Jump to content
IGNORED

Duomo di Milano Lego in vista dell'Expo 2015


Luca91
 Share

Recommended Posts

Beh è abbastanza semplificato, ma d'altra parte se l'esigenza è di realizzarlo in breve tempo bisogna fare qualche compromesso. Se ci si preoccupa di tutti i particolari alla fine non se ne esce più purtroppo.

 

Comunque i monumenti antichi nel bianco lego sono un pugno in un occhio, il Duomo di Milano non è mai stato così "pulito". :D

Link to comment
Share on other sites

Tra l'altro dico....ma è mai possibile metterlo in esposizione in un aeroporto?!?!? mah...

 

Nel senso che dalle foto si vede che è già esposto in un aeroporto...capisco malpensa che la gente arriva appositamente...ma mettiamo che sia a Londra o Manchester...ma chi se ne frega che il Duomo di Milano sia esposto lì? che ci azzecca???

Link to comment
Share on other sites

Avendo presentato questa idea diversi anni fa a LEGO insieme ad alcuni di noi (una decina se non ricordo male) e vedendolo realizzato in Inghilterra mi brucia.... oh se mi brucia... >:(

 

Tu pensa che ho messo piede in casa e mia madre mi viene in contro con l'ipad mostrandomi l'articolo:

"ma non dovevate farlo voi?"

"mamma esco..."

 

Ma p...

Link to comment
Share on other sites

Sinceramente io penso che sia un vergogna ed un'offesa non solo alla nostra comunità, ma anche all'Italia.

 

Nel momento in cui L'EXPO è in Italia, a Milano, scegliere di far realizzare il Duomo di Milano a un inglese la trovo una mancanza di sensibilità e di oculatezza.

Tra l'altro a livello di marketing potrebbe rivelarsi anche un boomerang se nei commenti, sui vari siti, la gente cominciasse a chiedere come mai è stato scelto uno straniero per realizzare l'opera sapendo quanti abili costruttori ci sono in Italia.

 

Con tutto quelle che la comunità Afols italiana ha fatto su internet, nei legofest ecc. è veramente UNO SCHIAFFO.

 

E io non la mando giù.

Non abbiamo lego shop, non distribuiscono i set come nel resto d'Europa, dobbiamo arricchire gli afols stranieri ogni volta che si parla di polybags che loro hanno in quantità industriale.... e ora questo.

 

Chiedo ufficialmente al CD di inoltrare protesta ufficiale a Lego Italia e Lego Billund a nome di tutti noi.

 

Non è giusto, NON E' GIUSTO!

 

Ed anzi se ognuno di noi scrivesse due righe a Lego, Lego Billund ed anche allo Shop@Home sarebbe meglio.

 

Ma pensate se al matrimonio di Kate & Company la cattedrale la realizzavano degli italiani cosa avrebbero fatto in Inghilterra!?!??!

 

E' stato appena fatto un evento con 15,000 persone, facciamo minieventi nei cinema, e mille mila legofest, ma un briciolo di rispetto!

 

Ma dai !!!

 

Link to comment
Share on other sites

Tra l'altro dico....ma è mai possibile metterlo in esposizione in un aeroporto?!?!? mah...

 

Nel senso che dalle foto si vede che è già esposto in un aeroporto...capisco malpensa che la gente arriva appositamente...ma mettiamo che sia a Londra o Manchester...ma chi se ne frega che il Duomo di Milano sia esposto lì? che ci azzecca???

 

 

Saranno esposti a Linate e a Malpensa perchè saranno un "biglietto da visita" per Expo 2015 (e SEA - Aereoporti di Roma - la società che gestisce Linate, Malpensa e Fiumicino, è uno dei 3 sponsor/finanziatori del progetto, insieme a LEGO e a Veneranda Fabbrica del Duomo, ed ecco perché sono/saranno esposti lì).

 

 

Quello destinato a Linate farà prima però tappa al nuovissimo "Grande Museo del Duomo" (ospitato a Palazzo Reale, che si trova di fronte al Duomo di Milano..."vero") a partire da dopodomani, 2 aprile.

 

 

Peccato per il costo del biglietto (6 euro se non ho letto/ricordo male).

