Jump to content

Leaderboard

Popular Content

Showing content with the highest reputation since 07/13/2011 in all areas

  1. Ciao a tutti! A inizio anno, come molti di voi sanno, il mio Chalet è entrato nella terza review del 2019 di LEGO Ideas dopo aver raggiunto i 10.000 voti. Sappiamo anche che il set non è passato purtroppo nella votazione live del 23 Giugno 2020. Indifferentemente dal risultato che avrei ottenuto, volevo in qualche modo ringraziare tutte le persone che mi hanno scritto e tutte coloro a cui è piaciuto lo Chalet. Ho deciso quindi di realizzare un paesaggio natalizio che "accolga" in maniera dignitosa lo Chalet, che fosse un modello più in stile "UCS"! L'idea iniziale è stata quella di realizzare un pendio innevato con dei bambini che scendono con il bob sulla neve. Inizialmente volevo usare 3 basi ma sarebbe stato troppo ingombrante e allora ho optato per due basi 48x48 in cui all'interno ho condensato un paesaggio natalizio con tutto quello che vedete nella foto qui sotto. Il tema Winter Village non è sicuramente nuovo per me (!) ma per la prima volta in una moc mi sono cimentato in un intero scenario in movimento. Ci sono ben 17 parti in movimento alimentate da un unico motore XL LEGO oppure direttamente a mano con una levetta posta sul retro! Le due basi trasmettono tra di loro il movimento attraverso un axle technic che collega le due aree. Avevo già fatto in passato parti in movimento (come ad esempio il mulino medievale), ma mai come in questo caso ho dovuto davvero ingegnarmi a far stare in uno spazio "relativamente ridotto" tutte quelle scene in movimento. Inoltre lo spazio imponeva la presenza di molte cose tra cui ovviamente lo Chalet! Essendo rialzato ho inoltre realizzato un progetto (in cantiere da tempo) ovvero fare la cantina dello Chalet raggiungibile dalla porta frontale destra. Nella parte laterale del diorama ho inoltre ricavato una piccola grotta di cristalli di ghiaccio che si possono illuminare grazie ad un vano adiacente dove ho riposto anche un piccolo pacco batterie con un filo di luci a led. Le luci scorrono nella grotta ma anche nella cantina dello chalet e posso inoltre farle arrivare fino alle stanze interne dello chalet per illuminarle di notte. Tutte le parti in movimento le potete osservare da soli nel piccolo video che ho realizzato (chiedo scusa per la scarsa qualità del video!): https://www.youtube.com/watch?v=3HSTgaFy0aY La parte più complessa è stata non solo quella di riuscire a "raggiungere" il movimento nelle varie aree del diorama, ma anche differenziare le velocità in base a cosa si doveva muovere. E' stata una bella sfida, ma come sempre mi sono divertito un sacco nel realizzarlo e l'importante è questo! Nonostante il duro periodo in cui stiamo vivendo sono riuscito ad organizzare la sua esposizione nella vetrina di uno strategico negozio nel centro del mio paese durante il periodo natalizio, in modo tale che tutti i bambini quando escono da scuola possono ammirare questo piccolo diorama natalizio e strappare a loro un sorriso. Buon Natale! Questo lavoro lo dedico al caro amico Gianluca che non è più tra noi. Spero potrà ammirarlo da lassù. Potete osservare tutte le fotografie di dettaglio nella galleria Flickr: https://www.flickr.com/photos/sdrnet/albums/72157638607227773 Commenti e critiche ben accetti. Saluti da Sandro!
    31 points
  2. ZioTitanok

