Jump to content
Pix

LEGO WEAR - Abbigliamento limited edition

Post raccomandati

Riprendendo la news di BrickSet:
https://brickset.com/article/42210/limited-edition-LEGO-wear-launched-today-on-snapchat
Mi fanno sorridere i commenti sotto all'articolo che vi invito a leggere.

Quota

By TeriXeri in Netherlands, 13 Feb 2019 08:30

Limited edition is the 2018/2019 trend?

- Forma
- Brickheadz
- Chinese New Year
- Store Exclusive sets like "Bean there Donut That" for Target 
- Bricktober
- Replacing a minifig suddenly in a late run of a Star Wars set

 

Ultima modifica: da Pix

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Beh hanno capito che di polli collezionisti che si fanno abbindolare dalle parole "limited edition" ce ne sono tanti. E pare che la cosa funzioni, quindi è logico che continuino a scrivercelo ovunque 😑

Ultima modifica: da Ceis

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

...è qualche giorno che ho in mente di aprire un topic sul mio personale giudizio cognitivo nei confronti di TLG e di come sia cambiato dal momento in cui sono uscito dalla dark age ad oggi, per capire se è comune ad altri AFOL più o meno veterani di me...

E questo argomento non può che pesare su tale giudizio...

Cercherò di trovare 5 minuti, nei prossimi giorni, per esporre il mio punto di vista...

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
8 minuti fa, GianCann ha scritto:

...per una t-shirt "pubblicitaria".

...per una t-shirt "pubblicitaria" neanche tanto bella. In quel prezzo ci stanno 3 t-shirt su redbubble, ma almeno quelle sono più belle.

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
24 minuti fa, Arrow ha scritto:

60e per una t shirt...

Non è una T-Shirt normale avendo il logo embossed che, ovviamente, incide sul costo di produzione. Inoltre immagino che la qualità della maglia e della finitura sarà sicuramente superiore a quella di un qualsiasi sito che vende magliette a 10 euro. Certo, penso che sia tanto anche io, magari sui 40/45 poteva essere un prezzo più abbordabile.

 

23 minuti fa, GianCann ha scritto:

...per una t-shirt "pubblicitaria".

Ma di che stiamo parlando?!? Qualsiasi maglietta, qualunque indumento è pubblicitario. Tutto è pubblicitario se stiamo a vedere queste cose! Che poi, vogliamo parlare delle magliette di Nike o Adidas per stare in ambito sportivo o magari di qualche brand di alta moda (o anche media) dove il costo magari è anche il doppio o più?

Forse vi è sfuggito quello che è successo qualche giorno fa a Milano per un paio di Nike...

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
13 minuti fa, Fabbbbbricks ha scritto:

Non è una T-Shirt normale avendo il logo embossed che, ovviamente, incide sul costo di produzione. Inoltre immagino che la qualità della maglia e della finitura sarà sicuramente superiore a quella di un qualsiasi sito che vende magliette a 10 euro. Certo, penso che sia tanto anche io, magari sui 40/45 poteva essere un prezzo più abbordabile.

Ti do ragione anche se in parte. Che il logo fatto in modalità/tecnica embossed sia più costosa è un dato di fatto, ma non è una maglia che viene e verrà fatta per un LUG o altro a tiratura limitata. Basti pensare quanto fa pagare PRIMARK una maglia del genere con il logo MARVEL…euro 9.99.

Ma stesso discorso vale anche per l’alta moda, basti pensare che il fornitore che fa le polo LACOSTE e KAPPA è il medesimo. Magari cambia la materia prima, cotone più pregiato, ma poi non incide chissà che sul totale, anche perché mano d’opera, sartoria, imballo, spedizione, incidono in ugual maniere (o quasi).

Detto questo…ad oggi giorno tutto ha un prezzo sopra il proprio valore.

Ultima modifica: da Pix

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
41 minuti fa, GianCann ha scritto:

...è qualche giorno che ho in mente di aprire un topic sul mio personale giudizio cognitivo nei confronti di TLG e di come sia cambiato dal momento in cui sono uscito dalla dark age ad oggi, per capire se è comune ad altri AFOL più o meno veterani di me...

