Jump to content

Fabio

Socio ItLUG
  • Contenuti

    144
  • Registrato il

  • Ultima visita

  • Vittorie

    7

L'ultima vittoria di Fabio è stata il giorno 25 Novembre 2018

Fabio ha avuto il contenuto più apprezzato!

Su Fabio

  • Grado
    Giovane Costruttore
  • Compleanno 12/06/1976

Informazioni Personali

  • Nome
    Fabio
  • Regione
    Lazio
  • Provincia
    Roma
  • Città
    Roma

Profilo AFOL

  • Temi Preferiti
    Technic
  • Temi Collezionati
    Ninjago

Visitatori recenti del profilo

Il blocco visitatori recenti è disabilitato e non è mostrato ad altri utenti.

  1. Fabio

    Gru telescopica

    Buongiorno a tutti, ultimo atto prima di una lunghissima e forzata sosta. Ecco un paio di foto (venute non benissimo, peraltro) del primo sollevamento: Il "carico" viene sollevato senza sforzi, anche se le funzioni principali fanno il loro dovere solo a sprazzi. La rigidezza relativamente bassa dei telai, i cui effetti sono visibili anche nelle foto, implica malfunzionamenti nei movimenti principali del braccio e del carro. Tutto il resto sembra andare bene e l'argano ha ancora molto margine di sollevamento (tra l'altro è stato necessario usare solo 3 coppie di contrappesi delle 7 disponibili). Ringrazio tutti del sostegno e dell'affetto che mi avete dimostrato fino ad ora. Purtroppo questi malfunzionamenti ed il mio imminente trasferimento, per esigenze lavorative, implicheranno uno stop al progetto di cui, per il momento, non posso prevedere la durata, ma è probabile vada oltre l'anno. Approfitterò della sosta forzata per verificare se e come è possibile aumentare la rigidezza dei punti che si sono rivelati critici nel carro e nella sovrastruttura per aumentare le prestazioni complessive e, ovviamente, al primo evento disponibile sarà un piacere mostrarvi la mia "bambina" in funzione. Arrivederci, Fabio
  2. Fabio