    @GianCann

    Enza, Valerio e Diego (moglie e figli di Gianluca) mi hanno chiesto di condividere con voi un breve messaggio di ringraziamento. Lo riporto per intero nel seguito. "Quando è arrivata quella terribile telefonata il mondo si è capovolto. Gianluca non c'era più. Non capivo, non poteva essere, si stavano sbagliando. Io non potevo sopportarlo. Non si può accettare di perdere l'uomo che si ama, il compagno di una vita, il padre dei nostri figli. Quell'uomo di cui mi ero subito innamorata, per la sua risata contagiosa, l'intelligenza vivace, la capacità di risolvere ogni problema con semplicità, la voglia di giocare e tornare bambino, la sua onestà ed impegno per la famiglia ed il lavoro. Ed erano questi i valori a cui teneva di più: famiglia, lavoro, amicizia, onestà, rispetto e lealtà. Come avrei potuto consolare i nostri figli e riempire il vuoto incolmabile della perdita di Gianluca? Incredibilmente la risposta è arrivata proprio dai nostri figli, due ragazzi che nell'arco di tempo di una telefonata sono diventati uomini ed hanno affrontato con forza e coraggio la scomparsa prematura di un padre meraviglioso. E poi ne sono arrivate tante di telefonate e nella solitudine forzata dall'isolamento per questa orribile malattia, che non voglio neanche nominare, abbiamo trovato il calore e l'affetto di tante persone. Parenti, amici e colleghi, senza distinzione di gradi e gerarchie, una sola famiglia unita nel dolore e nel ricordo di un uomo straordinario, con il quale ho avuto il privilegio di trascorrere ventisette anni di vita insieme. In fondo al tunnel della disperazione è comparsa una luce, la consapevolezza che Gianluca sarà sempre con noi, negli occhi lucidi di chi ne rievoca il ricordo, nelle risate di chi ne racconta gli aneddoti, negli abbracci di chi ci trasmette la forza per andare avanti, nella capacità di creare piccoli capolavori mettendo insieme tanti mattoncini, nelle mani di chi tutti i giorni avvia il computer... Grazie a tutti, siamo orgogliosi di far parte di questa grande famiglia."
    31 points
  3. Scrivo alcune righe di saluto, a titolo personale, come figura di consigliere in scadenza di mandato, non ricandidato alle imminenti elezioni per il rinnovo del consiglio elettivo di ItLUG. Dopo 6 anni all'interno del direttivo, è per me arrivato il momento di concludere il mio impegno "burocratico" in ItLUG, augurandomi che al mio posto possa essere eletto un socio che abbia lo stesso spirito ed energia che ho avuto io nel 2013, quando mi candidai per la prima volta. Aver fatto parte del direttivo di ItLUG in questi anni è stato, e per sempre resterà, un grande onore. Così come lo è essere anche semplicemente socio. Come ho più volte evidenziato in varie occasioni, ItLUG rappresenta la Storia del movimento AFOL italiano. Negli ultimi anni abbiamo potuto assistere ad un notevole cambiamento nel panorama AFOL, sia nazionale che mondiale (dovuto a fattori sociali, tecnologici e, non di meno, a politiche sostenute da LEGO stessa) con la conseguente nascita di mille-mila gruppi-sottogruppi-gruppettini, e ItLUG in tutto questo cambiamento ha continuato a mantenere la sua filosofia e scopo sociale, anche se con un ruolo meno centrale rispetto al passato. Per me, questi 6 anni nel direttivo sono stati molto importanti e significativi sotto molteplici aspetti e mi hanno consentito di acquisire tantissime esperienze e conoscenze sia sotto l'aspetto dei rapporti umani (nel bene e nel male, ovviamente) sia sotto quello più "noioso e burocratico" ma, per certi versi interessante, inerente la complessa gestione di un ente associativo. Certamente sono cresciuto tantissimo anche dal punto di vista AFOL, inteso come conoscitore di questo mondo "variegato" (proprio come le forme e i colori dei mattoncini LEGO). In cambio, ho donato a ItLUG molto del mio tempo, della mia passione e messo a disposizione le mie conoscenze in altri settori. In questi giorni ho riflettuto sulle tante iniziative ed attività che sono state istituite/avviate su mia proposta (di cui l'ultima, cronologicamente parlando, il prestito dei set) mirate a stimolare la vita associativa, la condivisione della nostra passione e, più in generale, dare un senso all'articolo 3 del nostro statuto. Non voglio fare il falso modesto: sono particolarmente fiero delle tante cose che ho fatto per