Jump to content
  1. RobyBrick

    RobyBrick

  2. Wolfolo

    Wolfolo

  3. Andrea Como

    Andrea Como

  4. Pix

    Pix

  5. Laz

    Laz

  6. AirMauro

    AirMauro

  7. MastroMarco

    MastroMarco

  8. mikemelz

    mikemelz

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

  • Similar Content

    • By Norton74
      Forse l'avete già visto in questi giorni su qualche blog o sulle mie pagine social ma per chi se lo fosse perso ecco il mio ultimo lavoro ispirato a un disegno di un dioramista giapponese: il capanno da giardino della Sig.a Magda, un’affabile signora di origini spagnole che si è ritirata a vivere in campagna con il suo gatto e passa il tempo prendendosi cura delle sue rigogliose piante.   Al centro della scena c’è il “capanno da giardino” che ha la forma del classico fienile americano (vi ricorda qualcosa?) con una calda combinazione cromatica: reddish brown per tetto e gronda abbinato al tan delle pareti e al dark tan dei portoncini. Il rialzo all’ingresso è invece medium nougat. Il grande albero che sbuca dal tetto è l’elemento che contraddistingue l’intera scena e la rende riconoscibile immediatamente.
      La pavimentazione esterna è realizzata con molti slope e slope inverted light bluish grey di diverse dimensiono tra i quali ho inserito dei tile bianchi per dare l’idea di porfido. E l’effetto è molto gradevole.
      Tutt’intorno moltissime piante, fiori e un paio di alberelli. Sempre sullo sfondo a destra è collocato lo spaventapasseri realizzato con dei bar di diverso tipo e con la testa e il cappello della Minifigure collezionabile Scarecrow, una delle mie preferite.
      Tra i dettagli più originali da segnalare l’utilizzo dell’elemento Swirling Rocks, proveniente dalla Minifigure Sandman, come reggi vaso, visibile sulla sinistra. Sul muro laterale è appeso un portafiori realizzato con il retino per i pesci e al suo fianco una pianta con il vaso realizzato con il Flowerpot della serie Scala e Belville, che ho già utilizzato nel mio Giardino d’Inverno. Nella scena ci sono anche due carriole: una rossa appoggiata al muro vicino alle zucche e una invece visibile in primo piano sulla destra. Quest’ultima è realizzata con differenti elementi LEGO. La facciata del capanno ha un oblò nella parte superiore realizzato come quelli presenti nel mio precedente Blue Cottage e una bella gronda fatta con molti tile 2X1 leggermente sollevati. Sulla destra c’è anche la bussola che vorrebbe rappresentare una sorta di meridiana.
      Infine, mimetizzata tra i colori del terreno e delle piante, c’è Magda, un’affabile signora di origini spagnole che si è ritirata a vivere in campagna con il suo gatto e passa il tempo prendendosi cura delle sue rigogliose piante.
      Probabilmente ci sono altri dettagli e curiosità che ho dimenticato di descrivere e ne lascio a voi la ricerca!






       
    • By Norton74
      Ciao a tutti!
      Oggi vi presento la mia ultima creazione: una piccola e accogliente casetta di campagna di colore blu che va ad unirsi alla mia serie di abitazioni rurali che ho costruito negli ultimi due anni (Walden, Joe’s Cottage, A-frame Cabin, Stilt Houses etc…).
      Il mio obiettivo era di riproporre un cottage dalle forme particolari ma che si differenziasse da quelli precedenti attraverso nuovi colori, nuove forme e dettagli inediti.
      E proprio il colore sicuramente rende unico questo nuovo diorama: blu per l’esterno e nero per il tetto. E i larici gialli sullo sfondo incorniciano la scena quasi fosse una cartolina. La base è principalmente in dark tan e la stradina che porta all’ingresso è invece di colore tan. La base proviene dal mio precedente General Store, in parte rivista e corretta.
      Altra caratteristica peculiare è la forma del tetto: asimettrica e molto spiovente sulla sinistra. Da notare la legnaia che presenta dei frammenti di legno fatti con gli sfridi del famigerato reddish brown, gli elementi di questo colore hanno una brutta fama tra gli AFOL in quanto sono i più fragili e spesso si rompono con un niente. Negli anni ho conservato questi piccolissimi pezzettini e finalmente ho trovato il modo giusto per utilizzarli.
      Le porte e le finestre sono circolari come nelle case degli Hobbit e per ricrearle ho utilizzato i relativamente nuovi “Tile, Round Corner” di due diverse dimensioni. Le finestre presentano al loro interno dei copri cerchi provenienti dalla Dodge Challenger della serie Speed Champion, in questo modo lo spessore della circonferenza degli oblò risulta più piccolo e la finestra nel complesso più gradevole. La porta invece ha come texture dei semplici plate 2X1 light bluish grey invertiti, e la resa è ottima.
      Sulla sinistra l'immancabile fuori-strada in pendant con la casa e questa volta sul tetto c’è una bella canoa rossa. Il veicolo si basa sempre sul mio ormai celebre Chevrolet Blazer apparso per la prima volta nella baracca dello sceriffo Hopper ispirata alla serie TV Stranger Things. Un veicolo davvero “camaleontico” e che si presta bene a diverse personalizzazioni.
      Il diorama presenta qualche “features” già apparsa in altri miei precedenti lavori come la scalinata per accedere all’ingresso, il braccio di una maxi-fig come masso sul terreno e altri ancora che potete cercare qui e là. Anche il basamento fatto con decine di martelli era già apparso nel mio precedente A-frame Cabin.
      Spero vi piaccia!