    Gru telescopica

    Buongiorno a tutti, finalmente il lavoro di assemblaggio è terminato. Prima di mostravi come si presenta la gru, volevo farvi vedere quella che potremmo definire un'estensione (inattesa e non strettamente LEGO) del progetto, ovvero la pedana che ho dovuto realizzare per spostare la gru: La MOC è troppo grande e pesante per essere sollevata direttamente da una persona sola e la torsione del carro nella zona tra gli assi 4 e 5 è stata tale che ho avuto paura di spezzare la gru l'ultima volta che ho provato a farlo. Per questo ho realizzato questa pedana, dotata di ruote, in modo da potere spostare la gru con facilità ed evitare di distruggerla ogni volta che sarà necessario sollevarla, anche se dubito che potrò farlo da solo. Si tratta comunque di un oggetto piuttosto grande e pesante! Fatta questa doverosa premessa veniamo al dunque. Ecco l'intera MOC completamente assemblata e con tutte le parti che la compongono: Ho tolto dal portacontrappesi gli ultimi tre elementi per ogni lato solo per non impallare il carro e realizzato il bozzello con gancio ad ancora rotante e 4 carrucole. Faccio notare che saranno sicuramente necessarie delle modifiche, di cui mi occuperò nella fase di collaudo, visto che il peso delle strutture non è uniformemente distribuito sugli assi. In particolare è evidente come il braccio gravi, all'anteriore, sostanzialmente sull'asse 1, tanto che la cabina quasi appoggia sulla pedana. Di contro, gli assi 8 e 9, entrambi motori, sono quasi del tutto scarichi. Prima di passare, come promesso, all'impianto elettrico, volevo mostrarvi le grafiche che ho preparato per il carosello che fa da display per il telecomando, in modo da mostrare ogni volta la funzione assegnata a ciascuno dei tre manipolatori di cui quest'ultimo è dotato: Ancora una volta la mia esperienza lavorativa con la grafica vettoriale è stata preziosa. La fascia rossa a sinistra è puramente decorativa e la scritta in alto LRC, con uno slancio di fantasia, significa "LEGO Radio Controller". Gli altri simboli dovrebbero minare, seppure molto schematicamente, l'entità del carico sollevato, la qualità del collegamento e lo stato della batteria. La fascia grigia a destra, invece, riproduce gli indicatori luminosi installati sul carro che vedremo tra poco. Completato il collaudo e verificato che tutto funziona come si deve provvederò a stamparla ed applicarla sul carosello/display del telecomando. Detto ciò passiamo allo schema elettrico che, complessivamente, si presenta come segue: Prima di ogni altra considerazione è bene precisare che le miniature che ho utilizzato hanno significato simbolico visto che, ad esempio, ho impiegato un disegno del motore M per indicare una qualsiasi tipologia di motore PF. Per quanto riguardo il suo funzionamento ho provato a conciliare due necessità: controllare più di 8 funzioni (due canali x 4 frequenze dei radiocomandi PF) ed avere a disposizione la massima potenza possibile per alimentare le funzioni a maggiore assorbimento. Per queste ragioni ho diviso i canali radio disponibili in due gruppi: uno costituito dai canali 1, 2 e 3, con i quali controllare le diverse funzioni della gru, ed il canale 4, che ha sola funzione di controllo. I due motori controllati da quest'ultimo canale, infatti, consentono di gestire un commutatore meccanico, posizionato nel carro sopra gli assi 4 e 5, che agendo opportunamente su una batteria di 8 interruttori, consente di attivare ogni volta 1/4 dell'impianto elettrico, alimentando le corrispondenti torrette riceventi cui sono collegati i motori delle funzioni di bordo. Le batterie, invece, sono collegate ciascuna ad una copia di interruttori, tranne la batteria #4 che alimenta in permanenza anche il canale di controllo del commutatore. Il collegamento è fatto in modo che le funzioni più energivore abbiano i motori alimentati da 2 o quattro batterie simultaneamente. Una serie di led colorati sul carro segnala la sezione attiva. Il colore del led corrisponde con quello della cornice esterna del "display" del telecomando (giallo, verde, rosso e celeste). Facciamo un esempio per essere più chiari. Quando il commutatore attiva la sezione "A" (gialla), gli interruttori #1, #2, #3, #4 sono chiusi, mentre gli altri risulteranno aperti. I led gialli accesi sul carro segnaleranno l'operatività della specifica sezione. A ciascuno degli interruttori chiusi è collegata, tra l'altro, una torretta sintonizzata sul canale 1 alla quale sono collegati, sul connettore blu, i due motori XL di trazione installati su uno dei quattro assi della gru dotati di questa funzione (ovvero gli assi 4, 5, 8 e 9) ed un servomotore, sul connettore rosso, collegato allo sterzo di una coppia di assi. In questo modo quando viene mosso il manipolatore di sinistra del telecomando (contrassegnato con il collare blu e collegato con il telecomando PF sintonizzato sul canale 1) la batteria #1 alimenterà la torretta che muoverà i motori di trazione dell'asse 4 ed il servomotore collegato allo sterzo in cabina ed all'asse 1, la batteria #2 fornirà energia ai motori di trazione dell'asse 5 ed al servomotore degli assi 2 e 3 e così via. Questo stratagemma serve per sfruttare tutte le batterie contemporaneamente ed avere il massimo della corrente su tutti i motori, specie quelli cui sono assegnate le funzioni più gravose, anche se ha comportato, tra l'altro, l'utilizzo di un numero spropositato di prolunghe e di ben 17 torrette riceventi, a fronte di "sole" venti funzioni comandate. Non vi nascondo che il progetto di questo impianto è stato un'operazione non banale, ma l'obbiettivo primario era quello di evitare l'intervento delle protezioni integrate nel sistema PF con i motori, specie gli XL che sono i più impegnati. La lunga sessione di prove di collaudo che mi attendono certificherà la bontà delle scelte fatte, anche se la ripartizione non uniforme del carico sulle ruote, dovuta alla bassa rigidezza del telaio del carro, mi preoccupa alquanto, speriamo non sia di cattivo auspicio. Vedrò di tenervi aggiornati degli sviluppi in modo da condividere anche la conclusione definitiva del progetto. Purtroppo, l'approssimarsi delle festività di fine anno ed altre questioni personali che si profilano all'orizzonte, potrebbero dilatare, anche in maniera molto significativa, i tempi. A presto, Fabio
  3. Fabio

