Jump to content
IGNORED

LEGO PoweredUp! (aka power functions 2.0)


Recommended Posts

Ogni volta entro in questo topic speranzoso di trovare ottime novità e ogni volta resto dell'opinione che "continuo a tenermi alla larga da Powered UP".

Non mi piace, se non per il fatto che i motori con sensore di rotazione siano decisamente più utilizzabili di quelli di EV3 in quanto a ingombro.

Questo sistema doveva già essere lanciato sul mercato vari anni fa e oggi non dovrebbe avere i problemi di connessione e stabilità di cui leggo.

Oltre al fatto che tagliano fuori tutti i dispositivi di fascia media/medio-bassa che tutt'oggi vengono commercializzati con BLE 3.0 e non 3.1 (e sicuramente con 3 telefoni e 1 tablet comprati di recente non vado a cambiarli per il vezzo di essere in grado controllare un motore LEGO quando con gli Sbrick o EV3 lo faccio da anni).

Poi trovo seccante dover passare un'app per gestire tutto, con SBrick era una scelta obbligata, con PU è un'imposizione.

È un peccato, potevano e possono fare molto meglio.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Wolfolo ha scritto:

Ogni volta entro in questo topic speranzoso di trovare ottime novità e ogni volta resto dell'opinione che "continuo a tenermi alla larga da Powered UP".

Il sistema è ancora "giovane" e vanta pregi, così come difetti. Stesso discorso vale per il sistema Power Function 1.0, altrimenti non sarebbe apparsi sul mercato (riscuotendo anche un notevole successo) prodotti come SBrick.

2 ore fa, Wolfolo ha scritto:

È un peccato, potevano e possono fare molto meglio.

Penso di averlo sottolineato decine di volte... e più vado a fondo di questo sistema, più mi chiedo "perché hanno fatto questa scelta, e non quest'altra?". Domande che difficilmente troveranno mai una risposta.

Detto questo, il prodotto ha comunque delle potenzialità ancora non completamente sfruttate e spero che, prima o poi, LEGO o altri (vedi Pybricks) le rendano fruibili.

2 ore fa, Wolfolo ha scritto:

Poi trovo seccante dover passare un'app per gestire tutto, con SBrick era una scelta obbligata, con PU è un'imposizione

Non comprendo bene questa osservazione. Puoi essere più chiaro?

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, GianCann ha scritto:
1 ora fa, Wolfolo ha scritto:

Poi trovo seccante dover passare un'app per gestire tutto, con SBrick era una scelta obbligata, con PU è un'imposizione

Non comprendo bene questa osservazione. Puoi essere più chiaro?

SBrick e compagnia sono prodotti di terze parti e se li si vuole usare si è ben consapevoli che richiedano per forza l'utilizzo di un'app, se non si vuole utilizzarli amen, si va di IR standard, per PU che alternative ci sono? Controllare un 42100 con 4 telecomandi PU non è fattibile.

EV3 ha l'applicazione per pc con cui programmarlo, non serve un pc specifico, basta che giri l'applicazione e che abbia USB.

EV3 ha l'app per smartphone, seppur limitata rispetto alla versione PC, dovrebbe essere praticamente quello che è ora l'app PU.

EV3 è programmabile limitatamente anche dal brick stesso.

Per PU o si usa l'app ufficiale oppure ci si deve destreggiare con app di terze parti, sostituire firmware etc, non è minimamente user friendly.

 

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Wolfolo ha scritto:

EV3 ha...

Il paragone tra EV3 e PU non ha ragione di esistere. Sono due prodotti con target ed obiettivi diversi.

Il PU va visto come un'evoluzione del precedente PF, con l'aggiunta di feature evolute che, per forza di cose, introducono alcuni limiti che il PF non aveva.

Ad oggi è impossibile sapere cosa ci riserva il futuro:
- Un telecomando hardware per il Control+?
- La possibilità di creare un network di dispositivi? (nella documentazione c'è qualcosa al riguardo, ma non è chiaro a nessuno di come possa funzionare questa cosa)
- Nuovi componenti/sensori?

