Jump to content
Norton74

Ford Roadster ’32

Post raccomandati

Ciao a tutti,

oggi presento il mio ultimo lavoro, un "Roadster" su base Ford model "B" del '32. Può essere considerato come il più iconico Hot Rod dell'era classica, cioè del periodo successivo alla seconda guerra mondiale fino al '65, quando i giovani squattrinati del sud della California elaboravano le vecchie Ford B, numerosissime ed economiche, rendendole delle auto da gara con le quali scorrazzavano sulle strade della costa e gareggiavano sulle piste di sabbia.

Il mio Roadster in livrea "total black", monta un V8 flathead e ruote maggiorate. Ho inserito degli elementi cromati che fanno risaltare ancora di più la pulizia delle linee. Mi piace molto la linearità delle forme e le proporzioni armoniose. Anche le ruote si inserisco bene nel contesto e lo rendono aggressivo ma pur sempre elegante. A questo contribuiscono anche le coppe cromate (radar). La parte posteriore è curvata e una sottile barra cromata funge da piccolo paraurti (ha più una funzione estetica che altro). Anche il frontale mi sembra particolarmente riuscito con la griglia cromata e i due grossi fari laterali.

Pensandolo partecipare alla famosa gara sul lago salato di Bonneville, dove gli Hot Rod erano di casa, ho applicato sulle portiere il numero di gara: 74 naturalmente :)

Ecco qualche foto:

19928192303_04c503509b_c.jpg

Immancabile lo scatto in officina mentre viene rimesso al suo posto il grosso V8

20496051836_05bb12105b_c.jpg

Il posteriore semplice ed elegante

19899448664_b77a0a4f34_c.jpg

20334041468_8a8bc92d8b_c.jpg

Ieri è stato bloggato da The Brothers Brick e da The LEGO Car Blog ;D

Come al solito vi aspetto su flickr per più immagini e dettagli e su Facebook.

Grazie dell'attenzione.

All the best and happy building!

Ultima modifica: da Norton74

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Stupenda!!

Grazie Arrow!

 

Sono uno spettacolo le tue MOC!

 

I mattoncini delle auto sembrano appena lucidati. Bellissimo.

Grazie Andrea. Pensa che almeno il 60% dei pezzi che uso ha tra i 20 e i 40 anni ma si mantengono ancora bene...

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per postare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai un account? Accedi .

Accedi ora

  • Visualizzato ora da   0 utenti

    Nessun utente registrato su questa pagina.

  • Contenuto simile

    • di Teazza
      Ciao a tutti, con alcuni afol genovesi ( @pivan ; @Vitriol ; @Iry ) stavamo pensando di sviluppare un diorama a tema futuristico / post apocalittico
      Vi presento il mio primo "modulo", una sorta di baraccopoli decadente:



      Cosa ne dite? suggerimenti?
      Il tema mi piace molto e ho in mente diversi soggetti per nuovi moduli, vi aggiorno.
      Ciao
       
    • di sdrnet
      Eccomi qui con una nuova moc.
      Questa volta sono uscito fuori dai miei soliti schemi per creare una cosa che mi interessava fare da tempo.
      Quando ero un ragazzino mi piaceva molto la mitologia greca, leggevo le storie dei miti ed eroi greci e mi affascinava scoprire le incredibili avventure che si trovavano ad affrontare.
      Tra i miti più conosciuti quello che mi ha sempre colpito è la storia di Perseo e Medusa.
      Ci sono varie versioni del mito di Perseo. Quella più acclamata però è questa:
      "Perseo, figlio di Zeus, per via di una disputa con il re Polidette gli viene chiesto di recuperare un oggetto magico e pericolosissimo: la testa di Medusa.
      Medusa era una delle tre Gorgoni, tre sorelle e mostri che abitavano nell'estremo occidente del mondo conosciuto dai greci.
      Aveva dei serpenti al posto dei capelli e un terribile potere ovvero quello di pietrificare chiunque le volgesse lo sguardo.
      Perseo si deve recare nel regno degli inferi e navigare nel fiume Stige attraverso il traghettatore di anime, Caronte.
      Per riuscire nella sua ardua impresa, in questo regno spettrale dovrà recuperare dei manufatti magici dalle Graie e poi scoprire il luogo segreto dove si trova il tempio di Medusa. Atena donò invece a Perseo uno scudo lucido come uno specchio dicendogli che avrebbe dovuto guardare Medusa solo di riflesso.
      Grazie allo scudo di Atena, l'elmo di Ade che rende invisibili e un falcetto, Perseo recise la testa di Medusa e la ripose in una sacca magica.
      Con la testa riuscì successivamente anche a liberare la bellissima Andromeda, sua futura sposa, salvandola da un terribile ed enorme mostro marino liberato da Poseidone.
      Ancora oggi si può ammirare la magnifica scultura bronzea di Perseo nella Piazza della Signoria a Firenze."

