Jump to content

alf

Socio ItLUG
  • Content Count

    496
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    8

Everything posted by alf

  1. 499,99 euro per il Colosseo 10276 sono tanti ma non mi sembra un prezzo davvero esagerato (ve lo ricordate quanto costava un Millennium Falcon serio?), stiamo parlando di un set ottimamente disegnato e stracarico di dettagli, e con novemila pezzi (sia pure minuterie: una volta montato, stanno tutti in 27x52x57cm). Approvo anche la scelta dei colori. Per un paio di anni passavo davanti al Colosseo in tram ogni giorno (o in metro e autobus in direzione piazza Venezia) e quindi l'ho visto sia nelle giornate di sole che in quelle di pioggia, ed è sempre apparso piuttosto cupo. Una colorazione
  2. Non passa settimana senza che qualcuno s'inventi un nuovo brick programmabile alternativo a ciò che propone LEGO. Questa settimana è il turno di Evlōno One (su kickstarter), che promette cose "inaudite": wifi, bluetooth, LED RGB, audio, open source, Arduino IDE, alimentazione 9V da USB-C, porte GPIO, trasmettitore infrarossi, e naturalmente controllo motori. Il tutto al costo di... crimpare () i cavi dei motori LEGO.
  3. C'è un interessante articolo sulla User Experience (UX) dei pannelli di controllo LEGO. Ecco un parziale grafico secondo quanto viene privilegiata l'assenza di uno schermo (asse X) e quanto viene privilegiato l'ordine delle cose (asse Y): La UX è fondamentale nei pannelli comandi/controllo, perché un design che distrae è un invito a commettere involontari pasticci.
  4. Nei primi 30 secondi si vedono diversi mezzi all'opera...
  5. alf