Sicuramente, il PU non è ancora in grado di sostituire il PF in molte situazioni e, per specifiche applicazioni, credo non potrà (mai?) sostituirlo.

Link to comment
Share on other sites

Condivido qui il "programma" dell'AFOL Nuno Miguel (al quale ho chiesto il permesso per pubblicarlo).
E' un buon esempio (e relativamente semplice) per scoprire alcune funzionalità della programmazione PU.

Lo scopo del programma è far girare, contemporaneamente, senza 'intoppo', 3 treni sullo stesso circuito ferroviario, ovviamente nella stessa direzione.

Questo e' l'intero programma... nelle prossime immagini vi spiego i singoli blocchi.

L'immagine può contenere: testo

Il circuito ferroviario è diviso in 3 sezioni, identificate ognuna da un tile rosso posizionato lungo i binari.
Ogni treno usa un City HUB (lo smart hub a 2 porte). Sulla porta A c'è collegato il motore del treno, sulla porta B il sensore di colore.
I 3 treni sono posizionati rispettivamente all'interno delle 3 sezioni.

Ad ogni treno sono associazione 2 variabili: una per la velocità, una per lo stato (fermo/marcia)
Treno 1: d (velocità), a (stato)
Treno 1: e (velocità), b (stato)
Treno 1: f (velocità), c (stato)

Partenza: questo blocco di codice è quello che fa 'partire' tutta la procedura.
Inizialmente, TUTTE le variabili hanno valore 0.
Imposta le 3 variabili della velocità (nominate d, e, f) sul valore 40 (velocità iniziale dei treni) e poi invoca i 3 "trigger", ognuno per un singolo treno.
T1.png.ae503b057a2605f8200bb15e515d89e4.png

Azione treno: questo blocco (identico per i 3 treni, con la sola differenza dei nomi delle variabili) è quello che determina il comportamento del treno. Avvia il motore del treno, alla velocità specificata e lo ferma quando trova il tile rosso.
All'avvio imposta la variabile di stato (a, b, c) sul valore 1 (treno in marcia) e la reimposta sul valore 0 (treno fermo) nel momento in cui trova il tile rosso.

T2.png.678c7b1d1a260a400b2742c42e64c0b0.png

Quindi una volta lanciato il programma, i 3 treni partiranno a velocità 40 e si fermeranno al primo tile rosso che troveranno lungo il percorso. Ovviamente i tile possono essere posizionati a distanze diverse tra loro e quindi si fermeranno con tempistiche diverse tra loro.

Ripartenza: Quando tutti i 3 treni si saranno fermati in corrispondenza dei rispettivi tile rossi, parte un timer di 30 secondi allo scadere del quale verranno "triggerate" nuovamente le funzioni di azione dei singoli treni. E' interessante notare, in questo blocco, come viene usato il "trigger su condizione vera": quando le tre variabili di stato avranno tutte sul valore 0 (treno fermo), esegui questa routine.

T3.png.6adcb88bdef3d0f336fe88f5a40cef98.png

Controllo velocità: Grazie al telecomando (ovviamente agganciato allo smartphone), è possibile controllare indipendente la velocità di marcia dei 3 treni. Anche in questo caso viene sfruttato il blocco 'Esegui su condizione', associato alla pressione di un tasto del telecomando. Alla pressione dei pulsanti, viene eseguito anche un suono di feedback.
T4.png.8a9a5780c75fe4c8aa78cdc51915c29a.png

Questa è la mappa dei comandi/treni: con i pulsanti di sinistra si diminuisce la velocità di 5 step alla volta, con quelli di destra si aumenta.
T5.png.80e9363a51349e47724f2b01e5667b58.png

Il "programma" è semplice, ma già è sufficiente a rendere più dinamico un banale circuito ferroviario.