Beh sarebbe come sparare sulla Croce Rossa e con @AirMauro si aprirebbe un discorso senza fine.
Oltre al fatto che potremmo perdere il nostro Ambassador per infarto istantaneo.

 

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
3 minuti fa, Pix ha scritto:

Oltre al fatto che potremmo perdere il nostro Ambassador per infarto istantaneo.

Si può salvare: da un po' di tempo, sul forum, c'è l'opzione "Ignora questo topic" 😄

Forse potrei attendere il termine del mio mandato nel direttivo dell'associazione per esprimere la mia opinione, in modo da essere ancor meno politicamente corretto di quanto già non lo sarei ora... 

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
4 minuti fa, Pix ha scritto:

Ti do ragione anche se in parte. Che il logo fatto in modalità/tecnica embossed sia più costosa è un dato di fatto, ma non è una maglia che viene e verrà fatta per un LUG o altro a tiratura limitata. Basti pensare quanto fa pagare PRIMARK una maglia del genere con il logo MARVEL…euro 9.99.

Bisognerebbe anche considerare la produzione di Primark che magari ha stampato centinaia di migliaia di maglie con il logo Marvel contro questa edizione, dichiaratamente limitata, da qualche migliaio di pezzi (tiro a caso) forse.

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Fabbbbbricks ha scritto:

Bisognerebbe anche considerare la produzione di Primark che magari ha stampato centinaia di migliaia di maglie con il logo Marvel contro questa edizione, dichiaratamente limitata, da qualche migliaio di pezzi (tiro a caso) forse.

Oh si a voja, anche che magari PRIMARK le fa in Bangladesh e LEGO in...bah, dubito, Bangladesh pure loro.
Poi sono sempre ragionamenti che contano come il due di picche.

Sta di fatto che...è sempre una rapina a mano armata! 🔞
Ma dopo la riedizione del Vestas a quel costo, non mi stupisco più di nulla...

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
13 minuti fa, Pix ha scritto:

Ma stesso discorso vale anche per l’alta moda, basti pensare che il fornitore che fa le polo LACOSTE e KAPPA è il medesimo.

Immagino che ben sappiate dove queste ed altre grandi firme producono i loro filati/tessuti e dove hanno la maggior parte delle loro confezioni:

http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Pulp-fashion-gli-inviati-di-Report-nelle-fabbriche-dove-si-producono-i-capi-dell-Alta-moda-8c74bf47-1988-49bc-b2ed-85041bf1b133.html

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
3 minuti fa, GianCann ha scritto:

Immagino che ben sappiate dove queste ed altre grandi firme producono i loro filati/tessuti e dove hanno la maggior parte delle loro confezioni:

Se ti dico che moltiplicatore ha Armani sulla linea "sportiva" EA7...roba da matti...
Un po' OFF TOPIC però...

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
il 13/2/2019 alle 15:20, GianCann ha scritto:

...è qualche giorno che ho in mente di aprire un topic sul mio personale giudizio cognitivo nei confronti di TLG e di come sia cambiato dal momento in cui sono uscito dalla dark age ad oggi, per capire se è comune ad altri AFOL più o meno veterani di me...

E questo argomento non può che pesare su tale giudizio...

Cercherò di trovare 5 minuti, nei prossimi giorni, per esporre il mio punto di vista...

No 5 minuti NO.

Se devi farlo fallo bene, almeno 300 righe...

Detto ciò il titolo te lo do io:

Non come sono uscito dalla Dark Age... ma come ci sono entrato!

Perché appassionarsi di LEGO significa veramente entrare nell'era oscura in cui ti friggi il cervello e spendi di ogni, senza misura, per procurarti abs in profusione.... eppure ne vivi in costante carenza.

Più oscura di questa... Prima di appassionarti al LEGO eri nella golden age... oggi sei nella dark age.

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
2 minuti fa, AirMauro ha scritto:

Più oscura di questa... Prima di appassionarti al LEGO eri nella golden age... oggi sei nella dark age.

