Jump to content
IGNORED

Invertire meccanicamente polarità e/o rotazione motore


Recommended Posts

Salve!

 

devo riuscire a far girare per brevi(ssimi) periodi, circa 15 secondi, un motore in senso orario dopodichè passare ad una rotazione antioraria e poi viceversa...

 

ora, purtroppo ho di elettrico vorrei usare motori e componenti technic anni '90, da qui l'esigenza di un sistema "meccanico".

 

io pensavo di far comandare al motore due di questi switch 6551c01.jpg

in questo modo:

 

1)

1° switch - Acceso in senso orario

2° switch - spento

 

il motore lavora e fa ruotare una serie di ingranaggi collegati all'asse centrale degli switch, quindi si passa a

 

2)

1° switch - spento

2° switch - Acceso in senso antiorario

 

A questo punto il motore dovrebbe invertire la rotazione e farmi tornare al punto 1).

Ah, ovviamente gli switch sono collegati al battery pack ed al motore.

 

 

Ecco, dico dovrebbe perchè son due ore che non riesco a farlo funzionare.

Credo che sia per via del gioco che c'è negli switch tra la posizione Acceso e Spento.

 

Sapete se qualcuno ha mai fatto qualcosa di simile con risultati positivi, oppure se è una soluzione impossibile da far funzionare? Esistono altri metodi per far cambiare la polarità del motore NON manualmente?

 

grazie mille.

Link to comment
Share on other sites

Grazie mille! Ottima idea!Con un secondo motore potrei mettere un solo switch che farei girare in continuo e passerebbe da:avanti -spento -indietro in continuo.

Ottima idea grazie! Io pensavo al microprocessore rosso, che essendo già piuttosto lento mi consentirebbe di ridurre la dimens del gearbox necessario a darmi 4rpm di output sugli switch.

 

In alternativa (ho anche modificato il titolo del topic) pensavo di lasciare il motore sempre con lo stesso verso di rotazione e do mettere una camma che vada ad azionare alternativamente due ruote folli, che quindi mi invertirebbero la rotazione. Ok, mi sono spiegato malissimo : provo a farlo e posto una foto

 

EDIT: il metodo con due motori funziona, serve solo trovare il giusto rapporto di rotazione.

 

Ora sto provando il sistema meccanico (che mi consentirebbe di risparmiare un motore :D) e dovrei riuscire a invertire la rotazione dell'asse principale.

Appena finito posto una foto del meccanismo.

Link to comment
Share on other sites

Ho finito poco fa la versione "meccanica" (di micromotore ne ho solo uno e vorrei tenerlo per altro che non sia muovere uno switch)

Serve ancora qualche messa a punto ma funzionare funziona.

Ora però ho un dubbio: io i technic non li prendo in mano da 15 anni e non ricordo se è normale che un sistema con ingranaggi e viti senza fine faccia un rumore pazzesco...o sto sbagliando qualcosa?

Intanto allego una foto del work in progress che si capisce meglio del finito . Le due pulegge ruotano e ruotando portano l'ingranaggio ad accoppiare con quello sulla sinistra(che è sempre in movimento ) quindi per il tempo in cui le due ruote sono in presa l'albero montato sulle pulegge ruota. Nel definitivo ho semplicemente aggiunto un'altra ruota motrice a destra della pulegge per avere la doppia rotazione avanti e indietro.

Tutto il dentro son solo riduzioni varie.

 

 

 

7818.jpg

Link to comment
Share on other sites

aggiornamento:

- il problema rumore l'ho risolto mettendo gli elastici anzichè gli ingranaggi nei primi due rapporti.

- funzionare funziona, ho due rotazioni complete in senso orario, circa 1 minuto di pausa e altre due rotazioni in senso antiorario, pausa, orario,..etc etc

 

veniamo alle note dolenti:

 

..funziona ma alla fine ho una coppia insignificante, quindi posso comandare giusto due/3 mini movimenti e basta (volevo sfruttarlo anche per muovere un meccanismo un po' più complesso e con un certo attrito ma... non se ne parla :'( ). Ora, so che il motore che sto usando io è una ciofeca (il vecchio 2838) e qui mi chiedo, ha senso prendere un power function M? da quanto ho visto mi eviterei un po' di rapporti di riduzione tra motore e "switch" inoltre dovrebbe essere parecchio più potente.

Gli altri dubbi sono:

- Provoca maggiore usura agli ingranaggi rispetto al 2838?