Link to comment
Share on other sites

 

Con tutto quelle che la comunità Afols italiana ha fatto su internet, nei legofest ecc. è veramente UNO SCHIAFFO.

 

E io non la mando giù.

Non abbiamo lego shop, non distribuiscono i set come nel resto d'Europa, dobbiamo arricchire gli afols stranieri ogni volta che si parla di polybags che loro hanno in quantità industriale.... e ora questo.

 

 

 

 

Purtroppo temo che sia policy LEGO affidare certi incarichi agli LCP, figura/e della/e quale/i in Italia (oltre ai LEGO Store) non disponiamo.

 

 

Considerando però che sono solo 12 in tutto il mondo, praticamente quasi qualsiasi altro Paese avrebbe subito analogo...smacco!

 

 

Considerate che il migliore dei "Colosseo" di Roma è stato fatto in Australia da un altro LCP, Ryan McNaught, per la University of Sidney.

 

 

http://www.juxtapoz.com/current/the-worlds-first-lego-colosseum-by-ryan-mcnaught

 

 

Cosa dovrebbero dire i nostri amici Romani?

 

 

L'importante è che un monumento come il Duomo di Milano faccia il giro del mondo, sebbene solo in foto (pensate a quante foto faranno e che saranno poi postate su FB & C) grazie a tutti i viaggiatori che passeranno dai nostri due aeroporti di Malpensa e Linate.

 

 

E da ottimista mi dico: "se un inglese si offre/accetta di fare una costruzione così (certo, anche per essere pagato, visto che lo fa di mestiere), vuol dire che ne vale dannatamente la pena", il che mi rende ancora più orgoglioso di essere, nell'ordine, milanese (il Duomo è il simbolo della mia città), lombardo (i due aeroporti scelti sono quelli lombardi) e italiano (in fondo servono per l'Expo, no?)

Link to comment
Share on other sites

LCP o no, da italiano, dico che è una vergogna. Lego o non Lego, qui il problema non è che in Italia non ci siano LCP, il problema è quello che dice Mauro, ossia che per fare una struttura ufficiale per l'Expo di Milano, IL simbolo di Milano per l'esposizione universale che si terrà per la prima volta a Milano, si sono rivolti ad uno straniero, SEA e Veneranda fabbrica di Milano. Il problema non è Lego, il problema è quello che ha fatto chi ha organizzato questo. Questa è la cosa scandalosa.

Link to comment
Share on other sites

Tu a chi l'avresti fatto fare?

 

Se nella ditta dove lavoro proponessi di rivolgerci ad un gruppo di volontari affezionati al nostro prodotto per realizzare in amicizia e spirito di collaborazione un'operazione di marketing di fondamentale importanza, senza Ordine né fatture, senza specifiche, senza vincoli sulle tempistiche perché sarebbe da fare nel poco tempo libero... ho come l'idea che mi licenzierebbero! :-\

 

Dove lavorate voi come la prenderebbero invece? ???

 

Io lavoro in Svizzera, Luca e ti assicuro che lì si sarebbero mangiati vivo qualsivoglia ente locale, ditta o istituzione, che avesse fatto una cosa del genere, chiedendo la testa di chi dirige. E succede, oh, se succede... A seconda della situazione, quando non è la politica cantonale o comunale, sono le associazioni, grandi o piccole che siano. E anche noi dovremmo farlo.

 

A chi l'avrei fatto fare IO? Io non so nemmeno cosa abbia detto la Lego ai signori di SEA e Veneranda fabbrica, ma dubito che TLG abbia detto: "Aspettate, noi abbiamo degli uomini di fiducia in Italia su cui fare affidamento, anche se non sono LCP!". Forse una associazione di appassionati non è abbastanza all'altezza per loro, però non mi sembra che non si sappia creare nulla e, giusto per prendere un esempio recente, per quanto monolitico, abbiamo (mi metto dentro anche io, anche se come esterno) realizzato la Torre di Saronno. Ma forse, ripeto, non siamo all'altezza per la Lego. O forse è solo questione di soldi e immagine. Non siamo bambini a cui piace costruire robot e astronavi... e io so che almeno una possibilità, a questo gruppo di appassionati italiani, lombardi, gliela avrei data, magari anche solo coinvolti, fossi stato in Lego.

