Jump to content
IGNORED

LEGO SHELL E Greenpeace


TheBunch!
 Share

Recommended Posts

TLG risponde via Twitter...

 

We're always thankful for input we receive from fans, children and parents alike. We know the importance of this issue...

 

We're determined to leave a positive impact on our society & children. We're saddened when the LEGO brand is used as a tool in any dispute..

 

..between organizations. However, we fully expect Shell to live up to their responsibility & take appropriate action to any potential claims

 

It is important to us that any partnerships we have support our vision, promise & has LEGO play at the core aboutus.lego.com/en-us/sustaina...

Link to comment
Share on other sites

TLG risponde con un comunicato stampa:

 

Comment on Greenpeace campaign using the LEGO brand

Jørgen Vig Knudstorp, CEO of the LEGO Group, comments on the Greenpeace campaign using the LEGO brand to target Shell.

 

The LEGO Group operates in a responsible manner and continually strives to live up to the motto of the company since 1932: "Only the best is good enough".

 

We are determined to leave a positive impact on society and the planet that children will inherit. Our unique contribution is through inspiring and developing children by delivering creative play experiences all over the world.

 

A co-promotion contract like the one with Shell is one of many ways we are able to bring LEGO® bricks into the hands of more children.

 

We welcome and are inspired by all relevant input we receive from fans, children, parents, NGOs and other stakeholders. They have high expectations to the way we operate. So do we.

 

The Greenpeace campaign focuses on how Shell operates in a specific part of the world. We firmly believe that this matter must be handled between Shell and Greenpeace. We are saddened when the LEGO brand is used as a tool in any dispute between organisations.

 

We expect that Shell lives up to their responsibilities wherever they operate and take appropriate action to any potential claims should this not be the case. I would like to clarify that we intend to live up to the long term contract with Shell, which we entered into in 2011.

 

We will continue to live our motto of "only the best is good enough" and deliver creative and inspiring LEGO play experiences to children all over the world.

 

Jørgen Vig Knudstorp, President and Chief Executive Officer of the LEGO Group.

 

 

http://aboutus.lego.com/it-it/news-room/2014/july/lego-shell-partnership

Link to comment
Share on other sites

Greenpeace fa leva con Lego per scatenare una forte attenzione emotiva su questo fatto di interesse mondiale.

Le modifiche ambientali dell'Artide sono già evidenti da tempo. Le spiegazioni possono essere in tutto o in parte riconducibili a processi naturali o, come "diciamo" si sospetta, dovute al massiccio impatto di antropizzazione della Terra o una combinazione di questi.

Facilitati ormai da conoscenza e tecnologia, gli interventi (invasisivi) nelle regioni polari sono già cominciati da tempo e non solo ad opera di Shell. Purtroppo altri partecipanti o responsabili non hanno un Lego o qualcosa del genere cui aggrapparsi e forse hanno pure una sorta di grilletto facile se li infastidisci.

Indipendentemente da qualsiasi opinione, ritengo sia comunque importante non consegnare al disinteresse la questione e magari, come recita una frase della di lettera di Greenpeace che allego di seguito, non passerà inosservata.

Per scelta personale ne seguo da anni le attività e questa è la risposta:

 

Ciao Stefano, grazie di aver chiesto a LEGO di chiudere il suo pericoloso accordo con Shell! Le trivellazioni nell'Artico non sono un gioco: una volta distrutto, questo straordinario ecosistema non si può ricostruire mattoncino su mattoncino!

Per convincere LEGO dobbiamo essere in tanti, l'indignazione di milioni di persone in tutto il mondo non passerà inosservata! Condividi la petizione su:

Condividi su Facebook

Condividi su Twitter

Condividi su Google+

Grazie per il tuo aiuto in difesa dell'Artico.

Greenpeace Italia

...

Link to comment
Share on other sites

Ma quindi...magari ci sarà un nuovo accordo con SHELL ::) ...no perché a parte qualche polybags...di recente...saranno 20anni che SHELL e TLG non producono nulla...quindi Greenpeace sa qualcosa più di noi...

 

Greenpeace ha visto i nuovi Set!!! è inaccettabile questo!!! >:(

Link to comment
Share on other sites

Infatti qui la questione è che tra le tante partnership con Shell in giro per il mondo, complice (infelice coincidenza) la recente uscita dei set (City) Arctic (in Greenpeace a qualcuno deve essersi accesa la lampadina), hanno scelto quella con LEGO, la più emotiva di tutte perchè...ci son di mezzo i bambini!!!