Riepilogando: I treni partono contemporaneamente si fermano uno alla volta in corrispondenza del primo tile rosso che trovano lungo il percorso. Quando tutti i treni saranno contemporaneamente fermi, partirà un timer di 30 secondi allo scadere del quale i treni percorreranno la successiva sezione del circuto... fino al successivo tile. E così via, all'infinito.

Ulteriori informazioni:
- I 3 City Hub devono essere connessi all'App in modo da occupare le posizioni 1, 2 e 3 di connessione;
- Il telecomando deve essere connesso all'App in modo da occupare la posizione 4 di connessione;
- i tile lungo il circuito possono essere più di 3 (ma non meno di 3).

Edited by GianCann
Link to comment
Share on other sites

Io concordo con Wolfolo. Obbligare ad usare una app e non avere altri modi di programmare/comandare mi porge una domanda: tra 10-15 anni con la velocità di evoluzione di IOS e Android, avrò ancora le app nei vari store per comandare la mia unità LEGO?
Un pc o un Mac con USB, WI-FI, BLUETOOTH si troverà penso ancora per comandare un EV3 o altro

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, stevesp ha scritto:

Un pc o un Mac con USB, WI-FI, BLUETOOTH si troverà penso ancora per comandare un EV3 o altro

Attenzione: Il Powered Up si controlla via BLE 3.x e successivo e la documentazione del protocollo è pubblica (anche se non completamente aggiornata).
Tra l'altro, il profilo BLE scelto è stato predisposto per funzionare anche con il 4 e con il futuro 5.
 

Link to comment
Share on other sites

Il problema, se ci pensate bene, è più relativo al software che non all'hardware, soprattutto quando si usano protocolli di comunicazione standard.

Prendiamo il Control Lab (anno 1993, 17 anni di vita). Funziona tutt'oggi, con l'hardware odierno... perché c'è stato qualcuno che ha scritto un software aggiornato (e, persino multipiattaforma)

Stesso discorso vale per l'RCX: nonostante tutto si può utilizzare oggi, con software alternativi.

Come tutti i prodotti tecnologici, hanno un loro ciclo di vita. Magari tra 10 anni ci sarà un nuovo Smart Hub e una nuova App che sfrutteranno novità che neanche ci possiamo immaginare oggi, e che sarà comunque compatibile con i sensori/motori di attuali, così come è accaduto nel passaggio da NXT a EV3 😉

 

Link to comment
Share on other sites

Il 30/5/2020 alle 06:25, GianCann ha scritto:

Se i prezzi sono in linea con quelli che ho già segnalato qui (a Honk Kong già sono in vendita ufficialmente) siamo sull'ordine dei 70 euro per l'HUB Control+ e 35 euro per i motori.

Sono usciti i prezzi sul LEGO Shop italiano:

Technic Hub: 79,99 euro

Motore L e motore XL: 34,99 cadauno

Link to comment
Share on other sites

39 minuti fa, GianCann ha scritto:

Technic Hub: 79,99 euro

Motore L e motore XL: 34,99 cadauno

Prima che su Bricklink decidano di ritoccare i prezzi al rialzo, ho preso altri due Technic HUB (18 euro l'uno), 4 motori L e 4 motori XL (9 euro e spiccioli l'uno): con meno di 100 euro ho preso 10 pezzi.

La stessa roba, sul LEGO Shop costa un totale di 440 euro... 

Link to comment
Share on other sites

Jetro (Ambassador di HBM) ha pubblicato un video nel quale riepiloga, visivamente, la situazione odierna relativa al funzionamento dei 7 motori Powered Up in combinazione con il Remote Control (ovvero, senza l'uso di uno smartphone).

Sfrutto questa tabella dal sito di Philo per riepilogare la situazione dei motori del sistema PU (ho cancellato il Move HUB, in quanto non gestibile dal Remote Control)

Screenshot_20200601_071504.thumb.jpg.8412cd76869f8e83667c41bb2a5e9ba1.jpg

I primi due a sinistra sono motori lineari, tutti gli altri sono tachimetrici (incluso quelli del Move HUB) ovvero hanno un'elettronica interna che permette di controllare (con precisione dell'1%) la posizione dell'albero.