    Gru telescopica

    Buongiorno a tutti, si inizia a vedere la luce in fondo al tunnel. Questo è lo stato attuale dei lavori: Il braccio è ancora scollegato, ma presto inserirò l'asta che lo vincolerà al resto della sovrastruttura. I motori di estensione braccio ora sono completamente ancorati. Alla loro sinistra ha trovato posto l'argano che ho modificato al volo, durante il montaggio, introducendo i due ingranaggi gialli, inizialmente non previsti, solo ed esclusivamente per ragioni estetiche. Spero di non dovere tornare sui miei passi visto che adesso il tamburo è notevolmente più piccolo. All'estrema destra la struttura ad U che si sta delineando accoglierà il dispositivo di varo dei contrappesi. Il vano accanto ai motori XL ospiterà il rotismo di comando e, a fianco di quello più in basso, si intravede uno dei due motori che azioneranno questo sistema. Nella parte superiore della foto, sopra il motore che comanda l'argano, spuntano, per ora disordinatamente, parte dei cablaggi cui presto saranno collegate le ultime 7 torrette riceventi, completando in questo modo l'impianto elettrico di bordo. Prossimo step: conclusione dei lavori di montaggio e, come promesso, discussione del layout dell'impianto elettrico completo. Ci aggiorniamo appena possibile. A presto, Fabio
  4. Con così poche informazioni, la prima cosa che mi viene in mente è Google. In seconda battuta, senza sapere le dimensioni della costruzione ed eventuali funzioni accessorie comandate, mi verrebbe da dire che potresti collegare alla ruota del mulino una tavola rotante da azionare con una vite senza fine o un ingranaggio di piccolo diametro. Questo schema è abbastanza comune nei set Technic (esempi: 42070 e 42054) e, per questo, puoi farti un'idea più precisa anche dalle istruzioni disponibili on line. Non è molto, ma spero possa esserti utile, almeno per iniziare. In bocca al lupo. Ciao ed a presto, Fabio
  5. Fabio

    Gru telescopica

    Grazie, fa sempre piacere vedere apprezzato quello che a Latina 2016 ho definito "la materializzazione della mia follia". Per quanto riguarda il mio lavoro, non è azzardato affermare che con questa MOC gioco in casa, visto che sono ingegnere meccanico oramai dal lontano 2001 e dottore di ricerca in meccanica strutturale dal 2005. Per onestà intellettuale, comunque, devo osservare che tutte le volte che ho seguito un approccio squisitamente analitico nello sviluppo della gru, mi sono ritrovato con elementi sottodimensionati che sono stato costretto a modificare, anche radicalmente. Probabilmente l'entità delle forze di attrito tra i vari componenti, specie le ruote dentate, e la deformabilità dei pezzi e degli assemblaggi, è tale da non consentire questo approccio alla progettazione, almeno in assenza di dati precisi al riguardo. Per questo, oramai da tempo, procedo alternando sperimentazioni alle fasi di progettazione, anche se la complessità della MOC è tale da non potere evitare il ricorso ad alcune modifiche in corso d'opera. Una, piuttosto significativa, sembra prefigurarsi all'orizzonte, ma ne parleremo, se del caso, appena finita la sezione cui attualmente sto lavorando. Buona serata ed a presto, Fabio
  6. Fabio

    Gru telescopica

    Buongiorno a tutti, è stata dura, ma finalmente: missione compiuta!!! Ecco come si presenta la gru con il braccio in posizione: I motori installati all'estrema sinistra sono proprio quelli che comandano l'estensione del braccio, provvisoriamente ancorati sono nella parte inferiore, in attesa di completare la sovrastruttura. Dopo avere completato l'operazione mi sono reso conto che il complesso gru - braccio è, adesso, troppo pesante per essere sollevato da una persona sola: ho rischiato di spezzare il carro tra gli assi 3 e 4 almeno un paio di volte, per via dell'eccessiva torsione, prima di desistere. Per potere continuare il progetto senza interruzioni, per il momento, ho infilato sotto la struttura una bacchetta di legno che ne faciliti la movimentazione in sicurezza. Questo rialzo fa si che le ruote rimangano sospese ad alcuni centimetri da terra, evitando, tra l'altro, di sforzare le viti senza fine cui sono collegate le ruote degli assi motori. Una volta finita tutta la gru provvederò a realizzare una pedana dotata di ruote che mi consenta di trasportare più facilmente tutta la struttura senza il rischio di romperla. A presto, Fabio
  7. Fabio