ItLUG nel corso dei due mandati. Non sto qui ad elencarle, ma non credo di "pisciare" fuori dal vaso nel dire che ho fatto tanto, tanto, tanto. Consentitemelo Ovviamente, il merito è anche del resto dei membri del direttivo che hanno sempre appoggiato le mie proposte, salvo rarissime quanto giustificate eccezioni e con i quali ho lavorato per tutto questo tempo. Sicuramente ho commesso anche alcuni errori. Non lo nego. Ma, d'altra parte, fa parte del gioco... Dopo 6 anni di impegno, è arrivato il momento di tornare a dedicarmi al 100% alla parte più giocosa di questa passione, recuperando un po' più di tempo per me e per la mia famiglia. Questo non vuol certo dire che mi allontanerò da ItLUG, anzi! (non sarà per nulla facile liberarsi di me ) Sarò sempre un socio onorato di far parte di questa Associazione Culturale e sarò sempre attivo sul forum, negli eventi (quest'ultimi, compatibilmente con le risorse finanziarie) e in tutte quelle attività alle quali potrò contribuire nel limite della mie capacità. Naturalmente resterò a disposizione del futuro direttivo laddove fosse utile una mano "esterna", anche solo come memoria storica di quanto accaduto/gestito nel periodo pregresso. A questo punto, vorrei ringraziare un po' di persone, a partire dai vari membri del direttivo in carica e di quello precedente (esercizio 2013-2016): grazie per avermi SOPPORTATO in tutti questi anni. E grazie anche per aver supportato e sostenuto le mie proposte-iniziative, come io ho supportato-sostenuto quelle proposte da voi. È stata veramente una bella esperienza lavorare insieme a voi e, ribadisco, è stata un'esperienza interessante soprattutto a livello umano. Un ringraziamento particolare lo devo a @Laz, con il quale ho avuto più di qualche volta "accessi confronti" su vari temi, trovando comunque sempre una sintesi. Del resto, far parte di un gruppo dirigente di una associazione non vuol dire essere sempre d'accordo con gli altri membri su tutte le questioni trattate. L'importante, alla fine, è trovare un punto di incontro, sempre e solo nell'interesse del bene primario dell'associazione. Ringrazio tutti i soci che si sono spesi per ItLUG organizzando eventi ed altre iniziative o che partecipano alla vita associativa con la loro presenza agli eventi, intervenendo nelle discussioni sul forum, costruendo MOC per i vari contest e, più in generale, contribuendo a mantenere viva ItLUG. Vorrei potervi citare tutti, ma questo post diventerebbe così lungo, impossibile da leggere... Però, permettetemi di ringraziare un socio su tutti, con il quale ho avuto modo di confrontarmi spesso e volentieri su ItLUG e insieme al quale abbiamo scritto "La Storia di ItLUG raccontata da ItLUG". Un socio di lunga, lunghissima data (presente da ancor prima che ItLUG diventasse associazione a tutti gli effetti), così come spesso lunghe sono le nostre chiacchierate telefoniche sul mondo LEGO e su ItLUG: @AirMauro! L'unico socio fondatore di ItLUG che non compare sullo statuto, nell'elenco dei soci fondatori Un AFOL di quelli speciali... E poi, non con minore importanza, voglio ringraziare tutti i soci che pur volendo, non possono essere attivi oltre al "semplice" versamento della quota associativa annuale. Il vostro far parte di ItLUG è comunque un apporto fondamentale a sostegno delle iniziative organizzate dall'associazione le cui finanze sono fondamentalmente costituite dalla quota associativa. Infine, un ringraziamento anticipato lo voglio fare a quei soci che si candideranno e che si prenderanno l'onere, qualora eletti, di gestire l'associazione nel prossimo trienno. C'è ancora molto da fare e il loro impegno sarà fondamentale alla prosecuzione di questa community nata ben 20 anni fa. Insomma, grazie a tutti Gianluca
    30 points
  4. Un anno dopo Santa Maria del Fiore la mia vocazione si è fatta di nuovo viva e ne ho approfittato per progettare una cattedrale barocco-neoclassica, che concluderà il viale principale della città e darà finalmente agli abitanti di Bricksfield un luogo dove pregare in pace. La pianta è praticamente quella del duomo di Firenze mentre il colonnato ricorda quello di San Pietro. Questi sono rendering, ma la cupola (autoportante) l'ho già completata. Spero vi piaccia! Qualche numero N.PEZZI 13305 LUNGHEZZA 86.6 cm LARGHEZZA 76.8 cm ALTEZZA 50 cm
    27 points
  5. Norton74

