Jump to content
IGNORED

AFOL COMMUNITY


Marco Me
 Share

Recommended Posts

Considera che, negli ultimi 2 anni, solo in Italia i LUG si sono quintuplicati.

 

Non sono in grado di spiegarmi come mai, in Asia, ci siano così pochi LUG in rapporto al numero dei membri.

Magari è una questione socio/culturale e, soprattutto, anche organizzativa, nel concetto di gruppo/associazione.

 

L'Italia, in rapporto al numero di AFOL, è un caso probabilmente anomalo.

Del resto, i requisiti per essere riconosciuti come LUG ufficiale da TLG non sono poi così elevati...

E se questi requisiti non vengono neanche materialmente verificati, allora... non so se mi spiego ;)

 

Aggiungiamoci anche il fatto che (almeno in Italia) spesso e volentieri un AFOL è appartenente/affiliato/associato a più di un LUG (io stesso lo sono, sia chiaro) e che nel conto globale degli LUG members (sempre riferito al panorama italiano), i conti sono sballati.

Link to comment
Share on other sites

mi sono accorto che è un cartello di una manifestazione del 2012...

 

giusto per completezza e datare così la cosa:magari negli ultimi 3 anni la situazione si è andata normalizzando.

 

Sul discorso culturale legato ad una diversa interpretazione del concetto di associazionismo ci avevo pensato ma non ho esperienze nè riferimenti per dire se sia giusta o meno tale ipotesi.

 

Una cosa è certa: la popolazione AFOL in Asia ha giustamente spinto LEGO ad aprire una fabbrica, a privilegiare qua la distribuzione e probabilmente la cultura orientale influenza anche i temi delle attuali e future collezioni (Ninjago in primis)

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

ho trovato in rete questa immagine e la volevo commentare con voi:

possibile che in Asia ci siano così tant iappassionati e così pochi LUG?

 

 

Quanti partiti ci sono in USA su 300 milioni di abitanti? 2-3...

Quanti partiti di sono in Italia su 60 milioni? 200-300

 

Quanti Lug ci saranno in Italia entro il 2018? 30-40 ma se ci impegniamo probabilmente 100...

 

Annuncio che sto per lanciare l'AirMauroLUG composto da me, me stesso e uno che gli piace il classic space.

Per iscrizioni, mandare un omino classic space al seguente indirizzo....

 

:D :D

 

 

Link to comment
Share on other sites

La nostra storia è costella di divisioni interne....basti pensare all'epoca dei comuni o ai partiti dal dopoguerra ad oggi.

 

Molte altre nazioni, ad esempio la Germania o la Svizzera o gli stessi USA, hanno un'ottica più "federazionista".

 

Applichiamo questa visione "continentale" al mondo degli AFOL Italiano.

Avremo forse 2-3 LUG, ma ITLUG sarebbe una confederazione di gruppi locali che non si qualificherebbero però come LUG a se stanti...

Link to comment
Share on other sites

Applichiamo questa visione "continentale" al mondo degli AFOL Italiano.

Avremo forse 2-3 LUG, ma ITLUG sarebbe una confederazione di gruppi locali che non si qualificherebbero però come LUG a se stanti...

 

In realtà ITLUG già nello statuto era stata pensata in un'ottica di sviluppo regionale ecc., con sedi "autonome".

Concretamente però non è stato mai attuato ed alla fine il naturale sviluppo di comunità amicali sul territorio ha di fatto creato LUG e quant'altro (grazie anche alla politica in materia di TLG, come osservato da Gianluca...).

 

Oggi per creare una federazione, ci vorrebbe prima la volontà... dentro e fuori itlug. E cmq anche un'idea concreta e qualcuno che si faccia un bel mazzo per operazioni di ricucitura ecc. ecc.

 

Al momento che ItLUG sia cmq riconosciuto come un "faro" per la comunità italiana non vi è dubbio.... anche se con tanti: se, ma, però ecc. ecc.

 

Vedremo se nei prossimi programmi elettorali per CD e presidenza ci sarà qualcuno che avrà in programma cose del genere.

Link to comment
Share on other sites

In realtà ITLUG già nello statuto era stata pensata in un'ottica di sviluppo regionale ecc., con sedi "autonome".

Mauro, probabilmente confondi quella che poteva essere la visione "futura" degli allora soci fondatori, con quanto scritto effettivamente nello statuto.

Infatti nello statuto di ItLUG (l'ho appena riletto integralmente, per sicurezza) non c'è alcuna menzione per quanto riguarda lo "sviluppo regionale con sedi autonome".

Nell'art. 5 c'è solo un generico riferimento al fatto che ItLUG può aderire, per il perseguimento del proprio scopo sociale, ad altri organismi con i quali condivide scopi e metodi.

E non il contrario, ovvero che altri organi (con medesime finalità ) possono aderire a ItLUG (condividendo metodi e regolamenti).

