Jump to content
IGNORED

Istruzioni su sfondo nero


Recommended Posts

Finalmente sembra che qualcosa si muova su questo fronte dopo le varie critiche ricevute.

https://brickset.com/article/58147/LEGO-to-ditch-the-black-backgrounds-in-instruction-manuals

Quello che ho trovato più difficile, menzionato dallo stesso Huw nell'articolo, è il treno Coccodrillo. L'ho montato l'anno scorso e facevo davvero fatica a decifrare i pezzi con tutto quel marrone su nero.

Link to post
Share on other sites

Si era già capito quando è uscito il fabbro, in realtà.

Erano belle da vedere, ma molto poco pratiche. Pure io ho avuto problemi con il dark brown del Coccodrillo, tra l'altro.

Link to post
Share on other sites

Io penso che sia più che altro una questione di accostamenti e di bordatura dei pezzi descritti nelle istruzioni. Alle volte un bel confine del giusto colore di contrasto, basterebbe a facilitare la comprensione al di là del colore scelto per lo sfondo.

Link to post
Share on other sites
14 ore fa, stevesp ha scritto:

Anche negli architecture c’è la pratica dello sfondo nero

I pezzi degli architecture però generalmente sono bianchi

49 minuti fa, AirMauro ha scritto:

Io penso che sia più che altro una questione di accostamenti e di bordatura dei pezzi descritti nelle istruzioni. Alle volte un bel confine del giusto colore di contrasto, basterebbe a facilitare la comprensione al di là del colore scelto per lo sfondo.

Vallo a dire ad un daltonico... i pezzi dark brown su fondo nero sono praticamente invisibili...

Link to post
Share on other sites

Personalmente potrebbero anche tenere il colore di sfondo che vogliono... quello che dovrebbero cambiare sono solamente i piccoli riquadri di ogni step dove vengono elencati gli elementi da utilizzare. Se i riquadri fossero di un colore chiaro neutro si distinguerebbero bene i pezzi e poi il resto della costruzione viene da se. 

Link to post
Share on other sites

Io non capisco una cosa.
Quando da me stampano i cataloghi e i listini, le ragazze del Marketing stanno ore, giorni, settimane a fare stampe di prova per vedere se tutto è leggibile, capibile, controllando errori, ecc ecc.
E questo viene fatto da una azienda che è un milionesimo di ciò che è LEGO.

Ma è possibile che dobbiamo essere i LORO beta tester?

E mi allaccio anche ai problemi dei colori, esempio per quelli fatti con la plastica vegetale. Possibile che non possono spendere qualche soldo per andar in qualche laboratorio a fare i test di riuscita/invecchiamento e altro? Lo fa anche la mia azienda portando materiale in laboratori appositi che ti dicono dopo 5-10-20 anni la deformazione strutturale, estetica e quant'altro possa succedere al campione che porti.

Io non dico che ho la soluzione e/o che sono bravo io; dico solo come si comporta una società che è una pulce in confronto a LEGO.

Boh...magari la faccio facile io eh...
 

Link to post
Share on other sites

Approccio Microsoft: testare il prodotto direttamente sul "parco installato" costa meno che farlo "ante".

Più che altro: se devi testare nuovi materiali, è proprio il caso di farlo su un set da 380 euro per il quale proprio l'uniformità della livrea è uno dei principali elementi caratterizzanti rispetto alla controparte reale?
 

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...