Jump to content

Stefano_Berti

Utente ItLUG
  • Content Count

    16
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Stefano_Berti last won the day on January 15

Stefano_Berti had the most liked content!

About Stefano_Berti

  • Rank
    Aspirante Costruttore

Personal Information

  • Nome
    Stefano
  • Regione
    Emilia-Romagna
  • Provincia
    Ravenna
  • Città
    Ravenna

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. @AirMauro in realtà il prodotto è stato già presentato e lanciato sul mercato attraverso le campagne Kickstarter e Indiegogo. In queste campagne il prodotto è descritto in modo dettagliato (soprattutto la componente hardware) ed avevamo già anticipato tutte queste funzionalità che @GianCann ha riportato in modo dettagliato. Quando sei una startup e non una azienda consolidata, il lancio di un prodotto è molto diverso sia in termini di budget ma anche in termini di strategia. Per una azienda come LEGO, tenere nascosto fino all'ultimo il prodotto fino alla presentazione funziona perchè crea moltissimo hype in una platea di clienti "appassionati" enorme che non sta aspettando altro. Una startup come noi non può, ovviamente, avere un effetto di questo tipo in quanto non ha una fan base che sta aspettando il prodotto e non riusciremmo ad ottenerla neanche investendo molto in pubblicità. Una startup deve convertire dei potenziali clienti in clienti per poi creare la propria fan base. e una delle strategie più applicate è proprio quella di parlare molto e nel dettaglio del prodotto prima del lancio sul mercato. Kickstarter e Indiegogo sono strumenti che ti permettono di applicare questa strategia. Questo non vuol dire che sia la strategia giusta o quella migliore però ha dato i suoi frutti facendoci raccogliere i fondi necessari alla realizzazione del prodotto.
  2. @cipolo, nei prossimi giorni, con alcune riaperture, forniremo una data indicativa sulla consegna. Faremo un post su Kickstarter e lo pubblicheremo anche qui.
  3. @Pix, la fotocamera con autofocus sarebbe stata la soluzione migliore, purtroppo su distanze cosi vicine, la fotocamera utilizzata aveva alcuni problemi: 1) per impedire che variasse in continuazione il fuoco in assenza di brick nella box era d'obbligo l'uso di uno sfondo con una texture particolare. 2) Come indicato da Gianluca, inserendo un brick veniva inquadrata e messa a fuoco la mano, una volta tolta la mano il brick a volte non veniva messo a fuoco. 3) Ad alcuni beta-tester è capitato di avere immagini corrotte o con pixellamenti dovuti proprio al texture utilizzato nello sfondo 4) Il rumore della messa a fuoco era un po' fastidioso. Quindi abbiamo deciso di adottare una camera con fuoco fisso (anche se di costo maggiore), il modello selezionato ci ha permesso di 1) Avere un'immagine migliore e nitida in quanto l'ottica e il sensore sono di qualità superiore 2) Utilizzare un cartoncino grigio come sfondo, in questo modo gli utenti, se si rovinasse quello fornito nella confezione, possono trovarlo tranquillamente in cartoleria. Lo sfondo vecchio avrebbero dovuto ordinarlo da noi. 3) Eliminare tutti i problemi legati a corruzione o pixellamenti delle immagini 4) Eliminare il rumore della messa a fuoco Le box verranno spedite con una messa a fuoco settata in modo ottimale per il range di distanze in cui sono compresi i brick, plate e minifig da identificare. Sarà comunque possibile regolarla semplicemente allentando la vite di fissaggio.
  4. @Pix Devo dire che il CES merita veramente e nonostante non avessimo molta visibilità in quanto il nostro spazio era all'interno dello stand Italia organizzato da ICE c'è stato molto interesse in Piqabrick e soprattutto sulla tecnologia che utilizziamo per l'identificazione. Ecco alcune foto...
  5. @Pix dal sito BRT mi dice che sono in consegna entro il fine settimana ... Appena finisce la campagna partiamo con la produzione!
  6. Grazie mille a tutti per il supporto!!! soprattutto a @GianCann, mitico! e a @ZioTitanok!
  7. @SanMa il pledge da 97 è una super promo per la sola durata del BiFF 2019, quindi domani non sarà piú disponibile. Il pledge da 111 è un'offerta limitata a 25 unità, una volta esaurite non saranno piú disponibili, 125 è il prezzo standard. Il pledge da 131 è un'offerta limitata che comprende i brick per costruire la box mentre quello da 145 € è il prezzo standard.
  8. Ciao @Superteo00, come da regolamento di Kickstarter, se non si raggiunge il goal, non verrà addebitato alcun importo ai sostenitori e purtroppo il progetto non sarà realizzato. Siamo fiduciosi!!
  9. Ciao @alf abbiamo ascoltato molto gli AFOL e appassionati di LEGO e visto che a molti non piace la formula dell'abbonamento abbiamo deciso di eliminarlo. Per poter sostenere il progetto abbiamo dovuto però alzare un po' il prezzo di Piqabrick che adesso trovi su Kickstarter a 111€, ma per tutti quelli che saranno presenti al BiFF sabato e domenica faremo una super promo e il prezzo di 97 € sarà mantenuto. Abbiamo stretto accordi commerciali con alcuni player del settore e siamo in trattativa con altri per lo scambio di dati e per permettere ai sistemi di dialogare fra di loro, alcuni di questi in modo gratuito, altri a pagamento. Fra questi è presente Bricklink
