Uno sguardo al “LEGO-photography” #3

Come promesso parliamo nuovamente  di “LEGO-photography” continuando quello che avevamo iniziato a dicembre intervistando Fabio Broggi (@ilcarota). Questa volta approfondiremo il lavoro di Manuel Muttarini ( @LionStudios ) che trasforma, con tanta passione ed impegno, migliaia di scatti in video Stop-Motion (se non sapete cosa siano, continuate a leggere!). Passiamo subito all’intervista!

Quando e come nasce la passione per i mattoncini LEGO? ..e per la fotografia? ..e per i video?

La passione per i mattoncini LEGO nasce durante la mia infanzia. Passavo varie ore al giorno in compagnia dei miei galeoni e dei miei pirati. Crescendo mi sono appassionato alla tecnologia ed ho iniziato ad interessarmi all’editing audio/video per poi passare alle animazioni; per questo mi sono avvicinato al mondo della fotografia e mi sono regalato attrezzature semi professionali ed ho preso lezioni dal mio migliore amico Luca Giacomini, fotografo professionista, da cui ho imparato la qualità e la pulizia dell’immagine, l’importanza delle angolazioni, la riduzione del rumore e molti alti segreti.

Parlaci dello Stop Motion!

L’arte dello Stop Motion è qualcosa di magico! Oggi siamo abituati a vedere effetti speciali, animazioni e molto altro realizzati virtualmente con l’ausilio dei computer; nei miei filmati invece ogni singolo movimento dei personaggi ed oggetti è ottenuto con tantissima pazienza, precisione e molte ore di lavoro manuale. I miei video sono realizzati in Stop Motion a 24 FPS: ciò significa che per realizzare un singolo secondo di filmato devo usare 24 scatti. Per realizzare un video di un’auto in corsa, per esempio, devo spostare il modellino dell’auto millimetro dopo millimetro scattando una foto ogni volta che effettuo uno spostamento. La qualità dell’immagine è fondamentale: un solo scatto sbagliato può rovinare il lavoro di alcune ore.

Come nasce lo Storyboard?

Una storia nasce all’improvviso. Generalmente per ispirarmi ascolto i Pink Floyd, oppure mi  guardo attorno… molte scene che ho realizzato, sono accadute veramente. Quando sono convinto della trama, prendo un foglio e realizzo lo storyboard, ovvero disegno la trama. Ogni scena viene numerata ed accompagnata da vari appunti, come l’aggiunta di un effetto speciale, di un suono o qualche cambio di inquadratura. Terminata la Storyboard si passa alla costruzione delle varie MOC… e le “riprese” iniziano!

Quali sono le difficoltà tecniche dietro ogni scatto? Hai consigli da dare?

Per realizzare una scena di 6 secondi, impiego circa un paio d’ore. Sono molto preciso e pignolo ed in passato è capitato che eliminassi una scena di 200 foto per un semplice scatto di troppo che rovinava l’armonia del filmato. Ogni scena deve avere la luce perfetta. Utilizzo sempre la luce a led, in modo da non vedere l’effetto chiamato “flikering”, comunemente conosciuto come “sfarfallio”. Usate sempre luci costanti e se possibile usate un tavolo scuro (magari in legno) per non riflettere la luce. Le baseplate devono essere ben salde in modo da evitare spostamenti accidentali (basta un colpetto!), nemmeno di un millimetro, altrimenti avrei oggetti che si muovono da soli. E’ fondamentale prestare molta attenzione nel fissare bene le basi e gli oggetti!

Quali sono i passaggi che fai al computer?

Sono un utente Apple da molti anni, per cui, una volta realizzati gli scatti utilizzo Motion e Final Cut X. Per gli effetti sonori, cerco audio libero da copyright sul web. Alcune volte come nello spot di “Minecraft” in “Ritorno al Futuro 4“, compongo alcuni motivetti usando GarageBand (che permette di comporre musica di base trasformando la tastiera in qualsiasi strumento musicale).

Lasciaci con qualche consiglio!

Tutti gli appassionati di fotografia dovrebbero provare questa tecnica, basta avere un po’ di pazienza e la giusta voglia di imparare. Come potete vedere dai miei video sui vari siti ( YouTube, Vimeo, Dailymotion), il mio primo filmato, “La Pianta Lunare” presentava vari difetti, primo tra tutti l’illuminazione: nell’ultimo filmato che ho realizzato non troverete più lo stesso errore, grazie alle continue prove e all’esperienza che ho accumulato. E’ importante cercare sempre di migliorarsi ed avere la “fame” di creare sempre qualcosa di magico. Non ho mai eliminato i miei primi filmati per ricordarmi sempre la strada che ho percorso durante il mio “apprendimento”. Vi capiterà di fare una scena che non vi piace, di spostare per sbaglio al 199esimo scatto… non perdete la pazienza e non cedete alla tentazione di “tralasciare un errore che tanto nessuno vedrà”: puntate sempre alla perfezione! Un’altra cosa importante è non essere mai schiavi degli iscritti ai vostri canali sui social: i primi a dover essere soddisfatti del vostro lavoro siete voi! Amate sempre ciò che fate e siate sempre umili: questa è la chiave per trasmettere un messaggio. Se vi confronterete con voi stessi, cercando di dare il 100% in ogni scena, scoprirete presto il motivo per cui occorrono dai 3 ai 7 mesi di lavoro per un video di qualche minuto. Abbiate molta pazienza e vedrete che ne è valsa davvero la pena, perché non si smette mai di imparare proprio come non si smette mai di sognare.

 

Ringraziamo Manuel per il tempo che ci ha dedicato e per tutti i consigli che ci ha dato. Se avete delle domande, venite sul nostro forum! Potete trovare tutti i lavori di Manuel sul suo canale Youtube: Vi lascio con “Ritorno al Futuro 4”!

 

 

Rispondi