      Ho cercato con questa modesta opera di ricreare la scena principale, con il fiume Stige e il traghettatore Caronte, l'ambiente spettrale e ovviamente Perseo in procinto di tagliare la testa di Medusa mentre usciva dal suo tempio. La moc è abbellita da un filo di microled nascosti tra i brick per donare luce in questo luogo infernale.
      La costruzione mi ha richiesto un mese di tempo, e questa volta non ho realizzato il progetto su cad ma sono andato di istinto.
      La moc è realizzata con circa 3.900 pezzi e sarà presentata per la prima volta al MEI di Verona 2020.
      Buona visione delle foto
      Saluti da Sandro
      Galleria Flickr: https://www.flickr.com/photos/sdrnet/albums/72157690184763535



    • di Pix
      Come il Negozio Sarto e la Sweet Bakery, anche questa è una MOC realizzata per @Frank4bricks e per il suo libro (La Casa in Città). 
      La MOC in questione è indirizzata a dei "giovani AFOL" o per chi si affaccia per la prima volta al mondo delle MOC, in questo caso alla realizzazione di piccoli "palazzi" per creare una prima città(dina).
      La richiesta fu di MOC semplici, basilari e facili da realizzare, ovviamente (quindi) con pochi pezzi.
      L' Irish Pub è un piccolo Pub per la bevuta di qualche birra analcolica in LEGO city. All'epoca non esisteva ancora Stud.io, quindi utilizzando LDD dovevo "rispettare" certe limitazione di pezzi (esempio il tile round 2x2 per le freccette, o i tile 1x effetto legno). Bando alle "scuse", vi allego delle immagini della MOC. Il Render è stato volutamente realizzato in stile fumettoso.
      IRISH PUB - Assieme





      IRISH PUB - Dettaglio interni



      LEGGENDA...
      Si mormora tra i bassi fondi di LEGO City, che qui Vito viene a festeggiare e a bersi una birra analcolica dopo ogni colpo...
       
       
    • di Pix
      Come il Negozio Sarto, anche questa è una MOC realizzata per @Frank4bricks e per il suo libro (La Casa in Città). 
      La MOC in questione è indirizzata a dei "giovani AFOL" o per chi si affaccia per la prima volta al mondo delle MOC, in questo caso alla realizzazione di piccoli "palazzi" per creare una prima città(dina).
      La richiesta fu di MOC semplici, basilari e facili da realizzare, ovviamente (quindi) con pochi pezzi.
      Sweet Bakery è un piccolo laboratorio di pasticceria. All'epoca non esisteva ancora Stud.io, quindi utilizzando LDD dovevo "rispettare" certe limitazione di pezzi.
      Bando alle "scuse", vi allego delle immagini della MOC. Il Render è stato volutamente realizzato in stile fumettoso.
      SWEET BAKERY - Assieme




      SWEET BAKERY - Dettaglio interni


      LEGGENDA...
      Si mormora tra i bassi fondi di LEGO City, che qui Vito svolse il suo primo lavoro da giovane, scaricando i sacchi di farina nel retro bottega...
       
       
       
    • di Pix
      A distanza di due anni (ma forse anche di più) realizzo questo post con una mia MOC realizzata per @Frank4bricks e per il suo libro (La Casa in Città).
      La MOC in questione è indirizzata a dei "giovani AFOL" o per chi si affaccia per la prima volta al mondo delle MOC, in questo caso alla realizzazione di piccoli "palazzi" per creare una prima città(dina).
      La richiesta fu di MOC semplici, basilari e facili da realizzare, ovviamente (quindi) con pochi pezzi.
      La prima MOC è il "Negozio Sarto". Piccolo "modulare" (se così si può definire) di due piani; il piano terra dedicato alla vendita, il piano superiore dedicato al laboratorio della sarta.
      All'epoca non esisteva ancora Stud.io, quindi utilizzando LDD dovevo "rispettare" certe limitazione di pezzi (esempio non ci c'era ancora il tile con il metro o altro) e di "unione" (esempio i pantaloni dovevano essere messi sotto il plate, per simulare un appendino). Bando alle "scuse", vi allego delle immagini della MOC. Il Render è stato volutamente realizzato in stile "fumettoso"...
      NEGOZIO SARTO - Assieme


      PIANO TERRA - Reparto vendita


      PIANO TERRA - Dettaglio cassa

      PRIMO PIANO - Laboratorio


      PRIMO PIANO - Dettaglio interni





      LEGGENDA...
      Si mormora tra i bassi fondi di LEGO City, che qui Vito si fece fare il primo completo gessato...
       
       
       
×
×
  • Crea nuovo...