    Novità 2020

    Correva voce che volessero fargliela pagare in natura (un TIR di set City e Technic ogni mese)...
  6. "(Francamente, la torretta pare ricordare il recente employee Christmas gift dopo avergli tolto l'X-Wing...)"
  7. Per la mia MOC più grossa ho imparato (purtroppo) che: purtroppo le spese di spedizione influirono parecchio (nel mio caso il 20% del costo totale dei pezzi che mi mancavano); paradossalmente certi pezzi era più economico ordinarli in Germania che in Italia a causa delle minori spese di spedizione; per le minuterie o i pezzi difficili da sostituire, è sempre meglio ordinarne qualcuno in più (quando ti cade un pezzo e ti rotola sotto l'armadio e imprechi per un quarto d'ora senza trovarlo, capisci cosa significa ); talvolta è meglio spendere di più sui pezzi e meno sulla sped
  8. Forse qualcuno dei negozi italiani prevede che per un certo pezzo occorra un lotto minimo (tipo a multipli di "x50") per poter completare l'ordine?
  9. Curiosando nello sgabuzzino "Oggi metterò ordine nello sgabuzzino. Anzi, diciamo che darò solo una rapida ripulita. Anzi, facciamo che do giusto uno sguardino. Anzi..." Poi ravanando qua e là riemergono robe vecchie e scassate che non avevi mai avuto il coraggio di buttar via... Numero di pezzi / Number of parts 116 Foto frontale / Front photo Foto di tre quarti a sinistra / Three quarters left photo Foto di tre quarti a destra / Three quarters right photo Foto del retro / Photo from behind Foto dall'alto / Photo from the top
  10. Oh, no, no, no! Eh sì, un axle d'acciaio può essere stressato a sufficienza fino a spezzarlo. Articolo completo sul solito Hackaday.
  11. Può darsi che sia tutta gente che quando vede "AFOL" prima clicca istintivamente e poi non si preoccupa nemmeno di verificare di cosa si trattava... Ad avere un paio d'ore libere, gli fai trovare un negozio online già pronto per l'uso, però col tuo nick infilato in ogni riga e ogni tag, cosicché se lo vuole riciclare aùmm aùmm per il suo progetto dovrà lavorarci giorno e notte per ripulirlo...
  12. Attento, che dà più dipendenza della droga...!
  13. Ci sono solo due motivi validi per allestire un marketplace italiano: avere dei referenti italiani per le pastoie legali (e chi, oggi, non vorrebbe doversi districare con dispute e commercialisti e fiscalisti e magari perfino denunce da parte di chi sentendosi truffato querela la piattaforma o innesca uno scandalo sui giornali?); avere un inquadramento su misura del fisco italiano (e chi, oggi, non è pronto a far meglio di fiscalisti, commercialisti e CAF, superandoli in efficienza e chiarezza ed economia?). Io ci aggiungerei volentieri un punto 3: "commissioni basse", perché l
  14. In linea di principio, come puoi vedere in qualsiasi treno PowerFunctions, è sufficiente: un "carrello motore" un pacco batterie e un ricevitore a infrarossi, ed eventualmente luci (esempi qui) In linea di massima, tutta la "difficoltà" sta nell'assicurarsi che il baricentro sia basso (altrimenti in curva cappotta) e che il carrello non abbia ostacoli per girare. Realizzare un E656 snodato è un'impresa piuttosto ardua, magari si può cominciare con una Tartaruga E444...
  15. Purtroppo l'87513 è per le batterie AAA, che oltre a dare meno corrente a regime, hanno minor durata (800-1000mAh quelle più comuni). Il vantaggio è che è davvero piccolo (4x8 stud, ci puoi fare una locomotrice lunga quanto il carrello motore).
  16. Penso che l'unico motivo per avere 3 carrelli motorizzati è un locomotore da un paio di chili (10-wide? 12-wide?! ). Quanto riesci a muovere e trainare dipende da come sono disposti i pesi. Idealmente le vetture trainate dovrebbero essere leggere, e il locomotore dovrebbe avere baricentro basso e peso sulle ruote motrici (per questo ho messo il pacco batterie da 6 pile AA proprio sulla verticale del carrello motore: qui per esempio il treno ha un solo carrello motore in testa e uno in coda). I connettori PF sono impilabili a patto di lasciare sufficiente spazio sopra e a lato - conviene
  17. I prezzi delle spedizioni purtroppo sono quasi imprevedibili sia per la varietà delle tariffe, sia perché certi pezzi potrebbero far sforare le dimensioni del pacchetto "piccolo" e farti ritrovare a pagare la tariffa per quello "grande", ecc. Certi negozi BL (come un fornitissimo portoghese) hanno dei prezzi assurdi sui pezzi ma una varietà tale nel catalogo che a volte può capitare che la spesa in più sui pezzi copra la spesa di spedizioni multiple. Comunque un'indicazione di massima per farsi un'idea può venire dal peso in grammi dell'ordine (qualora il venditore abbia indicato limiti e
  18. Il problema non è né TLG né BL, ma la rogna della "proprietà intellettuale" e lo stuolo di avvcoati assoldati per difenderla, specialmente quando qualcuno pensa: "TLG può mollare un sacco di soldi, se insistiamo abbastanza". Insomma, se BL è stata promossa a "piattaforma ufficiale", certe prese di posizione contro l'abuso della "proprietà intellettuale" sono del tutto ovvie (perfino se fatte adesso, cioè prima che l'acquisizione sia completata), e al più inducono a creare una "piattaforma alternativa" (che però dovrà gestirsi il problema del "fino a che punto si può concedere che gli uten
  19. Al di là del fatto che sembra la solita Giustificazione Ufficiale Postuma, avrei un appunto da fare: i treni provati nel video sono piuttosto leggeri. Un treno MOC, specialmente se 7-wide o più, è alquanto più pesante. La versione classica ha un asse metallico inteso a far resistere alle sollecitazioni laterali, conservare l'allineamento e la distanza tra le ruote (a costo di sfregamenti sui binari), e non deve deformarsi. Anche usando un axle si ottengono queste stesse caratteristiche. In questa nuova versione "bio" le ruote non sono vincolate a un asse ma solo ai rispettivi perni,
  20. Non ricordo più da quale set provengono ma erano nuovi e montati una sola volta: mi si sono spezzati fra le dita mentre li staccavo senza neanche troppa forza, come se non avessero quella robusta elasticità a cui siamo abituati...
  21. Figurati a cercare capi di abbigliamento che somiglino alle minifig già in possesso
  22. Ha ragione a dire che la parte davvero geniale è l'estrarre i pezzi uno alla volta (la soluzione con le placche vibranti sarà un brevetto industriale) perché una volta isolato può comodamente essere posto su uno sfondo neutro e fare riconoscimento e decidere in quale cassetto deviarla. È piuttosto intelligente anche il costruire i dati di input a partire dalla descrizione geometrica dei mattoncini (basterebbero le librerie LDraw, no?), ma anche lì - come spiegato nel secondo video - occorre un po' di "scienza" in più per ammorbidire le differenze tra immagine reale e immagine simulata.
  23. Quantità di tempo: variabile. A volte per settimane non costruisco niente, e tutto il tempo lo passo in altre attività relative (questo forum, Bricklink, LDD, ecc.). Altre volte invece "mi prende la scimmia" e me ne accorgo quando di sera tardi sono costretto a smettere di fare crack crack ssskrunf ssskrunf* perché a casa vogliono dormire * onomatopea delle cassettiere portaminuterie quando cerchi un pezzo ma non ricordi più in quale altro cassetto l'avevi spostato la volta scorsa
  24. alf

    C.O.P.P.A.

    La premessa fondamentale è che un video dichiarato "per bambini" non può essere monetizzato. Dunque il problema è principalmente di chi vuole guadagnare e prevede tante, tantissime visualizzazioni. Dato che mille visualizzazioni fanno statisticamente guadagnare qualche centesimo, se la tua pace vale almeno qualche centinaio di euro significa grosso modo che al di sotto del milione di visualizzazioni non avrai tanti rimpianti a marcare tutti i tuoi video LEGO come "per bambini". Fra parentesi, per monetizzare il proprio canale Youtube occorre avere almeno mille iscritti e un certo qua
×
×
  • Create New...