Se invece il problema è solo SEA e la Fabbrica, che non ci hanno voluto, perché non lo facciamo di mestiere, allora le cose forse cambiano, ma non andiamo tanto lontani. Perché in entrambi i casi mi sento offeso, primo per una mancanza di fiducia da parte di TLG che in questo caso dimostrerebbe pure un certo snobismo indisponente, e nel secondo caso per orgoglio italiano. Scusa, ma il Duomo vero chi l'ha fatto, gli inglesi? Siamo o non siamo un popolo di architetti, ingegneri e scienziati? E non sappiamo fare un duomo di Lego?

Dobbiamo accettare di considerarci come un gruppo, un popolo, di perditempo incapaci? Oltretutto detto a un brianzolo? Io, se fossi stato lì e mi avessero proposto un inglese per farlo, mi sarei alzato e me ne sarei andato, invece che ringraziare, inchinarmi e firmare l'assegno. Ma purtroppo lì non c'ero.

Guarda non so a chi sia il caso di rovinare la festa, però almeno una email si potrebbe mandare, alle parti italiote e alla nostra cara Lego che, come è normale, fa (a volte ingiustamente) i suoi interessi (e che starà dicendo che tanto siamo un gruppo di babbazzi nerd che continueremo sempre a comprare i loro prodotti a prezzi esorbitanti). Bastava coinvolgerci per chiedere qualche suggerimento ... Come associazione valiamo davvero così poco? E vogliamo stare zitti?

 

Link to comment
Share on other sites

Tu a chi l'avresti fatto fare?

 

Non entro nel merito della polemica (giusta o sbagliata che sia), ma......butto lì.... i ragazzi che a Ballabio hanno esposto "La Scala" di Milano non hanno fatto un lavoro poi così piccolo, così brutto e così lontano dalla realtà...

Dico loro perchè hanno realizzato qualcosa di simile e in breve tempo perchè se non erro ci hanno messo meno di sei mesi (avevo parlato con uno di loro proprio a Ballabio)...ma in realtà potrebbero esser molti altri tra noi...il livello è alto, con o senza certificazioni..

 

Volendo c'erano i presupposti per farlo realizzare anche a qualcuno qui Italia...un altro conto sono i costi, la fatturazione etc etc...

 

Chiudo dicendo una cosa molto semplice e facendo una domanda che mi gira in testa da ieri..

1- VOLERE è POTERE

2- Quanto può costare questo Duomo?

Link to comment
Share on other sites

Avendo presentato questa idea diversi anni fa a LEGO insieme ad alcuni di noi (una decina se non ricordo male) e vedendolo realizzato in Inghilterra mi brucia.... oh se mi brucia... >:(

 

Credo che sarò impopolare.. ma se l'hanno fatto fare a degli inglesi credo che dimostri ampiamente la considerazione che ha TLG di noi italiani.. NO COMMENT! :-X

Link to comment
Share on other sites

Luca, possiamo giustificare chiunque per qualsiasi atto commesso.

Ma qui resta un fatto, un'evidenza, che ti piaccia o no e il punto è quello: per l'Expo di Milano hanno fatto realizzare un'opera d'arte simbolo di Milano non da un italiano, bensì da un inglese.

Tant'è che se l'avesse fatto un italiano, quel Duomo, ItLug o no, staremmo zitti e magari contenti.

 

Quindi fosse anche solo per il campanilismo, tanto basta. Tanto basta per reclamare e se non noi, chi?

 

Poi se vuoi possiamo discutere del fatto che non abbiamo ancora LCP, degli stores, etc. ma sono altre questioni in parte collegate, ma anche no, soprattutto per uno che vede questa storia dall'esterno. E spero che almeno dall'esterno qualcuno noti questa bizzarra vicenda, che in qualsiasi altro Paese del mondo avrebbe già fatto stracciare le vesti alla gente.

E sul fatto che poi non abbiamo LCP, come ti ho già risposto, potevano coinvolgerci in tanti modi...

 

 

Link to comment
Share on other sites

Ragazzi,

 

 

credo che ci/vi/mi stia sfuggendo un particolare: la figura del LEGO Certified Professional è stata "istituita" (non so se sia o meno il termine corretto ma spero renda l'idea) esattamente per questo tipo di situazioni.

