Game of Thrones – Il diorama LEGO®

Dal libro “Le cronace del Ghiaccio e del Fuoco” di G.R.R. Martin, e dal susseguente show  “Il Trono di Spade” di HBO, i soci ItLUG della “combriccola” di Romabrick sono orgogliosi di presentare “Game of Thrones – Il diorama”.

Diversi mastri costruttori si sono riuniti per dare vita ad un diorama unico al mondo basato sulla famosa saga. L’Iconica barriera, composta da un numero di mattoncini superiore alla vostra immaginazione, ma minore dei litri di sudore spesi per assemblarla, è ad opera di Er Khanc (Marco Cancellieri) Come un buon Lannister, la sua parola è valsa oro. Ci si è impegnato e l’ha fatta. Suo è anche Castle Black, imponente costruzione “in plate” (ovvero usando pezzi piatti anziché mattoncini) e sempre sue sono le “Terre dei Fiumi”, così che anche la Casa Tully trovi il suo posto. Le Terre dei fiumi con le sue rigogliose foreste hanno dato vita a parte della storia, dove si sono anche riposati quelli della Compagnia senza Vessilli. Tristan (Jonathan Petrongari) è l’autore di questa parte di diorama. Ma non solo. Il prode gladiatore è anche il mastro costruttore padre di Winterfell. Speriamo non faccia la fine di Ned Stark! La costruzione dell’imponente capitale del Nord ha richiesto uno sforzo titanico.
Se gli Stark ci ispirano simpatia con i loro lupacchiotti, meno ce ne suscita Walder Frey, il ritardatario Lotti (Federico Micocci) si è preso carico di costruire le torri gemelle, The Twins. Il ponte diagonale è una sua personale invenzione, continuate lungo la Strada del Re.
A sud troviamo una parte del diorama medioevale che non è in tema Game of Thrones, i mattoncini sono fatti per stimolare la fantasia e così Trainspotting (Marcello Amalfitano) ha creato un bel villaggio medioevale di cui andare molto fieri. Adiacente ad esso, svetta imponente la grande Città Fortificata nuovamente di Er Khanc. Dall’alto della sua torre, egli vigila perché tutto si LEGHI alla perfezione.
Pieno di chicche interminabili è invece il regno di Dark Collector (Luca D’ottavio). Volete ritrovare Ash e Golden Axe? Cercate queste due icone anni 80 all’interno del suo magnifico panorama.
Per concludere, oltre il mare, è guerra. La battaglia di Kragta, ad opera di Shintaku (Jody Padulano), è un esempio di entropia. Volete vedere un vero esercito di minifigures? Questo è quello che fa per voi. Non provate a contarle, vi addormentereste.

E così abbiamo completato il panorama del diorama medioevale di Romabrick. Piace a tutti, anche ad Emmet che con il Pezzo Forte si è nascosto da qualche parte nel paesaggio per sfuggire alle ire del Presidente Business.
Pensate di riuscire a scovarlo? Sotto a chi tocca.

La prossima occasione per poterlo vedere “dal vivo”, nella sua maestosità, sarà presso l’evento Brick’n’Build di Porto San Giorgio, dal 6 all’8 dicembre 2014.

Nel frattempo, potete ammirare le foto scattate da un altro AFOL, f_Random (Domenico Franco)
https://www.flickr.com/photos/f_random/sets/72157638573597305/
https://www.flickr.com/photos/f_random/sets/72157644526790035/

Ecco alcune preview

ItLUG a bordo di MSC Armonia…

Il 31 ottobre 2014, sulla Rete, inizia a diffondersi la notizia di una partnership stretta tra la compagnia di navi da crociera MSC Crociere e The LEGO Group.
L’accordo tra i due brand, ben famosi al mondo, riguarda l’allestimento di una speciale “LEGO Playroom” (progettata direttamente da LEGO) a bordo delle navi da crociera MSC per offrire, ai piccoli ospiti a bordo (dai 3 agli 11 anni, in particolare), quella che viene definita “the LEGO experience on board“.

