Jump to content
Pix

Presentato a Skærbæk il GayFOLs

Post raccomandati

Apro questo post per sapere si cosa ne pensate che ovviamente il vostro parere (e vi chiedo di esprimerlo il più educatamente possibile).
Cronistoria: durante l'evento di Skærbæk di quest'anno (2019) c'è stata un riunione/incontro del GayFOLs.

2019-10-04_08-38-55.jpg.3202603a2605d58309d716eb7df95e39.jpg

Premessa per il discorso che viene: non sono omofobo, accetto senza problemi chi in questo caso non la pensa come me, l'importante è che il tutto (come ogni cosa) venga fatta ed espressa con educazione e rispetto verso il prossimo o chi ti circonda.

Detto questo: non trovo l’esigenza di creare un LUG/Community per solo Gay o affini. Non penso che in nessun LUG sia vietato l’ingresso alle persone omosessuali, anzi, ce ne sono e ce ne sono stati anche in ItLUG. Non mi sembra che nessun LUG sia nato con l’intento di essere per soli etero, soli uomini, sole donne o solo appartenenti a una sola regione. Si sono nati LUG esclusivi, privati o chiusi, ma non hanno discriminazione ne razziale ne religiosa o territoriale al loro ingresso. Non capisco questa “forzatura”. Ok che probabilmente è fatto per incentivare e dar coraggio e “uscire allo scoperto”, cosa che ancora oggi nel 2019 è molto difficoltoso nella nostra società, sia ammetterlo che essere accettati, ma questa cosa mi lascia un po’ perplesso.

Voi cosa ne pensate?

Vi questo Link da leggere se volete: https://brickset.com/article/44991/everyfol-is-awesome-an-introduction-to-gayfols

Per chi non sapesse il significato di LGBTQ+: https://it.wikipedia.org/wiki/LGBT

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

La penso come te, non vedo la necessità di creare un gruppo esclusivo, visto che gruppi esistenti non precludono nessuno, anzi penso che la comunità AFOL sia tra gli ambienti più aperti e tolleranti. Tuttavia, se proprio vogliono farlo, nessun problema.

 

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Penso che in un mondo ideale non avrebbe senso, ma che purtroppo in quello reale, ce l'abbia eccome e che quindi sia un'idea fantastica.

Il gruppo è nato su Facebook ed è nata lì l'esigenza della sua creazione. Basti pensare che anche nei gruppi migliori, con la moderazione migliore e più aperta del mondo se (per esempio) un uomo posta un set dicendo che gliel'ha comprato suo marito, partono insulti o - nella migliore delle ipotesi - battute idiote. Se una persona non deve sentirsi libera di postare una cosa innocua e innocente come quella senza essere attaccata, ben venga la creazione di un luogo sicuro dove lo si può fare senza pensieri. Per cui hanno tutto il mio sostegno.

Ovviamente allo stesso tempo noi fortunati etero/bianchi/maschi (per citare la combo più "comoda", ma vale per tutti) dobbiamo fare il possibile per fare in modo che queste cose non accadano da nessuna parte. In modo che in futuro non serva più un gruppo del genere.

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Io trovo onestamente discriminante questa iniziativa.

Il movimento AFOL è per sua natura estremamente aperto e creativo, tanto da essere sovranazionale, sovrareligioso ecc.

La passione per il LEGO accomuna chi la pensa differentemente su temi politici, religiosi, e quant'altro.

E' un movimento ecumenico per sua natura. 

Qualora una comunità, siano essi terrapiattisti, musulmani, di colore, cristiani creasse un lug dedicato solo a chi la pensa in un certo modo su un dato tema, non inerente al mondo LEGO, sarebbe solo una scelta in antitesi con la passione LEGO.

In questo senso trovo il tutto molto discutibile. 

Potrei capire LUG che accolgono tutti gli appassionati di un tema LEGO, chessò castle, space ecc. ma che discrimino l'appartenenza in base alle scelte sessuali...

La difesa di @Laz sul mondo ideale o meno la capirei se ci fossero omosessuli perseguitati nei LUG, o che non possono aver accesso ai LUG perchè discriminati.

Ma di questo ad oggi non ho notizia.

Quindi il fatto che una comunità tiri su dei muri per escludere tutti gli altri, lo trovo semplicemente discriminatorio.

D'altrocanto quando vado al mercato e vedo donne da capo a piedi coperte di teli neri, e poi vedo profeti dell'accoglienza in TV, mi chiedo sempre chi costruisce i MURI della discriminazione....