Alla data odierna il firmware del City HUB (lo smart HUB a 2 porte, l'unico al quale si può, per ora, associare il Remote Control) supporta tutti i motori e prevede due tipi di gestione (in combinazione, appunto, con il Remote Control), in funzione del tipo di motore connesso:

- Motore treno: controllo lineare della velocità in 10 step graduali (positivi e negativi)

- Tutti gli altri motori: Massima velocità alla pressione del tasto; stop del motore al rilascio del tasto (i tasti + e - determinano il senso di rotazione)

Il video è abbastanza esplicativo.

Diversi AFOL lamentano che questo tipo di comportamento è limitante. Ad esempio, non è possibile motorizzare un treno usando il motore L o XL, in quanto non può essere gestita la velocità e la continuità di funzionamento, così come avviene per il motore del treno.

Questa limitazione si può bypassare utilizzando l'App sullo smartphone collegando il Remote Control all'App stessa, gestendo con un semplice programma la velocità del motore.

È comunque uno "spreco di risorse" e molti si aspettano un aggiornamento del firmware che permetta di usare il Remote Control in modo più flessibile, senza passare per l'App/Smartphone.

Si spera anche in un futuro supporto del Remote Control da parte del Control+ (ufficialmente denominato Technic HUB), magari in doppia combinazione (2 Remote Control per un Control+). Sinceramente credo sia poco possibile (non tanto per la parte HW) e propendo (spero) più per un futuro "Remote Control+" specifico per il Control+.

So che Jetro ha intervistato il team Powered Up nel corso del weekend e nelle prossime settimane ci svelerà qualche notizia sul futuro di questo sistema.

Personalmente sono un po' scettico: il sistema Powered Up ha sicuramente diverse carte ancora da svelare, ma gli aggiornamenti sono lentissimi e la documentazione è veramente scarna.

Ci sono bug (sia sul firmware, sia sull'App) che vengono segnalati da tempo, ma che non sono stati risolti nonostante gli aggiornamenti finora rilasciati.

Tornando ai motori, il costo ufficiale è tutt'altro che economico:

Si va dai 12,99 euro per il motore M, ai 43 euro del motore angolare L (acquistabile ufficialmente solo presso rivenditori della linea LEGO Educational).

Da cliente, trovo che questi prezzi siano particolarmente elevati.

Fortunatamente, grazie a Bricklink, qualcosa si riesce a risparmiare: ad esempio, l'Angular L si trova sui 29 euro, che comunque non son pochi.

Link to comment
Share on other sites

Dò anche io un mio giudizio sul sistema powered.
Premetto che ho iniziato da poco ad usare i motori con i vari sensori (circa 4 anni) però devo dire che questo sistema rispetto al power function, che comunque non ho del tutto abbandonato, mi piace e parecchio. Certo ha delle limitazioni ma il sistema è giovane e spero prima o poi vengano superate. Ad ora problemi grossi di accoppiamento sull’app, come quelli trovati da @GianCann non ne ho avuti (sono arrivato a connettere 3 hub contemporaneamente e me li vedeva). L’unico problema un po’ fastidioso è stato appurare che il motore ad encoder non è molto preciso e che il sensore luce quando viene usato come sensore di prossimità non permette di inserire la distanza usando anche i decimali (e tra l’altro ci ho messo pure un po’ a capire che fosse in pollici, ma qui forse il tonto sono io 🤪).

Discorso relativo i prezzi. Se non ci fosse BrickLink sarei rovinato, io nel mio piccolo ho preso 9 City hub che se comprati sul LEGO store sarebbero costati circa 450€, su BrickLink avrò speso sì e no 110€. I motori invece li ho presi tutti sullo store perché  su BrickLink non c’era questa gran convenienza. Diciamo che il costo relativo ai nuovi motori L ed XL comincia ad essere alto quindi seguirò il consiglio di @GianCann e ne acquisterò qualcuno su BrickLink prima che i prezzi lievitino. 
Non ho mai provati i motori angolari ma prima o poi uno lo prendo 😏😏.