    Gru telescopica

    Buongiorno a tutti, i lavori proseguono, anche se a ritmo non particolarmente serrato. La sovrastruttura ha guadagnato un altro "strato": Il dettaglio evidenzia meglio il montaggio degli elementi di rinforzo della sezione anteriore, ai lati del vano per il braccio, e dei rotismi di comando del sistema di estensione dello stesso braccio, nella sezione posteriore. Nota importante: motori visibili sul retro sono quelli di varo dei contrappesi. Le manovre che interessano il braccio utilizzano solo motori XL, per ovvi motivi di peso. In alto, invece, è visibile il motore che comanderà l'argano insieme alla prima parte del relativo rotismo ed in basso comincia a prendere forma il castello su cui è ancorato il braccio della cabina di manovra della gru durante le operazioni di sollevamento. Tornando all'estensione braccio, il sistema utilizza due unità simmetriche, ciascuna affidata alle cure di un motore e dotata di due tamburi controrotanti. A destra di ciascuno di essi è possibile vedere i primi due stadi di riduzione con l'immancabile vite senza fine incastonata all'interno delle strutture nere davanti ai due motori già installati. I due tamburi anteriori ed i due posteriori impegneranno rispettivamente entrambe le estremità di uno dei due cavi fissati al cursore all'interno del braccio, consentendo di muoverlo tirandolo verso l'alto o verso il basso a seconda di quale dei tamburi è in avvolgimento. Come già per i cilindri di sollevamento tutto dovrà funzionare perfettamente in sincrono (con il doppio dei cavi!!) per garantire che nessun cavo si incastri / ingarbugli da qualche parte, evitare di fare impuntare il cursore o perdere parte della spinta. Il prossimo passo sarà, ovviamente, l'installazione dei cavi con tanto di posizionamento del braccio, visto che a sovrastruttura terminata questo livello è, di fatto, inaccessibile. Ci aggiorniamo appena conclusa questa cruciale operazione. A presto, Fabio
  8. Fabio

    Gru telescopica

    Buongiorno a tutti, Ringrazio per il paragone tra la mia gru ed il MF, sono molto lusingato ma, come ho letto tempo fa, per noi AFOL vincere è facile non avendo, ad esempio, i limiti di budget che, inevitabilmente, ogni set, UCS compresi, deve rispettare. Detto questo, passiamo a cose più serie ed iniziamo con la sovrastruttura che, in questa MOC, non è scollegabile dal carro, con il quale costituisce un blocco unico: Il primo sottosistema ad essere assemblato è quello che comanda i cilindri di sollevamento (ed i cilindri stessi), anche se le viti senza fine ed i motori saranno montati solo nel prossimo step. L'immagine qui sotto evidenzia il rotismo che aziona i cilindri: In pratica si tratta di un paranco a doppio tiro di fune azionato da un doppio rotismo simmetrico, per diminuire le sollecitazioni su ciascuna ruota, con rapporto di trasmissione complessivo 1:144. Al posto del bozzello con il gancio, però, il cavo spinge fuori lo stelo del cilindro. Il sistema è così forte che, in prova, i due cilindri sono riusciti a sollevare un braccio dal peso equivalente a 10 kg (ovvero i primi tre fili, dal peso di 5 kg, e 2.5 kg concentrati sulla punta) senza che saltasse un solo dente o stallasse uno dei motori, quindi non ci dovrebbero essere problemi una volta finita la gru (la bilancia non raggiunge i 7 kg). Il punto cruciale per il funzionamento di tutto il sistema è che i due argani devono essere perfettamente sincronizzati, in modo che la spinta dei due cilindri sia simmetrica, altrimenti il braccio rischia di svergolare tendendo a sollevarsi in piena torsione. Decisamente una cosa da evitare: l'unica volta che mi è successo ho fatto diventare letteralmente a "Z" una delle due aste da 10 sul fulcro del braccio. Ultima nota di colore prima di concludere: le due colonne di lift neri visibili a sinistra nella prima foto, fanno parte delle strutture che hanno il compito di ripartire del carico applicato del braccio, visto che alla loro sommità si trova proprio l'asse su cui è articolato lo stesso braccio. Per il momento è tutto, A presto, Fabio
  9. Fabio