La prima nave in cui è presente questa LEGO Playroom è la MSC Armonia, da poco rimessa in mare dopo uno spettacolare intervento di allungamento di ben 24 metri ed un completo restyling degli ambienti e dei servizi di bordo (è la prima delle 4 navi MSC che saranno ristrutturate secondo il “Programma Rinascimento“, entro il 2015).

In realtà, come vedremo tra poco, le LEGO Playroom a bordo della MSC Armonia sono due, differenziate per fascia d’età, evidenziate anche su questa rappresentazione grafica degli interni della nave-

L’inaugurazione della LEGO Playroom, e più in generale di tutta la nave rimodernata, avviene lo scorso 18 novembre a Genova che, dopo diversi giorni di pioggia e di allagamenti, si sveglia sotto un pallido sole che diventa raggiante nel corso della mattinata. Di sicuro un buon auspicio 😉

Noi di ItLUG siamo tra gli invitati alla cerimonia di inaugurazione della nave, vista la nostra competenza con i “mattoncini danesi”
Insieme a noi, salgono a bordo altri 800 invitati (MSC management, tour operator, media, VIP, autorità) che trascorrerano un’intera giornata a scoprire, valutare e commentare tutte le novità di questa nave da crociera.

Ma non solo… ItLUG viene attivamente coinvolta nell’inaugurazione di quella che viene definita come “the LEGO experience on board” (guarda il video di presentazione), dando maggior risalto alla novità delle LEGO Playroom presenti sulla nave: costruiremo il logo MSC (una rosa dei venti) con una “manciata” di mattoncini… 25.600, per l’esattezza!
Prima di parlare nel dettaglio dell’attività di ItLUG, vediamo cos’è questa “the LEGO experience on board”, frutto della collaborazione MSC Crociere/The LEGO Group:

A bordo della nave sono presenti due ambienti gioco a tema LEGO, definte LEGO Playroom: una a prua (ponte 11), dedicata ai bambini dai 3 ai 6 anni ed identificata dal nome ‘MiniClub 3-6” ed una a poppa (ponte 12) per la fascia 7-11, chiamata “Junior Club

Il MiniClub, si presenta come un ambiente confortevole (oltre 20mq di spazio utile per il gioco), a misura di bambino, molto luminoso e con un arredamento assolutamente in stile “LEGOso” costituito da moltissimi contenitori dalle dimensioni generose a forma di brick di vari tipi e colori (minifig head, brick 1×1, 2×2, 2×4, round 1×1) sparsi quà e là che, durante le attività di gioco potranno essere impilati come i classici mattoncini. Le attività di gioco e costruzione, seguite costantemente da apposito personale specializzato, possono essere svolte sia sui tavolini (uno dei quali dotato di vasche di contenimento dei brick e baseplate incorporate) o sul pavimento, grazie a dei piani di “lavoro” senza gambe (anch’essi con baseplate incorporate) e alla comodità del materiale “antiurto” con cui è rivestito il pavimento stesso.

La dotazione di mattoncini a disposizione dei bambini è ben nutrita e comprende sia brick della linea Duplo sia i classici mattoncini a tutti noi noti, con la presenza di molti pezzi “speciali” quali finestre, porte, ruote, parabrezza, alberi… insomma, tutto quello che serve per far giocare parecchi bambini contemporaneamente, dando loro la possibilità di mettere all’opera fantasia e creatività grazie alla varietà e quantità dei pezzi disponibili.

Su una delle pareti della stanza è presente un pannello costituito da 6 baseplate 48×48 trans clear (trasparenti) dietro le quali è posizionata l’immagine della mascotte MSC “DOREMI”. Questo pannello permetterà ai bambini di “ricostruire” il disegno della mascotte, posizionando i mattoncini al loro giusto posto, con la guida dell’immagine di sfondo.

