Jump to content
sdrnet

SDRnet Winter Village 2014

Post raccomandati

Grazie a tutti!

Inutile dire quanto questa notizia mi dia una grandissima soddisfazione.

Non vi avevo detto nulla perchè volevo aspettare di vedere se la cosa si concretizzava con un servizio per non darmi troppe speranze oppure farmi brutte figure. ::)

 

La breve storia è questa:

Poco dopo la fiera di Lecco (a fine luglio) ho scritto al direttore del giornale (Mark Guest) facendogli i complimenti per il primissimo numero di Blocks che mi era piaciuto molto (avevo da poco ricevuto la rivista a casa). Reduce da una settimana di fiera con la nuova versione del mio villaggio invernale ho deciso di allegargli qualche foto per fargli vedere cosa facevo. Per lui è stato "amore a prima vista" nel senso che le immagini le sono piaciute così tanto da propormi una pubblicazione con tanto di intervista.

Ero contentissimo ma al tempo stesso ero incredulo che la cosa andasse veramente a buon fine... soprattutto per una rivista britannica. E invece poco tempo fa mi scrisse dicendomi che verso Natale sarebbe arrivato il mio articolo su un nuovo numero! La cosa paradossale sapete qual'e??? Che io non possiedo ancora il numero 2 della rivista e quindi non ho ancora visto nulla! Se qualcuno di voi avesse già la rivista in questione vi pregherei di scannerizzarmi l'articolo e mandarmelo via email, ve ne sarei molto grato. :D

Sono felice per me ma anche per l'italia e tutti gli italiani AFOL e anche per l'associazione ItLUG che ho citato sul giornale.

 

Grazie ancora a tutti! ;)

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

 

 

La cosa paradossale sapete qual'e??? Che io non possiedo ancora il numero 2 della rivista e quindi non ho ancora visto nulla! Se qualcuno di voi avesse già la rivista in questione vi pregherei di scannerizzarmi l'articolo e mandarmelo via email, ve ne sarei molto grato. :D

Sono felice per me ma anche per l'italia e tutti gli italiani AFOL e anche per l'associazione ItLUG che ho citato sul giornale.

 

Grazie ancora a tutti! ;)

 

 

Ciao Sandro, ti lascio le scansioni delle pagine il 27 novembre.....tu sai dove :)

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Ciao Sandro, ti lascio le scansioni delle pagine il 27 novembre.....tu sai dove :)

 

Vista l'occasione un'altra comunicazione di contorno...

 

Sabato 29 novembre andrò a montare il mio villaggio all'Arengario di Monza.

In occasione delle feste natalizie mi è stato dato l'onore di esporre in una location così bella visto che il tema proposto quest'anno sono i presepi e i villaggi invernali.

Sarà una mostra permanente fino al 5 gennaio 2015, quindi per tutti coloro che abitano nelle vicinanze e non hanno ancora avuto l'occasione di vederlo vi esorto ad andarci! Ovviamente non ci sarà solo il mio villaggio ma molte altre cose interessanti.

Ringrazio molto l'amico Francesco Frangioja che ha reso possibile tutto questo.

 

Ciao a tutti!

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per postare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai un account? Accedi .

Accedi ora

  • Visualizzato ora da   0 utenti

    Nessun utente registrato su questa pagina.

  • Contenuto simile

    • di Norton74
      Walden; or, Life in the Woods
      Qualche mese fa un amico mi ha prestato un libro di cui avevo sempre sentito parlare ma non avevo mai letto: "Walden, ovvero vita nei boschi". Scritto da Henry David Thoreau è il resoconto dell'avventura dell'autore che dedicò ben due anni, due mesi e due giorni (1845-1847) della propria vita nel cercare un rapporto intimo con la natura e insieme ritrovare se stesso in una società che non rappresentava ai suoi occhi i veri valori da seguire. Il libro fu scritto quasi interamente durante il soggiorno di Thoreau in una capanna, costruita in gran parte da solo, sulle sponde del lago Walden (Walden Pond), che si trova vicino alla cittadina di Concord, nel Massachusetts. 
      Walden ha avuto un grande successo nella controcultura statunitense. In particolare la Beat Generation ha visto nell'esperienza di Thoreau e nella sua forte volontà di un ritorno alla natura in contrasto con la crescente modernizzazione delle metropoli americane, l’espressione del proprio pensiero e del proprio modo di vivere. Più in generale Walden è ritenuto uno dei primi romanzi ecologici ed ha influenzato il pensiero ecologico contemporaneo. 
      Colpito dalla storia e ispirato dalla copertina del libro ho ricostruito la baracca di Thoreau nei boschi del Massachusetts.

      Per ricreare al meglio la baracca e l'ambiente boschivo ho utilizzato diverse tecniche, alcune delle quali già viste su altri miei lavori, e ho inserito una molteplicità di dettagli, alcuni inediti. E' stata anche la prima volta che ho inserito degli alberi nella scena e l'effetto mi ha soddisfatto molto. Spero vi piaccia!
      Per altre foto di dettaglio clicca qui.
       