 

 

Quando si tratta di realizzazioni "top" (statue, "sculture", realizzazioni in scala/miniatura di oggetti/veicoli/edifici reali etc.), TLG si rivolge a suoi LCP. Punto (o Period come direbbero gli anglofoni).

 

 

L'aeroporto di Tokio non lo ha progettato forse Renzo Piano? Non credo i giapponesi si siano sentiti offesi.

 

 

Il Sidney Opera House non è stato forse realizzato con le strutture in acciaio realizzate dalla nostra Permasteelisa? Non credo che gli australiani se la siano presa male.

 

 

Qualcuno di TLG ci ha mai vietato di realizzare un Colosseo? Non mi sembra, eppure ci è arrivato per primo l'LCP australiano.

 

 

D'altro canto, conseguire la certificazione LCP è molto oneroso per chi la vuole ottenere (in termini di tempo da dedicare alla fase di qualificazione, alle scartoffie da produrre, agli eventi/creazioni da documentare, descrivere e sottoporre a giudizio etc.), e quindi è giusto che loro siano i primi interlocutori di TLG quando c'è da realizzare qualcosa di pregio.

Come giusta forma di riconoscimento a chi ha deciso di dedicare la propria vita lavorativa e professionale ai mattoncini (siamo onesti, per tutti i noi è un hobby, per quanto alcuni di noi abbiano raggiunto livelli di assoluta eccellenza). E perchè no, anche come giusta forma di retribuzione. Negozianti esclusi (fisici o virtuali indifferentemente) non mi risulta che qualcuno di noi "viva" di mattoncini. Costruiamo per noi, oppure per esporre, o per collezionare, ma tutti noi di mestiere facciamo altro. Gli LCP no. Gli LCP, con i LEGO, letteralmente, ci mangiano.

 

 

[cit. dal sito degli LCP]

"LEGO Certified Professionals are not LEGO employees, but they are officially recognized by the LEGO Group as trusted business partners."

 

 

La candidatura a diventare LCP è aperta a tutti: chi se la sente ci provi!

 

 

Ci fosse stato un LCP italiano e qualcuno avesse chiesto a TLG la copia della "Sagrada Famìlia", state pur certi che l'incarico sarebbe andato al "nostro" LCP, visto che anche la Spagna non ha un proprio LCP.

 

 

L'incarico è stato affidato a Duncan Titmarsch perché, degli LCP in grado di ri-creare il Duomo (ogni LCP ha una specifica competenza), era quello logisticamente più vicino.

 

 

http://aboutus.lego.com/it-it/lego-group/programs-and-visits/lego-certified-professionals

 

 

Avessero affidato l'opera ad un LUG straniero o ad un gruppo di AFOL nemmeno formalizzato avrei capito qualche attacco di campanilismo acuto da parte nostra, ma qui mi sembra una situazione di critica "a priori".

 

 

Come ho già scritto, quello che per me conta è che TLG (Italia o Billund poco importa) ha deciso di investire in un monumento, nell'ordine, milanese, lombardo e italiano, e che questo monumento farà il giro del mondo grazie ai social e che grazie alle foto magari a qualcuno verrà voglia di venire a vedere...quello vero.

 

 

Sinceramente sono molto più preoccupato che Milano possa non rivelarsi all'altezza delle aspettative di un evento come l'Expo che non del fatto che i l"nostro" Duomo l'abbia fatto un inglese.

 

 

E con la "Torre di Pisa" e la "Fontana di Trevi" della linea Architecture di Adam Reed Tucker allora?

 

 

Mi sembra di assistere alla stessa "scena" del Teatro Smeraldo di Milano, altro simbolo della città e di recente trasformato in supermercato di lusso: tutti a lamentarsi dello scandalo di un teatro che diventa negozio.

Sapete perchè è successo? Perchè i milanesi in quel teatro i milanesi non ci andavano.

E adesso che è un supermercato di lusso invece? Beh, c'è la fila fuori.

Link to comment
Share on other sites

"LEGO Certified Professionals are not LEGO employees, but they are officially recognized by the LEGO Group as trusted business partners."

 

Qui si parla di affari e di lavoro. Non di hobby. Se il committente di turno chiede a LEGO un'opera per un evento, LEGO non può dare in mano il lavoro a degli appassionati che hanno poco tempo al giorno da dedicare alla cosa. Non c'è da scandalizzarsi sulla scelta di TLG, hanno fatto quello che dovevano fare.