 

 

Gli ultimi set a marchio LEGO risalgono all'inizio degli anni '90, e le ultime polybag uscite, erano in realtà LEGO-Ferrari-V Power (certo, "date" in cambio di litri di carburante, ma certamente non si può dire che fosse LEGO a supportare Shell, casomai il contrario (una polybag ogni 40 euro di carburante - fatevi un po' il conto che davvero ci guadagnava).

 

 

Quasi certamente qualche "amico" di Greenpeace ha saputo del rinnovo del contratto Shell-LEGO (e quindi quasi certamente di una nuova campagna carburante-set) e hanno messo su questa baraonda per far parlare della cosa.

 

Sono assolutamente d'accordo che quanto accade nell'Artico" è un problema ed anche bello grosso.

 

 

Da qui a usare LEGO come unica fonte di salvezza (LEGO disdice il contratto - Shell chiude) la vedo una manovra molto, ma molto opportunistica.

 

 

No, mi spiace, non sono d'accordo!

Link to comment
Share on other sites

Mah, prendersela con Lego... perché non prendersela con chiunque faccia promozione o perfino con chi vende qualsiasi cosa nelle stazioni di servizio Shell? Sono decenni che Shell è sotto il bersaglio di no-global e di chi vede in questo o quell'altro brand un responsabile dei mali della Terra. Adesso si è scelto Lego, solo per il fatto che è un marchio conosciuto, associato ai bambini, tra l'altro. Una evidente strumentalizzazione.

 

E domani, come suggerisce Fra, troveranno perfino nei set Artic un "gombloddooo", affermando che c'è un disegno occulto per fare passare il messaggio che in fondo le trivellazioni ai poli non sono malvagie. Io so solo che quelli sono dei bei set. E che c'è gente che campa vendendo libri sui gombloddi e facendo campagne contro quello o quell'altro. Più fai scalpore, più ti fai pubblicità, più fondi raccogli. Coinvolgi i bambini e un marchio famoso e hai trovato l'equazione perfetta. Io ci vedo più complotto in questa cosa che nella Shell che per vendere di più fa promozioni di prodotti che piacciono.

 

Poi magari alla Shell sono degli squali senza scrupoli eh, ma prendersela con Lego per questo...

 

Piuttosto, se proprio devono prendersela con Lego potrebbero farlo per il fatto che va a produrre in Cina, dove gli esseri umani sono sfruttati (e non gli orsi polari) e dove per attingere alle materie prime i cinesi devastano l'Africa fomentando guerre tra la popolazione che vuole tenersi le risorse e non vuole che i Governi le svendano... ma questo nessuno lo dice, perché senza la Cina, su cui TUTTI tacciono, l'Occidente non avrebbe nulla. In fondo qualcuno il lavoro sporco lo deve pur fare, mentre tutti guardano dall'altra parte. Ma è così che va il mondo. Chi permette (sfruttando) alla Cina di avere risorse a costo quasi zero? Chi è che va a produrre là a basso prezzo, con margini altissimi, e poi sta zitto quando ti clonano il prodotto?

 

Insomma, tasto sbagliato...

Link to comment
Share on other sites

Questo è il principale motivo per cui odio Greenpeace. Quando decide un bersaglio, lo cerca tra quelli che fanno scalpore e poi va giù senza alcun discernimento. Puro calcolo populistico. Non è diversa da Shell, ma almeno di Shell so quali sono i fini. Quali sono i fini di Greenpeace?

Link to comment
Share on other sites

Il CEO di TLG ha risposto così:

 

 

[cit.]

The LEGO Group operates in a responsible manner and continually strives to live up to the motto of the company since 1932: "Only the best is good enough".

 

We are determined to leave a positive impact on society and the planet that children will inherit. Our unique contribution is through inspiring and developing children by delivering creative play experiences all over the world.

 

A co-promotion contract like the one with Shell is one of many ways we are able to bring LEGO® bricks into the hands of more children.

 

We welcome and are inspired by all relevant input we receive from fans, children, parents, NGOs and other stakeholders. They have high expectations to the way we operate. So do we.

 

The Greenpeace campaign focuses on how Shell operates in a specific part of the world. We firmly believe that this matter must be handled between Shell and Greenpeace. We are saddened when the LEGO brand is used as a tool in any dispute between organisations.

