Jump to content
IGNORED

Le MOC LEGO sono ormai modellismo?


Giuliano
 Share

Recommended Posts

12 ore fa, Teazza ha scritto:

Io la trovo spettacolare, per me non esiste il "troppo" dettagliata, penso che più dettagli si riescano a definire, meglio sarà il risultato globale. Veramente bella!

Questo è il bello, che ognuno trova un appagamento a modo suo, e devo dire "per fortuna" se no saremmo tutti uguali! 😀 
Con questo però, non voglio dire che reputo la MOC non bella, anzi.

Link to comment
Share on other sites

Buongiorno a tutti!

Siccome sono stato tirato in causa in questa discussione, e visto che su questo tema ho delle mie idee (condivisibili o meno, ma sono le _mie_ idee), volevo appunto condividerle in questa sede.
Sì, penso che negli ultimi 10-12 anni il LEGO, almeno in alcuni suoi temi, stia veramente virando verso il modellismo, e questo secondo me tradisce un po' quello che io ritengo sia lo "spirito LEGO". Le creazioni ultradettagliate, in cui si vuole trovare a tutti i costi una "scala di riduzione" coerente, o in cui certi pezzi sono tenuti insieme in modalità molto precaria, io le chiamo "LEGO barocco" che a mio parere, come l'arte barocca a suo tempo, aveva essenzialmente lo scopo di stupire, di suscitare meraviglia. Il mio sospetto è che, almeno a livello inconscio, molti di coloro che realizzano MOC con questa modalità lo facciano per suscitare stupore, meraviglia, e per fare ciò hanno bisogno di un pubblico, che siano i social, gallerie online o le varie manifestazioni LEGO che spesso sono associate a manifestazioni di modellismo. Inoltre c'è anche un desidero inconscio di far vedere "quanto sono bravo" che però può essere visto (anche se magari le intenzioni del costruttore non erano quelle) come "non riuscirete mai a fare quello che faccio io".
Per carità, non c'è niente di sbagliato nel fare MOC molto realistiche, uno con i LEGO può fare quello che vuole, e modelli molto realistici sono stati fatti anche in passato, ma la differenza con oggi è che:
- i modelli realistici di una volta erano fatti per occasioni speciali (vetrine di negozi, eventi particolari, oltre che ovviamente i parchi LEGO e collaterali) e per lo più erano casi isolati, inoltre l'approvvigionamento di pezzi era più difficoltoso;
- la realizzazione, di anno in anno, di pezzi sempre più specializzati e realistici, che rendevano possibili con maggiore facilità la realizzazione di dettagli che prima non erano possibili se non usando tecniche particolari che non portavano a risultati sempre soddisfacenti;
A volte ho la sensazione che si diffonde sempre di più la convinzione che per essere un AFOL "bravo" DEVI realizzare MOC sempre più realistiche, grandi, dettagliate, se invece non ti adegui a questo trend se considerato "eh sì, belli, pero sembrano più i set di una volta..." e così via. Ovviamente non penso che sia una cosa voluta, nè sto accusando nessuno di mettere in piedi un elìte di "mastri costruttori" ^.^' però è un trend che si vede molto. Ovviamente il mio discorso è relativo al tema "city" o correlati, tipo treni, pirati, castelli, su altri temi non mi esprimo 🙂
Cosa intendo per "spirito LEGO" quando realizzo le MIE MOC? Lo riassumo in alcuni punti:
- realismo ma non troppo: sicuramente un livello di realismo maggiore dei set, ma non esasperato, diciamo come quello degli  edifici modulari "ufficiali", dettaglio più dettaglio meno;
- "scala LEGO", quindi auto larghe 4 o al massimo 6 stud; camion, furgoni, bus e treni larghi massimo 6 stud (esclusi ovviamente parafanghi ed altri dettagli sporgenti di lato, la struttura principale non deve superare i 6 stud); eventuali larghezze maggiori sono riservate a veicoli particolari come macchine da cantiere, agricole ecc.
- coerenza interna: non mescolo set city (non modulari) con i modulari. Così come non mescolo set del passato con i modulari. Gli edifici della mia città o sono set ufficiali modulari (ma ne ho solo due e li tengo solo in esposizine) o MOC. Personalmente preferisco le MOC, mi piace inventarle da me o trarre ispirazione dal web. Sicuramente non comprerei mai delle istruzioni, non ci provo alcun divertimento.
- non finiscono mai: a parte pochissimi casi, non posso dire che un edificio (o un veicolo) è definitivamente completato: una buona parte del divertimento per me è metterci mano di tanto in tanto e apportare anche piccoli cambiamenti.
- uso quel che c'è: dopo 16 anni di AFOL continuativo ho accumulato un bel po' di pezzi da varie fonti: quando faccio una modifica o qualcosa di nuovo cerco sempre di adattarlo a quello che ho. Solo in pochi casi ho progettato da zero e comprato i pezzi apposta. Quando non ne posso fare a meno compro nuovi pezzi. La differenza col passato è che mentre prima capitava più spesso di comprare set da usare come fonte di pezzi, ora vado più mirato comprando solo i pezzi che mi servono o che mi potrebbero servire (Pick-a-brick, Bricklink).
Spero che questo lungo sproloquio serva a puntualizzare il mio punto di vista 😄
Buona costruzione a tutti! 🙂

