Jump to content
IGNORED

Colorazione e modifica pezzi... una deriva sempre più tollerata?


GianCann
 Share

Recommended Posts

In questi ultimi giorni mi è capitato di vedere almeno un paio di nuove (e onestamente belle) MOC, nelle quali ho notato, ad una prima superficiale vista, "uso di tecniche" o pezzi in "nuovi colori"... approfondendo meglio, ho poi scoperto che non si trattava di nuove tecniche/nuovi colori, bensì di vere e poprie modifiche con taglio/smussamento dei pezzi o intera colorazione personalizzata.

Una deriva sempre più modellistica e, forse, anche più "tollerata" rispetto al passato...

È solo una mia impressione?

Link to comment
Share on other sites

È un’altro dei tanti modi di essere afol, che personalmente non condivido, ma non mi sento di condannare... tra l’altro le ultime immagini “ufficiali” del castello di hogwarts con pezzi verniciati e stampati in 3D, di certo non aiutano

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, cborella ha scritto:

:| ma non si parlava di MOC e di pezzi violentati?

ah scusa, ho capito...stavo chiedendo a @GianCann xD

Edited by The APhOL
Link to comment
Share on other sites

Be', i designer possono (e devono) fare i pezzi con le stampante in 3D, tagliarli e colorarli... altrimenti come li creano i pezzi nuovi! :D

Per il resto... no, non credo sia una deriva moderna. Ma credo che all'estero li abbiano sempre accettati molto più che qui. A me, naturalmente, non interessano.

Link to comment
Share on other sites

Va riconosciuto il fatto che senza i pezzi customizzati la MOC avrebbe perso parecchio dell'effetto WOW che da di primo impatto.

Detto ciò ribadisco quanto detto precedentemente: non è ammissibile, a mio avviso, modificare/ricolorare i pezzi.

Sarebbe però opportuno magari da TLG aprire una sezione in cui poter inviare le nostre richieste (pezzi di un determinato colore, varianti, etc.) che come per gli ideas, tramite voto e processi di revisione, permetta di produrre soluzioni "CUSTOM".

Link to comment
Share on other sites

Io anche se mi considero un purista sono comunque d’accordo a PICCOLE modifiche INDISPENSABILI di alcuni pezzi, soprattutto in microscala.

in questo caso, con gli anelli del campo da quidditch non credo si sarebbe potuto fare altrimenti, magari poteva inventarsi qualcusa con l’anello cromato di LOTR ma non sarebbe stato lo stesso.

L’unica cosa a cui bisogna prestare attenzione nella customizzazione di pezzi è il non farcisi prendere troppo la mano...

Link to comment
Share on other sites

Le modifiche non sono mai INDISPENSABILI, nemmeno in microscala. ;)

Detto questo volevo aggiungere che non è che sputo in faccia e disprezzo chi fa queste cose, posso comunque mangiarci insieme, eh! Semplicemente non è quello che interessa fare, né vedere, a me (non quanto una MOC LEGO normale, può interessarmi come o forse più comunque di, che ne so, un modello ferroviario classico).

Link to comment
Share on other sites

Fermo restando che personalmente sono un purista (le uniche soluzioni custom che ammetto sono quelle che riguardano automazione ed elettronica), colgo l'occasione per una riflessione. In questo caso l'autore aveva bisogno di elementi LEGO che non esistono nel colore che gli serviva e ci ha pensato da solo col "fai da te". Ma se uno dei vari produttori compatibili, tipo Xingbao, cominciasse a vendere qualunque tipo di pezzo in qualunque colore (cosa che comunque mi stupirebbe perché vorrebbe dire che sono capaci di fare una gestione della produzione e dell'inventario che TLG non è capace di fare)? Se per un costruttore di questo tipo non fa differenza colorare un pezzo, penso che usarne uno compatibile ne faccia ancora di meno. 

Link to comment
Share on other sites

Da anni osservo quella che chiamo "deriva modellistica" nel mondo AFOL.

Onestamente queste cose nel 2000 erano impensabili, ma dai forum alle comunità on line, le linee guida le hanno dettate negli anni, sempre più i modellisti.

Lo stesso design studless, se ci pensate, serve per cancellare l'effetto bottone/stud tipico di una creazione LEGO per arrivare a qualcosa che sempre di più imita la realtà.

Fondamentalmente si passa dalla fantasia LEGO o "Fantasismo" al "Realismo".

Le tipiche MOC ispirate al LEGO erano fondamentalmente ispirate allo stile di costruzione anni 80. Con largo uso della fantasia a colmare le ovvie limitazioni di quel design. Si passa poi al tentativo di riproduzione realistica, in scala di ogni dettaglio, di interni ed esterni, di meccanismi e design.

