Jump to content

23 Maggio 2024 - IL 24 MAGGIO PAOLO NESPOLI SARÀ OSPITE ALL’OSSERVATORIO ASTRONOMICO DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D’AOSTA


Asterix

Recommended Posts

ESPLORA LO SPAZIO A MODO TUO:

L'INVITO DEL GRUPPO LEGO AI BAMBINI CURIOSI

image.thumb.jpeg.c81950f53703b12fa64d31eaca747fb2.jpeg 

IL 24 MAGGIO PAOLO NESPOLI SARÀ OSPITE

ALL’OSSERVATORIO ASTRONOMICO DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D’AOSTA:

L'ASTRONAUTA RACCONTERÀ IL FASCINO DELL'UNIVERSO AI PICCOLI VISITATORI

 

23 maggio 2024 - Il Gruppo LEGO si avvale della creatività e dell'immaginazione dei bambini per mostrare al mondo cosa potrebbe riservarci il futuro nello Spazio.

Un nuovo studio globale1 condotto dal marchio danese rivela che l’86% dei bambini è interessato a scoprire nuovi pianeti, stelle e galassie e il 77% desidera viaggiare nello Spazio. Inoltre, più di 3 piccoli su 5 (68%) credono agli alieni e il 64% afferma che vorrebbe incontrarne uno.

Il Gruppo LEGO prende ispirazione dall'universo da oltre 50 anni e mira a stimolare la curiosità dei bambini per lo Spazio attraverso il mezzo creativo dei mattoncini LEGO®. Quest'anno, l’azienda svela una serie di epici set a tema Spazio come il Camping-van sotto le stelle LEGO® Friends, che invita gli avventurieri a osservare le stelle e ad individuare diverse costellazioni, fino al set Rover esploratore spaziale e vita aliena LEGO® City, che consente ai bambini di esplorare nuovi mondi e di scatenare la propria creatività.

Gli scienziati stimano poi che conosciamo la natura solo del 4% dell’universo osservabile, mentre appena 646 persone sono state nello Spazio1. Il Gruppo LEGO prevede che l’entusiasmo della Gen Alpha per lo studio del cosmo sarà la chiave per esplorare il 96% dello Spazio ancora da scoprire.

Missione Astronauta

E visto che tra i giovani di oggi si nascondono gli astronauti del futuro, LEGO Italia lancia la campagna Missione Astronauta, che va in scena all'Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d’Aosta, la prima struttura italiana a ricevere la prestigiosa certificazione Starlight Stellar Park, rilasciata dall’Unesco.

In questa settimana, circa 230 studentesse e studenti delle scuole primarie e secondarie hanno vissuto una vera full immersion spaziale, tra visite guidate diurne e notturne all’Osservatorio Astronomico, spettacoli al Planetario e laboratori di robotica educativa con i prodotti LEGO® WeDo e LEGO® Mindstorms EV3. Ad accogliere i ragazzi, una mostra da collezione di modelli a tema, come il modulo lunare di Apollo 11, lo Space Shuttle Discovery e la Stazione spaziale internazionale.

Il 24 maggio, all’Osservatorio Astronomico arriva una guest star d’eccezione: Paolo Nespoli, protagonista di ben tre missioni spaziali. L’astronauta svelerà ai bambini presenti i segreti di pianeti, stelle e galassie, racconterà le sue esperienze e risponderà a tutte le loro curiosità. Scommettiamo che tanti piccoli sogneranno così di diventare come lui?

Marco Capone, General Manager di LEGO Italia, commenta così il progetto: “Siamo entusiasti delle iniziative organizzate con due delle eccellenze italiane per la nostra nuova campagna dedicata allo Spazio. Grazie al supporto di modelli come l'astronauta Paolo Nespoli e attività innovative presso l'Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d'Aosta, possiamo offrire ai bambini un'esperienza educativa e coinvolgente. Questo evento sottolinea il nostro impegno verso l'educazione scientifica e la creatività, dimostrando come il gioco possa essere un potente veicolo di apprendimento e stimolo. Siamo orgogliosi di essere tra i brand che i bambini associano allo Spazio, un risultato che ci spinge a continuare a ispirare i costruttori di domani”.

E non finisce qui: a giugno LEGO Italia continuerà a far alzare gli occhi verso il cielo. Infatti, sono previsti ben due concorsi a tema Spazio, che metteranno in palio sorprese da ritirare nei LEGO® Store nel weekend dell’1 e 2 giugno e un viaggio per 4 persone al National Air and Space Museum di Washington D.C. Più dettagli verranno comunicati nei prossimi giorni.

Una mostra stellare

Il Gruppo LEGO ha anche chiesto ai piccoli di tutto il mondo di condividere le proprie idee su come vorrebbero compiere una speciale missione spaziale.

Con l'aiuto dell’Associate Master Builder della LEGO House, Didac Perez Soriano, una selezione di questi veicoli spaziali è stata poi trasformata in mattoncini, soprannominati scherzosamente  UPOS (Unidentified Playing Objects). Le creazioni saranno protagoniste della mostra  "Explore Space Your Way", alla LEGO House di Billund, in Danimarca, fino al 17 giugno.

“I bambini sono la nostra ispirazione per il gioco e la creatività. Noi di LEGO House vogliamo regalare loro l'esperienza migliore per lasciarli liberi, ed è per questo che ho colto al volo l'opportunità di costruire le rappresentazioni 3D in mattoncini delle loro astronavi” ha detto Didac Perez Soriano, Associate Master Builder di LEGO House. “L'immaginazione che hanno mostrato è stata strabiliante e questa è stata una delle migliori esperienze che ho avuto. Sono entusiasta di poterli condividere. Con così tanta parte dell’universo ancora da esplorare, non possiamo dire che ciò che hanno creato non sia possibile o addirittura già esistente”.

Reinventiamo le Costellazioni

Le costellazioni celesti sono state stabilite dagli astronomi nella storia, ma il Gruppo LEGO crede che gli esploratori di domani possano apportare un nuovo punto di vista creativo a questo tema. Così, l’azienda danese chiede ai bambini di reinventare il cielo con le proprie “Funstellation”.

È un po' come una costellazione, ma ancora più divertente, dato che gli esploratori di domani potranno scaricare da LEGO.com/Space una mappa del cielo e unire insieme i punti fra le stelle per creare nuovi oggetti e forme.

Il Gruppo LEGO lavorerà poi con l'Unione Astronomica Internazionale per riconoscere le loro creazioni come “Funstellation” – rivisitazioni ufficiali delle costellazioni – e aggiornare la nostra visione del cielo notturno.

Debra Elmegreen, Presidente dell’Unione Astronomica Internazionale, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di attingere alla creatività sfrenata dei bambini attraverso questa collaborazione, incoraggiandoli a guardare il cielo notturno e pensare alle stelle. La prossima generazione di scienziati ed esploratori spaziali determinerà il modo in cui comprendiamo e interagiamo con l’Universo. Con questo progetto speriamo di dare loro un’ispirazione”.

 

                                                                           ***

 

Note

1 La ricerca indipendente è stata condotta da IPSOS per conto del Gruppo LEGO dal 18 marzo al 22 aprile 2024 e ha coinvolto bambini di età compresa tra 4 e 14 anni e i loro genitori provenienti da Regno Unito, Stati Uniti, Cina, Germania, Turchia, Australia, Nuova Zelanda, Singapore, Hong Kong, Taiwan , India, Corea del Sud, Giappone, Spagna, Francia, Italia e Portogallo.

2 Fonte: NASA

3 Fonte: Pixsy

image.thumb.png.92d2ee072ebcc834ea65c896d0b6ace0.png

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...