 

 

Al limite ci sarebbe da chiedersi perchè il committente si sia rivolto a LEGO invece di chiedere ad ItLug.

Link to comment
Share on other sites

Qui si parla di affari e di lavoro. Non di hobby.

 

 

Esatto!!! E per rispondere alla tua domanda:

 

 

Al limite ci sarebbe da chiedersi perchè il committente si sia rivolto a LEGO invece di chiedere ad ItLug.

 

Ipotizzando che i committenti fossero Veneranda Fabbrica del Duomo - Museo del Duomo e SEA, al posto loro,(Ente pubblico l'una con tutto quello che ne consegue e società privata SpA l'altra), avreste affidato un incarico del genere a:

 

Ipotesi A)

gruppo di appassionati di LEGO, tutti bravissimi (magari quanto o anche più dei LCP), ma senza P.IVA, senza la possibilità di fatturare e (a meno che tra noi vi siano a mia insaputa lontani parenti dei Rockfeller, di Della Valle o dei Fratelli Benetton) fornire non uno ma due esemplari (200.000 mattoncini in totale, e neanche tutti dei più comuni a veder le foto) di Duomo, il tutto PER CERTO entro i 4 o 5 mesi richiesti

 

Ipotesi B) Figura professionale regolarmente certificata come idonea a svolgere il compito richiesto

 

dal produttore stesso del materiale scelto per la realizzazione dell'opera, operante per tramite di regolare società (tra l'altro da esso stesso fondata) il cui oggetto sociale, nonché unica attività è esattamente quella di realizzare opere come quella richiesta, in grado di rispondere alla richiesta con preventivo, tempistica certa, fornitura dei pezzi e consegna del prodotto finito e soprattutto di emettere regolare fattura al termine del lavoro

 

 

Per tutti noi i mattoncini sono una fortissima passione, e come tale ne viviamo tutti gli aspetti "con la pancia".

 

 

Per TLG, SEA, Duomo (ed Expo2015) invece si tratta di business.

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

La realizzazione del Duomo di Milano è stata affidata ad un LCP inglese ed è di lapalissiana evidenza che ciò rappresenti unicamente la decisione insindacabile presa da un'azienda.

Cos'altro sfugge? A mio avviso pare una scelta piuttosto lineare e coerente.

 

 

Appunto!

Link to comment
Share on other sites

Riassumo qui tutte le mie osservazioni a quanto avete detto.

 

Sono contento che Renzo Piano, Cristoforo Colombo, Da Vinci e tanti altri siano italiani, ma mi pare che non centri nulla con il tema di questo topic.

Nè centra il discorso sugli LCP.

 

Sicuramente alle Olimpiadi si può scegliere di far portare la fiamma olimpica a degli stranieri, ma normalmente si sceglie di far correre persone di quel paese in quel paese, soprattutto nell'ultimo tratto....

 

Qui la questione è che l'opera non viene presentata come fatta da un dipendente lego (LCP) ma da un'artista.

 

Se il nostro ambassador ci dice che la stessa Lego Italia si rammaricava per questa scelta estera, vuol dire che di fondo quest'opera ha una valenza simbolica.

 

Il fatto di aver interpellato a suo tempo ItLUG per la stessa opera in dimensioni più faraoniche in vista dell'expo ed aver poi ripiegato su questa scelta di per sé per me è un'autogol pubblicitario.

 

Poi voi vedetela come volete. Per me è un autogol clamoroso nonché se non un'offesa, una sicura mancanza di sensibilità verso tutto un movimento di appassionati che gliene genera tanta di pubblicità.

Che naturalmente Lego nega. Ma c'è.

 

Infine aggiungo che la celeberrima Torre di Saronno è fatta di 86.000 pezzi... potevano fare qualcosa di più grande...visto che è per l'expo....

 

Poi se voi vi sentite onorati o indifferenti del fatto che per l'EXPO abbiano deciso di far fare il monumento simbolo a un loro dipendente inglese, tra l'altro realizzandolo in una scala discutibile, pace e bene ma per me non è così e lo rivendico.