A secondo del punto di vista, non hai tutti i torti. In realtà, tutti gli hobby/passioni (se vissute "intensamente") sono un bagno di sangue dal punto di vista economico.

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
il 13/2/2019 alle 15:20, GianCann ha scritto:

...è qualche giorno che ho in mente di aprire un topic sul mio personale giudizio cognitivo nei confronti di TLG e di come sia cambiato dal momento in cui sono uscito dalla dark age ad oggi, per capire se è comune ad altri AFOL più o meno veterani di me...

E questo argomento non può che pesare su tale giudizio...

Cercherò di trovare 5 minuti, nei prossimi giorni, per esporre il mio punto di vista...

Per quanto mi riguarda, preferisco astenermi, perchè ormai le mie "good vibrations" sono al lumicino.

Il picco (negativo) lo hanno raggiunto, secondo il mio modesto parere, con la nuova linea "monster" (brick+AR).

Non ci sono scuse, per quanto mi riguarda, per aver (ri)messo in mano ai bambini lo Smartphone (e di fascia nemmeno bassissima, visti i requisiti).

Un conto è farglielo usare come telecomando (treni, Batmobile, Technic...), un conto è farglielo impugnare per "arricchire" l'esperienza di gioco "fisica" con quella virtuale. Errore madornale, a mio avviso. Quella fisica è molto "passiva": è il bambino che deve inventarsi il gioco al quale giocare con i set, deve costruire il set etc. Quella virtuale è invece molto "attiva": ci sono "cose" GIA' "pronte" e "fatte" con le quali non devi fare altro che interagire, c'è la componente "suoni e luci", c'è la componente "videogioco"... Ma lo avete visto il set del cimitero?
50 pezzi o giù di lì e fatta 100 l'esperienza di gioco, il set vale 10-15 (devi "solo" montarlo... 15-25 minuti max) e il resto (cercare i fantasmi etc) vale 80. Spento il cell, a cosa giochi con quel set? "Ammazza la minifigure e seppelliscila"? Avessero almeno fatto un po' di porticciolo attorno, ci potevi giocare a "Dexter"... però aspetta, "Dexter" non è per bambini, giusto?

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
Il 17/2/2019 alle 16:01, GianCann ha scritto:

A secondo del punto di vista, non hai tutti i torti. In realtà, tutti gli hobby/passioni (se vissute "intensamente") sono un bagno di sangue dal punto di vista economico.

Anche gli hobby di mogli/ragazze/compagne...
Il giorno peggiore è quando mi chiede la mia carta di credito...pur avendo la sua.
 

Ultima modifica: da Fabbbbbricks

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

In generale il collezionista in se spende tanto di quei soldi da farci una guerra. Va da se che una grande impresa, o meglio, un gruppo come LEGO ne approfitta perché sa che gira intorno a questa parola magica un mercato immane. Soprattutto di polli che ricomprano a cifre spropositate. 

Non nascondo che il set Target l’ho preso pure io ma direttamente in America (tra l’altro il carissimo Jake Sadovich mi ha fatto un grande favore a mediare per la spedizione aggiunta di una piccola sorpresa richiesta da me con grande passione 🤣) o come il set regalo dipendenti di Natale. 

Ma credetemi che ci sono persone che spendono pure 300€ per un tappo a corona (quello delle birre per capire) per collezione. Io stesso colleziono tappi a corona e spesso compro birre da 2-3-4€ pur di aver un tappo e bermi una buona birra ovviamente 🤪😂

Ma il punto è che non è la LEGO che ha colpa di degenerare il mercato ma dei reseller e dei collezionisti accaniti/dell’ultima ora che “falsano” sistematicamente il reale costo e mercato di qualsiasi oggetti collezzionabile. Come i memorabilia dei film per esempio 😉

Mio umile pensiero, poi magari visto che è 1:26 di notte potrebbe essere pure il sonno che parla per me 😂

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per postare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai un account? Accedi .

Accedi ora

  • Visualizzato ora da   0 utenti

    Nessun utente registrato su questa pagina.

×
×
  • Crea nuovo...