Jump to content
Laz

The LEGO Group compra BrickLink

Recommended Posts

1 ora fa, Laz ha scritto:

Questa è un'azienda che manda personaggi Disney (leggermente modificati, per fare i furbi) alle feste senza pagar nessuna licenza a nessuno. Non ci vedo nulla da fan, francamente, solo una specie di brutto clone illegale.

E le moc sono ancora più spudorate, ci faccio un modello che sembra un veicolo di star wars e vendo pezzi e le istruzioni per costruirlo senza pagare alcun diritto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Wolfolo ha scritto:

E le moc sono ancora più spudorate, ci faccio un modello che sembra un veicolo di star wars e vendo pezzi e le istruzioni per costruirlo senza pagare alcun diritto.

Se sei un'azienda, sì, certo. Ma ci sono aziende che fanno modelli LEGO di cose che avrebbero bisogno di una licenza e li vendono? Non mi viene in mente nessuno, su due piedi. Mi vengono in mente al limite dei fan che lo fanno a tempo perso (per cui in genere si parla al massimo di cease and desist e non di denuncie, come dicevo...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 ore fa, GianCann ha scritto:

Perché, a questo punto, bisogna porsi pure questa domanda: violo qualcosa nel fotografare un minifigure Disney/Marvel/bla bla bla, e pubblicandola poi su Bricklink?

Se non hai l'autorizzazione della casa che ne detiene i diritti, non è divulgazione di materiale coperto da copyright? mi sa che hai trovato un nodo che forse in casa LEGO non hanno visto o forse non hanno voluto trovarlo...

In pratica è come se venisse usato il logo LEGO o Star-Wars o tutti gli altri .mila loghi per la pubblicità alle manifestazioni / esposizioni no? Sempre utilizzo e divulgazione di materiale coperto da diritti d'autore è, come ad esempio le splendide repliche della Delta integrale e del Defender 90  ( quello moc Camel Trophy non il set LEGO ) : se gli gira male fioccano lettere di avvocati per vietare quel tipo di moc alle esposizioni dove LEGO è presente in veste ufficiale o gli va bene così ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, ravescat ha scritto:

Se non hai l'autorizzazione della casa che ne detiene i diritti, non è divulgazione di materiale coperto da copyright? mi sa che hai trovato un nodo che forse in casa LEGO non hanno visto o forse non hanno voluto trovarlo...

In pratica è come se venisse usato il logo LEGO o Star-Wars o tutti gli altri .mila loghi per la pubblicità alle manifestazioni / esposizioni no? Sempre utilizzo e divulgazione di materiale coperto da diritti d'autore è, come ad esempio le splendide repliche della Delta integrale e del Defender 90  ( quello moc Camel Trophy non il set LEGO ) : se gli gira male fioccano lettere di avvocati per vietare quel tipo di moc alle esposizioni dove LEGO è presente in veste ufficiale o gli va bene così ?

Date una medaglia a chi disse: secondo me LEGO si è cacciata in un bel ginepraio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho letto tutto. A parte i soliti commenti, il solito proselitismo, la solita dottrina ecc...
TLG ha fatto un passo azzardato, ma con questo si porta a casa punto, set e match.
Detto questo: l'ultima persona che ha "limitato" la fantasia di più persone facendo il pugno duro, ha fatto una brutta fine...
Vediamo come andrà a finite.

Uno che fa MOC serie e vuole far soldi, comunque non le pubblica su BL ma su Rebrickable (visto che il progetto MOC Plans è già morto).

Però Vito mi ha detto che TLG vuole prendersi anche Rebrickable, quindi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un paio di aggiornamenti ulteriori: i "Q-elements", cioè quegli elementi mai visti nei set, ma solo disponibili per LEGOLAND e simili continueranno a essere disponibili. Non saranno invece disponibili le minifig dei dipendenti (per motivi di privacy, ci sono email e telefono - ma ci sono ora? Le ho sempre viste su eBay, non le avevo mai notate su BL) e il catalogo in corso (che non era comunque presente nemmeno ora).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 15/12/2019 alle 21:46, Laz ha scritto:

Davvero? La Disney ha denunciato dei fan per aver fatto qualcosa di illegale in (più o meno) buona fede? Non mi viene in mente nulla, ma chiaramente potrebbe essermi sfuggito o potrei averlo dimenticato.