- basta collegarlo al vano batterie o deve essere comandato tramite telecomando e IR? (come quello del treno, insomma)

- Avendo già motore, IR, telecomando e battery pack del treno, mi consigliate il set power function o solo il motore?

- quante ore può stare acceso prima di bruciarsi? (devo usarlo per muovere degli elementi di un diorama e pensavo in ottica esposizione, dove dovrebbe girare almeno 2-3 ore di fila)

 

grazie mille.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Il fatto che facciano rumore è abbastanza normale... oddio, se non senti proprio il rumore tipo quando innesti male una marcia e il cambio gratta.

Magari controlla che gli ingranaggi che hai usato si possano effettivamente usare in quelle posizioni, perché ogni tanto sembra che entrino bene ma in realtà sforzano o sono troppo distanti e slittano (grattando).

Un consiglio: tieni sempre un po' di lasco tra gli ingranaggi e i brick, in modo da non dover sforzare per girare gli assi.

Link to comment
Share on other sites

Dunque, ho dieci anni di esperienza di GBC, vediamo come posso aiutarti...

 

1) assicurati che gli assi abbiano sempre almeno due punti di appoggio: se ne hanno solo uno vibrano, producendo rumore, disperdendo coppia e consumando gli ingranaggi. Meglio ancora, ogni ingranaggio deve stare tra due appoggi

2) il motore 2838 è ridicolo rispetto ai PF, se dopo aver rivisto la trasmissione non hai ottenuto la coppia che ti serve considera di cambiare

3) sul lungo periodo non devi preoccuparti troppo del motore, al massimo si consumano gli ingranaggi (usa quelli moderni, si trovano a quintali): cerca di ridurre gli attriti al minimo

4) la trasmissione ad elastici non è affidabile, evitala

5) aumentando il carico la velocità del motore ne risente, e varia anche con la temperatura e l'usura degli ingranaggi, quindi non avrai i tempi precisi che desideri; ti consiglio di tornare allo switch elettrico comandato da un motore apposta (non il micromotore però, pare troppo delicato per il lungo periodo)

6) ricordati che sono giocattoli di plastica, non sono fatti per lavori pesanti o continuati: non usare pezzi pregiati per la trasmissione o i supporti (sì, ho visto anche i fori dei mattoncini consumati...)

 

 

Link to comment
Share on other sites

Il fatto che facciano rumore è abbastanza normale... oddio, se non senti proprio il rumore tipo quando innesti male una marcia e il cambio gratta.

Magari controlla che gli ingranaggi che hai usato si possano effettivamente usare in quelle posizioni, perché ogni tanto sembra che entrino bene ma in realtà sforzano o sono troppo distanti e slittano (grattando).

Un consiglio: tieni sempre un po' di lasco tra gli ingranaggi e i brick, in modo da non dover sforzare per girare gli assi.

 

no, no non fanno tutto quel rumore, è proprio solo che il motore "vecchio" va sui 4000rpm, quindi i primi rapporti dove riduco le rotazioni sono piuttosto rumorosi. Quello comunque l'ho risolto al 90% mettendo due trasmissioni con gli elastici nei primi due rapporti.

in un punto ho gli ingranaggi che fanno "TLACK" ma li ho una ruota folle che gira su una puleggia e va in presa sui due assi motore solo una volta ogni 30 secondi circa; il TLACK lo fa appunto quando impegna o libera le altre ruote dentate.

 

 

Dunque, ho dieci anni di esperienza di GBC, vediamo come posso aiutarti...

Wow!! Grazie mille!!

(adesso ti rompo le scatole :D )

 

1) assicurati che gli assi abbiano sempre almeno due punti di appoggio: se ne hanno solo uno vibrano, producendo rumore, disperdendo coppia e consumando gli ingranaggi. Meglio ancora, ogni ingranaggio deve stare tra due appoggi

2) il motore 2838 è ridicolo rispetto ai PF, se dopo aver rivisto la trasmissione non hai ottenuto la coppia che ti serve considera di cambiare

3) sul lungo periodo non devi preoccuparti troppo del motore, al massimo si consumano gli ingranaggi (usa quelli moderni, si trovano a quintali): cerca di ridurre gli attriti al minimo

4) la trasmissione ad elastici non è affidabile, evitala

5) aumentando il carico la velocità del motore ne risente, e varia anche con la temperatura e l'usura degli ingranaggi, quindi non avrai i tempi precisi che desideri; ti consiglio di tornare allo switch elettrico comandato da un motore apposta (non il micromotore però, pare troppo delicato per il lungo periodo)

6) ricordati che sono giocattoli di plastica, non sono fatti per lavori pesanti o continuati: non usare pezzi pregiati per la trasmissione o i supporti (sì, ho visto anche i fori dei mattoncini consumati...)

