Jump to content
IGNORED

FS E326-004


LT12V
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti, dopo aver visto il fantastico modello di VEDOSOLOLEGO su lego idea ho voluto cimentarmi nella costruzione dello stesso locomotore :P

 

La mia versione è larga 7 per permettermi di poter inserire le batterie ed i motori e per rispettare meglio le proporzioni che avevo in mente per i pantografi e per inserire frontalmente quello schermo che separa la porta d'accesso dai finestrini di guida.

 

Nel modello ho voluto inserire anche le luci: lo so ho dovuto trapanare i tre (x2 sei) mattoncini frontali :-X ma una mia locomotiva senza impianto d'illuminazione non la vedrete mai! :D

 

Posto alcune foto, l'intero servizio con video della E326 in azione è alla sezione treni su EuroBricks

 

e326-002.jpg

 

e326-008.jpg

 

e326-003.jpg

 

e326-019.jpg

 

e326-020.jpg

 

...a presto altre locomotive italiane in arrivo! ;D

Link to comment
Share on other sites

Complimenti anche sul sito italiano, veramente bella, io me le ricordo quando giravano, qualche volta hanno trainato pure carrozze passeggeri sulle tratte Gorizia-Trieste che frequentavo.

 

Sergio ed Eros

Link to comment
Share on other sites

Cosa dire Emanuele..

Lavoro assolutamente perfetto. Qui si vede l'esperienza e la maestria nel costruire locomotive. Mi inchino. La mia è stata poco più di una bella idea, se non altro non l'aveva mai fatta nessuno. La tua è semplicemente perfetta. Sono contento di averti ispirato a creare questo modello ed averti lanciato verso la costruzione di nuovi modelli italiani. Guardandola mi ricorda molto la mia, nella scelta di alcuni pezzi, nei dettagli, però tu l'hai portata ad un livello molto superiore. Anche tutta la parte per farla funzionare, io non ci sarei mai riuscito e comunque non credo avrei avuto la pazienza per metterla a punto. I miei complimenti, davvero. Sarebbe bello vederle una accanto all'altra per fare un confronto diretto. Io la porterò a Lecco insieme a tutti i miei progetti LEGO Ideas. Se passi portala con te.

Link to comment
Share on other sites

Dunque non so bene da dove iniziare, intanto ringrazio ancora per i bellissimi complimenti e ringrazio GianCann per aver dato ancora più visibilità a questa MOC pubblicando le foto su facebook :) ...ma voglio far notare, caso mai ce ne fosse bisogno, di non avere inventato (ahimé) nulla nel senso che i vagoni sono una replica di quanto tempo fa era stato fatto da Helos, e la locomotiva ...beh quella è stata assolutamente una creazione geniale che mai mi sarei sognato di poter fare se non l'avessi vista realizzata da Vedosololeg0.

 

Per evitare poi di fare un plagio bello e buono ho aguzzato l'ingegno per motorizzare il modello allargandolo, ma nella mia prima versione a 8 studs mi sembrava di aver costruito un cassone sgraziato, da lì l'idea di scendere a 7 studs complicandomi la vita ma regalandomi poi la soddisfazione di un risultato più proporzionato.

 

Evidentemente sarei felice di vedere le due E326 affiancate e poter parlare col "papà" dell'opera che definisco il "modello zero". 8)

 

Da ultimo volevo salutare Sergio ed Eros sempre molto attenti alle mie creazioni dicendo che invidio Sergio per aver visto dal vivo questa locomotiva che ritengo particolarmente affascinante perché mantiene ancora dei tratti ottocenteschi in comune con le locomotive a vapore, per via di quelle enormi ruote. :P

 

Link to comment
Share on other sites

in effetti io mi ricordo di ruote molto grandi, però, siccome parliamo di più di quarant'anni fa (sic!), non vorrei che fossero state le E626, molto simili nella sagoma. E' possibile in realtà che le abbia viste entrambe. D'altra parte mi ricordo ancora le vaporiere che facevano la spola tra Gorizia e la Yugoslavia (anni "60 del secolo scorso.. ::)).

Sergio

Link to comment
Share on other sites

Ancora una eccellente trasposizione in mattoncini di un interessante e italianissimo soggetto. Mi aggiungo a farti i complimenti, che naturalmente vanno anche a Vedosololego. L'upgrade dei modelli fa parte delle regole di questo gioco.

I carrelli sono un elemento molto caratteristico di questi locomotori. Bellissimo il lavoro di riproduzione, con la chicca delle sabbiere e perfetto ed efficace il funzionamento.

 

Fa piacere vedere crescere interesse e repliche di macchine suggestive come questa. Mi ha anche colpito la scelta della 326 che è stata prodotta in pochissimi esemplari, quasi dei prototipi se si confrontano i numeri con altri gruppi delle FS e comunque rara da vedere in circolazione. Quasi superfluo dire che questa riproduzione è il preludio verso il gruppo 428, certamente più numeroso e stimolante per la sfida con i bricks. E' molto forte infatti la somiglianza della 326 con la più potente E428 prima serie, delle quali era ancora facile vederne esemplari regolarmente in servizio alle soglie degli anni '80, anche se gli upgrade riguardavano quasi solo le serie successive. Trasporre in Lego un 2Bo Bo2 su cassa rigida sarà più complesso del 2Co2, ma basterà fare riferimento alle ancora più complesse BR realizzate da Emanuele per trovare la soluzione.

Oltre al fascino intrinseco di questo tipo di locomotive, c'è la storia di uno sviluppo industriale ancora blindato dentro i confini italiani, uno sviluppo in diretta competizione tecnica con altri Paesi, Germania ovviamente in testa. Più volte è emersa l'eccellenza italiana nel saper produrre tecnologia di riferimento pur non potendo contare sui migliori materiali e processi produttivi del momento. E non solo in campo ferroviario.

Nella 326, come poi nel 428, è evidente l'impostazione progettuale ancorata alle vaporiere e afflitta da tutte le tonnellate di materiale necessarie per supportare e scaricare la potenza delle "nuove" motorizzazioni elettriche. Purtroppo questo peso e questa potenza si è sposata male con i deboli binari dell'epoca e la conformazione delle linee ferroviarie, vanificando in parte il risultato tecnologico ottenuto.

Il risultato Lego invece è eccellente, è un piacere ripeterlo e vedere aumentare modelli e appassionati costruttori.

Link to comment
Share on other sites

complimenti .. bel soggetto riproposto ... veramente interessante vedere cosa si puo' creare con i mitici mattoncini , in scala minifig ::) i treni mi piacciono molto pero' non mi son mai dedicato a costruire una moc.... mi state facendo venire l'accquolina in bocca

Link to comment
Share on other sites

Grazie di cuore a tutti ragazzi, siete sempre prodighi di complimenti!

Stefano addirittura non ha rivendicato la paternità del deign sui suoi vagoni portaterra ...posso solo dire "che grande stile"! ;D

 

Un saluto ovviamente a Giuseppe e Lori ...grazie ancora! ;)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...