  10. @ravescat ciao, il sistema può essere istruito per identificare anche pezzi il cui colore è stato modificato dall'età. Ovviamente entro certi limiti, se il bianco è diventato tan da non essere distinto ad occhio nudo probabilmente anche il sistema lo identificherà come tan. La velocità del sistema per il riconoscimento di un pezzo (elaborazione lato server) varia dai 100 ai 500 millisecondi. A questo tempo va aggiunto il tempo di trasferimento dell'immagine da/per il cloud e questo dipende dalla velocità della tua connessione. Al momento con i beta tester stiamo utilizzando la camera alla massima risoluzione 5MP con poca compressione, questo comporta il trasferimento di un'immagine abbastanza pesante, puoi chiedere a @GianCann altre info. Andremo a ridurre mano a mano la risoluzione per ottenere un buon compromesso fra dimensione immagine e accuratezza del sistema durante tutta la fase di testing. Quindi prevediamo che la release finale del prodotto trasferisca immagini meno pesanti velocizzando il processo. Un sorter automatico che prevede l'utilizzo di un nastro è già nella nostra roadmap, qundi per rispondere alla tua domanda, si il sistema è in grado di gestire un flusso continuo. A nostro avviso il problema difficile da risolvere per un sorter, non è l'identificazione o lo smistamento dei pezzi, ma riuscire a fornire al sistema di visione un flusso di pezzi ben separati, cosa difficile visto le differenze di dimensioni e forma dei pezzi. Grazie
  11. Prometto che sarà il mio ultimo post perchè non vedo l'utilità di continuare su questa strada @Shintaku continui a cambiare argomento, il punto è che hai dato informazioni non corrette dicendo che la fonte eravamo noi: "ho parlato un po’ con i gestori del pacchetto", cosa non vera.
  12. @GianCann su una cosa @Shintaku ha perfettamente ragione, l'entrata a gamba tesa, ho sbagliato e per questo chiedo scusa a tutti gli utenti del forum. Anche su un'altra cosa ha perfettamente ragione, quando ti presenti sul mercato con un prodotto, non può piacere a tutti. Vedo in vari forum e sui social persone che spiegano come funziona il sistema di visione di Piqabrick senza conoscerlo o senza averne le competenze, o persone che insistono sul fatto che utilizzando una app per smartphone si ottengano gli stessi risultati. Ci sta, anche se sono supposizioni non basate su dati o fonti attendibili. @Shintaku le info che hai riportato non sono corrette non su alcuni punti ma sul concetto di base. Volere spiegare come funziona un sistema complesso basandosi su info superficiali inviate via email, fra l’altro a tantissimi gruppi e persone in tutto il mondo e che puoi benissimo trovare anche in rete, non lo trovo corretto. Quindi leggendo quello che tu hai scritto: “ho parlato un po’ con i gestori del pacchetto”, cosa non vera, ho deciso di intervenire perché in questo caso riportavi info sbagliate a nostro nome. Per citare una di queste info: Perché? Comunque quello che a me interessa è spiegare a chi è interessato come funziona realmente Piqabrick Piqabrick si basa su molti DB fra cui: DB di immagini dei brick: questo è il core di Piqabrick e di tutti i sistemi di visione che realizziamo. Per noi questo è un asset fondamentale in quanto utilizzato anche in altri prodotti, su questo db girano i nostri algoritmi proprietari che permettono l’identificazione. DB di referenze: (quello di cui parli tu) per noi questo non è un asset, viene creato con varie fonti fra cui alcune citate in precedenza con accordi commerciali dove richiesto e serve semplicemente per l’interfacciamento con i marketplace. Non è in alcun modo implicato nell'identificazione, e in realtà potremmo anche farne a meno. Mi scuso nuovamente con tutti per l’intervento brusco nel forum e spero di non avere fatto troppo casino. Ci vediamo a Firenze!
  13. @Arrow Posso dirti che per lo sviluppo di Piqabrick siamo partiti da un prodotto molto simile dedicato all'industria: Piqapart. Piqapart è stato sviluppato per l'identificazione senza l'utilizzo di marcatura tradizionale di parti di ricambio e particolari molto piccoli come viteria e bulloneria per il mercato industriale. Proprio per l'ambito della viteria e bulloneria abbiamo rivolto molta cura nello sviluppo di un algoritmo dedicato che ci permette di identificare oggetti con superfici riflettenti (basandosi proprio sui riflessi generati dalla superficie) permettendoci di identificare l'esatto codice di una vite rispetto a un'altra con la sola differenza del trattamento superficiale. Per questo motivo sono molto fiducioso sul corretto funzionamento di Piqabrick con brick di questo tipo. Comunque vi terremo informati non appena i beta-tester forniranno le prime impressioni con pezzi di questo tipo
×
×
  • Create New...