 

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
14 ore fa, Laz ha scritto:

In modo che in futuro non serva più un gruppo del genere.

Secondo me non serve nemmeno ora.. se la guardi dall'altro lato è discriminante pure da parte loro lasciare fuori dal gruppo i non LGBTQXYZ0n^2

Per lo stesso motivo chi fa moc militari dovrebbe crearsi un gruppo chiudo per evitare di sentirsi dare del guerrafondaio, nazista etc etc..

Per non parlare di chi gioca con le figlie con le friends... il Signore lo accolga.

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Anche a me la distinzione dagli AFOL pare più dannosa che inutile.

Inutile perché come già detto sopra non c'è mai stata discriminazione. Dannosa perché così facendo danno l'impressione di volerla proprio creare, la discriminazione, dando a intendere che la passione per i mattoncini richiede un parametro aggiuntivo che non è una variazione sul tema (come potrebbe invece esserlo "AFOL che fanno treni").

Per di più crea un problema anche a chi organizza eventi: se partecipi come AFOL chiediamo che esponi MOC adatte al grande pubblico, non propaganda di un'altra cosa. Per più di dieci anni ho partecipato ed esposto a eventi AFOL senza trovare neppure un singolo caso vagamente discutibile. Del resto non mi interessava la fede di chi ha costruito chiese, non ho chiesto le convinzioni politiche di chi realizzava uno scenario da II guerra mondiale, non mi preoccupavo che il costruttore di veicoli industriali avesse la patente.

A me, se una MOC piace, o se sbavo a vedere una LEGO room o una collezione di MISB, non importa niente degli orientamenti che l'autore ha. Immaginate iniziative come LEGO Ideas che in un ipotetico utopico domani dovranno precisare la posizione politico-economico-sociale-sessuale-religiosa degli autori in modo che i votanti prendano una decisione informata anziché limitarsi a promuovere i progetti che gradivano...

Il paradosso è che il loro gruppo "sdoganato" a Skærbæk rientra comunque nella qualifica "AFOL" perché "Adult" indica solo che il soggetto si attiva personalmente nel procurarsi i mattoncini perché persegue una passione.

 

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
15 ore fa, Laz ha scritto:

Ovviamente allo stesso tempo noi fortunati etero/bianchi/maschi (per citare la combo più "comoda", ma vale per tutti) dobbiamo fare il possibile per fare in modo che queste cose non accadano da nessuna parte. In modo che in futuro non serva più un gruppo del genere.

Oltre ad avere @Pix tra noi, cos'altro mai possiamo fare? 😄😄😄

(permettetemi la battuta, ma ci stava alla grande! 😉 )

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

La mia impressione è che vi siati persi il motivo per cui questa cosa esiste. Ben spiegato nell'articolo di Brickset linkato e a cui ho anche accennato io sopra. Dite che "non c'è discriminazione verso gli omosessuali" e da lì fate partire i vostri ragionamenti e raggiungete le vostre conclusioni.

Ma il punto è che nella realtà la discriminazione c'è, eccome! E' questo il punto fondamentale. Ovvio che se non ci fosse discriminazione, un gruppo del genere non avrebbe senso. Nessuno l'avrebbe creato e non saremmo qui a parlarne.

Potreste non aver notato discriminazione nella vostra esperienza, ma non si può generalizzare a tutto il mondo basandosi sulla propria esperienza.

Naturalmente non si parla di LUG fisici come il nostro, si parla di community online e nello specifico di Facebook. Nei LUG fisici non sono al corrente nemmeno io di episodi di discriminazione (qualcuno, in 20 anni di esistenza dei LUG, ci sarà anche stato, ma è l'eccezione più che la regola, credo... perché si tratta quasi sempre di leoni da tastiera). Ma su Facebook sono la quotidianità. Tra l'altro, il gruppo Facebook specifico da cui è nata tutta la cosa (o meglio, ha iniziato ad avere una certa trazione) è anche quello che io considero - di gran lunga - il migliore, come moderazione, contenuti, commenti e così via. E ciononostante l'episodio scatenante è stato proprio lì (pensate quindi a molti altri gruppi...).

Ribadisco: perché (per esempio) una persona non dovrebbe poter postare riferimenti al proprio marito se è uomo o alla propria moglie se è donna senza essere attaccato? In quel gruppo ora possono farlo e possono vivere la loro passione LEGO senza patemi d'animo.

