Jump to content

cvianini

Socio ItLUG
  • Content Count

    86
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    9

cvianini last won the day on August 8

cvianini had the most liked content!

About cvianini

  • Rank
    Giovane Costruttore
  • Birthday 09/18/1956

AFOL Profile

  • Tema Preferito
    Treni

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Grazie davvero per il suggerimento, soprattutto per il materiale e il suo spessore. Abito a Milano e ho il falegname a 100 m da casa mia, non è quindi un problema. Ho pensato anch'io a qualcosa di simile, mi farò dare qualche suggerimento anche da lui. Il perimetro del tracciato permette tratti rettilinei lunghi rispettivamente: 30x16 stud (3.84 m) 23x16 stud (2.944 m) 26x16 stud (3.328 m), questo è spezzato in due parti con una 's' in mezzo 25x16 stud (3.2 m) Le curve nelle intenzioni dovrebbero essere di raggio 104 stud. Più che basi quadrate ho invece immaginato,
  2. Grazie del suggerimento. Rispetto alle tue domande, sono in una situazione intermedia. Metterò certamente dei pannelli rigidi sotto i binari, ma molto bassi perchè non ho spazio in altezza. Affronterò la spesa, del resto dovrebbe durare fino alla morte. Per quanto riguarda il paesaggio avrei scelto una soluzione 'minimalista' come si faceva nei plastici in scala '0' degli anni '50, per esempio:
  3. Ciao a tutti. Sto collocando i binari sul paviento della soffitta ristrutturata. Il locale è grossomodo un quadrato di 5.5 m di lato, il binario ne percorre il perimetro. La scelta che ho fatto sarebbe quella di un impianto fisso sul pavimento. Una parte del soffitto è molto inclinata essendo la falda del tetto, così sfrutterei la superficie al massimo possibile. Le rotaie hanno il profilo metallico per permettere anche la circolazione dei motori 9V. Sono in attesa dei binari della Fx Bricks sia per le rotaie di ampio raggio, sia per gli scambi lunghi. Al momento uso le curve tra
  4. Ciao a tutti. I lavori in soffitta procedono. Il locale sta diventando sempre più LEGO-oriented ed ecco quindi un comodo sistema per tenere in ordine gli attrezzi: Una seconda parete è ormai ingombra in buona parte di treni e camion vari: Una terza parete è dedicata ai pezzi sciolti: Si intravvede il tracciato ferroviario su cui sto lavorando ora, ma posterò un topic appena avrò una situazione presentabile. La quarta parete ha il tavolo da lavoro, notare il casco per contenere gli effetti delle tante capocciate: Per ora grandi fatiche e grande divertimen
  5. Il locale è perfettamente coibentato, ma non basta. Inoltre, ahimé, il legno osb3, essendo un incollaggio di pezzi di scarto, perde briciole. Sono armato di pennello morbido, periodicamente passo tutti i modelli. L'altro problema che ho riscontrato allestendo la parete è che il bianco di molti kit ingiallisce anche se non sono tanto vecchi. Per esempio l'Imperial shuttle classe Lambda pur essendo stato conservato in scatola ben sigillato è mezzo giallo, uffa.
  6. Ciao a tutti. Dopo anni di attesa, finalmente sono riuscito a ristrutturare la solaio di casa mia. Il locale è di circa 25 mq, ma un lato ha il soffitto molto basso, non utilizzabile da umani, ma dai treni LEGO sì... I lavori sono stati fatti a luglio, quest'anno resto in agosto a casa. Cosa c'è di meglio allora che sistemare i propri modelli? Alcuni erano inscatolati da anni. La parete principale è stata attrezzata con guide e reggimensole. I ripiani sono in osb3 da 12 mm di spessore. Varia la profondità (25, 30 e 40 cm), ma sono tutti lunghi 125 cm. In questo modo è molto facile sostituirli