 

Il 15/12/2019 alle 23:47, Wolfolo ha scritto:

Uno dei tanti articoli...

https://www.techdirt.com/articles/20171018/09330738427/disney-only-fun-allowed-childrens-birthday-parties-is-properly-licensed-fun.shtml

Quindi occhio con le moc tema star wars, che se le fai magari anche brutte è peggio

 

Quando un soggetto crea un'opera di ingegno o d'arte a partire da un soggetto/tema/oggetto coperto da IP Property o da cooyright, ricade nell'ambito della fan art. Se son bravo a disegnare e mi faccio la mia maglietta di Iron Man, la indosso e ci vado in giro, nessuno verrà mai a dirmi nulla.

Se viceversa, di quella stessa maglietta ne faccio un prodotto che vendo (merchandising), rischio la vertenza legale.
E' successo ad una AFOL francese (mi pare) che realizzava cartoline delle proprie opere in brick e le vendeva agli eventi... letterina dell'avvocato di LEGO Group "smetti o ti facciamo causa" (il "cease & desist" di cui ha scritto @Laz poco sopra)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se vendo sono d’accordo
Ma vorrei capire, se distribuisco gratuitamente (cioè non ci incasso niente) un elenco di pezzi e delle immagini di come costruire qualcosa, violo la proprietà intellettuale?
Tornando all’esempio precedente se pubblico un video su YouTube su come dipingersi la maglia violo la proprietà intellettuale?
Se vendo sono d’accordo che sfrutto una proprietà intellettuale a mio vantaggio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 19/12/2019 alle 18:05, Frank4bricks ha scritto:

 

Quando un soggetto crea un'opera di ingegno o d'arte a partire da un soggetto/tema/oggetto coperto da IP Property o da cooyright, ricade nell'ambito della fan art. Se son bravo a disegnare e mi faccio la mia maglietta di Iron Man, la indosso e ci vado in giro, nessuno verrà mai a dirmi nulla.

Se viceversa, di quella stessa maglietta ne faccio un prodotto che vendo (merchandising), rischio la vertenza legale.
E' successo ad una AFOL francese (mi pare) che realizzava cartoline delle proprie opere in brick e le vendeva agli eventi... letterina dell'avvocato di LEGO Group "smetti o ti facciamo causa" (il "cease & desist" di cui ha scritto @Laz poco sopra)

Va detto a onor di cronaca, che spesso, in questi casi c'è una sorta di bullismo legale dovuto all'asimmetria delle parti in causa.

Se una multinazionale produce qualcosa di tossico ci vorranno decenni prima di portarla in tribunale, e miracoli per poter avere risarcimenti o altro.

Viceversa se la multinazionale punta un fan con il suo sontuoso studio legale, il fan che abbia ragione o meno, per paura si dilegua subito. Anche se poi nel concreto non sa se ha fatto nulla di male dal punto di vista legale.

Banalmente tutti noi sappiamo che i pezzi che compongono una minifig non sono protetti più da brevetto, eppure LEGO è riuscita a far passare la minifig come brand, anche se non lo ha mai usato come tale.

Immaginate se allo stesso modo qualsiasi azienda che fa catene, che spesso nel logo ha le catene, si fosse presentata in tribunale asserendo che nessuno poteva più fare catene in quel modo perché erano il suo logo (E ripeto LEGO non ha mai avuto la minifig nel logo...). Idem un'azienda di pentole, di mobili, e così via...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 26/12/2019 alle 10:49, AirMauro ha scritto:

Banalmente tutti noi sappiamo che i pezzi che compongono una minifig non sono protetti più da brevetto, eppure LEGO è riuscita a far passare la minifig come brand, anche se non lo ha mai usato come tale

Immaginate se allo stesso modo qualsiasi azienda che fa catene, che spesso nel logo ha le catene, si fosse presentata in tribunale asserendo che nessuno poteva più fare catene in quel modo perché erano il suo logo (E ripeto LEGO non ha mai avuto la minifig nel logo...). Idem un'azienda di pentole, di mobili, e così via...

Mauro, questo é incorretto. I sistemi di Proprietà Intellettuale possono avere dei difetti, ma non cerchiamo di trovarli là dove non ci sono perché ormai la giurisprudenza é consolidata e ha risolto problemi di interpretazione in modo sostanzialmente giusto e definitivo.

La LEGO ha validamente e legalmente registrato la minifig come marchio 3D e non ha bisogno di usarla nel logo per validare tale registrazione o il diritto che ne consegue. Tale requisito, se proprio vogliamo, é necessario solo per i marchi non registrati.

Per quanto riguarda il secondo punto, bisogna distinguere fra "forme necessitate" (in un determinato contesto tecnico)  e non.