Un ampio TV LCD permette la visione di cartoni animati e film in tema LEGO, che i bambini potranno gustare seduti su comodi cuscini presenti in quantità.

L’ampia vetrata con vista sull’orizzonte marino o sulla bellezza del porto dove la nave sosterà di volta in volta, dispone di tende per evitare una sovraesposizione al sole. La dotazione del MiniClub comprende un desk di accoglimento, il guardaroba e i servizi igienici a misura di bambino, nonchè un piccolo ambiente di servizio per tenere in ordine altro materiale di gioco, considerato che il MiniClub è comunque un ambiente polivalente per varie attività di gioco anche extra-LEGO.

Lo Junior Club, dall’altra parte parte della nave, è un ambiente più grande, con una disposizione degli spazi più dinamica, il cui colore predominante è il giallo LEGO. Si nota subito che è un ambiente per i “più grandi”: oltre alle presenza dei soliti contenitori-brick, dei tavoli gioco e del mosaico con baseplate trasparenti (quest’ultimo, con un disegno più complesso e colorato), spicca la presenza di 3 consolle per videogiochi della serie LEGO e, soprattutto, di uno spazio “discoteca” con tanto di effetti luce e postazione DJ. Il tutto, sempre e comunque, decorato con immagini di minifigures LEGO.

Gli spazi generosi, una grande vetrata a “filo pavimento” che offre una vista che immaginiamo essere spettacolare durante il viaggio, unite a tutte le attività di gioco ed intrattenimento presenti, offriranno ai giovani croceristi una esperienza di gioco e socializzazione che, siamo sicuri, sarà per loro “indimenticabile”.

Siamo anche convinti che gli spazi qui sopra descritti saranno apprezzati non solo dai bambini ma anche da tantissimi genitori, in alcuni dei quali si risveglierà lo spirito “AFOL” che, talvota dormiente, risiede in ogni adulto.
Insomma, il nostro giudizio è che lo slogan “the LEGO experience on board” è senz’altro azzeccato e veritiero perchè chiunque trascorrerà anche pochi minuti in queste Playroom, non potrà non essere attratto dall’impegnarsi in qualche attività con i mattoncini LEGO.

La “the LEGO experience on board” non si limita alla sola presenze dei due “Club”, ma è affiancata da specifiche attività di gioco ed intrattenimento organizzate durante il viaggio di crociere dagli animatori di bordo.

Parliamo ora delle fasi vere e proprie dell’inaugurazione delle LEGO Playroom, alla quale ItLUG ha partecipato con la realizzazione del grande mosaico raffigurante il logo della compagnia MSC Crociere 😀

La cerimonia di inaugurazione ufficiale, con il taglio del nastro, si è svolta presso gli ampi spazi dello Junior Club ed ha visto la presenza della testimonial d’eccezione, Lorella Cuccarini, accompagnata dal CEO di MSC Crociere Gianni Onorato, dal Comandante della nave Raffaele Iaccarino, da Annette Rosendahl (LEGO Travel Retail Manager) e da Angela Lippolis (LEGO Italia, Marketing).

Un team di 4 membri di ItLUG, composto da Gianluca Cannalire, Fabio Maiorana, Nico Mascagni e Andrea Costagli, ha dato ulteriore risalto alla partnership MSC Crociere/The LEGO Group, realizzando il logo MSC con un mosaico di mattoncini LEGO.
Non è la prima volta che membri di ItLUG si cimentano nella realizzazione di un mosaico: grazie alla specifica esperienza del socio Domenico Franco, viene elaborato il progetto di un mosaico che, nonostante le dimensioni ridotte (poco più di 6 mq), riesce a rendere un risultato ottimale del logo anche se il posizionamento avverà su un piano orizzontale, anzichè verticale, come di solito avviene con questi progetti.

I dettagli tecnici del mosaico sono i seguenti: 25.600 bricks 2×2 in 5 colori differenti, 100 baseplate 32×32, per un peso complessivo di quasi 50kg di ABS, posizionati su una superficie di 2,55×2,55 metri.