  7. Minimo che gli rifaccio i carrelli perché fatto così non posso vederlo In effetti occorre intervenire. La cosa però non è semplice perchè nel carro centrale ci sono le scalette e i corrimano molto a ridosso delle ruote motrici. Occorre pertanto rivedere anche il corpo centrale. Prima o poi qualcuno risolverà il problema.
  8. Confermo. L'unico sticker è l'etichetta di presentazione del mezzo che va sulla basetta.
  9. E' arrivato dopo tanti rumors l'articolo 10277. La colorazione è marrone, prima livrea usata per la locomotiva SBB Ce 6/8 meglio conosciuta come 'Coccodrillo'. Tempo fa avevo cominciato a raccogliere i pezzi per montare la versione di Holger Matthes. Non ho mai completato l'insieme, ora è uscito questo kit che è a quel livello, mi restano dei pezzi che userò per altre realizzazioni. L'ho montato subito e velocemente, non ci vuole molto, si tratta di un kit nel complesso abbastanza facile. L'unica attenzione va posta nell'innesto delle ruote motrici del carro perchè gli ingranaggi del
  10. Buongiorno a tutti. Mi sento in dovere di dire la mia perchè ero nella lista. Ho aderito a ItLUG da tempo con molto interesse e passione. Ho partecipato a vari forum in ambiti differenti, oggi il solo che frequento è questo. Ho trovato e continuo a trovare molte informazioni interessanti e spesso utili per la nostra passione comune. Ognuno porta la sua storia e da qui scaturiscono posizioni e opinioni differenti: ben vengano! Per farmi capire seguono alcune mie considerazioni che so non essere condivise. La mia passione originaria è legata al modellismo ferroviario, dove si fa uso
  11. Grazie, non avevo trovato l'occorrenza, sono un bamba
  12. La LEGO annuncia un'autentica bomba per gli appassionati di treni. Si tratta della locomotiva elettrica delle ferrovie svizzere SBB Ce 6/8 meglio noto come 'Coccodrillo' o 'kokko'. Dalle immagini postate sembra davvero un capolavoro, secondo me più bello del modello arcinoto di Holger Matthes. Da quello che si legge, come mai un modello progettato negli anni '80 (!) esce dal cassetto dopo quasi un quarantennio? Qualcunio ne sa qualcosa di più? Ci sono altri progetti? La scatola del Coccodrillo e la significativa indicazione 18+, che sia l'inizio di una nuova era con specifico target
  13. Ciao a tutti. E' arrivata la nuova Fiat 500. Quanti ricordi, in particolare un viaggio interminabile con una cugina di mio padre, eravamo in sei o sette, ero un bambino. Veniamo al kit. Il quadernetto delle istruzioni al solito è ricco di informazioni introduttive. La foto di copertina mostra il modello degli anni '50 con le porte che si aprono 'controvento'. Volendo, la modifica non dovrebbe essere impossibile. Il modello nel complesso è riuscito a meno del muso di cui parlo più avanti. La colorazione giallina è azzeccata. Originale l'idea della valigia e dell'attrezzatura da pittore. La
  14. Buongiorno a tutti. Segnalo il seguente filmato che illustra il funzonamento del cambio del Defender: https://www.youtube.com/watch?v=t9VQGoqhOFs
  15. Ciao a tutti. E' arrivato il modello 42110, il 'Defender' della Land Rover in edizione LEGO Technic. Mi sono divertito molto a montarlo. Il montaggio è abbastanza complesso e soprattutto molto lungo, ho speso circa 8 ore in tre o quattro momenti diversi. La confezione appena aperta presenta una scatola di cartone, alcune buste numerate e i cinque pneumatici: Non so perchè, ma alcune buste sono nella scatola di cartone e altre no. La numerazione prevede 4 fasi di costruzione del modello. La seconda è davvero lunga e impegnativa. Nella prima parte è interessante un nuovo ingranag
×
×
  • Create New...