 

1)il secondo di appoggio mi manca in un punto solo, dove ho il meccanismo che mi fa fare le rotazioni alternate; purtroppo per ora non posso modificarlo, al primo ordine su bricklink mi prendo due liftarm e risolvo.

 

2)diciamo che ci stavo seriamente pensando, specie dopo aver trovato una tabella comparativa dei vari motori

l mio dubbio è se rischio poi di avere troppa coppia per quello che devo muovere.

In pratica con il sistema avanti/indietro devo movimentare la testa di alcuni animali (fatti coi bricks ovviamente, ma qui ne serve nulla) e una cremagliera lunga un 14 stud circa (che ha un certo attrito - sto cercando di ridurlo senza eccedere gli ingombri). Poi con moto continuo dovrei far andare 2-4 sistemi biella manovella che portano un certo peso (parliamo comunque di qualche decina di grammi, non di etti) e una catena/cingolo cui sono collegate due minifig a cavallo (quindi anche qui pesi non eccessivi): Stavo pensando se prendere un PF-XL oppure due PF-M, da usare uno per il moto continuo ed uno per quello con la rotazione inversa; i due motori medi mi consentirebbero anche un po' più di modularità nella costruzione (tutto questo è per muovere dei dettagli di un villaggio medievale)

 

3)Uh, buono a sapersi: temevo il rischio di bruciarli dopo le prime ore di uso continuo!

 

4)Ok, ad ora la ho solo per eliminare il rumore nei primi due rapporti del meccanismo (con gli ingranaggi e poco carico il motore "vecchio" sferraglia :D )

Inoltre la sto sperimentando come frizione nel muovere la cremagliera: dall'albero motore al pignone che muove la cremagliera, come ultima trasmissione ho un elastico, così quando la cremagliera arriva a fine movimento, se il pignone gira ancora, anziché sforzare sulla cremagliera il motore si limita a far girare in folle l'elastico.

Funzionare funziona, ma mi sembra che sforzi un po' troppo.

 

detto questo, almeno in queste due situazioni la trasmissione ad elastico è utilizzabile?Altrimenti non saprei proprio come risolvere il discorso della cremagliera.

 

5) Il micromotore, dopo aver visto i prezzi su bricklink, credo che lo metterò in un cassettino e non lo toccherò più per paura di rovinarlo :D

 

il problema con lo switch elettrico è che avrei il motore che avrebbe le tre "fasi" in cui è spento-orario-antiorario tutte della stessa durata, mentre meccanicamente riesco ad avere la fase "spento" molto più lunga delle altre due.

Se poi il tempo mi varia di qualche secondo non dovrebbe essere un grosso problema.

 

6) ??? Cavolo! pensavo fossero solo leggende metropolitane!!

Link to comment
Share on other sites

Hai provato a pensare a qualche tipo di camma o biella per i tuoi movimenti?

Per quanto riguarda gli elastici, alla lunga si smollano, specie se li usi spesso come ammortizzatori di fine corsa. Se hai un movimento fisso dovresti evitare proprio il fine corsa! Come alternativa c'è l'ingranaggio con frizione, ma non l'ho mai provato sul lungo periodo.

Link to comment
Share on other sites

Sì, ma con biella/manovella riesco solo ad ottenere una rotazione oraria e antioraria alternata, non mi riesce di inserire una pausa tra le due rotazioni.

 

Per gli altri movimenti, non posso sostituire la cremagliera con biella/manovella perché mi serve che si muova per un 10/15 stud, quindi dovrei inserire un albero a gomiti gigantesco...e far comandare la cremagliera da una biella/manovella mi crea troppo attrito.

 

Riguardo all elastico sul finecorsa, io lo metterei per non dovermi preoccupare troppo di quantè rotazioni dare al pignone che muove la cremagliera: mi spiego, se con 8 arriva a fondo corda ma il pignone ne fa 10 prima di invertite la rotazione e tornare indietro, anziché mettere riduzioni per ottenere il giusto numero di rotazioni lascio che girino a vuoto sull'elastico.