 

Daltrocanto LEGO vuol dire GIOCA BENE.... e stavolta per me LEGO non ha giocato per niente bene...

 

Di certo ha diminuito il mio entusiasmo e non credo solo il mio...

 

PS: Quanto ai tempi, ok si è saputo solo due mesi fa che c'era l'EXPO.... dai...

;)

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

 

Il fatto di aver interpellato a suo tempo ItLUG per la stessa opera in dimensioni più faraoniche in vista dell'expo ed aver poi ripiegato su questa scelta di per sé per me è un'autogol pubblicitario.

 

Poi voi vedetela come volete. Per me è un autogol clamoroso nonché se non un'offesa, una sicura mancanza di sensibilità verso tutto un movimento di appassionati che gliene genera tanta di pubblicità.

Che naturalmente Lego nega. Ma c'è.

 

 

Ma infatti per me la cosa di cui discutere è questa, se si era già in parola con un gruppo di afol lombardi da qualche anno per realizzare tale opera, affidarla poi ad altri non è stata una bella mossa.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Per contro e per quanto, la Madonnina è moooooooltissimamente migliorabile (tanto più che forse è più simbolo milanese lei della cattedrale che la sorregge):

 

 

- Tile 1x2 pearl gold per la tunica,

- Testa marrone color "Nick Fury" senza espressione (Minifig Head Plain, reddish brown)

- Corona !?!?!?!? i "capelli" di Tritone (minifig Headgear Hair "Ocean King" - Collectible Minifigures Series 7 ), cioè capelli bianchi !?!?!?!?! e corona di conchiglie dorate ?!?!?!?!?!?

 

 

Sicuri sicuri che tutta tan no eh? Capisco che l'originale sia dorata, ma se non ci sono tutti i pezzi necessari in Pearl Gold, lascia stare, eccaspiterina!!!

 

Link to comment
Share on other sites

 

Il fatto di aver interpellato a suo tempo ItLUG per la stessa opera in dimensioni più faraoniche in vista dell'expo ed aver poi ripiegato su questa scelta di per sé per me è un'autogol pubblicitario.

 

Poi voi vedetela come volete. Per me è un autogol clamoroso nonché se non un'offesa, una sicura mancanza di sensibilità verso tutto un movimento di appassionati che gliene genera tanta di pubblicità.

Che naturalmente Lego nega. Ma c'è.

 

 

Non c'è stata nessuna parola, promessa o altro.

C'è stata l'idea, il contatto e la proposta...pi è andata così.

 

Certo che in due mesi fare due copie di quel Duomo, tra progettazione, recupero pezzi e costruzione, visto che per noi è un Hobby e non un lavoro...la vedo dura per noi.

Link to comment
Share on other sites

Allora mi sembra di capire che non era stato preso alcun impegno, naturalmente tutti avremmo voluto che l'incarico arrivasse a qualcuno di noi, però mi pare comprensibile la scelta di rivolgersi a un costruttore di professione.

 

Comunque pur con tempo e pezzi a disposizione, per realizzare un'opera di tal genere bisogna scendere a compromessi. Io ho dedicato 3 sere a vedere se riuscivo a far combaciare 2 capitelli su un angolo prima di decidere di fregarmene, chi ha dei vincoli di tempo ci può pensare al massimo 5 minuti.

Link to comment
Share on other sites

Qui la questione è che l'opera non viene presentata come fatta da un dipendente lego (LCP) ma da un'artista.

 

Poi se voi vi sentite onorati o indifferenti del fatto che per l'EXPO abbiano deciso di far fare il monumento simbolo a un loro dipendente inglese, tra l'altro realizzandolo in una scala discutibile, pace e bene ma per me non è così e lo rivendico.

 

In tutta sincerità continuo a non comprendere le ragioni che muovano questa critica a TLG nella scelta di una sua propria politica aziendale. Forse polemica?

L'LCP individuato da TLG, dipendente o artista che sia, rimane il soggetto più accreditato ed affidabile ai fini di quanto richiesto dalla Committente.

 

In altrettanta trasparenza -e non me ne vogliate- sono convinto che nessun AFOL del Forum avrebbe avuto la possibilità di realizzare in piena autonomia un progetto tanto oneroso in un lasso di tempo decisamente limitato.