 

We expect that Shell lives up to their responsibilities wherever they operate and take appropriate action to any potential claims should this not be the case. I would like to clarify that we intend to live up to the long term contract with Shell, which we entered into in 2011.

We will continue to live our motto of "only the best is good enough" and deliver creative and inspiring LEGO play experiences to children all over the world.

 

Jørgen Vig Knudstorp, President and Chief Executive Officer of the LEGO Group.

 

 

A tutti i post "Greenpeace" sulla loro pagina FB, rispondono solo ed esattamente con la traduzione in italiano del messaggio.

 

 

[cit.]

 

Siamo consapevoli che si tratta di una questione importante e ci impegniamo ogni giorno a dare un impatto positivo sulla società e sul pianeta che i nostri figli erediteranno.

Il nostro contributo è quello di ispirare lo sviluppo dei bambini offrendo esperienze di gioco creative, in tutto il mondo.

Una attività promozionale, come quella con Shell, è uno dei tanti modi, con cui possiamo portare i mattoncini LEGO nelle mani di un numero ancora più grande di bambini.

Noi siamo sempre molto grati per tutti gli input che riceviamo dai fan, bambini e genitori.

Avete grandi aspettative per il nostro modo di operare e anche noi su noi stessi, per questo siamo dispiaciuti quando il marchio LEGO viene strumentalizzato nelle controversie tra le varie organizzazioni.

Ci aspettiamo che Shell sia all'altezza delle propie responsabilità, ovunque operi e che prenderà i provvedimenti opportuni per eventuali richieste, in caso di necessità.

È importante per noi che ogni partner supporti la nostra vision e l'esperienza di gioco LEGO. Speriamo che questo sia utile a darvi una spiegazione, grazie ancora per averci scritto.

 

 

E non sono stati autorizzati a fare altro per non aumentare ancora di più l'hype.

 

 

La realtà dei fatti è che l'anno prossimo rifaranno una campagna tipo quelle delle "Ferrari-ne" del 2012 (polybag in regalo con 40 euro di carburante V-Power): le vendite di carburante V-Power (costa più caro della "normale") sono aumentate del 7,5%, le iscrizioni al loyalty program (Shell Card) sono aumentate del 52% e non ricordo quali altri dati eccezionali ha fruttato a Shell.

 

 

Il bello quindi è che la risposta di TLG recita:

"Una attività promozionale, come quella con Shell, è uno dei tanti modi, con cui possiamo portare i mattoncini LEGO nelle mani di un numero ancora più grande di bambini."

 

 

mentre in realtà i soldi veri li farà Shell.

 

 

Bel colpo LEGO!

Link to comment
Share on other sites

Per quanto la vogliono raccontare, non ci credo neanche lontanamente che l'accordo con Shell sia realizzato per "portare i mattoncini nelle mani di un numero ancora più grande di bambini".

 

TLG non è una Onlus, ma una multinazionale la cui mission è fare profitto (anche dei buoni prodotti, non lo discuto).

Al pari di tutti i brand mondiali...

 

È il loro "mestiere", niente di più, niente di meno...

Link to comment
Share on other sites

Ma infatti il punto è proprio quello.

 

 

Non solo non è una onlus, non solo l'unico suo scopo (come tutte le major/corporation) è far guadagnare soci ed azionisti, non solo ha come obiettivo la leadership di mercato, ma è anche e soprattutto SOLO una azienda di giocattoli, porca paletta.

 

 

Stamattina ho visto questo video:

http://vimeo.com/78805320

 

 

Al che mi sono chiesto: il CEO di TLG dice che "A co-promotion contract like the one with Shell is one of many ways we are able to bring LEGO® bricks into the hands of more children", ma siamo sicuri che sarà LEGO a guadagnarci (visto che a parte fornire set/polybag non farà, ammesso che la campagna 2015 fosse simile per "format" a quella 2012), o forse è Shell che farà uno sfracasso di soldi?

 

 

 

 

Insisto: quando "quelli" di Greenpeace hanno fatto 2+2 tra uscita LEGO Arctic + partnership LEGO-Shell per il 2015, non hanno resistito ed hanno affondato i denti. Punto.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Stavo leggendo i commenti sulla pagina facebook di Greenpeace Italia e una persona aveva scritto che i lego essendo in ABS sono derivati dal petrolio e.c.c. Greenpeace ha risposto che lego sta gradualmente eliminando l'uso del petrolio con sostanze alternative entro il dal 2030. Qualcuno sa qualcosa di più a riguardo? Non me ne intendo ma magari è per questo che i lego stanno "peggiorando" come qualità...