L'ingranaggio con frizione non l'ho mai provato..si attiva automaticamente superata una certa coppia?

Link to comment
Share on other sites

Riguardo all elastico sul finecorsa, io lo metterei per non dovermi preoccupare troppo di quantè rotazioni dare al pignone che muove la cremagliera: mi spiego, se con 8 arriva a fondo corda ma il pignone ne fa 10 prima di invertite la rotazione e tornare indietro, anziché mettere riduzioni per ottenere il giusto numero di rotazioni lascio che girino a vuoto sull'elastico.

Io ti ho avvisato, poi vedi te :)

 

L'ingranaggio con frizione non l'ho mai provato..si attiva automaticamente superata una certa coppia?

Link to comment
Share on other sites

Rcx non li conosco per nulla, purtroppo, credo siano entrati ed usciti di produzione durante la mia "Dark age".

Avevo pensato ai mindstorm ma il prezzo mi ha fatto desistere..

 

Questo l'ho trovato su bricklink dal mio venditore di fiducia e l'ho preso senza nemmeno pensare bene a come usarlo (è che è uno dei pochissimi technic che da bimbo avrei voluto ma non mi hanno mai comprato).

 

Riguardo alla temporizzazione non sono nemmeno sicuro sia possibile farla con questo: da quanto ho letto i programmi che permette sono solo sequenze di operazioni, senza però fare pause tra una e l'altra.

 

Detto questo, i/gli RCX si programmano tramite PC? Cosa devo cercare su bricklink?

Link to comment
Share on other sites

Con il Control Center puoi memorizzare sequenze (anche temporali, quindi) di comandi.

Pertanto puoi "registrare" anche una lunga sequenza che attivi, alternativamente nel senso di rotazione, un motore. Anche con delle pause tra una rotazione ed un altra, se non ricordo male..

L'RCX si programma con un PC. Se hai un minimo di dimestichezza con la programmazione, non avrai grossi problemi a farlo funzionare (e il costo è relativamente basso).

Sul forum trovi vari esempi di codice, così ti puoi fare un'idea...

Link to comment
Share on other sites

grazie mille!

 

leggendo in giro io avevo capito che le pause (o meglio, il tasto pausa) non hanno una durata definita, ma in pratica viene messo in stand-by il programma finchè non lo si fa ripartire col tasto on.

continuo a riportare solo quello che ho letto perchè non ho ancora fisicamente il Control Center per poterci sperimentare :D

 

di sicuro il valore aggiunto di questo è l'evitarmi l'impiccio del/dei battery box.

 

 

 

...adesso mi informo sull'RCX...soprattutto sul costo su bricklink!

Link to comment
Share on other sites

Se non ti serve ogni singolo ingranaggio per muovere qualcosa, puoi ridurre il numero di ingranaggi e quindi attriti/usura.

 

In quanto all'RCX volendo ti posso aiutare, ne ho 2 e ho ancora il software installato in un vecchio portatile se c'è da fare qualche prova, altrimenti c'è Rudy che è molto bravo :)

 

 

 

8283.png

gears.lxf

Link to comment
Share on other sites

Gli ingranaggi purtroppo servono quasi tutti, tra quelli per ridurre la velocità sei vecchi motori e quelli per muovere le minifig.

 

Riguardo l'rcx grazie dell'offerta! Per ora sto ancora cercando di capire quali sono le differenze tra la versione 1.0 e la 2.0...e se mi conviene un set completo o solo il mattoncino rcx...

Inoltre, se ho capito bene ci sono dei sensori (tipo quello di colore) che interagiscono con l'RCX, esatto?

C'è un modo per fargli "sentire" se il motore sta sforzando/ stalla e deve invertire la rotazione?

 

 

Ps: ieri è arrivato il control center: adesso cerco un trasformatore e inizio le prove con lui (che mal che vada farà da battery pack e comanderà i movimenti che non necessitano temporizzazione)

Link to comment
Share on other sites

La versione 1.0 è l'unica con la presa di corrente per collegare l'alimentatore, io purtroppo ne ho una 1.5 e una 2.0, in ogni caso qualsiasi versione è aggiornabile all'ultimo firmware disponibile, sono tutte praticamente identiche tranne per la mancanza del connettore nelle versioni successive e piccole revisioni interne.