Per quello che mi riguarda il giudizio finale è positivo, senza questo sistema non sarei riuscito a fare i movimenti che volevo ad alcune delle mie attrazioni del luna park. La speranza è quella che implementino sempre più accessori e che diano più ascolto ai vari AFOL che poi sono praticamente gli unici che usano questo tipo di sistema perché sinceramente non ce li vedo i bimbi, se non pochissimi, a programmare per far movimentare le loro creazioni.

Edited by Toretto1981
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Toretto1981 ha scritto:

Ecco perché non li trovavo 🤣🤣

Infatti, ieri notte, io li ho trovati facendo una ricerca testuale con la parola 'Control', dato che nella sezione Powered Up non li vedevo.
Mi ero stupito, perchè altre novità c'erano e mancavano proprio questi 3 componenti.
Ho fatto la ricerca con 'Control', lo ho trovati ed ho visto i prezzi... a quel punto, non sono stato a guardare in che sezione erano: sono corso su Bricklink a fare un ordine, prima che i venditori si allineino sui prezzi LEGO 😄😄😄

Link to comment
Share on other sites

C'è da dire che LEGO è sempre in grado di stupirti, giorno dopo giorno...

Il set 42109, è composto da 463 pezzi.
https://www.LEGO.com/it-it/product/app-controlled-top-gear-rally-car-42109

LEGO 42109 TECHNIC SET - AUTO DA RALLY TOP GEAR RADIOCOMANDATA ...


3 di questi 462 pezzi, sono componenti Powered Up:
- n.1 Technic HUB (80 euro)
- n.1 Technic XL Motor (35 euro)
- n.1 Technic L Motor (35 euro)

Un totale di 150 euro, solo di componenti Powered Up.

Il set intero costa... 135 euro.

Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, GianCann ha scritto:

C'è da dire che LEGO è sempre in grado di stupirti, giorno dopo giorno...

Il set 42109, è composto da 463 pezzi.
https://www.LEGO.com/it-it/product/app-controlled-top-gear-rally-car-42109

LEGO 42109 TECHNIC SET - AUTO DA RALLY TOP GEAR RADIOCOMANDATA ...


3 di questi 462 pezzi, sono componenti Powered Up:
- n.1 Technic HUB (80 euro)
- n.1 Technic XL Motor (35 euro)
- n.1 Technic L Motor (35 euro)

Un totale di 150 euro, solo di componenti Powered Up.

Il set intero costa... 135 euro.

Su Amazon si trova a 121€

Link to comment
Share on other sites

Che smacco... secondo me il top l'hanno raggiunto con i cavetti EV3, quelli puoi farteli tranquillamente in casa perché sono facilmente reperibili sia come connettori che come filo, e forse se ne sono resi conto.

Ma dei fantomatici adattatori PU->PF se ne sa qualcosa?

Link to comment
Share on other sites

33 minuti fa, Wolfolo ha scritto:

secondo me il top l'hanno raggiunto con i cavetti EV3,

Alla fine erano una sorta di RJ11.

Questi che ho preso io, probabilmente, sono inutilizzabili... quanto meno il maschio (più tardi provo a fare una foto con il microscopio digitale, e vediamo se magari ci viene in mente una soluzione).

36 minuti fa, Wolfolo ha scritto:

Ma dei fantomatici adattatori PU->PF se ne sa qualcosa?

Ci sono solo di terze parti. Oramai dubito che TLG lo metterà in commercio. La loro integrazione con il PF è nell'interfaccia IR.

Link to comment
Share on other sites

Domanda per @GianCann:

in questo articolo di Brickset che relaziona sull'incontro con il team Powered Up durante i Fan Media Days dello scorso anno, in una delle slide è stato inserito quello che sembra essere l'equivalente Powered Up della vecchia confogurazione Power Functions Battery Pack + Motore

image.png.a3a8a5d70bca25b288ef768469615e55.png

 

Tu che frequenti i gruppi e i forum a tema PUP, hai notizie? Non ne ho mai letto nulla, non ho visto set che lo includano (non ho approfondito, ma mi pare che non siano nemmeno negli Education).