Link to comment
Share on other sites

Trovo il tuo punto di vista molto aderente alla realtà. Concordo su molti punti.

Per quanto riguarda l'aspetto barocco del nuovo corso LEGO, io non lo considero negativo, a meno che vada a toccare la giocabilità degli stessi set. Banalmente gli EXO-FORCE o la EXO-SUIT che cadono a pezzi da soli, sono l'esempio di "modellismo statico" che non vorrei mai vedere realizzato con il LEGO.

Concordo altresì, che per lo più inconsapevolmente, l'AFOL medio finisca in questa spirale da modella su instagram, che cerca la MOC sempre più stupefacente, più narcisa, il cui fine è la condivisione, la mostra, l'apprezzamento e non il puro divertimento e la stessa giocabilità della stessa. Diventa quindi una sorta di "gara" di competenza, abilità.

11 ore fa, salvobrick ha scritto:

A volte ho la sensazione che si diffonde sempre di più la convinzione che per essere un AFOL "bravo" DEVI realizzare MOC

Ecco questa deriva, c'è da tempo immemore. La passione per il LEGO va al di là delle MOC, e anzi l'ho scritto spesso, in passato, chi faceva MOC era la minoranza. Ed è sbagliato pensarlo. E' una visione estremamente limitante.

Poi ovvio, è normale che nel movimento vi sia evoluzione continua. 

Per quanto riguarda le MOC, io pur ammirando la spettacolarità di alcuni capolavori, ritengo che l'idea legosa di giocabilità, è ciò che alla fine contraddistingue una moc ben fatta.

 

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, AirMauro ha scritto:

Ecco questa deriva, c'è da tempo immemore. La passione per il LEGO va al di là delle MOC, e anzi l'ho scritto spesso, in passato, chi faceva MOC era la minoranza. Ed è sbagliato pensarlo. E' una visione estremamente limitante.

Poi ovvio, è normale che nel movimento vi sia evoluzione continua. 

Per quanto riguarda le MOC, io pur ammirando la spettacolarità di alcuni capolavori, ritengo che l'idea legosa di giocabilità, è ciò che alla fine contraddistingue una moc ben fatta.

 

Eppure il connubio AFOL=MOC persiste e vi garantisco che ad alcune esposizioni ho visto (e sentito) espositori denigrare le foto solo per il fatto che non ci fossero MOC.

Di conseguenza il mio percepito e' che, in quanto fotografo e non moccatore, sono un AFOL di serie B.

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo si.