 

Il set completo è abbastanza autoreferenziale, ci sono i pezzi per fare le cose dimostrative da manuale, non sono pezzi brutti, ma molti hanno colori sgargianti e di altri potresti non fartene assolutamente niente.

 

Il set completo comprende 2 motori, 2 o 3 sensori di tocco e 1 sensore di luminosità.

Volendo c'è un sensore di rotazione da prendere a parte.

Link to comment
Share on other sites

Grazie della spiegazione, sei stato più che esauriente!

 

Penso che prenderò solo RCX e sensori, visto che il set più economico su bricklink è sui 60/70 euro più spedizione..mentre prendendo solo i componenti "elettronici" dovrei cavarmela con una 15ina.

Mi rimangono un paio di dubbi soltanto: se ho capito bene il "mattoncino" RCX va collegato al PC tramite porta rs232: sai se è compatibile con gli adattatori rs232/usb?

Il sensore di tocco (che ha un costo davvero irrisorio) è compatibile solo con l'RCX o si può usare autonomamente?

 

Grazie ancora.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Non ho mai provato i sensori da soli ma penso che non abbiano molto uso.

 

Il mattoncino RCX comunica col pc usando una torretta infrarossi, a quanto ne so ne esistono di 2 tipi, RS232 e usb.

 

Io con la versione 2.0 ho la Torretta infrarossi usb che non richiede la batteria e giri strani con gli adattatori. Quella RS232 non la uso dal 2000 quindi non ti so dire, se riesci a trovarla ti consiglio quella usb.

Link to comment
Share on other sites

Confermo che i sensori di tocco (semplici pulsanti) non possono essere utilizzati senza l'accoppiata con l'RCX.

Nel tuo caso, puoi usarli come "fine corsa" anche se probabilmente è più semplice implementare il sensore di rotazione. Purtroppo il costo è ben superiore a quelli di "tocco".

Link to comment
Share on other sites

grazie del chiarimento!

 

peccato per i sensori di tocco...ne vorrei mettere due alle due estremità del meccanismo che ho postato nella pagina precedente, ma mi frena un po' il doverli collegare al mattoncino RCX (son tirchio: mi scoccia pagare 15 euro per l'infrarosso con collegamento usb per programmare l'RCX)

 

...forse riesco ad usare gli switch al posto dei sensori di tocco...uhm...

Link to comment
Share on other sites

Ciao anche io da svariate settimane mi sto ingegnando per risolvere un problema simile ma sono giunto alla conclusione che ho bisogno di un RCX

Volevo sapere, visto che ormai è tutto fuori produzione, se qualcuno sa se il nuovo Pf che dovrebbe uscire in estate possa risolvere la situazione

 

grazie

Link to comment
Share on other sites

Nuovo power function? Sono sempre l'ultimo dei diretti interessati a sapere le cose? :D

 

Comunque la soluzione migliore è quella col sensore di rotazione, chiaramente bisogna riprogrammare l'RCX per usarlo, ma bisognerebbe riprogrammarlo comunque per qualsiasi cosa che non sia il classico "roomba".

 

Da quanto ho letto in giro è possibile usare la torretta IR RS232 anche con un adattatore USB, comunque serve un pc con windows XP se si vogliono usare i software ufficiali, altrimenti con ROBOLAB è possibile usare anche Windows 7 (e successivi, immagino), oppure NQC con Brickx.

 

Stavo valutando di passare ai nuovi mindstorms ma non mi piacciono molto i motori con quelle forme strane che mi costringerebbero a fare delle costruzioni personalizzate solo per farceli stare, preferisco i classici power functions.

 

P.S.: ho scoperto che il mio vecchio RCX ha smesso di funzionare :(

Link to comment
Share on other sites

Ah i WeDo... li ho rimossi completamente dai ricordi per il solo fatto che sono l'ennesimo sistema proprietario con connettori dedicati incompatibili col resto dei prodotti lego... oltre a costare non poco.

 

Certo, non sono all'altezza di RCX/NXT/EV3, ma probabilmente per fare muovere qualcosina sono anche sufficienti.

 

Invece ho accolto con un certo disappunto il fatto che dai commutatori PF hanno tolto l'interruttore del verso di rotazione :(

-> http://shop.lego.com/it-IT/Commutatore-Power-Functions-8869?fromListing=listing

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo devo ancora provarlo: sto faticando parecchio a trovare un trasformatore (o meglio, so di averne alcuni a casa dei miei ma non li trovo) e non voglio comprare 10 euro di batterie :P

Spero di riuscire a provarlo nel weekend, nel frattempo sto provando e aggiungendo meccanismi (...e motori, sigh); ad ora dovrei avere, se funziona tutto, 5 diversi movimenti nel diorama, comandati da 3 motori.