Nelle slide si fa riferimento anche a cavi adattatori PF-PUP. Ne sai nulla?

Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, Frank4bricks ha scritto:

quello che sembra essere l'equivalente Powered Up della vecchia confogurazione Power Functions Battery Pack + Motore

 

4 minuti fa, Frank4bricks ha scritto:

Nelle slide si fa riferimento anche a cavi adattatori PF-PUP. Ne sai nulla?

Non c'è stata più alcuna informazione. Probabilmente ci hanno ripensato oppure ancora non hanno deciso di metterli in produzione/sul mercato.

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Laz ha scritto:

Ieri c'è stato un incontro con quelli del Powered Up durante i Fan Media Days (online).

Siccome io non seguo l'argomento, non so se abbiano detto qualcosa di nuovo e/o interessante, comunque Richard ha fatto un recap qui: https://ramblingbrick.com/2021/05/28/the-road-map-for-legos-powered-up-system-unfolds/

Hanno fatto i Set Adult +18 ecc...e questa parta l'hanno sviluppata 4+.
Assurdo, eppure hanno solo "da copiare".

Link to comment
Share on other sites

Più che altro mi sconvolge una cosa detta nel recap: "This is the end goal… the challenge facing consumers is that the system is not quite there yet."

Che in parole povere significa "vorremmo arrivare lì, il sistema è predisposto ma non abbiamo ancora sviluppato una buona parte di queste funzionalità, intanto comprate sulla fiducia..."

... fiducia che tra 2 anni cambiano sistema perché arrivano ad un punto in cui la strada diverge troppo dagli obiettivi e non possono tornare indietro e ci si ritrova con un prodotto più monco di quello che è oggi.

Non si può scegliere di passare al mondo degli smartphone e non avere dopo 2 anni un sistema completo, un mondo per altro in continua evoluzione, col rischio di trovarmi all'uscita del sistema finale con un dispositivo di nuovo obsoleto (e devo ancora provare a vedere se il nuovo smartphone supporta control+).

Link to comment
Share on other sites

Avrei due domande:

1. Perché diamine hanno voluto passare al powered up quando potevano far evolvere gli ottimi pf, non capisco la motivazione di voler essere dipendenti da smartphone/tablet e Bluetooth, che tra 5 anni saranno obsoleti.

2. Perché il motore XL esiste se ha tali caratteristiche ? Ha le stesse caratteristiche del large, torque incluso, solo che è più grosso ed ingombrante, quindi che senso ha usarlo?

Il motore XL dei pf era più potente quindi aveva senso, ma qui si tratta solo di dimensioni maggiori, se volevano trovare il modo di far ridere i polli ci sono riusciti.

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, stevesp ha scritto:

Ho già detto altre volte che il volersi legare esclusivamente agli smartphone è una penalizzazione dei consumatori 

tra 10 o 20 anni i set tipo scavatore liebher oppure top gear rischi di comandarli a spinta

Infatti! Non ha senso! Fortuna che ho il mitico escavatore bucket wheel fedele ai pf 🙂

Link to comment
Share on other sites

Il 1/6/2020 alle 17:43, GianCann ha scritto:

C'è da dire che LEGO è sempre in grado di stupirti, giorno dopo giorno...

Il set 42109, è composto da 463 pezzi.
https://www.LEGO.com/it-it/product/app-controlled-top-gear-rally-car-42109

LEGO 42109 TECHNIC SET - AUTO DA RALLY TOP GEAR RADIOCOMANDATA ...


3 di questi 462 pezzi, sono componenti Powered Up:
- n.1 Technic HUB (80 euro)
- n.1 Technic XL Motor (35 euro)
- n.1 Technic L Motor (35 euro)

Un totale di 150 euro, solo di componenti Powered Up.

Il set intero costa... 135 euro.

Che ladri! Sono basito!