L’idea di realizzare un mosaico nasce da alcuni requisiti:
– semplicità di realizzare qualcosa con i mattoncini LEGO che fosse strettamente legata al brand MSC Crociere;
– dimensioni che fossero “importanti”, in rapporto anche alla maestosità della nave;
– tempi di realizzazione pratica brevi (un paio d’ore, all’incirca);
– possibilità di coinvolgimento di altre persone, presenti a bordo nave;
– reperibilità, in tempi strettissimi, di oltre 25.000 mattoncini;
– realizzare qualcosa che fosse “d’effetto”.

L’avventura di ItLUG a bordo della MSC Armonia è stata divertente ed “impegnativa” allo stesso tempo. Dopo un piccolo contrattempo iniziale (“dove sono i mattoncini per il mosaico???”) che ha fatto slittare l’inizio dell’operazioni di costruzione, si è partiti un po’ preoccupati di non riuscire a completare l’opera (almeno in buona parte) nel momento i cui, dopo il taglio del nastro, sarebbero arrivati a visitare il MiniClub l’A.D. di MSC Crociere e gli altri invitati all’inaugurazione.

Grazie all’aiuto pratico di molte persone che passavano a visitare la LEGO Playroom/MiniClub (tra cui anche Annette Rosendahl e Angela Lippolis, di LEGO, manager di MSC e agenti di viaggio) le 3 ore e 30 necessarie al completamento dell’intero lavoro sono trascorse in una atmosfera di puro divertimento e socializzazione.
Da sottolineare, tra i vari “costruttori per caso” l’impegno di una ragazza, titolare di una agenzia di viaggi, che si è affiancata al team di ItLUG per oltre un’ora, componendo almeno 10 baseplate!

Per concludere, quella a bordo della MSC Armonia, è stata una bella “the LEGO experience on board” anche per ItLUG 😉

Guarda anche i video time-lapse della costruzione del mosaico

Video “Iniziamo a costruire
Video “All work
Video “The MSC Logo

Per un articolo di approfondimento sulle novità complessive della nave, vi segnaliamo questo articolo

A cura di Gianluca Cannalire, Fabio Maiorana, Fabio Mascagli, Andrea Costagli

ItLUG Empoli questo week-end!

ItLUG Empoli 2014Si apre la “stagione” degli eventi nazionali di ItLUG con il nostro primo evento nazionale dell’anno, Mattoncini a palazzo (ItLUG Empoli 2014).

Dal comunicato stampa:

L’Associazione ItLUG – Italian LEGO® Users Group, in collaborazione con tanti altri appassionati dei famosi mattoncini LEGO®, organizzano la seconda edizione della manifestazione più “costruttiva” della Toscana!
Due giorni di esposizioni e attività ludico-creative completamente dedicate a piccoli e grandi appassionati delle costruzioni danesi che, da oltre 80 anni, accompagnano nella crescita generazioni di bambini (ma non solo…).

Troverete ad aspettarvi 55 espositori-AFOL provenienti da varie parti d’Italia, le cui creazioni saranno distribuite su ben 1000 mq di spazio espositivo. Saranno effettuati laboratori e sessioni dimostrative di LEGO® Mindstorms®, LEGO® Technic, First LEGO® League, RoboCup e tecniche costruttive.

Mattoncini a Palazzo ospiterà anche uno spazio gioco per i piccoli visitatori (con migliaia e migliaia dimattoncini a disposizione) per divertirsi, giocare, costruire e scoprire tutti i segreti dei mattoncini LEGO.

Ma non solo! Mattoncini a Palazzo sarà anche l’occasione per i “giovani costruttori” di cimentarsi nella realizzazione di creazioni personali e portarle in esibizione, partecipando al concorso CreActive! Sono ben 220 bambini, provenienti da ben 5 regioni differenti, che si sono iscritti al concorso e che daranno mostra della loro creatività!