    Gru telescopica

    Buongiorno a tutti, con il rientro dalle ferie si ricomincia ed è tempo di assemblaggi. Ecco come si presenta il carro con la struttura completa in tutti i suoi 150 cm di lunghezza, da paraurti a paraurti: Per il momento ho deciso di non montare la parte decorativa sul retro della cabina per favorire eventuali interventi nella zona connessioni elettriche che, adesso, è decisamente più ordinata: All'appello mancano solo le quattro batterie al litio 8878, unica fonte di alimentazione della MOC (per rispondere a ZioTitanok), che installerò solo alla fine, essendo per il momento impegnate nelle prove finali dei diversi sottosistemi. Appena pronti saranno posizionate a coppie proprio sopra l'assale 1, esattamente dove adesso sono provvisoriamente ancorati i terminali visibili nella prima foto. Faccio notare che, prima di installare gli stabilizzatori, ho preferito montare anche le ruote sugli assali, contrariamente a quanto avevo pianificato di fare, per sincerarmi che tutti gli allineamenti fossero corretti e le sospensioni lavorassero correttamente. Purtroppo è probabile che sarò costretto ad intervenire su quelle degli assali esterni, ma prima voglio andare un po' avanti con la sovrastruttura: non posso escludere che il problema sia solo dovuto alla mancanza (del peso) del braccio e della stessa sovrastruttura. A proposito di quest'ultima, ecco un dettaglio della tavola rotante con i primi pezzi già installati: I cavi che passano dal carro alla sovrastruttura sono in totale otto: sei portano l'alimentazione alle torrette riceventi che saranno installate nella stessa sovrastruttura e due comandano i motori di rotazione. Per il momento è tutto. A presto, Fabio
  10. Ok, grazie. Il non avere fatto ancora delle prove mi ha decisamente messo fuori strada. Ciao ed a presto, Fabio
  11. Domanda da chi sta ancora cercando la strada giusta per gestire al meglio la realizzazione di MOC Technic (di grandi dimensioni): stando seduti, come si interagisce con una parete di porta minuterie così grande? Sarò più chiaro: per costruire stando comodamente seduti bisogna avere tutto il necessario all'interno dello spazio in cui possono arrivare le mani, ma tutte le pareti porta minuteria che ho visto fino ad ora sono troppo alte per arrivare in cima senza alzarsi e troppo lunghe per non dovere fare avanti ed indietro in continuazione. Inoltre i tavoli su cui sono poggiate hanno, ovviamente, profondità non elevata, il che impedisce di poggiarci sopra un numero relativamente elevato di cassetti estratti dalla stessa parete. Mi sta evidentemente sfuggendo qualcosa. Vista la tua magnifica realizzazione, avrai già sicuramente affrontato e risolto quelli che a me sembrano problemi, potresti essere così gentile da condividere le tue valutazioni? A proposito di LEGO Room (o meglio di LEGO Lab), in rete, in generale, e su questo Forum, in particolare, non si evince mai come (e se) la postazione di assemblaggio si adatti/modifichi in base alla tipologia di MOC realizzate. Immagino che costruire edifici o parti di diorami sia sostanzialmente diverso rispetto a dovere gestire pin, assi, ingranaggi e tutte le altre parti di uso ricorrente non caratterizzate dal loro colore, insieme a quelle "colorate", come è normale per le MOC Technic. Personalmente sto avendo serie difficoltà a trovare la soluzione logisticamente più adeguata per gestire questa dicotomia, che aumenta enormemente in numero di parti da tenere sotto mano, specie se si deve lavorare a più colori, e riduce corrispondentemente lo spazio libero per la MOC in costruzione. La soluzione più ovvia che mi viene in mente è un tavolo particolarmente grande con la MOC al centro e tutti i pezzi intorno, ciascuno all'interno di valigette porta minuteria / vaschette singole, ma, tendenzialmente, non si potrebbe stare comodamente seduti e quindi ci si stancherebbe velocemente. Peraltro, Google, alla voce LEGO Room, presenta quasi solo immagini di pareti di porta minuteria di ogni foggia e dimensione e questo stesso layout sembra essere utilizzato dai costruttori Technic più quotati (in base alle - poche - immagini che fino ad ora ho visto in rete), ma non mi sembra efficiente. Probabilmente il non avere ancora una postazione propriamente detta limita la mia capacità di valutazione, ma questo mi sembra il posto giusto per cercare di inquadrare al meglio il problema. Magari la soluzione è proprio sotto i miei occhi, ma non riesco a vederla o sto sbagliando platealmente le mie valutazioni. Grazie in anticipo dell'aiuto. Un saluto ed a presto, Fabio
  12. Buongiorno a tutti, a proposito di Bugatti Chiron, ecco l'ultima novità: Adesso per accontentare l'ingegnere e l'AFOL tocca metterne in programma due ... chissà che dimensione avrà il manuale di quella di destra . A presto, Fabio
  13. Fabio