Quello che mi aspetto da degli espositori non e' apprezzamento, ma almeno dare uno sguardo al lavoro di un altro AFOL.
Anche io ho delle preferenze ma per rispetto del lavoro di un altro appassionato come me, vado sempre a guardare OGNI opera esposta, poi ovviamente in alcune rimango piu' a lungo ed in altre di meno, ma snobbarle e denigrarle solo perche' non hanno MOC, mi fa sentire inadeguato.

Per fortuna con tanti altri invece ci sono state anche discussioni molto interessanti 🙂

Link to comment
Share on other sites

Uguale al pensiero di @The APhOL.

A me è stato personalmente detto che DOVEVO fare MOC altrimenti non "crescevo" come AFOL 😂😂

Questa "esperienza" ha avuto due effetti su di me: allontanare quella persona e portare ai pochi eventi a cui ho partecipato solo set per protesta 🙂 (anche perché siccome non ho MOC all'attivo sono ancora di serie B 😂)

Rido di gusto ogni volta che ci penso

Link to comment
Share on other sites

16 minuti fa, Canio ha scritto:

A me è stato personalmente detto che DOVEVO fare MOC altrimenti non "crescevo" come AFOL 😂😂

Ma che significa? se non fai MOC non sei un AFOL?
Bah, quanti AFOL non fanno MOC? tantissimi. Quanti AFOL sono collezionisti e basta? tantissimi.

Non c'è AFOL di Serie A o B o addirittura C.
Si è AFOL anche solo a guardare agli Eventi. L'importante è che ognuno di noi viva il proprio Hobby (in questo caso LEGO) in piena felicità e in pace con se stessi e gli altri.

Allo stesso tempo, condivido l'idea di molti che organizzano Eventi nel dar precedenza e risonanza (di posizione, visiva ecc...) alle MOC esposte anziché ai Set.

 

33 minuti fa, The APhOL ha scritto:

...ma per rispetto del lavoro di un altro appassionato come me, vado sempre a guardare OGNI opera esposta, poi ovviamente in alcune rimango piu' a lungo ed in altre di meno...

#RESPECT ✊

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, The APhOL ha scritto:

Purtroppo si.

Quello che mi aspetto da degli espositori non e' apprezzamento, ma almeno dare uno sguardo al lavoro di un altro AFOL.
Anche io ho delle preferenze ma per rispetto del lavoro di un altro appassionato come me, vado sempre a guardare OGNI opera esposta, poi ovviamente in alcune rimango piu' a lungo ed in altre di meno, ma snobbarle e denigrarle solo perche' non hanno MOC, mi fa sentire inadeguato.

Per fortuna con tanti altri invece ci sono state anche discussioni molto interessanti 🙂

Ti dirò la verità, io faccio MOC ma sono anche un fotografo e quando guardo le tue foto e di altri tuoi colleghi/amici AFOL mi dispiace non avere mai avuto il tempo mi mettermi d'impegno a realizzare qualche scatto divertente ed artistico come quelli che fai tu. La gente forse non lo sa ma c'è molto lavoro dietro ad un buon scatto, anche se apparentemente sembra semplice. Quindi dopo questo piccolo preambolo, il mio umile pensiero è di non crucciarti assolutamente se non fai moc e di non ascoltare queste dicerie gratuite, perchè tra i tanti AFOL ci sono quelli come te che creano altri generi di arte con i LEGO e io sono uno di quelli che mi soffermo ad ammirarli.

Link to comment
Share on other sites

6 ore fa, Laz ha scritto:

Seriamente????

Beh, mi sento chiamato in causa.

Io preferisco vedere MOC, non mi frega molto di una esposizione di set, per quella apro un catalogo.

Ci sono alcune eccezioni, tipo se mi costruisci una città posizionando i vari set etc per renderla "viva" allora sì, mi può piacere, oppure mi fai un bel diorama usando i set, anche quello ci può stare.

Quello che non mi piace sono i set buttati lì così come sono usciti dalla scatola e messi solo in mostra.

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, Wolfolo ha scritto:

Io preferisco vedere MOC, non mi frega molto di una esposizione di set, per quella apro un catalogo.

