo problemi a postarle, ma nell'apposito topic delle MOC, magari con il video originale.
  12. [Il comunicato stampa in italiano] IL GRUPPO LEGO AUMENTA GLI INVESTIMENTI STRATEGICI E REALIZZA UN’OTTIMA PERFORMANCE NELLA PRIMA METÀ DEL 2021 Crescita a due cifre per le vendite al consumo, le entrate e l'utile operativo. Portato l'apprendimento ludico a più bambini in tutto il mondo. Le vendite al consumo sono cresciute del 36%. Le entrate sono cresciute del 46% (DKK 23 miliardi). L'utile operativo è cresciuto del 104% a 8 miliardi di DKK. L'utile netto è cresciuto del 140% a 6,3 miliardi di DKK. Il free cash flow è stato di 5,8 miliardi di DKK. Cresce la quota di mercato a livello globale e nei mercati principali. Con LEGO Foundation, donazioni di 1,5 miliardi di DKK YTD per sostenere lo sviluppo dei bambini attraverso l'apprendimento ludico. Billund, 28 settembre 2021- Il Gruppo LEGO ha comunicato oggi i dati di bilancio del primo semestre 2021, attestando una crescita del 46% rispetto al 2020, pari a 23 miliardi di corone danesi. Le vendite al consumo sono cresciute del 36%, superando l'industria dei giocattoli e guidando la crescita della quota di mercato a livello globale, in tutti i principali mercati. L'utile operativo è stato di 8 miliardi di corone danesi: un aumento del 104% rispetto al primo semestre 2020, nonostante un ambizioso programma di investimenti strategici volti a sostenere la crescita a lungo termine. Niels B. Christiansen, CEO del Gruppo LEGO, ha dichiarato: "Siamo molto soddisfatti dei progressi fatti durante il primo semestre in tutto il business. La nostra performance è il risultato del grande interesse dimostrato per il nostro portfolio, che continua ad attrarre sempre più persone verso il marchio LEGO®. Rispetto al 2020, la nostra crescita annuale ha sicuramente tratto vantaggio dalla diminuzione delle restrizioni legate al COVID-19: le nostre fabbriche hanno funzionato senza interruzioni e la maggior parte dei negozi al dettaglio hanno riaperto. "Abbiamo inoltre beneficiato dei risultati derivanti dagli investimenti pluriennali fatti sull'e-commerce, nell'innovazione dei prodotti e in una rete globale di supply chain. Ora, i nostri risultati finanziari, ci permettono di dare un’accelerazione agli investimenti strategici nei settori della sostenibilità e della digitalizzazione". Christiansen ha continuato: "Vogliamo ringraziare in modo particolare il nostro fantastico team: nonostante tutte le sfide e le incertezze degli ultimi sei mesi, ha continuato a lavorare duramente e in modo straordinario per portare il divertimento a più famiglie possibili, in tutto il mondo". Crescita a due cifre in tutti i gruppi di mercato Tutti i gruppi di mercato hanno registrato una crescita a due cifre delle vendite al consumo, grazie a un'eccellente esecuzione e a un portfolio diversificato che ha attratto i costruttori di tutte le età e con interessi diversi. I temi più apprezzati sono stati LEGO® City, LEGO® Star Wars™, LEGO® Harry Potter™, LEGO® Creator Expert e LEGO® Technic. L'utile operativo è più che raddoppiato, nonostante i significativi investimenti in importanti progetti a lungo termine, come un nuovo concept per gli store, la funzionalità dell’e-commerce, una trasformazione digitale a livello aziendale e gli sforzi per rendere i prodotti e le operazioni più sostenibili. L'utile operativo inoltre, è stato anche compensato da un aumento dei costi di trasporto e delle materie prime. Christiansen ha commentato: "Osservando la seconda metà del 2021, ci aspettiamo una forte domanda per i nostri prodotti. Nel lungo termine, prevediamo che la crescita della top-line si stabilizzi a livelli più sostenibili, man mano che le persone tornino a modelli di spesa pre-pandemici. Questa tendenza, combinata con i nostri piani per accelerare i reinvestimenti nel futuro del business, dovrebbe portare a raggiungere livelli di profitto più normali nel lungo termine". "I nostri investimenti sono progettati per creare un futuro sostenibile, non solo per il giro d’affari, ma soprattutto per portare avanti la nostra missione: avere un impatto positivo sui bambini e sul mondo che erediteranno. La digitalizzazione e la sostenibilità avranno un ruolo centrale in questo processo e siamo estremamente soddisfatti dei progressi che i nostri team stanno facendo in queste aree. Continueremo anche a sviluppare le diverse modalità di esperienze di gioco e la personalità del marchio, in modo che l’attività ludica LEGO sia adatta a tutti e in modo più inclusivo possibile". Costruire un