 

Ok,avevo sbagliato a leggere quindi no. Certo però che dal 2030.... :D

Link to comment
Share on other sites

Stavo leggendo i commenti sulla pagina facebook di Greenpeace Italia e una persona aveva scritto che i lego essendo in ABS sono derivati dal petrolio e.c.c. Greenpeace ha risposto che lego sta gradualmente eliminando l'uso del petrolio con sostanze alternative entro il dal 2030. Qualcuno sa qualcosa di più a riguardo? Non me ne intendo ma magari è per questo che i lego stanno "peggiorando" come qualità...

 

Ok,avevo sbagliato a leggere quindi no. Certo però che dal 2030.... :D

 

Forse dal mais. O da altre alternative che permettono di fabbricare plastica senza usare derivati del petrolio. La plastica di mais esiste da molti anni e non è nemmeno di pessima qualità, anzi. Ricordo che anni fa, quando avevo intorno ai dieci anni, seconda metà '80, d'estate Topolino metteva i pezzi di un binocolo da montare fatti in plastica di mais. E non era per niente male, anche se aveva un odore "strano".

Link to comment
Share on other sites

Sei sicuro? io ricordo che regalò un orologio in mater-B (la prima plastica a base di mais).

Comunque la plastica di mais è biodegradabile e non ha caratteristiche meccaniche paragonabili all'ABS....

Chi vorrebbe che i propri LEGO marciscano dopo 20 anni passati in cantina... :'(

 

Se veramente cercano l'alternativa al petrolio (e personalmente non credo) dubito che sia di natura organica..

Link to comment
Share on other sites

Greenpeace ha risposto che lego sta gradualmente eliminando l'uso del petrolio con sostanze alternative entro il dal 2030. Qualcuno sa qualcosa di più a riguardo?

 

Piccola correzione, LEGO non sta eliminando l'uso del petrolio, ha dato il "via" a un progetto di ricerca per capire come usare meno petrolio e più energie rinnovabili a partire dal 2030.

Link to comment
Share on other sites

Non mi schiero con nessuno, ma comunque il video è bellissimo, altro che il film...

 

Inquadratura, idee, riprese, la canzone unplugged... Bellissimo!

 

Di sicuro c'è l'aiuto di qualche AFOL...sicuro come l'oro.

 

Al minuto 0:49 c'è anche Lord Snow con la rossa e il suo meta-lupo Spettro... eh, Tristan?

 

Devo ammettere che il video è proprio una figata e che sarei tentato di condividerlo, se non fosse che così non farei altro che far loro una gran pubblicità, come stiamo facendo qui... Stiamo facendo esattamente il gioco di Greenpeace, che vuole che se ne discuta, ma di fatto stanno solo strumentalizzando un famoso marchio, facendo leva sui bambini. Il fine potrebbe anche essere buono (poi è tutto da vedere... perché non è che i motori dei motoscafi di Greenpeace vanno a idrogeno, eh...) ma è il mezzo che è inaccettabile.

 

Come dire che siccome McDonald's macella le mucche e la gente mangia gli hamburger, allora bisogna prendersela con chi fa promozione negli Happy-meal. Che infami! A chi pensate sia indirizzata questa campagna se non ai fan del Lego, specialmente a quelli adulti, che possono così far leva su Lego. E, guarda un po' noi siamo la più grande associazione italiana di fan del Lego, ufficialmente riconosciuta da Lego. Che posizione abbiamo? Fa bene parlare, ma a volte bisogna anche dare dei giudizi.

Link to comment
Share on other sites

Qualcuno sulla pagina FB di Greenpeace ha risposto ad un mio commento scrivendo "caro francesco, quando il marketing comincia ad usare i bambini...." (in risposta al video di presentazione della campagna Shell-Ferrari-LEGO del 2012).

 

 

Gli ho risposto che non solo Greenpeace fa la stessa cosa, ma soprattutto che se il marketing usa i bambini è perchè ha capito che ormai sono i bambini ad influenzare i genitori e non (come invece dovrebbe essere) VICEVERSA!!!

 

 

 

 

Da perfetto esempio di bimbo del (negli) anni '70, posso serenamente affermare che col cavolo mio papà avrebbe comprato un carburante che costa un 25% in più di quelli "normali" solo per i miei strilli e strepiti per avere il mega-fantastiglioso set LEGO in omaggio.