5 ore fa, ravescat ha scritto:

se la guardi dall'altro lato è discriminante pure da parte loro lasciare fuori dal gruppo i non LGBTQXYZ0n^2

In realtà no, accettano anche i cosiddetti "alleati". Cioè le persone etero che hanno a cuore questa causa. Quindi fuori restano solo gli omofobi (ovviamente) e le persone a cui non frega niente (e perché dovrebbero voler entrare? Sarebbe come se io volessi entrare in un gruppo Playmobil). Quindi nessuno, davvero interessato, resta fuori.

Io, per esempio, sono dentro. Da poco, perché la cosa degli alleati era sfuggita anche a me!

4 ore fa, GianCann ha scritto:

Oltre ad avere @Pix tra noi, cos'altro mai possiamo fare? 😄😄😄

Evitare di fare battute, magari!

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
6 ore fa, GianCann ha scritto:

Oltre ad avere @Pix tra noi, cos'altro mai possiamo fare? 😄😄😄

(permettetemi la battuta, ma ci stava alla grande! 😉 )

Tranquillo, ci sono abituato. Sta a te passare per una persona seria o perennemente ironica all'alba dei 50anni.
Ognuno fa le sue scelte.

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
4 ore fa, Laz ha scritto:

In realtà no, accettano anche i cosiddetti "alleati". Cioè le persone etero che hanno a cuore questa causa. Quindi fuori restano solo gli omofobi (ovviamente) e le persone a cui non frega niente (e perché dovrebbero voler entrare? Sarebbe come se io volessi entrare in un gruppo Playmobil). Quindi nessuno, davvero interessato, resta fuori.

Io, per esempio, sono dentro. Da poco, perché la cosa degli alleati era sfuggita anche a me!

Evitare di fare battute, magari!

Sinceramente anche presentata così l'iniziativa non mi convince per nulla.

Se ogni volta che su un gruppo Facebook qualcuno per opinioni politiche, orientamento sessuale, convinzioni religiose, colore della pelle o altro, dovesse creare un LUG specifico, troverei il tutto assurdo.

Secondo il ragionamento fatto da questi qua, se Balotelli giocasse con i LEGO, per il fatto di essere stato schernito più volte con insulti che prendevano di mira il colore della sua pelle, allora avrebbe dovuto fondare NEROLUG.

Io trovo il tutto assurdo, e trovo che l'iniziativa sia mera propaganda. 

Tra l'altro ti correggo: non è che restano fuori solo gli omofobi e le persone cui non frega niente. Rimarranno fuori anche un sacco di persone di buon senso che non ritengono la passione per il LEGO un posto dove fare propaganda giusta o sbagliata che sia di qualsiasi tipo: sia che si parli di religione, credo politico o orientamento sessuale.

L'equazione se non sei con noi sei un omofobo è un modo di propagandare un'idea che sfrutta un trucco psicologico.

Se non sei cristiano sei il male.

Se non sei comunista sei un bastardo capitalista, e via così.

"Se non sei così = allora = sei una persona negativa" è un modo di creare nel breve tempo maggiori consensi, perché nessuno ama sentirsi catalagoto con accezione negativa, ma non risolve nel lungo periodo alcunché, soprattutto se si parla di discriminazione.

Ma non usciamo dal tema. 

Il tema è un LUG è un LEGO USER GROUP, sinora non si è mai sentito che ad alcun membro di un LUG siano state richieste per l'adesione condizioni accessorie, se non quella di essere un appassionato LEGO.

Adesso apriamo un fronte. Poi avremo i muslim LUG, i cristianLUG, i WLAFAMIGLIALUG, i NEROLUG, I BIANCHISUPREMATISTILUG... ma dai...

Per propaganda andiamo a rovinare anche il mondo LEGO.

Non centra nulla.

W IL GRETALUG... 

  

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Non si parla di LUG, ma di gruppo Facebook (e tre). Ma non cambierebbe comunque molto, magari esistono anche dei LUG appositi, chi lo sa, con tutti quelli che ci sono.

Abbastanza ovviamente nessuno sta facendo nessun genere di propaganda. Si tratta solo di avere un posto sicuro dove stare bene in amicizia e senza preoccupazioni. Un concetto che comprendo essere difficile per chi non ha mai vissuto situazioni di prevaricazione e bullismo e sta nella condizione di massimo privilegio. Ma volendo si può comprendere comunque.