 

Tra l'altro, documentandoci, abbiamo appurato che la questione delle sedi "distaccate ed autonome" è burocraticamente impegnativa (anche da un punto di vista prettamente economico) affinché siano rispettate le normative italiane in materia.

 

Concretamente però non è stato mai attuato ed alla fine il naturale sviluppo di comunità amicali sul territorio ha di fatto creato LUG e quant'altro (grazie anche alla politica in materia di TLG, come osservato da Gianluca...).

Aggiungerei anche il fatto che quella che io definisco "visione futura dei soci fondatori", magari non è stata sufficientemente illustrata/spiegata/instradata a chi, successivamente alla fondazione di ItLUG ha deciso di coordinare ed organizzare LUG territoriali del tutto autonomi.

 

L'aggregazione amicale territoriale è *fondamentale* per molti aspetti. Oltre che rafforzare lo "spirito di gruppo", con incontri dal vivo (e banalmente, sappiamo quanto sia più utile e soprattutto chiara una chiacchierata "de visu" di 5 minuti, rispetto a fiumi di email/messaggi facilmente "mal-interpretabili" scambiati sui forum), consente lo sviluppo di progetti pratici comunitari (diorami, MOC) difficilmente conseguibili da un singolo, favorisce lo scambio culturale (tecniche, idee, opinioni...) e permette un più facile scambio materiale (pezzi/set) per completare i propri progetti ottenendo anche un risparmio pratico (basti pensare alle sole spese di spedizione).

Oggi per creare una federazione, ci vorrebbe prima la volontà... dentro e fuori itlug. E cmq anche un'idea concreta e qualcuno che si faccia un bel mazzo per operazioni di ricucitura ecc. ecc.

Ci vorrebbe, inoltre, un minor campanilismo e voglia di lavorare per un obiettivo comune che vada al di là della semplice (benché fondamentale) condivisione della passione per i mattoncini LEGO.

Al momento che ItLUG sia cmq riconosciuto come un "faro" per la comunità italiana non vi è dubbio.... anche se con tanti: se, ma, però ecc. ecc.

Posso solo dire che, "dietro le quinte", c'è un enorme lavoro affinché ItLUG sia (e possibilmente resti) il "faro" di cui parli.

Un lavoro che, spesso e volentieri, non viene correttamente concepito e, anzi, viene interpretato come un'ostacolo.

Vedremo se nei prossimi programmi elettorali per CD e presidenza ci sarà qualcuno che avrà in programma cose del genere.

Non vedo l'ora di darti il mio voto :D:D:D

 

Link to comment
Share on other sites

In realtà ITLUG già nello statuto era stata pensata in un'ottica di sviluppo regionale ecc., con sedi "autonome".

Mauro, probabilmente confondi quella che poteva essere la visione "futura" degli allora soci fondatori, con quanto scritto effettivamente nello statuto.

.......

 

Tra l'altro, documentandoci, abbiamo appurato che la questione delle sedi "distaccate ed autonome" è burocraticamente impegnativa (anche da un punto di vista prettamente economico) affinché siano rispettate le normative italiane in materia.

 

Concretamente però non è stato mai attuato ed alla fine il naturale sviluppo di comunità amicali sul territorio ha di fatto creato LUG e quant'altro (grazie anche alla politica in materia di TLG, come osservato da Gianluca...).

 

La scelta dello statuto da adottare a livello di discussione fu fatta anche perché questo si prestava a futuri sviluppi...che poi non siano stati percorsi per le più svariate ragioni, è un altro discorso, vedi tra l'altro alcune di quelle che hai sottolineato nella risposta che hai dato...

 

ItLug alla fine nella sua azione è stato sempre, anche prima di essere associazione, frutto dell'azione "passionaria", non coordinata, di singoli che hanno agito per il "bene" della crescita della comunità.

 

Per i gruppi singoli, federazione e quant'altro, nel momento che come associazione si è eletto un gruppo coordinatore, forse molti singoli si sono sentiti deresponsabilizzati e hanno delegato ogni azione al CD.

 

Questi obbiettivi poi si sono persi così per strada. Succede. Cmq è un fatto.

 

Il punto è che per esempio LUCCA si è fatta per un'iniziativa comunitaria o all'origine c'è stata la "caparbia" iniziativa di un singolo?

Esattamente come anni fa fece chi organizzò Ballabio la prima volta o chi cambiò il forum... o cercò sconti ecc. ecc.

Adesso non dire che se non c'era GiannCann c'era Lucca...

 

Alla stessa maniera se ci fosse un'iniziativa caparbia di ricongiunzione fatta da un singolo credibile...

 

Quanto alla mia elezione... come direbbe Yoda: "tante regalare 928 misb, poi pensare io, e no dopo dire"

 

:D:D:D :D

Link to comment
Share on other sites

Per i gruppi singoli, federazione e quant'altro, nel momento che come associazione si è eletto un gruppo coordinatore, forse molti singoli si sono sentiti deresponsabilizzati e hanno delegato ogni azione al CD.

Non è del tutto vero, sai?...