Questo è diverso, non denigri nessuno... ovviamente ognuno ha i suoi gusti e interessi. Per dire io se vedo Technic passo oltre, nulla di personale! Ma di certo non parlo male di chi lo espone...

Link to comment
Share on other sites

Il 1/9/2020 alle 12:50, The APhOL ha scritto:

Eppure il connubio AFOL=MOC persiste e vi garantisco che ad alcune esposizioni ho visto (e sentito) espositori denigrare le foto solo per il fatto che non ci fossero MOC.

Di conseguenza il mio percepito e' che, in quanto fotografo e non moccatore, sono un AFOL di serie B.

Evidentemente hai incontrato AFOL di serie D. Giusto ti sentissi superiore.

Link to comment
Share on other sites

Ho trovato interessante questo post, ho fatto analisi, e posso dirvi che il LEGO e' modellismo.

Secondo il significato della parola si;

Modellismo=L'attività relativa alla costruzione di riproduzioni o creazioni di strutture in scala ridotta, spec. di veicoli, navi, aeroplani, meccanismi, ecc.

Come sapete sono un purista, critico,giudico, scherzo, voi fate quello che volete ed io resto nella mia bolla; e quando vedo alcune "aggiunte tecniche" sui treni mi viene da schernire, e dico..ma perche' non fate ferromodellismo?

La risposta e' sempre..LEGO non lo fa'.

Cosa devo dire, ho visto risultati eccellenti con dietro studi durati anni da Afol per riprodurre delle meccaniche usando pezzi originali, e' anche quello lo spirito ..ma segare, tagliare, incollare e pitturare, solo se avete 5 anni..

Mi sento vecchio a dire cosi' , ma i decoder sui treni li programmavo ben prima che uscissero i varti mattoncini intelligenti.

Io ovviamente parlo riguardo ai treni perche' conosco bene l'oggetto, e posso assicurarvi che, nel caso fortunatissimo , la Ditta decidesse di fare qualcosa per i treni e passare il gradino da giocattolo a ferromodellismo, i prezzi subirebbero un impennata pazzesca..non esagero se vi dico che potremo raggiungere quote da locomotive LGB(www.lgb.com),i vagoni saremo ancora sullo standard..

A me basterebbe che facessero ufficiali le curve ad ampio raggio, e qualche scambio differente..ma ricordo sempre che parliamo di un giocattolo, e vado a fare sorting piangendo...

L'ultima cosa..se ad una mostra vedete esposti set, parlate con l'espositore, chiedete, spiegate..probabilmente e' la prima mostra, oppure e' solo un bambino, chi di noi non e' partito esponendo set? Dategli la spinta per trovare la via delle Moc..

mi ricordo quando era uscito l'emerald e non riuscivano a farlo girare , bambini e mamme disperati, mi hanno chiamato, e passavo, modificavo le bielle e tutti contenti.

 
Link to comment
Share on other sites

Premesso che non penso esistano limiti nel creare o nello scegliere le tecniche per costruire e che apprezzo ogni qualsiasi tipo di opera perché in quanto tale esprime un messaggio che il costruttore ha voluto inviare, trovo abbastanza assurdo quando qualcuno si vanta di aver coperto tutti gli stud in una sua opera o quando critica un'altra opera solo perché vi sono stud a vista.

Primo, credo che sia soggettivo il gusto nel costruire e secondo, fatemi capire, dovremmo creare opere LEGO nascondendo il simbolo che universalmente rimanda al mattoncino, lo stud?

Chiaro che se è questo lo scopo finale il tutto si avvicina molto di più al modellismo statico piuttosto che ad un'opera con i mattoncini.

Però ripeto, secondo me è tutto relativo, nel senso che io apprezzo tutti gli stili costruttivi (tranne quelli dove si modifica una forma di un mattoncino) ma ciò che non apprezzo è il voler far passare l'idea che una MOC funziona solo se si adempie a determinati standard estetici.

Edited by mirkolitico
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...