Di contro, dato che l'inaugurazione dell'EXPO 2015 è stata fissata a oltre un anno da oggi, i più ostili potrebbero dar vita ad un progetto alternativo -forse migliore- da proporre a TLG a titolo di "critica costruttiva"!

Link to comment
Share on other sites

Comunque pur con tempo e pezzi a disposizione, per realizzare un'opera di tal genere bisogna scendere a compromessi. Io ho dedicato 3 sere a vedere se riuscivo a far combaciare 2 capitelli su un angolo prima di decidere di fregarmene, chi ha dei vincoli di tempo ci può pensare al massimo 5 minuti.

 

Il problema è che noi...volevamo farlo in scala Minifig con gli interni ::) ...

Da sssboooroni!

Link to comment
Share on other sites

 

Il problema è che noi...volevamo farlo in scala Minifig con gli interni ::) ...

Da sssboooroni!

 

Nulla vi vieta di farne un'altro più bello, e nulla vieta a noi di riprendere in mano il Colosseo nonostante l'abbia fatto un LCP australiano... tempo e Game of Thrones permettendo (ma mi sa che non permette...)

Link to comment
Share on other sites

 

Il problema è che noi...volevamo farlo in scala Minifig con gli interni ::) ...

Da sssboooroni!

 

Nulla vi vieta di farne un'altro più bello, e nulla vieta a noi di riprendere in mano il Colosseo nonostante l'abbia fatto un LCP australiano... tempo e Game of Thrones permettendo (ma mi sa che non permette...)

 

 

Appunto!

 

 

E' vero che noi (anzi voi, io sono solo alle prime armi) gli dedichiamo solo il tempo che ci avanza, ma è anche vero che potendo dedicare ai progetti tutto il tempo che vogliamo (tipo l'esempio che hai fatto dell'incastro di due capitelli), è quasi certo che alla fine il risultato possa essere decisamente migliore di quello raggiunto da un LCP con tempi "da commessa".

 

 

Un LCP ha fatto il Duomo? E noi lo rifacciamo.

 

 

Un altro LCP ha fatto il Colosseo? E chi meglio dei Romani potrà farlo migliore, più grande e più dettagliato?

 

 

 

 

Certo, avere il progetto finanziato da TLG è un altro paio di maniche (costano sempre tanto, quei dannati mattoncini), però.....

Link to comment
Share on other sites

Aspettate un momento, ovvio che si potrebbe rifare, ovvio anche che si potrebbe fare più bello, dettagliato e come volevamo noi in scala Minifig. Si può fare tutto...

 

Peccato che con il conteggio dei pezzi ecc...il totale (economico) si avvicinava molto al costo di un monolocale.

 

Ostacolo? Ovviamente no, ma ovviamente previa presenza di uno sponsor.

 

Quindi ora potreste dirmi "beh possiamo rifarlo più piccolo e senza gli interni". Ovvio, fattibile, ma lo hanno già fatto e a mio parere in quella scala han fatto un bel lavoro.

Link to comment
Share on other sites

a mio parere in quella scala han fatto un bel lavoro.

 

Non mi sbilancio, ma due copie in esposizione sembrerebbero significare che il progetto realizzato abbia soddisfatto le richieste avanzate dalla Committente...

 

Concordo sul giudizio espresso circa la qualità della costruzione.

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo fare moc costa, fare moc grandi costa di più, fare moc grandi e molto dettagliate costa uno sproposito.

 

Ma d'altra parte si sa che è così... per chiedere una sponsorizzazione bisognerebbe avere almeno un rendering del modello da sottoporre agli interessati, ma per fare un rendering accurato noi stavamo costruendo un modulo base color arlecchino per valutare tutte le possibili soluzioni. Per fortuna che a casa mia non mancano i pezzi sennò sarebbero partiti tanti soldi anche per fare quello.

Link to comment
Share on other sites

Si potrebbe fare come stanno facendo da luglio scorso per la Cattedrale di Durham, giusto in Inghilterra, che raccoglie fondi privatamente, un mattoncino alla volta.

http://www.durhamcathedral.co.uk/donate

 

Magari creando un sito ad hoc per i due progetti, Duomo (o altro...) e Colosseo, e una raccolta fondi. Sarebbe una bella risposta a Lego...