Link to comment
Share on other sites

Ma poi anche l'ammissione "le app specifiche prima o poi non saranno più supportate e tutto verrà controllato con un'unica app dove l'utente può programmarsi le funzioni", voglio vedere l'utente programmarsi gli spartiti per il grand piano o ancora meglio, il sistema di posizionamento del braccio del liebherr in modalità grafica...

Ok, lo scavatore può essere controllato comunque manualmente, ma il pianoforte? A parte che la trovo una cosa inutile quella dell'automatismo e si poteva risparmiare 30-50€ sul set senza motore e hub powered up che se proprio uno voleva potevano farlo acquistare a parte.

Mi sta piacendo sempre meno il loro "goal", almeno che facessero un radiocomando fisico decente che supporta hub multipli, o almeno 2, ma con stick analogici, dpad, e qualche bottone, e tutto senza dover collegare un joypad delle varie console usando comunque uno smartphone come tramite.

E il "ve lo avevo detto" penso sia d'obbligo.

Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, Wolfolo ha scritto:

Ma poi anche l'ammissione "le app specifiche prima o poi non saranno più supportate e tutto verrà controllato con un'unica app dove l'utente può programmarsi le funzioni", voglio vedere l'utente programmarsi gli spartiti per il grand piano o ancora meglio, il sistema di posizionamento del braccio del liebherr in modalità grafica...

Ok, lo scavatore può essere controllato comunque manualmente, ma il pianoforte? A parte che la trovo una cosa inutile quella dell'automatismo e si poteva risparmiare 30-50€ sul set senza motore e hub powered up che se proprio uno voleva potevano farlo acquistare a parte.

Mi sta piacendo sempre meno il loro "goal", almeno che facessero un radiocomando fisico decente che supporta hub multipli, o almeno 2, ma con stick analogici, dpad, e qualche bottone, e tutto senza dover collegare un joypad delle varie console usando comunque uno smartphone come tramite.

E il "ve lo avevo detto" penso sia d'obbligo.

Concordo, l'automazione del piano, oltre a prendere spazio prezioso per i dettagli interni, non ha alcun senso, quel set è da esposizione e la componente di giocabilità sarebbe dovuta rimanere in secondo piano. 

Se avessi vuluto suonare avrei preso un pianoforte vero, non di certo un modello LEGO di grande bellezza ma di poca praticità. 

Comunque sul prezzo non c'è da stupirsi, stiamo dando i numeri, basti pensare al set 42109 che costa meno dei singoli componenti pu. 

Anche sul goal non c'è da stupirsi, stanno seguendo sempre più la filosofia del consumismo, creando prodotti che tra 2 anni saranno obsoleti, l'escavatore tra poco lo comanderai con le mani, altro che Bluetooth. 

Altra cosa che odio del pu è il fatto che non si possano controllare più plug all'unisono come invece si poteva fare con il pf tramite il ricevitore(vedi foto del libro di sariel in allegato). 

Nel pu ti obbligano a comprare tantissimi hub che saranno presto obsoleti come detto in precedenza. 

IMG_20210530_100730.jpg

Link to comment
Share on other sites

Avrei un'altra domanda: c'è differenza tra il motore angolare xl spike prime e il motore angolare del camion volvo? Si tratta solo del colore o ci sono diverse caratteristiche? 

Link to comment
Share on other sites

Chiedo a voi che siete più esperti di me, ma mi serve il vostro aiuto per portare a termine una MOC:

Se volessi fare una piccolo automazione, ad oggi posso collegare un sensore e un motore su un HUB e eseguire ciclicamente un Programma?
Es. Se il sensore rileva la presenza, fai partire il motore.

@pivan chiedo questo, così se nel caso non fosse possibile, se LEGO ha intenzione di inserire una programmazione per gli HUB, senza spende centinaia di euro per gli SPIKE o affini.

Link to comment
Share on other sites

Quella che chiedi è la funzionalità che LEGO chiama "virtual machine" (nome a mio avviso allucinante 🙂 ), la citano e spiegano nel post di ramblingbrick citato sopra.