Alla precedente edizione hanno partecipato oltre 7000 visitatori, e quest’anno?

Programma

Le date di svolgimento della manifestazione, come già da tempo pubblicate sulla pagina eventi di ItLUG, sono il 22 e 23 marzo 2014 e la location è nuovamente il PalaExpo di Empoli, in provincia di Firenze.

Orario di apertura al pubbblico: 10.00-19.00

L’ingresso è gratuito!

Tutte le informazioni per raggiungere la manifestazione e sul programma le potrete trovare qui sul sito della manifestazione, sulla nostra pagina dedicata e sulla pagina di Facebook dell’evento!

Comunicato di fine anno

Buon 2014 da parte di ItLUG!Si conclude un 2013 pieno di soddisfazioni per l’ACPS ItLUG – Italian LEGO® Users Group!

Oltre 20 eventi organizzati (o partecipati) in varie parti d’Italia, che hanno coinvolto più di 200 espositori (associati e non) e totalizzato ben oltre 100.000 visitatori, battendo qualsiasi record di presenze finora registrato! Oltre agli eventi storici e consolidati, quali Ballabio e Latina, quest’anno ItLUG è stata artefice dell’organizzazione di nuovi eventi e della partecipazione a manifestazioni di spicco (vedi, ad esempio, le mostre “Sempre Verdi”, “Star Wars” e “Il mondo dei Robot” in svolgimento a Milano) che hanno avuto un enorme successo di pubblico nonché risalto sulla stampa nazionale portando ancor più lustro all’attività ed alla passione messa in campo dai nostri soci.

40.000 “naviganti” hanno sfogliato oltre 180.000 pagine del sito web dell’associazione, sul quale sono state puntualmente annunciate novità dell’ultima ora nonchè pubblicati articoli tecnici e recensioni di nuovi set o libri dedicati al mondo dei “mattoncini” danesi. Lo stesso sito, nell’arco degli ultimi mesi, ha subito qualche lieve ma significativo intervento di restyling e un più frequente aggiornamento di notizie e articoli.

L’associazione, nel 2013, è “cresciuta” di ben 63 soci e sono oltre 20 quelli nuovi che si sono associati a partire dal 2014.

Le spettacolari creazioni personali di alcuni soci ItLUG hanno riscosso in questi mesi l’attenzione dei media confermando che la passione e l’attenzione profusa nella realizzione delle MOC (My Own Creation) non passa inosservata, anche al di fuori degli “addetti del settore”.

Il Consiglio Direttivo è già da tempo impegnato nella pianificazione delle attività 2014: sono infatti molte le nuove location/date in cui si svolgeranno gli eventi ItLUG del 2014. Tra le novità di rilievo del 2014 ci limitiamo a segnalare il primissimo (e nuovo) evento di livello “Nazionale” del 2014: “Create
the Impossible – ItLUG Reggio Emilia 2014, Palazzo Magnani, 8-9 febbraio 2014″. Le sorprese relative agli eventi non finiscono qui, ma preferiamo
lasciarvele scoprire a tempo debito nella sezione ‘Eventi’ del sito.

Un anno pieno di soddisfazioni, ribadiamo, e di riconoscimenti che condividiamo con tutti i nostri associati e chiunque ci ha aiutato a raggiungere questi importarti traguardi non dimenticando, naturalmente, chi ci segue e chi collabora giornalmente sul forum tematico.

Un grazie particolare lo rivolgiamo a tutti i nostri soci che hanno lavorato “dietro le quinte” per la buona riuscita degli eventi, nonché agli enti e sponsor che hanno collaborato per la stessa finalità.

Il 2013 è stato anche l’anno del rinnovo del Consiglio Direttivo. A luglio, infatti, si è svolta l’assemblea generale dei soci che ha eletto i nuovi membri del Consiglio i quali “guideranno” ItLUG nei prossimi 3 anni. Il nuovo Consiglio Direttivo, presieduto da Marco Chiappa, ringrazia i consiglieri uscenti per il lavoro svolto e si impegna a mantenere ItLUG all’apice del successo che il LUG riscuote a livello internazionale.