       
       
    • di Norton74
      Viva Mexico!
      Una delle tradizioni più vivide e caratteristiche del Messico è sicuramente la cultura Mariachi (dopo la Tequila naturalmente 😄).  Quando mi è capitata tra le mani la Minifig Mariachi ho immaginato subito una MOC a tema ed oggi vi presento la casa messicana e la banda Mariachi. La scena è tipicamente MEX con i musicisti che si avvicinano alla casa di adobe (imbiancata) pronti a suonare la serenata alla bella e giovane ragazza sul terrazzo. Sulla scala a destra il padre con gli occhi ben aperti.
      La casa ha una struttura a terrazze multilivello con un paio di pergolati ricoperti da fiori e un grande patio. Quest'ultimo realizzato con i "Brick, Modified 1 x 2 with Masonry Profile" di colore  Medium Dark Flesh. Sopra le porte e le finestre ho inserito i tile con la texture effetto legno e sulla porta di destra invece un tile decorato che arriva dalla serie Friends. Le travi che fuoriescono dai muri verso l'esterno, tipico dell'architettura south-western e messicana, sono realizzate da semplici brick round con tile round effetto legno. Soluzione semplice ma d'effetto. Cactus e piante di ogni tipo decorano l'intero diorama. Da notare l'utilizzo "alternativo" della Cactus girl sulla destra e invece sulla sinistra vicino al pozzo la coda di un coccodrillo che simula un cactus e le sue spine. 
      Ecco qualche foto:




      Altre foto ➡️ Norton74.com
      Buona serata e alla prossima MOC!
    • di Dogghi
      Il mio primo MOC degno di nota (dopo qualche progetto di riscaldamento per i contest LEGO ideas) riguarda la mia città: ho deciso di rappresentare il Duomo in una scala tale da essere "giocabile".
      Ho iniziato il mio progetto senza darmi delle dimensioni precise, motivo per cui poi ho largamente sforato il limite che pone LEGO Ideas arrivando a 6000 pezzi; nonostante questo e nonostante le vaghe regole sui contenuti a tema religioso il mio MOC è ora anche tra le IDEAS votabili (pensavo non me lo avrebbero accettato a prescindere).

      Vi posto di seguito le foto, qualsiasi tipo di commento e critica sono bene accetti!


       
       
       
      https://ideas.LEGO.com/projects/6c49a604-21dc-40f8-8542-b34ff73141b5
       
       
      Grazie, Davide 😉
    • di sdrnet
      Ciao a tutti!
      Dopo un periodo di alcuni mesi di stop costruttivi, a inizio gennaio ritrovo finalmente lo spirito giusto per ripartire con un nuovo progetto.
      Fra le tante idee scritte nella mia "To do list" questa volta ha prevalso il progetto di una cittadina della Baviera.
      La Baviera è una nota zona geografica della Germania che ho visitato solo di passaggio durante un mio viaggio fotografico nella Foresta Nera diversi anni fa.
      Lo stile architettonico delle case tipiche con il graticcio e gli incantevoli paesi bavaresi mi hanno affascinato e sono sicuro che in futuro troverò il tempo per fare un tour
      più approfondito di questa zona.
      Mi sono quindi messo al lavoro con LDD e nel giro di un mese avevo una bozza più o meno dettagliata per cominciare a lavorare su di essa.
      La base di ispirazione è la famosa città di Rothenburg; come sempre ho voluto prendere spunto ma re-inventando poi a modo mio.
      Questa moc mi ha richiesto un lavoro di precisione soprattutto per la parte della base stradale. Ho voluto realizzare una strada pedonale con curve, inclinazioni e pendenze.
      Questo per rendere il tutto più realistico e meno conforme alle classiche cittadine perfettamente ortogonali.
      Tutto questo è stato difficile nel renderlo preciso, senza buchi a vista e al tempo stesso robusto. Per chi è interessato posso allegare in futuro delle foto di dettaglio delle tecniche usate.
      Ho realizzato 6 edifici in tutto: due abitazioni, una panetteria, un negozio di giocattoli, un bar/birreria con la piazzetta, la torre dell'orologio.
      Per la panetteria e il bar/birreria ho deciso anche di realizzare gli arredamenti che si possono vedere bene in quanto ho lasciato i soliti muri sezionati per osservare l'interno delle case.
      Parlando di numeri, la cittadina mi ha richiesto 6 mesi di lavoro, poggia su 6 basi da 32 ed è composto da 13.700 pezzi circa (di cui ben 990 tile 1x2 LBG!).
      Sono inoltre presenti 35 minifig e, come di consueto in ogni mia moc, alcuni pezzi parecchio rari. Verrà presentata per la prima volta tra due giorni a Lecco 2019.
      Ho cercato di curare ogni dettaglio, spero vivamente che vi piaccia!
      Saluti a tutti e vi esorto a visionare la solita galleria di Flickr con ben 29 foto di dettaglio:
      https://www.flickr.com/photos/sdrnet/albums/72157710027418926
      Volevo ringraziare 4 amici che in un modo o nell'altro hanno contribuito alla realizzazione di questa moc:
      1) Giuliano Beduglio: mi ha venduto metà dei tile LBG che avevo bisogno più alcuni pezzi rari.
      2) Daniele D'Aprile: mi ha ispirato con il suo villaggio tirolese che però è immensamente più grande!
      3) Dario Minisini: mi ha ispirato nella realizzazione delle panchine rosse.
      4) Antonio Cerretti: ho ascoltato un suo consiglio riguardante il colore del bordo strada.






       
    • di Norton74
      ANDY'S, il chiosco degli hamburger!
      Ciao a tutti, oggi vi presento il mio ultimo lavoro, un classico chiosco degli hamburger in stile vintage, uno di quelli che negli anni cinquanta e sessanta era facile incontrare lungo le strade americane. Questa MOC è la terza della mia serie street food, segue infatti l'Hot Dog Stand del 2018 e il Coffee Stand del febbraio scorso. Pochi giorni fa è stato pubblicato un articolo di approfondimento su questa MOC sul sito di ItLUG, non mi dilungo più di tanto quindi, rimandando chi fosse interessato all'intervista: Da Andy’s gli hamburger più buoni della città!
      ⬇️Di seguito qualche foto del chiosco⬇️




      ➡️ Altre foto e info sul mio FLICKR ⬅️
      Buona serata e alla prossima MOC!
×
×
  • Crea nuovo...