Jump to content
Dario3643

Rally Alpi Orientali 1986

Recommended Posts

Grande Dario,

secondo me la cosa più difficile da fare (e che hai fatto) è quella di cambiare completamente tema, poi dopo aver visto la liberazione non mi stupisce vedere questi particolari!

 

In ogni modo la deltà è bellissima ??? Bravooooo

 

Alla prossima (sono molto curioso) :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

fantasticoooo!!!!!

posso ripubblicare le tuo foto sul gruppo facebbook del lancia delta integrale club?

(quello ufficiale lancia italiano)

 

la delta s4 era la progenitrice della delta integrale nel mondiale rally di quegli anni, facente parte dei famosi gruppo b ebbero vita breve a causa della pericolositá di queste vetture in fatto di potenza...e agli incidenti mortali avvenuti al tur de cors del 86 con la morte dell' equipaggio lancia, all'epoca erano paragonabili alle auto di formula uno dello stesso periodo, solo che queste correvano su strade e terreni ben piú diversi dalla pista,

eppure mentre l's4 iniziava a correre lancia aveva gia fatto altre evoluzioni della stessa, la ecv, (recentemente ricostruito dal team volta) che subito dopo divenne un altro prototipo la ecv 2 che arrivava a superare i 1000cv su un auto da rally...i prototipi non toccarono mai le strade del mondiale.

Con la chiusura del gruppo b lancia si dedicó alla delta, trasformando una berlinetta del 79 in quello che tanti sappiamo..la delta integrale...tuttora imbattuta come record di vittorie al mondiale rally e corse minori...insomma...una perla dell'automobilismo italiano...(che ormai va a rotoli, ma questa é un altra storia)

 

edit ho corretto alcune cose visto che si parlava di due telai che in realtá era uno solo

Share this post


Link to post
Share on other sites

lse noterai anche gli adesivi sono diversi ,non ce li avevano in scala 1/24 della s1 infatti ho preso quelli dell'integrale e un po modificati ,nella s1 dovrebbe esserci la scritta Martini con il cerchio rosso ,comunque puoi tranquillamente pubblicarle dove vuoi 8) 8) 8) 8) 8) 8)

Share this post


Link to post
Share on other sites

quando ho letto Rally Alpi Orientali 1986 credevo di aver cliccato su un altro sito preferito... idea grandiosa!!!

 

Diorama realizzato molto bene, il minifig sull'albero con le gambe penzoloni sembra vero! Anche le auto sono fatte bene, soprattutto la S4 (però lo spoiler l'avrei fatto con la stessa tecnica dei panel della quattro), però c'è qualche piccolo errore formale (lo so, già sono puntiglioso di mio, poi mettici che amo le auto e i rally di quegli anni...).

Come già dettoti da Pispo la targa è un 1992 (le S4 erano al 99% targate TO xxxxxE), ma come hai già spiegato hai usato quelli della Deltona (anche gli sponsor Michelin, Fiat Lubrificanti, Matrini Sportline e l'equipaggio francese Auriol-Occelli non tradiscono ;) )

Per quanto riguarda l'Audi la livrea è corretta ma è la versione della macchina ad essere sbagliata, quella che hai fatto te è la S1, mentre quei colori lì li ha vestiti solo la versione A2, l'ultima evoluzione rallystica della quattro originale.

 

Puntualizzo quello che ha detto già Pispo, la S4 non ha niente a che vedere con la Delta di serie, ne riprendeva il nome solo per motivi commerciali. Solo il modello gruppo A dall'87 è nato sulla Delta di serie per poi evolversi, anche lì con profondissime differenze rispetto alle numerose produzioni stradali, che spesso vengono erroneamente equiparate a quelle messe in campo dal Martini Racing nel Mondiale...

 

mini OT: Pispo io sapevo che volta per riprodurre la ECV ha usato un telaio S4, non l'originale ECV..?

Share this post


Link to post
Share on other sites

bellissima moc, il tema non è usuale come del resto ci hai già fatto vedere con le altre creazioni ;)

 

delle auto mi piacciono soprattutto i parafanghi (credo non sia il termine giusto comunque intendo la carrozzeria sopra le ruote anteriori) snottati di quella rossa e in generale tutte le numerose tecniche di snot usate. mi sembra quasi che siano costruite completamente in snot ??? :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

  • Similar Content

    • By BalloJr
      Ciao a tutti, 
      Ieri ho ricevuto la notizia che una la MOC, tramite il concorso di LEGO IDEAS, è stata selezionata per essere esposta un'anno nella LEGO House nella zona Gialla.
      Il tema era quello di costruire qualcosa di alternativo riguardo la natura, ispirato dal coniglietto che corre nel mio giardino, ho fatto un Business-Bunny!
      Per farle vincere il primo premio però mi serve il vostro aiuto! La votazione scade entro 5 giorni dopodiché verranno decretate le migliori 3 creazioni.
      Questo è il link per votare la MOC e vedere ulteriori immagini!
      Grazie mille del supporto,
      Simone

    • By Laz
      Appena presentata al Fan Weekend di Paredes de Coura!
      La versione originale (o quanto si deduce dall'unica foto di fronte esistente!) della caserma di Ghostbusters, che nel 1904 era una caserma doppia e nel 1916 è stata tagliata in due e "spinta" nella sua sede attuale, per l'ampiamento della via laterale, Varick Street.
      Lo so, è un po' barare perché è sostanzialmente il doppio di una mia MOC precedente, ma la volevo proprio fare!