 

 

...qualcuno, a tempo perso, mi spiegherebbe cosa sono i we do? Dei set lego PF solo per scuole?

Link to comment
Share on other sites

@scuotter Ma guarda te cosa hanno tirato fuori oggi su eurobricks: http://www.eurobricks.com/forum/index.php?showtopic=127262entry2518226 (non so se si vedono le immagini se non si è registrati) per mettere in pausa un motore dopo un certo tempo facendo calare il numero di giri.

Chiaramente quella combinazione di pezzi dovrebbe essere lo switch power functions :P

Link to comment
Share on other sites

Visto!grazie mille!

Purtroppo dopo aver messo in pausa il motore l'interruttore è su "off" e non girando più il motore non si esce dalla pausa a meno di far comandare l'interruttore ad un altro motore. (Volendo i vecchi interruttori hanno anche la sede per un axle in mezzo, quindi si evita di passare al moto lineare)

Avevo anche provato una cosa simile alle altre soluzioni indicate nel link, ma il vecchio motore 9v non ha abbastanza coppia (avevo due riduzioni 1/24 con ruote e viti senza fine, poi il moto alternato ed infine un paio di moltoplicatori ma non riuscivo a muoveRe il meccanismo causa troppo sforzo)

 

Adesso stavo pensando a questo (domani posto uno schizzo):

Il mio movimento è dato da un treno di ruote dentate su cui scorre una cremagliera. Il motore muove la prima ruota, cui è collegata la seconda e via dicendo, la cremagliera invece è solo " appoggiata" sulle ruote e viene quindi trascinata.

Vorrei provare ad inserire una leva a fondo corsa della cremagliera (ad entrambe le estremità) che vada ad innestare o togliere un ingranaggio folle posto tra il motore e la prima ruota dentata. In questo modo, in teoria, il motore "spinge" la cremagliera finché questa non va a muovere la leva, dopodiché il moto viene invertito e la cremagliera viene trascinata indietro fino ad azionare l'altra leva e ad invertire il moto, ed il ciclo ricomincia.

 

Potrebbe funzionare?

Link to comment
Share on other sites

Domani dovrebbero arrivarmi i libri di Isogawa che ho ordinato (o meglio, mi erano arrivati oggi ma non ero a casa :-[) e probabilmente ci trovo qualche cosa interessante da suggerirti, in ogni caso puoi già dare un'occhiata ai PDF gratuiti che ci sono sul sito: http://www.isogawastudio.co.jp/legostudio/toranomaki/en/download.html

Non preoccuparti per il giapponese, tanto sono praticamente solo immagini :)

Link to comment
Share on other sites

..........Mi rimangono un paio di dubbi soltanto: se ho capito bene il "mattoncino" RCX va collegato al PC tramite porta rs232: sai se è compatibile con gli adattatori rs232/usb?

 

Prova a dare un'occhiata all'articolo di @Rudy:

http://www.zarli.it/index.php/guida-allinstallazione-e-configurazione-dellrcx/

 

Sul mio PC, la torretta USB ha funzionato fino a Windows XP.

Con W7 e W10, l'unica soluzione che ho trovato è quella indicata da Rudy.

 

Purtroppo è limitato il set di sensori (manca un sensore di distanza).

Se dai un'occhiata a questo link, però trovi un paio di soluzioni che ho implementato anni fa:

http://digilander.libero.it/Valter_1966/utilitylego.html

 

L'RCX rimane comunque un ottima macchina, guarda cosa è riuscito a fare, surclassando i più nuovi e "pubblicizzati" NXT ed EV3 ;)

http://itlug.org/forum/index.php/topic,4801.msg52063.html#msg52063

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Invece ho accolto con un certo disappunto il fatto che dai commutatori PF hanno tolto l'interruttore del verso di rotazione :(

Meno male che ne ho acquistati 3 o 4 lo scorso anno :D.

 

Comunque con l'interruttorino per selezionare la rotazione, ho avuto dei problemi nei miei SumoRobot.

Probabilmente a causa delle sollecitazioni si muovevano e si mettevano in posizione central/OFF.