Last but not least, un ringraziamento doveroso va alla figura dell’Ambassador, nella persona di Luca Rusconi, puntuale e precisa nel mantenimento dei rapporti di collaborazione e sviluppo tra “The LEGO® Group” e il LUG di riferimento italiano: ItLUG!

Auguriamo a tutti un 2014 all’insegna del “mattoncino” 😉

Il Consiglio Direttivo di ItLUG

EV3 Retail o EV3 Education? I gemelli diversi

EV3 Retail o EV3 Education? Qual è la differenza tra i due prodotti? Qual è il più adatto alle mie esigenze?

Queste sono le domande che un possibile acquirente dell’EV3 si potrebbe porre prima di procedere all’acquisto vero e proprio.
Infatti, come per i predecessori della serie Mindstorms anche l’EV3 viene commercializzato in due distinte versioni, ‘Retail’ (set 31313) e ‘Education’ (set 45544).

I nomi delle due versioni già danno un’idicazione del target: La versione ‘Retail’ è principalmente indirizzata all’utente finale (bambino, AFOL, appassionato di robotica) mentre la ‘Education’ è specificatamente pensata per il mondo dell’educazione in ambito scolastico, ovvero più indicata per l’utilizzo in laboratori didattici di “Scienze Ludiche”.

Queste “specializzazioni” si riflettono nel packaging, nella dotazione hardware (funzionalità dell’EV3, dotazione di sensori),  nella dotazione software, nella dotazione di pezzi Tecnich  e, non di meno, nel prezzo!

Analizziamole nel dettaglio.

Packaging:
La versione ‘Retail’ viene distribuita nella classica scatola di cartone (l’esterno è graficamente molto accattivante) al cui interno troveremo i noti blister plastici in cui sono distribuiti i vari pezzi che compongono l’intero set. La scatola è rivestita da un involucro di cartoncino che, una volta sfilato e ritagliato, si trasforma campo di sperimentazione, ovvero un pannello bianco (di circa 86 x 48 cm) con percorsi e dei marcatori colorati da utilizzare in alcuni progetti come, ad esempio, il follower.

EV3 Confezione RetailLa confezione del set “EV3 Reail – 31313”
Il campo di sperimentazione dell'EV3 RetailIl campo di sperimentazione dell’EV3 Retail

Confezione EV3 EducationLa confezione del set “EV3 Education Core Set – 45533”

La versione ‘Edu’, al contrario, viene commercializzata in un utile contenitore di plastica, suddiviso in vaschette contenitrici. Il contenitore è, tra l’altro, sovrapponibile con altri della stessa serie (solitamente, le scuole, acquistano più set Mindstorms per facilitare la didattica in presenza di classi numerose). La differenza, rispetto la versione ‘Retail’, è facilmente spiegata: essendo l’EV3-EDU pensato principalmente per il mondo scolastico, e quindi per frequenti attività sperimentali di montaggio/smontaggio, è stato scelto un contenitore che permetta la riorganizzazione, al termine della lezione di “robotica”, di tutti i pezzi singoli che compongono il set, pronti per essere utilizzati da un’altra aula o in attività successive.

Hardware:
L’Ev3 -Brick, ovvero il cuore del sistema, si differenzia leggermente perché, nella versione ‘EDU’, offre funzionalità di data-logging ovvero di poter memorizzare un’elenco di valori rilevati dai sensori, ad intervalli definibili dall’utente, al fine di poterli successivamente analizzare/elaborare sempre nell’ottica di attività didattiche mirate alla “misurazione di valori” dipendenti da fattori ambientali, ottici e meccanici.
Più marcata è la differenza per quanto riguarda i sensori:

  • Retail: n.1 sensore di tocco, n.1 sensore di luminosità/colore, n.1 sensore di infrarosso, n.1 beacon/telecomando
  • Education: n.2 sensori di tocco, n.1 sensore di ultrasioni, n.1 giroscopio, n.1 sensore di luminosità/colore, batteria ricaricabile

 

Dotazione sensori EV3 RetailLa dotazione dei sensori/motori della versione Retail
Dotazione sensori EV3 EducationLa dotazione dei sensori della versione Education

EV3 Data loggingUn particolare della funzionalità di Data Loggin dell’EV3 Education

Software:
Nella confezione dell’EV3 Retail non è presente alcun CD/DVD con il software: sarà necessario provvedere al download (gratuito) dal sito dedicato Mindstorms (590 MB circa; software non disponibile in lingua italiana). Il software contiene al suo interno le istruzioni per la costruzione di tutti 5 modelli base (le istruzioni per altri 12 modelli, creati da AFOL “specializzati Mindstorms” sono disponibili qui) con tanto di video del risultato finale e tutorial sulla predisposizione, step-by-step, dell’apposito programma. Ovviamente l’utente finale può scegliere “saltare” la scrittura del programma ed utilizzare quello già predisposto.
Anche nel set dell’EV3 EDU non è presente il software che, contrariamente alla versione retail, viene venduto separatamente ed offre funzionalità avanzate rispetto al software gratuito (come il supporto per il datalogging e il Content Editor, ovvero la possibilità, per i docenti, di creare contenuti multimediali/tutorial per lo svolgimento di attività didattiche personalizzate). In questa  versione del software, oltre al supporto dei sensori sensori specifici della versione EDU, sono inclusi 48 tutorial dettagliati e progettati per consentire agli studenti di padroneggiare la programmazione di base e avanzata.

E’ da considerare, inoltre, che l’EV3 può essere programmato anche “on-brick” ovvero direttamente utilizzando il solo mattoncino intelligente senza la necessità di un PC (c’è un limite di massimo 16 blocchi, e la non facile “stesura” del programma, viste le dimensioni limitate dello schermo LCD e la presenza di soli 6 tasti per le operazioni di input), oppure con software/linguaggi di terze parti (LabView, RobotC, Java) e questo probabilmente giustifica l’assenza, nel package di base, del software ufficiale LEGO®.

Non bisogna infine dimenticare che l’EV3 è Linux-based: questo significa sicuramente future evoluzioni del firmware e il prevedibile supporto di linguaggi/strumenti di sviluppo.

Pezzi Technic:
Anche in questo caso le versioni Retail ed EDU differiscono per la dotazione di pezzi Technici, sia per la loro specificità, sia per le varianti di colore (ad esempio, i panel technic sono bianchi nella versione Retail, e neri in quella EDU). L’elenco completo dei pezzi che compongono la dotazione dei 2 set sono disponibili qui: Inventario pezzi 31313Inventario pezzi 45544
E’ da notare che gli sticker che abbelliscono i panel della versione Retail, non sono presenti in quella EDU, proprio per le finalità più orientate alla didattica di questa versione, dove gli aspetti estetici hanno poca importanza.
Nel catalogo Education è presente un ‘Expansion Set‘, ovvero un insieme di ulteriori pezzi Technic (distribuiti anche in questo caso in un comodo contenitore a vaschette) utili ad ampliare le possibilità costruttive degli allievi nello svolgimento di attività didattiche.

Prezzo:
Potevano le due versioni non essere differenti anche nel prezzo? Ovviamente no:  la Retail ha un prezzo al pubblico di 360,00 euro contro i 396,00 della EDU ai quali vanno eventualmente aggiunti altri 122,00 euro per l’acquisto del software specifico, per un totale di ben 518,00 euro (prezzi i.i., al lordo di sconti e/o promozioni)

…a voi la scelta!

(P.S. per quesiti o approfondimenti sul contenuto di questo articolo, ti invitiamo a scrivere nella ‘Sezione Tecnica‘ del forum di ItLUG )