    • By Law Brick
      Moc 8x16 con minifig serie collezionabile "golfista" yellato che deve rimettere sul green una pallina finita vicino all'acqua






    • By Norton74
      GENERAL STORE: LA CAPSULA DEL TEMPO
      Oggi ho presentato il mio ultimo lavoro, si tratta di un classico General Store americano, uno di quelli che nell'ottocento era facile trovare nelle terre lontane e remote nel cuore degli Stati Uniti. Ringrazio @Pix che l'ha scovato al volo e già presentato qui sul forum.
      I vecchi General Store oggi sono considerati come dei tesori da custodire e preservare e raccontano di un tempo che non c'è più. La caratteristica principale dei General Store era quella di vendere un po' di tutto e, agli inizi del '900, vendevano anche la benzina.
      Date un occhio al diorama: a sinistra una piccola area "servizio" sotto una tettoia di legno; al centro un portico con lo zio Sam a far da guardia; a destra la pompa di benzina e la "water tower". Tutt'attorno molti dettagli che lo fanno sembrare una cartolina anni '50 di un paesino sperduto dell'IOWA.
      Altri dettagli degni di nota: la pompa arrugginita a sinistra; il telefono; il portico di legno; il dispenser di soft drink; la pompa di benzina; la "water tower"; il camino inclinato.
      Da notare la presenza di molteplici NPU: mazza da hockey come supporto luce; stura-cessi come supporto telefono😂; rana marrone come appendono (sulla colonna di sx); fruste per la sedia a dondolo dello zio Sam; capelli per il nido dell'uccellino; cappello Ninjago per il copri lampione della pompa di benzina; braccino per sostegno lanterna sulla colonna dx e altri...
      Alcuni elementi li ho ripresi da alcuni miei vecchi lavori (le pompe di benzina, il palo della luce, il dispenser di soft-drink), altri sono nuovi (la water tower - che mi piace tantissimo - il telefono, il camino e l'impostazione dell'edificio nel complesso). Molto difficile da fotografare, ho dovuto fare due sessioni prima di ottenere un risultato decente.
      Ecco qualche foto 





      E' una MOC costruita nelle serate di aprile in pieno isolamento e devo dire che il nostro hobby mi ha aiutato a svagarmi in questo periodaccio che purtroppo ha colpito persone a me molto vicine.
      Sul mio sito Norton74.com più immagini e qualche info aggiuntiva (in inglese).
      Spero vi piaccia!
      Ciao!
       
    • By Norton74
      INTO THE WILD: NELLE TERRE SELVAGGE
      A febbraio, il giorno 12 per l'esattezza, ho presentato la ricostruzione dell'iconica scena del film INTO THE WILD di Sean Penn, libera trasposizione del libro di Jon Krakauer "Nelle terre estreme".
      Ho realizzato il "Magic Bus" immerso nella natura selvaggia dell'Alaska, diventato la casa di Alexander Supertramp, ovvero Chris McCandless, il giovane protagonista della pellicola che, abbandonata la vita di tutti i giorni, va a vivere nella selvaggia Alaska per sfuggire ad una società consumistica in cui lui faceva fatica a ritrovarsi. Purtroppo a Chris spetterà una fine diversa rispetto a quella del suo predecessore Thoreau, di cui, qualche mese fa, ho ricostruito il rifugio immerso nella natura (vi ricordate Walden?).
      Il 12 febbraio sarebbe stato il 52° compleanno di Chris e ho voluto ricordarlo presentando proprio quel giorno la mia creazione ispirata alla sua storia.
      Ecco qualche foto del "Magic Bus" immerso nelle "terre selvagge":


      Uno sguardo all'interno del bus che per quasi quattro mesi è stata la casa di Christopher McCandless. Scoprite tutti gli utensili e gli oggetti che l'hanno aiutato a sopravvivere per quasi 120 giorni nelle fredde terre dell'Alaska.


      Di tanto in tanto il Bus "magico" di "Into the Wild" torna a far parlare di se quando qualche escursionista improvvisato tenta di ripercorrere le tracce di Chris ma non ci riesce e resta bloccato in un ambiente a dir poco duro e inospitale. A fine febbraio è toccato a 5 ragazzi italiani che hanno rischiato di non far ritorno dopo averlo visitato. Fortunatamente la loro storia è finita diversamente da quella del giovane Chris.
      Il Magic Bus è un vecchio International Harvester K-5 del '46, uno dei tanti utilizzati negli anni sessanta come rifugio per gli operai impegnati a riparare le strade della zona. Terminati i lavori i Bus sono stati tutti rimossi tranne il "142" a causa di un asse rotto. Il resto è ormai storia. Comunque sia ecco qualche scatto del Bus in primo piano.


      Se volete vedere qualche foto del making of cliccate qui.
      Buona notte!
       
×
×
  • Create New...