Quasi quasi è meglio che non ci sia più :-X

Link to comment
Share on other sites

Belle domande!

 

Riguardo l'rcx grazie dell'offerta! Per ora sto ancora cercando di capire quali sono le differenze tra la versione 1.0 e la 2.0...

 

Differiscono per la versione del firmware (che comunque puoi aggiornare alla 2) ma soprattutto per la presenza nell'1.0 della presa per il trasformatore dei treni, cosa fondamentale per MOC da evento

 

e se mi conviene un set completo o solo il mattoncino rcx...

 

Vedi la lista della spesa sul mio sito:

Guida RCX per principianti

 

Inoltre, se ho capito bene ci sono dei sensori (tipo quello di colore) che interagiscono con l'RCX, esatto?

C'è un modo per fargli "sentire" se il motore sta sforzando/ stalla e deve invertire la rotazione?

 

Il sensore più semplice è quello di tatto, basta usarlo come sensore di fondo corsa.

La particolarità dei sensori è che puoi usarli in parallelo, ovvero due fondo corsa sullo stesso canale (l'RCX ha tre porte per i sensori ed altrettante per i motori)

Da programma:

 

- vai avanti

loop

- se tocca il sensore

-- cambia verso

 

Se ti può essere d'aiuto, il problema dell'interruttore l'ho risolto così:

http://www.zarli.it/index.php/gru-per-container-lego/

http://www.zarli.it/index.php/robocrane/

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Grazie mille a tutti delle risposte!!

sto finalmente cominciando a capirci qualcosina in più.

 

 

@Wolfolo

Avevo visto alcuni esempi qualche tempo fa, credo sul sito che mi hai indicato, ma non avevo trovato una soluzione :( non so se i libri siano più completi..se ti capita di vedere qualcosa mentre li sfogli... ;)

 

 

@Valter1966 e @Rudy:

grazie! quindi conviene puntare su un mattocino RCX 1.0 e torretta seriale (stavo già per comprare l'usb :D )

i sensori che andrei ad usare sono comunque solo quelli di tatto, almeno per il momento, quindi perfetto...ottimo anche il link al programma BrixCC, che mi evita di cercare di far andare qualcosa su win10 :)

 

 

 

uh, qui c'è lo schemino di quello che mi sono pensato stanotte:

le ruote nere sono quelle che muovono la cremagliera (rosso).

in verde il meccanismo basculante intorno a 2 cerniere (verde scuro) che porta un ingranaggio (blu) collegato al motore.

idealmente la cremagliera, a fondo corsa, va a spingere il basculante, spostando l'ingranaggio blu sulla ruota folle che non ho disegnato ( ::)) e andando quindi ad invertire il senso di rotazione e la direzione della cremagliera.

dopo provo a montarlo, se funziona così mi sa che posso sfruttare buona parte dei comandi elettronici per altri movimenti :)

 

 

 

 

 

 

8348.jpg

Link to comment
Share on other sites

Dai vari suggerimenti dei libri ho provato a fare qualche ricerca su internet:

 

Potrebbe fare al caso tuo? Un po' rumoroso magari ma almeno inverte da solo il movimento :D

Chiaramente bisogna impostare correttamente i rapporti degli ingranaggi per ottenere la velocità desiderata, in ogni caso il pezzo centrale dovrebbe restare uguale a quello del video

 

Ah, poi c'è questa perla del mitico Akiyuky:

 

 

EDIT:

Sono andato avanti con la lettura dei libri, questo è molto interessante c'è una sezione intera dedicata al cambio di rotazione sia commutando lo switch del pacco batterie PF, sia spostando ingranaggi o trasformando il moto rotativo in lineare oppure sfruttando il movimento della vite senza fine per innestare un ingranaggio o l'altro

Link to comment
Share on other sites

grazie mille!! Davvero!!

 

allora,

andando con ordine:

il meccanismo del primo video vale la pena di provarlo, mentre quello del secondo, per quanto sia bellissimo da vedere è parecchio ingombrante (e non ho tutta quella catena a disposizione :( )

più che altro, io devo muovere la cremagliera per una lunghezza di una 20ina di stud, quindi facendo una cosa come nel secondo video avrei un insieme di oltre 40 stud (che non sono sicuro riuscirei a "mascherare"nel diorama)

Il primo che hai linkato invece, se non sforza troppo per via delle riduzioni potrebbe essere un ottimo spunto (anche qui rimane il problema della cremagliera ma pensavo usare più ruote dentate e adattarlo al mio meccanismo)

 

riguardo al libro di Isogawa...mi sa che quasi quasi me lo prendo anche io :D

Link to comment
Share on other sites

Per quello di Akiyuky non penso sia strettamente necessario usare una catena, probabilmente si riesce a fare anche in altri modi, anche se quello è il più contenuto.