Ma qui apriremmo una parentesi talmente lunga, che ci porterebbe a divagare troppo...

 

(...) se ci fosse un'iniziativa caparbia di ricongiunzione fatta da un singolo credibile...

La domanda è: ha ancora senso farlo, oggi?

 

Quanto alla mia elezione... come direbbe Yoda: "tante regalare 928 misb, poi pensare io, e no dopo dire"

:D:D:D :D

Bella :D :D

 

Link to comment
Share on other sites

Discorso molto interessante e vorrei intervenire come appassionato LEGO.

Sento la necessità di dire questa cosa:

Ogni volta che partecipo ad Eventi con altre nazioni (faccio un esempio su tutte Skærbæk ) vedere stati come la Spagna o altri piccoli stati spesso del Nord Est Europa realizzare mega diorami a tema, vederli tutti uniti, insieme, con magliette a tema e noi divisi in tanti piccoli, distanti, suddivisi in altri tavoli, mi assale una tristezza che mi ammutolisco.

In quanto ad idee, genialità e senso artistico credo proprio che non siamo secondi a nessuno, e vedere così diviso il mio amato paese, non facciamo certo bella figura.

Se solo riuscissimo a riunire solo 1/3 delle forze, ne guadagneremo veramente tutti.

Penso proprio che facciamo una figura da 'cioccolatini', uso questa espressione non a caso, ed il discorso potrebbe continuare sul fatto che se continuiamo così, non facciamo certo i nostri interessi.

Link to comment
Share on other sites

In realtà per quanto riguarda gli altri stati è sostanzialmente la stessa cosa: ci sono tanti gruppi più o meno piccoli e grandi. Alcuni autonomi e slegati dagli altri, altri no.

 

L'Italia è semplicemente arrivata "tardi" a una situazione già normale negli altri paesi da anni...

Link to comment
Share on other sites

Il punto è che per esempio LUCCA si è fatta per un'iniziativa comunitaria o all'origine c'è stata la "caparbia" iniziativa di un singolo?

Esattamente come anni fa fece chi organizzò Ballabio la prima volta o chi cambiò il forum... o cercò sconti ecc. ecc.

Adesso non dire che se non c'era GiannCann c'era Lucca...

La presenza di ItLUG (con la collaborazione anche di altri LUG) a Lucca Comics (la cui importanza probabilmente non è percepita dai più...) o ad altre manifestazioni toscane (prima inesistenti) non è per via di un @GianCann, ma per la caparbietà, voglia e piacere di conseguire gli scopi sociali definiti nello statuto da parte di un team di persone ( @Fabbbbbricks™, @Zio_Titanok, @bargello, @igorleg0) e dalla collaborazione dei tanti AFOL espositori.

Certo... GianCann può "fregiarsi" di aver (ri)svegliato la passione (o semplicemente coinvolto), nei tanti AFOL presenti sul territorio.

Se non ricordo male, quando mi sono iscritto a ItLUG (febbraio 2013) i soci toscani erano 3 o 4 (me compreso).

Ora sono 53. Un bel +50 che ha portato la Toscana ad essere la seconda regione, dopo la Lombardia, con il più alto numero di soci ItLUG.

Ma, ripeto e sottolineo (e ci metto pure il grassetto), è qualcosa che si è ottenuto facendo lavoro di squadra, nei principi dello statuto ItLUG.

Il "singolo" ha un'importanza relativa, se non c'è una squadra con cui condividere tanta passione, gioie ed anche un bel po' di lavoro, fatica e dolori ;)

Link to comment
Share on other sites

Il punto è che per esempio LUCCA si è fatta per un'iniziativa comunitaria o all'origine c'è stata la "caparbia" iniziativa di un singolo?

Esattamente come anni fa fece chi organizzò Ballabio la prima volta o chi cambiò il forum... o cercò sconti ecc. ecc.

Adesso non dire che se non c'era GiannCann c'era Lucca...

La presenza di ItLUG (con la collaborazione anche di altri LUG) a Lucca Comics (la cui importanza probabilmente non è percepita dai più...) o ad altre manifestazioni toscane (prima inesistenti) non è per via di un @GianCann, ma per la caparbietà, voglia e piacere di conseguire gli scopi sociali definiti nello statuto da parte di un team di persone ( @Fabbbbbricks™, @Zio_Titanok, @bargello, @igorleg0) e dalla collaborazione dei tanti AFOL espositori.

 

Il "singolo" ha un'importanza relativa, se non c'è una squadra con cui condividere tanta passione, gioie ed anche un bel po' di lavoro, fatica e dolori ;)

 

Non era certo mia intenzione sminuire alcun lavoro di squadra... fatto sta che se non c'era Luca Gianniti, non ci sarebbe stato il primo legofest a Torino, e se non ci fosse stato Marco Chiappa non ci sarebbe stato Ballabio, checchè poi abbiano trovato chi gli abbia dato una mano grande o piccola che sia.

 

Il senso del discorso era questo...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...