Jump to content
IGNORED

21327: macchina per scrivere


cvianini
 Share

Recommended Posts

Eccola qui, è arrivata la macchina per scrivere, art. 21327. L'arrivo precede l'uscita ufficiale in quanto l'acquisto è avvenuto tramite la tessera LEGO-VIP.

 

immagine.png.ead83db398c8f61fb3791ec415846e8e.png

immagine.png.ee2f2c3a4ed446e964b14ddac3a1d559.png

INTRODUZIONE

A differenza di quanto si legge in rete (https://www.dday.it/redazione/39789/la-macchina-da-scrivere-LEGO-e-un-capolavoro-si-monta-e-scrive-davvero), il modello NON è funzionante. Chi ha scritto l'articolo è stato indotto all'errore dal prezzo elevato? mah. In realtà il modello simula il funzionamento, nel senso che premendo un tasto qualsiasi un unico martelletto si muove e il carrello si sposta. Non c'è però né il nastro a inchiostro, né le lettere incise sui martelletti, quindi non si scrive proprio nulla. Si poteva fare di meglio? Se si rimane nella filosofia di puro LEGO, molto probabilmente no. Si poteva però pensare a una soluzione ibrida, allestire cioè il modello con materiale LEGO per quanto possibile, aggiungendo una meccanica completa. Qualcosa di simile è stato fatto a suo tempo per il telefono Tyco-LEGO. In realtà siamo ancora in tempo, la soluzione ibrida potrebbe essere comunque proposta con un kit aggiuntivo per rendere davvero operativa la macchina. Occorrerebbe in ogni caso aggiungere il campanello di fine corsa, il ritorno a capo con interlinea e soprattutto una soluzione valida per la trasmissione del cinematismo tasto-martelletto. Tutte queste fantasie sono generate dal prezzo elevato. Tanto per capirci, pagando molto meno si trovano sul web in vendita vecchie macchine meccaniche realmente funzionanti. Lo stesso discorso può essere esteso per altri oggetti che prima o poi LEGO metterà in produzione, per esempio la macchina per cucire, il telaio per tessitura, l’ombrello, il trapano a colonna, il tornio, ecc.

IL MODELLO

Entrando nel merito del modello ci sono alcuni aspetti certamente molto riusciti: le forme e le proporzioni molto evocative, il colore verde sabbia azzeccatissimo, i tasti con la scelta di un font 'vintage' molto accattivante:

immagine.png.bcebcf12291b061e408df1715484060c.png

Il libretto delle istruzioni, come è ormai abitudine per kit di questo genere, ha una parte introduttiva molto interessante. Un secondo libretto è costituito da fogli in formato A5 staccabili scritti dall'erede del fondatore in tante lingue differenti. Possono essere inseriti nell'apparecchio per dare l'idea di un testo scritto a macchina. E' un'idea simpatica, anche se la traduzione in italiano non è perfetta.

La costruzione del kit è abbastanza impegnativa, è rivolta a un pubblico maggiorenne. Normalmente non apprezzo l'uso di tanti colori per i pezzi che restano nascosti a montaggio completato. In questo caso, invece sono davvero utili, ne giova l'identificazione e la collocazione. Ci sono diverse parti da montare in più repliche, soprattutto per la meccanica della tastiera. Personalmente preferisco montare in parallelo le parti replicate, ognuno faccia come vuole.

immagine.png.aa329ef46ddc9b9ac417e8c43b38c5aa.png

immagine.png.d552a13d9ed514c8444e440390880491.png

immagine.png.a94fb09b95ed13e436eba593a480841b.png

Le prime due buste sono dedicate al montaggio della tastiera:

immagine.png.fa9cb389578a0c12ce33295297da0d8b.png

immagine.png.411b3ac900dbeb91911d4fb2285fd441.png

immagine.png.6abf9c604c503aab0f1c13f8032a3a92.png

Come dice il mio amico Marco, il LEGO è come il maiale, non si butta via niente. Ecco allora che genialmente certi particolari sono ottenuti con l'impiego di pezzi pensati per altri usi: la manopola del rullo è ottenuta con il mezzo barile, il rullo stesso è composto da tanti brick circolari e per l'attrito con la carta da due ruote con cerchione e pneumatico, il fermo carta centrale è il seggiolino. Nella foto che segue dietro il seggiolino si vedono due pezzetti che aumentano la schiera di slope piccoli:

immagine.png.3f0a337a8857547ba5ca9e0e1068851c.png

Vi sono molti pezzi per me inediti oltre quelli appena citati. A parte la forma del davanzale costituita da due archi tondi allungati, troviamo pezzi che potranno essere impiegati in futuro: brick 1x1 modificato con taglio a croce, tile circolare 2x2 (sia con le scritte, sia senza scritte) tile 2x6, tile arco di cerchio largo, brick modificato con forma a castelletto (non so se è inedito):

immagine.png.7d25604ddd9644394a8b59a0afaf1d5d.pngimmagine.png.de3840ba30245b13164e2bf6d58a9a6c.pngimmagine.png.8ca6147cfda3a81c54126f086959a8f2.png

immagine.png.70f772ea48c88f0a9cd3ebdb8e098b79.pngimmagine.png.cc7ceeba9153d93e00b32c4d1fd81907.pngimmagine.png.2c315c4e5705a1cdcb99d8d682a23dd4.png

Segnalo i pistoni, ce ne sono quattro, destinati al movimento a scatto del rullo. Il cinematismo è abbastanza complesso, tutti i tasti spingono comunque un un'unica barra (evidenziata in rosso nella foto) che muova l'elica orientata in modo da generare lo scatto step by step:

immagine.png.b2ca3e0051b30bd0f1f39b56048444e3.png

immagine.png.1675eabbc7fc836c99801cbfee5459b7.png

immagine.png.53d21d4927b57763ce5a8bdf0da35a3a.png

La rosetta con i martelletti non si fissa bene come indicato dalle istruzioni, ho preferito allargare leggermente i due plate tondi 1x1 in modo da far agganciare direttamente il tubetto di gomma che fa da guida. Il montaggio richiede in circa quattro ore. In conclusione, la macchia montata è davvero bellissima, resta il rammarico per il funzionamento molto parziale.

 

 

immagine.png

Edited by cvianini
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...