    A-Frame Cabin

    LA BIZZARRA CASA A FORMA DI "A" Negli USA le case di campagna a forma di "A" sono un'icona. Realizzate principalmente tra gli anni '50 e gli anni '70 come case di villeggiatura sono oggi ricercatissime e alla moda. Personalmente le trovo molto affascinanti e bizzarre, perfette da replicare in LEGO. La mia A-Frame Cabin (scusate l'inglese ma la traduzione in italiano è orrenda), che ho presentato ieri, segue le mie altre creazioni a tema uomo-natura e probabilmente non sarà l'ultima. Al centro della scena c'è la casa a forma di triangolo (con angoli all'incirca di 60°) composta dalla facciata, il tetto e il basamento. I primi due sono realizzati con una tecnica che uso spesso, cioè i tile non completamente attaccati agli stud per dare l'effetto "imperfezione" del legno. Il basamento è composta da decine di martelli secondo la tecnica di Letranger Absurde. I martelli li ho comprati alla festa della LEGO House del 2019 quando per 10 euro è possibile riempire un mezzo bicchiere di Minifig e accessori; quando li ho visti non me li sono lasciati scappare. Sulla sinistra c'è la legnaia con all'interno diversi pezzi che simulano diverse tipologie di ceppi. La copertura è realizzata con una porta grande reddish brown. Sulla destra della casa una barca coperta per la stagione invernale. Sullo sfondo 3 pini con colori autunnali. Ci sono innumerevoli dettagli e NPU che lascio a voi cercare. La scelta e la costruzione delle 2 Minifig mi ha portato via tempo ma alla fine sono riuscito a comporle come volevo. E infine grazie alla fotografia e alle luci ho reso "vivo" il piccolo diorama. Ecco qualche foto: Spero vi piaccia!
    25 points
  6. Ciao a tutti, vi presento la mia ultima MOC, una città medioevale fortificata. Anche questa destinata ad essere un modulo di un diorama più grande da sviluppare coi miei amici genovesi (in teoria volevamo preparare qualcosa per l'evento di Verona, ma dobbiamo rimandare). Fatemi sapere cosa ne pensate e suggeritemi eventuali modifiche o aggiunte.
    24 points
  7. sdrnet

    Cittadina Bavarese

    Ciao a tutti! Dopo un periodo di alcuni mesi di stop costruttivi, a inizio gennaio ritrovo finalmente lo spirito giusto per ripartire con un nuovo progetto. Fra le tante idee scritte nella mia "To do list" questa volta ha prevalso il progetto di una cittadina della Baviera. La Baviera è una nota zona geografica della Germania che ho visitato solo di passaggio durante un mio viaggio fotografico nella Foresta Nera diversi anni fa. Lo stile architettonico delle case tipiche con il graticcio e gli incantevoli paesi bavaresi mi hanno affascinato e sono sicuro che in futuro troverò il tempo per fare un tour più approfondito di questa zona. Mi sono quindi messo al lavoro con LDD e nel giro di un mese avevo una bozza più o meno dettagliata per cominciare a lavorare su di essa. La base di ispirazione è la famosa città di Rothenburg; come sempre ho voluto prendere spunto ma re-inventando poi a modo mio. Questa moc mi ha richiesto un lavoro di precisione soprattutto per la parte della base stradale. Ho voluto realizzare una strada pedonale con curve, inclinazioni e pendenze. Questo per rendere il tutto più realistico e meno conforme alle classiche cittadine perfettamente ortogonali. Tutto questo è stato difficile nel renderlo preciso, senza buchi a vista e al tempo stesso robusto. Per chi è interessato posso allegare in futuro delle foto di dettaglio delle tecniche usate. Ho realizzato 6 edifici in tutto: due abitazioni, una panetteria, un negozio di giocattoli, un bar/birreria con la piazzetta, la torre dell'orologio. Per la panetteria e il bar/birreria ho deciso anche di realizzare gli arredamenti che si possono vedere bene in quanto ho lasciato i soliti muri sezionati per osservare l'interno delle case. Parlando di numeri, la cittadina mi ha richiesto 6 mesi di lavoro, poggia su 6 basi da 32 ed è composto da 13.700 pezzi circa (di cui ben 990 tile 1x2 LBG!). Sono inoltre presenti 35 minifig e, come di consueto in ogni mia moc, alcuni pezzi parecchio rari. Verrà presentata per la prima volta tra due giorni a Lecco 2019. Ho cercato di curare ogni dettaglio, spero vivamente che vi piaccia! Saluti a tutti e vi esorto a visionare la solita galleria di Flickr con ben 29 foto di dettaglio: https://www.flickr.com/photos/sdrnet/albums/72157710027418926 Volevo ringraziare 4 amici che in un modo o nell'altro hanno contribuito alla realizzazione di questa moc: 1) Giuliano Beduglio: mi ha venduto metà dei tile LBG che avevo bisogno più alcuni pezzi rari. 2) Daniele D'Aprile: mi ha ispirato con il suo villaggio tirolese che però è immensamente più grande! 3) Dario Minisini: mi ha ispirato nella realizzazione delle panchine rosse. 4) Antonio Cerretti: ho ascoltato un suo consiglio riguardante il colore del bordo strada.
    24 points
  8. Ciao Altro pezzo che si aggiunge al diorama medievale, una basilica ispirata alle architetture della Roma del X XI secolo, Santa Maria in Cosmedin, San Giorgio al Velabro, Santa Maria in Trastevere. . . . . . .
    24 points
  9. Ciao ragazzi, sono lieto di presentarvi la mia nuova moc della locomotiva a vapore 740. Era da tanto tempo che volevo finirla e ora con il concorso Brick Train Awards 2021 ho colto lo spunto per portarla a termine, o meglio completare la prima fase, mancano ancora degli adesivi e forse qualche piccola modifica oltre alla possibilità di motorizzarla. Ho già testato il funzionamento della meccanica sui binari LEGO e non ci dovrebbero essere problemi nella circolazione in diorama. Via allego alcune foto ed il progetto da cui sono partito. Commenti e consigli apprezzati. jack75
    23 points
  10. Ciao a tutti! Dopo più di 3 anni dal mio primo messaggio, finalmente ho avuto modo di entrare attivamente a far parte della vostra community. Per iniziare, vi morrei mostrare una delle mie ultime MOC, cioè il complesso fiorentino della Cattedrale di Santa Maria del Fiore. Spero vi piaccia!!
    23 points
  11. Ecco a voi il mio nono modulare, la Piazza dell'Orologio! Oltre alla torre, che è visitabile dalle minifigures attraverso una scala a chiocciola, la MOC include anche un gelataio e un vecchio negozio di giocattoli con un settore esclusivo LEGO al primo piano. Spero vi piaccia
    23 points
  12. sdrnet