    Luca Di Lazzaro

    Anche se non ho avuto il piacere di conoscere Luca personalmente, vorrei esprimere la mia vicinanza alla sua famiglia in questo momento difficile.
  14. Fabio

    Gru telescopica

    Certo, come dichiarato nel post di inizio progetto, utilizzerò 4 batterie LEGO al litio, che ho acquistato per l'occasione. Sto valutando, invece, se rinunciare alla quinta batteria, questa volta standard, che era previsto dovesse alimentare il ricevitore del commutatore. Motivo: il bilanciamento dei carichi. Una delle quattro batterie principali è relativamente meno impegnata delle altre per cui, per fare in modo che si scarichino tutte il più uniformemente possibile, vorrei affidarle anche la gestione del commutatore. Ciao ed a presto, Fabio
  15. Fabio

    Gru telescopica

    Buongiorno a tutti, con le ferie alle porte ecco le ultime novità prima del meritato riposo: In pratica tutta la parte strutturale del carro è completa e l'ultima cosa che resta da fare è connettere tutto l'impianto elettrico, prima di passare alle finiture decorative. La sola eccezione è la cabina di guida che ho già assemblato, tetto escluso. Ecco un dettaglio: Qui di seguito, invece, la sezione in cui sono alloggiati tutti i ricevitori che, essendo il cuore del sistema di controllo, ho pensato di posizionare nel vano che ospita il "motore": Il servomotore incaricato di sterzare il primo assale (è quello appena dietro la cabina) aziona anche lo sterzo che, per questo, si muoverà insieme alle ruote. Un rotismo moltiplicatore amplificherà i 90° percorsi dallo stesso servomotore simulando un movimento realistico. A proposito di impianto elettrico, nella parte destra della figura sono provvisoriamente posizionate le quattro luci led che segnalano la sezione dell'impianto attiva. L'indicazione è resa più immediata dai plate round trasparenti posizionati poco dietro l'ultima coppia di ricevitori, su entrambi i lati. In primo piano, invece, sono visibili i 9 ricevitori presenti sul carro. Quello che sporge nella cabina è deputato al controllo del commutatore dell'impianto elettrico, mentre gli altri otto sono incaricati di pilotare le diverse funzioni della gru.Tutti i cavi sparsi in giro, invece, saranno presto collegati ai rispettivi ricevitori. Prima però, ho intenzione di installare gli assali in modo da fare affluire anche i connettori che comandano i motori di trazione ed i servomotori di sterzo e fare le connessioni una volta per tutte. Ricordo, a tal proposito, che l'impianto elettrico ha una struttura a griglia, visto che impiega quattro batterie (saranno alloggiate nelle sezioni non pavimentate di giallo ai lati del corpo centrale nero dietro la cabina) ed è suddiviso in quattro settori (identificati dai colori dei plate round), in modo da usare tutta la potenza di bordo per le funzioni più energivore, ovvero, per il carro: trazione (4 linee, una per ciascuna delle batterie), sterzo (4 linee, una per ciascuna delle batterie), tavola rotante (2 linee su due batterie diverse). Questo approccio, peraltro, consente di comandare tutte le 20 funzioni di bordo con i soli 8 canali del sistema PF. So che questa descrizione, oltre che scarna, non è propriamente intuitiva, ma permettetemi di non svelare, per il momento, lo schema elettrico completo. Prometto però di pubblicarlo alla conclusione del progetto, dopo il collaudo finale. Per il momento è tutto. A presto, Fabio
×
×
  • Crea nuovo...