futuro sostenibile L'azienda ha fatto passi avanti anche nella sua ambizione di creare prodotti più sostenibili. A giugno infatti, è stato presentato un prototipo di mattoncino realizzato con plastica derivante da bottiglie in PET monouso riciclate: un passo importante verso la riduzione delle materie prime non rinnovabili. Il Gruppo LEGO ha anche completato con successo un test sui sacchetti di carta progettati per sostituire la plastica monouso nelle scatole e inizierà a introdurre gradualmente il nuovo imballaggio di carta dall'inizio del 2022. Questo processo, segna l’inizio di un percorso che mira a rendere tutti gli imballaggi sostenibili al 100% entro il 2025. Brand experience memorabile online e instore Gli investimenti del Gruppo LEGO sui canali di vendita fisici e digitali hanno dato i loro frutti già nel primo semestre: le vendite sull’ e-commerce, attraverso le piattaforme proprietarie e quelle dei partner, sono cresciute del 50% rispetto allo stesso periodo del 2020. L'azienda ha anche lanciato un nuovo concept per gli store fisici, che sarà introdotto in circa 60 negozi durante la seconda metà del 2021. Il format è stato svelato a giugno, in occasione dell'apertura del nuovo flagship store a New York ed è stato progettato per creare momenti immersivi, divertenti e memorabili del marchio. Il Gruppo LEGO ha continuato il suo processo di espansione a livello globale, aprendo più di 60 nuovi negozi a marchio LEGO nella prima metà del 2021, di cui 40 in Cina. Questo porta il numero totale di negozi a marchio LEGO a livello globale alla fine del primo semestre a 737, tra cui 291 in Cina. Durante la seconda metà del 2021, l'azienda ha in programma di accelerare gli investimenti per una trasformazione digitale pluriennale e a livello aziendale. La sua ambizione è quella di abilitare digitalmente il marchio LEGO, sviluppando nuove piattaforme, nuovi prodotti e modi di lavorare, dedicati a tutti coloro che interagiscono con l’azienda, dai consumatori e partner di vendita al dettaglio ai fornitori e ai dipendenti. Per sostenere questo sforzo, sono stati aperti dei talent hub digitali a Shanghai e Copenaghen, oltre alla sede centrale dell'azienda a Billund e all'hub di Londra. Un impatto positivo sulle generazioni future L'azienda ha continuato ad aiutare i bambini di tutto il mondo a crescere attraverso l’apprendimento ludico. Più di 1,2 milioni di bambini hanno beneficiato delle donazioni di prodotti e delle attività di supporto alle comunità locali di appartenenza. Fino ad oggi, il Gruppo LEGO insieme a LEGO Foundation, che possiede il 25% dell’azienda, ha impegnato più di 1,5 miliardi di DKK (235 milioni di dollari) in donazioni ad enti che sostengono bambini e famiglie, specialmente quelle bisognose. Nella cifra, rientrano 940 milioni di DKK (150 milioni di dollari) per gli aiuti COVID-19, con particolare attenzione alla salute e allo sviluppo dei bambini; 140 milioni di DKK (23 milioni di dollari) per sostenere l'istruzione durante l’infanzia; 100 milioni di DKK (15,7 milioni di dollari) alle associazioni che lavorano con le famiglie in stato di emergenza ad Haiti e in Afghanistan; infine, finanziamenti per programmi che promuovono l'apprendimento attraverso il gioco nelle comunità in cui il Gruppo LEGO opera. Christiansen ha concluso: "La forza motrice per noi del Gruppo LEGO è sapere che possiamo avere un impatto positivo sulle generazioni future. Che sia in momenti di grave bisogno o aiutando un bambino a sviluppare nuove abilità che lo accompagneranno per tutta la vita, il gioco LEGO e il marchio LEGO possono, e faranno, la differenza. Siamo orgogliosi di essere in questa posizione e continueremo ad impegnarci per fare tutto il possibile per ispirare e far crescere i costruttori di domani".
  13. Laz

    History Collection

    Al Fan Weekend ho finalmente presentato la mia nuova MOC! L'idea iniziale era quella di portarla a Paredes 2020, ma poi è successo quello che sappiamo... e la MOC, con il tempo, si è espansa diventando circa il doppio di quanto sarebbe dovuta essere inizialmente. E' comunque solo una parte della History Collection della LEGO House. In scala 1:18,75, come dettato dai "pezzi" reali della LEGO House. E "per caso" è proprio la scala delle figure del 1974 che ho quindi usato. Il logo l'avevo già presentato come mini-MOC singola, ma il realtà ha sempre fatto parte di questa...
  14. Ecco il bottino dalla gita danese (gite che speriamo riprendano con il solito ritmo, ora...)
  15. Ecco un bel video realizzato all'evento.
×
×
  • Create New...