A differenza di Skaerbaek 2019, quando le persone di PUP la davano per non ufficiale, ora essendo uscita ai media day direi che è ufficialmente in roadmap e si tratta di capire solo quando verrà rilasciata.

L'alternativa attuale, per altro non distruttiva e abbastanza usabile, è pybricks.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, pivan ha scritto:

...L'alternativa attuale, per altro non distruttiva e abbastanza usabile, è pybricks.

Ok perfetto. Gianluca me ne parlò di questo progetto (ma ai tempi era ancora in fare embrionale).
Per i curiosi: https://pybricks.com/

Il mio problema è che il mio know-how in programmazione è a livello like-a-capra.

1 ora fa, pivan ha scritto:

A differenza di Skaerbaek 2019, quando le persone di PUP la davano per non ufficiale, ora essendo uscita ai media day direi che è ufficialmente in roadmap e si tratta di capire solo quando verrà rilasciata.

Ecco, allora ti suggerisco questa domanda: quando uscire il VM?
Se trovi occasione di farla, ne sarei molto contento. Grazie! ☺️

Edited by Pix
Link to comment
Share on other sites

E niente. Non ce la fanno. Vogliono a tutti i costi ficcare uno smartphone/tablet in mano ai bambini e agli adulti che si sentono ancora tali, senza averne la competenza.

Per quanto riguarda PU, avrebbero SBrick e BuWizz da copiare ma no, si inventano il loro standard, la loro piattaforma e le loro app... a tutt'oggi ancora monche (e che nel frattempo corrono dietro alla evoluzione dei SO Android ed Apple come io potrei correre dietro alla Pellegrini in piscina).

Per quanto riguarda prima Hidden Side e poi Vidiyo, fanno prodotti (software) che tagliano alto i device perché il motore di realtà virtuale è... "per molti ma non per tutti".

Nel frattempo che fanno Vidiyo, nel tentativo (male) celato di creare un Tik Tok "chiuso" e "sicuro" per bambini, sono già alla quarta collaborazione - di nuovo sulla base della realtà virtuale e quindi di nuovo "tagliando alto" i device - con Snapchat (le prime tre le ho scoperte ieri per caso, nel mentre che approfondivo la quarta, che erroneamente pensavo fosse la prima), che è nota per tante cose non molto simpatiche (revenge porn, scambi pedo-pornografici etc), grazie al fatto che le immagini scambiate tramite l'app si cancellano dopo pochi secondi... e infatti non c'è traccia della news sui canali ufficiali TLG (se ne trovano citazioni e riferimenti solo su media geek e nerd)...

Link to comment
Share on other sites

Il 29/5/2021 alle 18:25, Davide1 ha scritto:

Avrei due domande:

1. Perché diamine hanno voluto passare al powered up quando potevano far evolvere gli ottimi pf, non capisco la motivazione di voler essere dipendenti da smartphone/tablet e Bluetooth, che tra 5 anni saranno obsoleti.

2. Perché il motore XL esiste se ha tali caratteristiche ? Ha le stesse caratteristiche del large, torque incluso, solo che è più grosso ed ingombrante, quindi che senso ha usarlo?

Il motore XL dei pf era più potente quindi aveva senso, ma qui si tratta solo di dimensioni maggiori, se volevano trovare il modo di far ridere i polli ci sono riusciti.

Non direi sia fatto solo per far ridere polli, a meno che non confronti solo coppia e velocità o il tuo utilizzo sia solo accendo e gira.

Le caratteristiche dei "motori" nuovi non sono solo quelle e il sistema è fatto di conseguenza per poterle sfruttare.

  • The “smart” motors (like the new Technic L and XL motors) have 4 modes: Power, Speed, Relative Position and Absolute Position (Absolute position has a mechanic zero, and range of + 179/-180 degrees). These motors can be used as a return to center servo, since they have a fixed zero position to be used as a reference point.

https://racingbrick.com/2019/08/control-plus-aka-powered-up-new-hub-and-motors-clarification/

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...