 

Sto provando un po' di meccanismi senza ingranaggi (solo il riduttore di giri collegato al motore) e sono riuscito a farne uno con un'escursione di 11 stud della cremagliera usando un pantografo, si muove da solo avanti e indietro e fa una pausa di mezzo secondo quando arriva a fine corsa per poi tornare indietro.

 

Un altro invece è basato sul meccanismo di ritorno rapido di Whitworth, più piccolo rispetto al precedente, in questo caso la cremagliera si muove a 2 velocità: lenta all'andata e veloce al ritorno, anche avendo una buona escursione di 21 stud purtroppo anche questa non è applicabile al tuo caso

 

Chiaramente sono enormi e a questo punto conviene muovere la cremagliera con gli ingranaggi usando il metodo del primo video

 

EDIT:

Ho trovato un video carino con esempi di meccanismi (il primo è uno di quelli a pantografo che ho fatto), il secondo è un differenziale, il terzo è il meccanismo di ritorno rapido, il quarto è sostanzialmente quello del primo video e l'ultimo è fattibile in lego (c'è nel libro di Sariel) ma è molto complicato.

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Grazie ancora!! Stasera la connessione non collabora: me lo guardo domattina il video...

 

Intanto aggiornamento IMPORTANTISSIMO: ho trovato il trasformatore e collegaTo il control center: funziona!! E sebbene non registri la durata delle pause si riesce a temporizzare un motore sfruttando l'attivazione degli altri.mi spiego:

Accendo il motore1 e lo faccio andare per 10 secondi, poi smetto di premere il pulsante e il motore si ferma, ora attivo il motore2 per 10 secondi e poi riaccendo l'1 ma in direzione opposta. Il programma seppur non fa pausa tra le attivazioni non ne fa iniziare una finché la precedente non è finita, quindi ecco il mio temporizzatore :D

 

Ah, funziona sia a 9 che a 12 volt! (Ok, anche a 4,5 ma non mi sembra il caso :P )

 

 

EDIT: visto il video! purtroppo son tutti belli ingombranti come meccanismi...o meglio, lo diventano per escursioni lunghe :(

oggi ho passato già parecchio tempo ad imprecare con parti meccaniche in ufficio, quindi proprio non sono nella condizione di mettermi ad imprecare anche coi technic, ma domani (imprevisti e progettisti permettendo) vedo di mettermi sotto e provare un paio di combinazioni di motori e Control Center.

 

Tra l'altro, il mio ENORME* meccanismo di riduzione della velocità ed inversione del moto ora è pressochè diventato superfluo, quindi credo di aver appena recuperato qualcosa come 500 mattoncini misti :D

 

* enorme perchè per cammuffarlo nel diorama ho dovuto costruirci intorno una casa

Link to comment
Share on other sites

Ho finalmente* fatto le prove con il meccanismo collegato al control center. Qui c'è un video col funzionamento; non si muove benissimo ma si muove :)

 

La costruzione è ancora incompleta perché è venuta un po' più grossa del previsto e ho praticamente finito i mattoncini grigi.

 

 

 

 

*in realtà ho collaudato qualche giorno fa, ma non avevo ancora uploadato il video

Link to comment
Share on other sites

Grazie! Nella prima versione la guardia veniva ruotata da un secondo motore e in pratica girava sul posto a fondo corsa, ma così mi evito un motore e parecchio ingombro. Probabilmente poi la farò entrare in delle torrette a fine percorso, in modo da mascherare parzialmente la rotazione, che non mi convince del tutto.

( adesso stacco un po' dal diorama medievale e vedo di motorizzare l'at-te ;D)

Link to comment
Share on other sites

in effetti...sì è un po' tardi :D

più che altro perchè tra un mesetto circa DEVO esporre il villaggio medievale e mi mancano 3 quarti dei movimenti...mentre questo è tra i pochi già implementati...

 

però a fine evento mi sa tanto che smonto tutto e copio il meccanismo che hai postato...veramente bella come idea! (devo solo procurarmi i pezzi necessari...)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...