Recensione LEGO® 10245 – La bottega di Babbo Natale (Santa’s Workshop)

Dati principali

  • Nome: Santa’s Workshop;
  • Numero Set: 10245;
  • Tema: Creator Expert;
  • Sotto-tema: Winter Village;
  • Numero pezzi: 883;
  • Minifig: 6;
  • Età: 12+;
  • Prezzi: $69,99, £59,99, €69,99
  • Disponibilità: ottobre 2014.

Recensione

Eccomi di nuovo qui a parlare del nuovo set a tema invernale che ormai è diventato una costante da parte di LEGO (nel periodo autunnale) in preparazione del Natale.
Questo è il sesto set della famosa serie Winter Village. È composto da circa 900 pezzi e 6 minifig.
È un set che rientra nella categoria Creator Expert in quanto consigliato a un’età a partire dai 12 anni, contenente piccole parti e tecniche di costruzione più ricercate rispetto ai set più semplicistici.
Il set l’ho acquistato dallo Shop online della LEGO godendo della promozione spedizione gratis + punti doppi + set speciale natalizio in omaggio (# 40106). Sicuramente una buona occasione alla quale è difficile rinunciare!
Vi anticipo che prima di fare questa recensione ho letto anche le recensioni degli altri siti internet più blasonati come Eurobricks e Brickset. Le loro recensioni sono state entusiaste riguardo a questo set mentre io invece ho qualche riserva da comunicare, ma la vedrete scritta più avanti. Ma ora veniamo a noi. Qui sotto ecco la foto della scatola:

La scatola vista di fronte

La scatola vista di fronte

All’apertura della scatola mi sono trovato con 9 buste di pezzi (con varie altre bustine dei pezzi più piccoli contenute nelle buste più grandi), due libretti di istruzione, gli adesivi da applicare al set.
Il primo libretto spiega come costruire la slitta di Babbo Natale e alcuni accessori, il secondo libretto invece serve per la costruzione dell’edificio (diviso in due sezioni) e la macchina per i giocattoli.

Il contenuto della scatola

Il contenuto della scatola

Nella prima fase di montaggio si costruiscono le renne “adulte”, la mini-renna e la slitta di Babbo Natale, con bei colori e qualitativamente ben realizzata. Oltre alla slitta, come accessori extra ci troviamo a costruire anche un paletto con la scritta “North Pole” e un piccolo alberello di Natale.

Nella seconda fase di montaggio passiamo all’edificio vero e proprio. L’edificio è diviso in due sezioni con altezze differenti e collegati poi insieme da semplici clip ad aggancio.
La prima parte dell’edifico si monta rapidamente. Mentre costruiamo incontriamo un nuovo pezzo che è il “brick mattonato” largo 4 studs di colore medium dark flesh. Inoltre, ritroviamo il disco 4×4 con l’orologio stampato che avevamo già incontrato nel modulare Town Hall #10224.

La seconda parte dell’edifico è altrettanto rapida ed è interessante soprattutto per la finestra snottata che è già stata vista in mille salse nelle varie MOC medievali ma è comunque un aiuto a coloro che non si sono mai approntati a questa tecnica di costruzione delle finestre.

Edificio completato pronto all’aggancio!

Edificio completato pronto all’aggancio!

Il pavimento di questo edificio (come per il primo) è realizzato con plate 6×8 di colore flesh. Scelta strana a mio parere visto il già alto numero di colori sgargianti che possiamo trovare sia fuori che dentro l’edificio. Purtroppo però i pavimenti non hanno tile come invece ci avevano abituati in passato come il Cottage e gli altri edifici più vecchi. Anche il tetto è piuttosto striminzito, infatti non copre neanche la parte del “laboratorio” ed è addobbato con il solito filo di luci di Natale con una variante di colore gialla.
Per ultimo troviamo le fasi di costruzione della macchina di produzione dei giocattoli. Non è sicuramente paragonabile rispetto alle linee chilometriche che abbiamo visto tutti da bambini nei film dedicati al Natale ma comunque rende l’idea e nel suo piccolo è davvero ben realizzato. Forse tra tutti gli accessori è quello che mi piace di più!

Altre info:
Come si può subito notare dalla copertina della scatola, l’ingresso dell’edificio ha una posizione inclinata rispetto al resto del set. Non so esattamente perché sia stata fatta questa scelta, forse per dare un tocco di rinnovamento ai precedenti edifici. L’inclinazione dell’edificio è dato da un wedge plate nuovo del 2014 di colore nero (quello a forma di A).
Le due sezioni si attaccano poi via clip. Questo tipo di edificio (con angoli non di 90 gradi) rende le cose leggermente più complicate per l’inserimento in un diorama più grande perché bisogna prevedere dei punti di ancoraggio agli stud e altri di solo appoggio con i pezzi tile.