In un primo tempo i Moccer erano assolutamente duri e puri, denigrando qualsiasi tipo di artefazione rispetto ai pezzi originali, oggi gli stessi, alla ricerca della perfezione assoluta stampano adesivi, pezzi, tagliano, colorano, si "vendono" in massa il design ad altri marchi ecc.

Alla fine è avvenuto ciò che dicevo anni fa: un appassionato di LEGO è prima collezionista, prima amante dei set originali, ma soprattutto cultore della fantasia e del gioco del LEGO, che non deve essere realista ma legoso. Bastano le teste gialle con lo smile per realizzare qualsiasi storia o altro. Il Moccer puro e duro non è appassionato di LEGO ma di design e modellismo.

Quindi vogliono le teste flesh, ci vogliono le armi di brick arms, ci vuole tagliare i pezzi, ci vogliono pezzi technic che hanno meno in comune con LEGO che quanto hanno con MECCANO e via così.

Adesso arriveranno anche quelli che mischieranno i pezzi con altre marche quando serve... e vai....via così.

E se pensate che non andrà così, pensate a quando ARVO BROTHERS e company facevano i soloni sulla purezza LEGO delle loro opere.... e andate a vedere cosa fanno oggi...

Daltrocanto a parziale difesa di chi mischierà.. devo osservare, che occupandomi per lavoro di un infinità di pezzi che sono a norme UNI, che di fatto il modello LEGO, una volta scaduti i brevetti, sembra essere destinato a diventare come per le viti, piuttosto che altri pezzi meccanici, un prodotto costruibile da chiunque nel rispetto di determinate norme dimensionali. Oggi i compatibili rispettano le misure de facto senza appellarsi a una norma, è pensabile che se i produttori aumenteranno potrebbe essere che un giorno tale norma verrà introdotta.

E' un paradosso, ma in tanti ambiti è andata così....

PS: e se pensate che sbaglio... provate a chiedere a chi ha aperto questo topic quanti LEPIN ha già maneggiato. Occhio che ufficialmente è un duro e puro... e negherà qualsiasi addebito. O tirerà fuori fantomatiche scuse "volevo provare" "studio il nemico".... sarà già a li a segare qualche pezzo...xD

 

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, AirMauro ha scritto:

provate a chiedere a chi ha aperto questo topic quanti LEPIN ha già maneggiato. Occhio che ufficialmente è un duro e puro... e negherà qualsiasi addebito. O tirerà fuori fantomatiche scuse "volevo provare" "studio il nemico".... sarà già a li a segare qualche pezzo...xD

Ammetto che un ammasso di pezzi Lepin (non da me acquistati), ha soggiornato nella mia casa per un paio di settimane. Si trattava di un cafè corner che avrei voluto far montare a mio figlio, un paio di estati fa, per paragonarlo al VERO Cafè Corner (l'uso di minuscole/maiuscole non è casuale...) e mostrare le evidenti differenze qualititative in difetto.

Mio figlio (al tempo, 10 anni) una volta aperte le anonime buste mi disse "Ehi, ma questi non sono LEGO": fu così che si rifiutò di montarlo e non restò che restituire al legittimo proprietario l'incauto acquisto :)

In quanto a segare i pezzi, ti invito ad aprire la scatola dello schiaccianoci Technic che ti ho spedito pochi giorni fa... chissà mai che non troverai qualche esperimento di "cut&paste": pensi mica che farei questi esperimenti con i MIEI amati LEGO? :D:D:D

...con i tuoi, forse... ;)

Link to comment
Share on other sites

Magari bisognerebbe chiedere a quegli AFOL alla deriva quand'è che stamperanno in 3D minifig con ginocchia pieghevoli e mattoncini di dimensioni non standard (sette undicesimi di brick).

Quanto ai pezzi da tagliare, horresco referens, nei set Technic di qualche annetto fa c'era l'istruzione di tagliare i tubi a misura. Quando te lo comanda mamma LEGO, si può fare...

Link to comment
Share on other sites

59 minuti fa, alf ha scritto:

Magari bisognerebbe chiedere a quegli AFOL alla deriva quand'è che stamperanno in 3D minifig con ginocchia pieghevoli e mattoncini di dimensioni non standard (sette undicesimi di brick).

Quanto ai pezzi da tagliare, horresco referens, nei set Technic di qualche annetto fa c'era l'istruzione di tagliare i tubi a misura. Quando te lo comanda mamma LEGO, si può fare...

Non sono gli AFOLS alla deriva è il movimento che spinge sempre di più verso il modellismo o ferromodellismo che è una deriva dall'originale passione.

Giusto l'altro ieri guardavo i pezzi cromati che hanno usato in alcune MOC per migliorarle. L'effetto è bellissimo. 

Però se vogliamo essere puristi quei pezzi non esistono in quel colore in LEGO... e quindi ? Giusto colorarseli ?

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...