Ma mi sembra che tutto quello che si poteva dire sia stato detto, ormai, ognuno può leggere tutto con attenzione e senza pregiudizi e trarre le sue conclusioni informate e oneste, se vuole. Oppure no, non è obbligatorio. In ogni caso il gruppo loro ce l'hanno e nessuno glielo può togliere (per fortuna). E sembra anche un bel gruppo, devo aggiungere.

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
20 ore fa, Laz ha scritto:

Non si parla di LUG, ma di gruppo Facebook (e tre).

Non vedo la differenza tra un Gruppo Facebook e un LUG, semmai tra un RLUG e un LUG...
E' un gruppo di cosa? di persone? ok. Di cosa parlano? di LEGO? ok.
Quindi è un LEGO Users Group che usa Facebook come piattaforma.

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Crea più separazione e muro un gruppo FB/LUG che la società. 

Un conto è circondarsi di amici per farsi forza nel reggere gli attacchi della società alla tua diversità o singolarità, un conto è chiuderti dentro un fortino nel quale tutti la pensano come te.

Trovo che siano molto meglio i commenti positivi e di supporto a LGBTQ inseriti "in difesa" e in risposta a omofobi ed estremisti che crearsi un gruppo "chiuso" di persone "omologhe".

Per quanto mi riguarda quindo no, non ne vedevo la necessità e sono anche io del parere che il mondo AFOL (quelli veri, sia chiaro) sia già di per sè un "posto sicuro" per qualunque credo, orientamento sessuale, ideologia politica etc

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
Il 5/10/2019 alle 12:15, AirMauro ha scritto:

Io trovo onestamente discriminante questa iniziativa.

Il movimento AFOL è per sua natura estremamente aperto e creativo, tanto da essere sovranazionale, sovrareligioso ecc.

La passione per il LEGO accomuna chi la pensa differentemente su temi politici, religiosi, e quant'altro.

E' un movimento ecumenico per sua natura. 

Qualora una comunità, siano essi terrapiattisti, musulmani, di colore, cristiani creasse un lug dedicato solo a chi la pensa in un certo modo su un dato tema, non inerente al mondo LEGO, sarebbe solo una scelta in antitesi con la passione LEGO.

In questo senso trovo il tutto molto discutibile. 

Potrei capire LUG che accolgono tutti gli appassionati di un tema LEGO, chessò castle, space ecc. ma che discrimino l'appartenenza in base alle scelte sessuali...

La difesa di @Laz sul mondo ideale o meno la capirei se ci fossero omosessuli perseguitati nei LUG, o che non possono aver accesso ai LUG perchè discriminati.

Ma di questo ad oggi non ho notizia.

Quindi il fatto che una comunità tiri su dei muri per escludere tutti gli altri, lo trovo semplicemente discriminatorio.

D'altrocanto quando vado al mercato e vedo donne da capo a piedi coperte di teli neri, e poi vedo profeti dell'accoglienza in TV, mi chiedo sempre chi costruisce i MURI della discriminazione....

 

Sono perfettamente d’accordo con te

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti
Il 7/10/2019 alle 10:41, Frank4bricks ha scritto:

Crea più separazione e muro un gruppo FB/LUG che la società. 

Un conto è circondarsi di amici per farsi forza nel reggere gli attacchi della società alla tua diversità o singolarità, un conto è chiuderti dentro un fortino nel quale tutti la pensano come te.

Trovo che siano molto meglio i commenti positivi e di supporto a LGBTQ inseriti "in difesa" e in risposta a omofobi ed estremisti che crearsi un gruppo "chiuso" di persone "omologhe".

Per quanto mi riguarda quindo no, non ne vedevo la necessità e sono anche io del parere che il mondo AFOL (quelli veri, sia chiaro) sia già di per sè un "posto sicuro" per qualunque credo, orientamento sessuale, ideologia politica etc

Fino a poco fa ero d'accordo con te, ma da poco ho scoperto che non tutti hanno sempre la voglia di leggere\rispondere a "opinioni" e "pareri" diversi dai propri. Io per esempio mi sono stufato anche solo di leggere lo schifo che certe persone vomitano su Fb e affini, non mi interessa sapere la loro "opinione" e quindi li ho eliminati dalla mia lista contatti. Quindi non vedo perché un gruppo sicuro non possa essere ben accetto   

Condividi questo post


Link al post
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per postare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai un account? Accedi .

Accedi ora

  • Visualizzato ora da   0 utenti

    Nessun utente registrato su questa pagina.

×
×
  • Crea nuovo...