All'inizio del 2000 LEGO ha provato a prolungare la vita del brevetto del brick provando a far passare i brick come forme arbitrarie meritevoli di un marchio di forma (o 3D). Dopo un paio di iniziali vittorie in primo grado in giro per l'Europa, LEGO ha perso tutti i ricorsi in giro per il mondo perché i vari giudici hanno riconosciuto che la forma dei mattoncini LEGO é una forma necessaria/necessitata per poter produrre pezzi compatibili (o pezzi di ricambio) da usare nel LEGO building system. Per cui, scaduto il brevetto, non c'é stato più modo di inibire le terze parti da riprodurre i mattoncini classici.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa @Piru Brick mi puoi spiegare bene la questione?

Voglio dire, il minifig che LEGO ha creato, in che anno è diventato una proprietà intellettuale?

Si può produrre una mano identica a quella del minifig LEGO?

I singoli pezzi che la compongono sono riproducibili?

Quando ha registrato come logo 3D la minifig? Quando lo ha lanciato?

O quando ha cercato un artificio legale nell'imminenza della scadenza dei brevetti?

Domanda, ma i concorrenti in cosa dovrebbero variare il minifig per far si che esso sia legale (a parte Oxford che li fa uguali da sempre, perché LEGO non persegue OXFORD?)?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mauro, è una questione complicata in cui diversi tipi di Proprietà Intellettuale si sovrappongono e che, per di più, viene affrontata in modo diverso dalle diverse giurisprudenze nazionali.

 

 

Voglio dire, il minifig che LEGO ha creato, in che anno è diventato una proprietà intellettuale?

Appena resa pubblica, è protetta da diritto di autore e copyright.

Inoltre, in UE, e anche coperta per 3 anni da modello di design non registrato.

A questo si può aggiungere una copertura per modello di design registrato (max 25 anni) e una tutela come marchio di forma (o tridimensionale), che ha una durata potenzialmente illimitata.

 

Si può produrre una mano identica a quella del minifig LEGO?

I singoli pezzi che la compongono sono riproducibili?

A mio parere personale Ti direi di sì, a condizione che l'uso sia tale da non richiamare la figura del minifig per intero. Mi spiego meglio. Se usi la mano della minifig in un abito che non richiama necessariamente i giochi LEGO o il fatto che sia una mano ( potrebbe essere un qualsiasi componente a Forcella), Allora non ci dovrebbero essere problemi

 

Quando ha registrato come logo 3D la minifig? Quando lo ha lanciato?

O quando ha cercato un artificio legale nell'imminenza della scadenza dei brevetti?

Onestamente non lo so e non ho voglia di andare a cercarlo. Basta fare una query sul sito dell'EUIPO o dell' ufficio marchi e brevetti Danese piuttosto che tedesco.

 

Domanda, ma i concorrenti in cosa dovrebbero variare il minifig per far si che esso sia legale (a parte Oxford che li fa uguali da sempre, perché LEGO non persegue OXFORD?)?

 

Le minifigure di concorrenti dovrebbero presentare delle differenze tali per cui l'utente informato non rischi la confusione riguardo l'origine o la tipologia di prodotto (nello specifico una minifig giocattolo)

 

 

 

Inviato dal mio ONEPLUS A3003 utilizzando Tapatalk

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie.

A me però quelle di Oxford, a parte per le espressioni, sembrano uguali.

image.thumb.png.b675c4256b6a3d508984838ded665ac7.png

 

Magari come hai detto tu, le varie giurisdizioni nazionali potrebbero considerare le varie sfumature in maniera diversa.

image.png.a3e543ed32ee52989c18415243f881f6.png

E il fatto che Toys R Us si faccia fare edizioni speciali di qualcosa che violerebbe così tante regole mi lascia perplesso, sulla forza di questa protezione giuridica al di fuori di giurisdizioni amiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è vero, classico esempio di titolo fuorviante o clickbait (solo che non c'è niente da cliccare :P) 

Hanno detto ai volontari di smettere di aggiornare temporaneamente, perché dovevano sistemare delle cose. Parrebbe che il problema sia il fatto che è illegale fare i volontari per conto di un'azienda (in USA). E parrebbe che stiano quindi cercando il modo più pratico per pagare i "volontari" (che non sarebbero più volontari a questo punto).

Solo che ormai è un mese e ancora non si sa nulla. Fino a quando non troveranno il modo, il lavoro dei volontari è fermo ed è ovviamente frustrante.

(Sì, era illegale anche prima, naturalmente.)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...