 

 

 

 

La cosa che però mi preoccupa davvero è che sarà davvero un bel problema procurarsi i nuovi/personalizzati/speciali set della promozione Shell-LEGO 2015...

 

 

c@xxo, la Shell ha venduto tutti i distributori alla Q8!!!

 

 

 

Mollano infatti la distribuzione (tasse, accise, diminuzione consumi causa crisi etc.) e si concentrano su Upstream (esplorazione, estrazione e produzione)...ebbene si, anche qui in Italia è redditizio scavare e trivellare, solo che non lo sapevamo (ma loro si!!!!!)

 

 

- www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-02-20/addio-830-distributori-shell-italia-diventeranno-tutti-q8-183834.shtml?uuid=ABnILwx

 

 

- http://www.shell.com/global/products-services/solutions-for-businesses/globalsolutions/about-global-solutions/our-business/upstream.html

Link to comment
Share on other sites

Urca!!! IRIS Worldwide ha bloccato (glielo avrà chiesto Shell o LEGO? Bah!) il video dei risultati "epocali" della campagna 2012!!!

 

 

http://vimeo.com/78805320

 

 

(infatti anche qui sul forum, nel mio post, il video risulta bloccato da Log In)

 

 

Greenpeace se ne è accorta, ed ha provveduto:

 

 

 

 

 

 

Bella figura di palta!

Link to comment
Share on other sites

Vado controcorrente con i commenti precedenti ma Greenpeace ha ragione.

 

Se perfino colossi come Intel e Apple stanno investendo per "ripulirsi" l'immagine di sfruttatori delle risorse del pianeta, spero faccia la stessa cosa anche Lego. Certo, non è una ONLUS, ma se fai giocattoli per bambini non puoi permetterti di fare accordi con chi inquina il pianeta.

Link to comment
Share on other sites

E alla fine LEGO non rinnoverà il contratto con la Shell.

 

http://aboutus.lego.com/it-it/news-room/2014/october/comment-on-the-greenpeace-campaign-and-the-lego-brand

 

Vabbè. Personalmente mi dà solo fastidio che Greenpeace dirà "abbiamo vinto", con i loro metodi terroristici (che Jørgen Vig Knudstorp si guarda bene dall'approvare nel suo comunicato!)

 

La promozione corrente verrà sicuramente portata a termine (non viene interrotto un contratto, semplicemente non se ne farà un altro al termine di questo).

 

Domanda per Frank4bricks (il più informato :D ): è vero che Shell in teoria in Italia non c'è più... ma in pratica c'è ancora, i distributori sono ancora tutti Shell. Quindi c'è la possibilità che quest'ultima promozione arrivi anche qui?

Link to comment
Share on other sites

Tutte le stazioni Shell italiane hanno ancora la "livrea" Shell ma servono già carburante Q8.

 

 

All'ingresso della maggior parte delle stazioni di servizio Shell infatti c'è un bel cartello bianco con bordo blu che recita "Qui serviamo già carburante Q8".

 

 

Probabilmente il carburante cambia mano a mano che la singola stazione di servizio "svuota" le cisterne (dal/di carburante Shell) e fa il pieno di quelli Q8.

 

 

Confermo quindi che l'Italia sarà esclusa dalla promozione.

 

 

Aggiungo che oggi ero in Svizzera per lavoro e ho visto un sacco di stazioni di servizio la cui livrea ricorda Shell (fondo giallo e riga rossa) ma il cui nome è "Piccadilly" (tutte in location che mi par dir ricordare fossero Shell al tempo della mia ultima visita in CH di qualche tempo fa).

 

 

Credo quindi che anche la Svizzera, o quanto meno il Canton Ticino, sarà esclusa dalla promozione.

Link to comment
Share on other sites

Tutte le stazioni Shell italiane hanno ancora la "livrea" Shell ma servono già carburante Q8.

 

All'ingresso della maggior parte delle stazioni di servizio Shell infatti c'è un bel cartello bianco con bordo blu che recita "Qui serviamo già carburante Q8".

 

Probabilmente il carburante cambia mano a mano che la singola stazione di servizio "svuota" le cisterne (dal/di carburante Shell) e fa il pieno di quelli Q8.

 

È buffo, tutti credono che il carburante sia diverso da una marca all'altra, mentre in realtà tutte le stazioni di una zona sono servite dalla medesima raffineria :D

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...