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Avendo presentato questa idea diversi anni fa a LEGO insieme ad alcuni di noi (una decina se non ricordo male) e vedendolo realizzato in Inghilterra mi brucia.... oh se mi brucia... >:(

 

Caro Marco alla luce di tutta la discussione mi pare chiaro che bisogna assumersi le responsabilità: ammettilo è colpa tua!

Se compravi i 2 milioni e rotti di mattoncini che servivano a realizzare il progetto adesso lo avevamo realizzato.

(magari non avevi più una famiglia e vivevi sotto un ponte, ma queste sono quisquilie).

Io non so come non hai potuto pensarci allora: la soluzione era semplice vendevi la casa e compravi i pezzi che servivano per il Duomo.

 

Mah! :D

 

Sono deluso chiedo le tue dimissioni da Afol!

Io l'avevo pensato, ma siccome ero timido e mi sembrava di scavalcarti ho pensato "Se li compro io magari si offende, meglio rispettare le gerarchie le lasciare a lui l'onore"

 

Ora però guardati allo specchio, se ci riesci, ed ammetti che non hai pensato a una banalità del genere.

 

Vergogna per questa tua tirchieria (che poi sono sicuro che un po' di sconto te lo facevano) non abbiamo realizzato il Duomo...

 

:D:D:D

 

 

Link to comment
Share on other sites

Avendo presentato questa idea diversi anni fa a LEGO insieme ad alcuni di noi (una decina se non ricordo male) e vedendolo realizzato in Inghilterra mi brucia.... oh se mi brucia... >:(

 

Caro Marco alla luce di tutta la discussione mi pare chiaro che bisogna assumersi le responsabilità: ammettilo è colpa tua!

Se compravi i 2 milioni e rotti di mattoncini che servivano a realizzare il progetto adesso lo avevamo realizzato.

(magari non avevi più una famiglia e vivevi sotto un ponte, ma queste sono quisquilie).

Io non so come non hai potuto pensarci allora: la soluzione era semplice vendevi la casa e compravi i pezzi che servivano per il Duomo.

 

Mah! :D

 

Sono deluso chiedo le tue dimissioni da Afol!

Io l'avevo pensato, ma siccome ero timido e mi sembrava di scavalcarti ho pensato "Se li compro io magari si offende, meglio rispettare le gerarchie le lasciare a lui l'onore"

 

Ora però guardati allo specchio, se ci riesci, ed ammetti che non hai pensato a una banalità del genere.

 

Vergogna per questa tua tirchieria (che poi sono sicuro che un po' di sconto te lo facevano) non abbiamo realizzato il Duomo...

 

:D:D:D

 

Mi hanno frenato i 10 euro per le baseplate da 48x48, altrimenti pagavo io... :D

Link to comment
Share on other sites

Articolo di qualche settimana fa su Repubblica che un amico mi ha inviato.

 

http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/03/31/foto/duomo-82378087/1/#1

 

Alcune foto uguali, pero ci sono altre foto inedite del modello.

 

In particolare

http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/03/31/foto/duomo-82378087/1/#8

 

http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/03/31/foto/duomo-82378087/1/#11

 

 

Link to comment
Share on other sites

Qui potete trovare i miei scatti della copia esposta a Palazzo Reale:

 

 

 

Purtroppo è posizionato in maniera davvero infelice, poco prima dell'uscita, quasi in un sottoscala e illuminato solo dalla luce proveniente dal vicino "locale armadietti" dove si lasciano borse, zaini etc.

 

 

Impossibile (almeno per le competenze fotografiche del sottoscritto) usare il flash causa teca.

 

 

Voleste andare a vederlo:

 

 

1) essendo posto vicino all'uscita, occorre comprare il biglietto e visitare il Museo, che comunque merita;

2) dovessero dirvi che è vietato fare foto, sappiate che il divieto non vale per il Duomo di LEGO, vuoi perché è ospitato lì solo temporaneamente (è destinato a Linate), vuoi perchè non è di proprietà del Museo, vuoi perché accanto non v'è nessuna altra opera che "rischi" di essere inquadrata e ripresa

 

 

Chiedete gentilmente il permesso di fotografarlo e lo staff sarà certamente disponibile a...concedervelo ;)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...