    • By Norton74
      JOE'S COTTAGE
      Ciao a tutti, qualche giorno fa ho presentato il mio ultimo lavoro, un piccolo diorama ispirato ai lavori di un modellista giapponese che costruisce casette e baracche nei boschi. @Pix l'ha già presentato qui sul forum nella sezione MOC del mese😀
      Questo è il cottage di Joe, un tipo solitario che ama vivere nel bosco circondato dagli animali. Fiero del suo piccolo carro-attrezzi è sempre pronto ad aiutare qualche amico in panne sulla strada. 
      In questa piccola creazione ho inserito qualche NPU come la fiocina come supporto per le luci o i pistoni sul palo dell'elettricità. Anche il pick-up, che è una rielaborazione di un mio precedente lavoro, presenta alcuni NPU.
      Le superfici del piccolo cottage sono realizzate come alcuni miei precedenti lavori cioè con dei tile - tan - che danno l'effetto usura del legno. Il camino a "S" è una novità e mi piace molto la sua resa nell'assieme del diorama.
      Ho lavorato sull'atmosfera grazie ai colori caldi e alla fotografia rendendo il tutto più vivo e armonioso. Non ho realizzato gli interni poiché non ero ispirato e non volevo costruire qualcosa di già visto e rivisto. In futuro forse costruirò una baracca vista dall'interno.
      Ecco qualche foto:

      Qui sotto si vede un altro dettaglio che mi piace molto, l'ascia conficcata nel ceppo. La lama, essendo di gomma, è possibile piegarla per farla entrare nel buco del tile round. Avevo usato questo trick anche nel mio precedente Walden ma probabilmente è stato notato meno rispetto a qui a causa della maggior presenza di "oggetti di scena".

      Qui sotto l'alberello con alla base un barile reddish brown per tenere insieme tutti gli "hose".
      Molti gli animali presenti nella scena: il gufo, la puzzola, alcune galline e un passerotto nel nido.

      Spero vi piaccia!
      Un caro saluto e alla prossima MOC😀
    • By Norton74
      CARROZZONI GITANI (XIX-XX secolo)
      I primi Carrozzoni Gitani (meglio chiamarli Gypsy Wagons...) sono nati probabilmente in Francia agli inizi del '800 e utilizzati prima dai circhi viaggianti e poi dalle comunità Gitane. Queste ultime ne hanno fatte le loro case viaggianti. Colorati, creativi a volte barocchi erano trainati da cavalli e viaggiavano per centinaia di chilometri in giro per l'Europa e non solo.
      Mi hanno sempre affascinato e nelle ultime settimane ne ho costruiti un paio, complice anche un libro fotografico regalatomi da mia moglie: "Les Roulottes, une invitation au voyage", fonte inesauribile d'ispirazione.
      E' stato molto divertente costruirli e scegliere le Minifigure adatte (non stupitevi di Jack Sparrow, ha un look da Gitano DOC).

      Qui sotto i carri trainati dai cavalli


      E infine il retro...


      Spero vi piacciano e spero che in questi giorni di isolamento vi facciano girare un po' il mondo almeno con la fantasia.
      LATCHO DROM!
    • By Norton74
      Walden; or, Life in the Woods
      Qualche mese fa un amico mi ha prestato un libro di cui avevo sempre sentito parlare ma non avevo mai letto: "Walden, ovvero vita nei boschi". Scritto da Henry David Thoreau è il resoconto dell'avventura dell'autore che dedicò ben due anni, due mesi e due giorni (1845-1847) della propria vita nel cercare un rapporto intimo con la natura e insieme ritrovare se stesso in una società che non rappresentava ai suoi occhi i veri valori da seguire. Il libro fu scritto quasi interamente durante il soggiorno di Thoreau in una capanna, costruita in gran parte da solo, sulle sponde del lago Walden (Walden Pond), che si trova vicino alla cittadina di Concord, nel Massachusetts. 
      Walden ha avuto un grande successo nella controcultura statunitense. In particolare la Beat Generation ha visto nell'esperienza di Thoreau e nella sua forte volontà di un ritorno alla natura in contrasto con la crescente modernizzazione delle metropoli americane, l’espressione del proprio pensiero e del proprio modo di vivere. Più in generale Walden è ritenuto uno dei primi romanzi ecologici ed ha influenzato il pensiero ecologico contemporaneo. 
      Colpito dalla storia e ispirato dalla copertina del libro ho ricostruito la baracca di Thoreau nei boschi del Massachusetts.

      Per ricreare al meglio la baracca e l'ambiente boschivo ho utilizzato diverse tecniche, alcune delle quali già viste su altri miei lavori, e ho inserito una molteplicità di dettagli, alcuni inediti. E' stata anche la prima volta che ho inserito degli alberi nella scena e l'effetto mi ha soddisfatto molto. Spero vi piaccia!
      Per altre foto di dettaglio clicca qui.
       
       
       
×
×
  • Create New...