Possibilità di ingrandimento:
Il design di per sé non è male da vedersi ma lo avrei fatto più grande con almeno due finestre in più, magari eliminando la seconda porta e facendo un tetto più grande in modo tale da avere anche più spazio all’interno per poter collocare la macchina di creazione dei giocattoli.
Il vantaggio di questo set è quello di avere ampi margini di modifica… infatti dopo questa recensione ho già in mente a come ingrandirlo… sostanzialmente come scritto qui sopra e facendo un mix tra quanto c’è già del set e aggiungendo un pochino di laboratorio grazie all’ausilio del set speciale #40106 che mi è stato regalato insieme. Nei prossimi mesi sul forum (appena mi sarà possibile) posterò sicuramente le immagini del laboratorio modificato.

Edificio frontale

Edificio frontale

Conclusioni e giudizio finale

Parti: come di consueto di questi set che possiamo definire un pochino “speciali” ci troviamo di fronte ad alcuni nuovi pezzi mai prodotti prima o altri comunque di difficile reperimento.
I pezzi di cui parlo sono riportati nelle immagini numero 9, 16 e 21.
Voto 8/10

Processo di costruzione: la costruzione è piacevole, per nulla ripetitiva ed estremamente semplice. Il set è piccolo e se vogliamo costruirlo dall’inizio alla fine bastano 3 ore di relax prendendoci tutta la calma di osservare i pezzi e goderci le varie e piccole fasi di montaggio.
Voto 7/10

Design: i singoli accessori di questo set sono le cose più interessanti dal punto di vista del design, come la macchina dei giocattoli, la slitta ben realizzata e la poltrona interna di Babbo Natale.
Il design complessivo dell’edificio è molto carino ad una prima vista. La doppia porta di ingresso, i pilastrini dell’ingresso principale, la finestra snottata sul fronte, l’insegna nera. Tutto è molto carino ma dopo pochi minuti che lo si guarda si pensa… bene, guardiamo dentro e subito si rimane delusi da uno spazio davvero ristretto e una totale mancanza di un locale adibito per di più all’unico vero scopo dell’edificio ovvero un laboratorio dove si producono i giocattoli! Quel povero tavolo nell’interno non è sufficiente a farmi cambiare idea. La macchina di produzione degli elfi invece è ben costruita ma non saprei dove metterla se non fuori dall’edificio!
Voto 7/10

Giocabilità: la giocabilità del set è buona sebbene non abbia parti in movimento come il precedente set invernale (la giostra natalizia 2013). La slitta, le renne, il cartello del polo nord, la macchina dei giocattoli, i 6 simpatici minifig… sono tutti dei piccoli accessori che rendono piuttosto giocabile questo piccolo set.
Voto 8/10

Prezzo: 70 euro per 883 pezzi (0,079 € a pezzo) sono la media che ci aspettiamo da un set di questo tipo. I minifig sono molto ben realizzati e anche se il Babbo Natale ormai è stato prodotto in un tutte le salse, è bello vedere in un solo set ben 4 elfi e per la prima volta in esclusiva anche la moglie di Babbo Natale!
Voto 8/10

Giudizio complessivo:
Il mio voto complessivo è di 8/10 (tendente al 7); come già accennato in precedenza il set è molto carino da osservare una volta finito, ma non perfetto. Non riesco a dire “Uao!“ quando lo vedo… ci sono parecchi difetti dal mio personale punto di vista. D’altronde se non ci fosse il Babbo con gli elfi e le renne davanti all’edificio direste mai che si tratta del laboratorio di Babbo Natale?

Struttura molto piccola, interni poco dettagliati, pavimento senza tile, tetto scarno. Insomma, da un laboratorio di Babbo Natale ci aspettavamo tutti qualcosa di più grande e ricercato. Potevano ad esempio farlo pagare 30 euro in più e aggiungerci quei 300/400 pezzi che forse lo avrebbero reso perfetto.
Sicuramente dobbiamo calarci nelle regole ed esigenze del marketing della LEGO dove principalmente questi set sono costruiti per un pubblico di giovani costruttori… ma fino a un certo punto. Mi ricordo che già a 12 anni costruivo mezzi technic piuttosto complessi ed ero parecchio esigente in fatto di qualità. Le dimensioni alle volte contano e credo che anche i più giovani si potevano aspettare di più da un edificio degno di questo nome.
Detto questo non posso dire che non sia un set bello: alcuni tocchi interessanti ci sono e fanno molto piacere (e si notano dei tocchi del designer ideatore Marcos Bessa) ma sicuramente per i costruttori più esigenti non mancherà la voglia di ingrandirlo e modificarlo per le proprie esigenze.

Grazie a tutti per l’attenzione!

Link utili:
Inventario dei pezzi;
Bricklink;
Brickset.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.