    Salotto natalizio

    Ecco un salotto in stile natalizio, con il caminetto scoppiettante, l'albero di Natale, il tavolino addobbato e i regali sotto l'albero. Babbo Natale guarda dalla finestra... credo si sia dimenticato della sua borsa sul divano! Il gatto si è svegliato e lo guarda dalla finestra. Questa è l'ultima moc di quest'anno, sperando in buone ispirazioni per il prossimo. Auguro un Buon Natale a tutti! Galleria Flickr: https://www.flickr.com/photos/sdrnet/albums/72157638506111644
    22 points
  13. Norton74

    Giardino d'inverno

    GIARDINO D'INVERNO Era da molto tempo che volevo realizzare un ambiente ricco di piante e fiori e contemporaneamente inserire oggetti e utensili di vecchie serie come Scala, Fabuland e Belville. E dopo una lunga gestazione, dovuta a un "periodaccio," finalmente il mio Giardino d'Inverno è pronto. Guardate attentamente e scoprite tutti gli elementi che non sembrano LEGO ma che in realtà lo sono. Partiamo dagli elementi Scala, una serie dimenticata e forse "snobbata" che però presenta una serie di chicche notevoli, utilissime in diorami in grande scala come questo. Da Scala: le due sedie, la valigia posta in alto sul mobile "in stile", i due cesti di vimini, il tappeto in primo piano, il premio appeso alla parete, i due annaffiatoi e i vasi di colore salmone e blu. Ed anche il gattone bianco che aspetta una mossa falsa del topino sulla sedia. Incredibile a dirsi ma sono tutti, ma proprio tutti pezzi prodotti da LEGO. Le gambe del tavolino in primo piano sono fissate all'appendi asciugamani della serie Scala, un pezzo dimenticato ma molto interessante. Della serie Fabuland la macchina fotografica sul ripiano sinistro del mobile e l'annaffiatoio rosso sulla sinistra vicino alla sedia. Il diorama colpisce anche per la grande varietà di piante e fiori che lo rendono molto "caldo". Da notare anche il mobile con le due ante decorate con dei "grille" che rendono molto bene. Tra gli innumerevoli NPU e dettagli ricordiamo infine le mazze da hockey e le scope utilizzati come gambe dei supporti per i vasi sulla sinistra. E anche l'alveare utilizzato come vaso di fiori. Ci sono altri piccoli dettagli, divertitevi a scoprirli. E' stato divertente e sfidante costruire questo ambiente ed è qualcosa di molto diverso dalla mia "comfort zone".
    22 points
  14. LO SAPEVATE? "Lo sapevate?" E' la mia nuova rubrica del Lunedì e Giovedì in cui vi sfido, dicendovi una cosa. Se la sapevate già, reazione infastidita, se non la sapevate mi lasciate un like! E' un modo utile per imparare curiosità sul mondo LEGO. Lo sapevate? Se scrivete "BAM" (acronimo di Build A Minifigure) nella casella di ricerca di bricklink, escono fuori alcuni (ma non tutti) pezzi che si trovano solo nel BUILD A MINIFIGURE dei LEGO Shop. Queste parti sono state create apposta solo per il BAM e sono in genere torsi speciali o recolor di parti uscite in altre minifigure (capelli di colori diversi, animali con pelo diverso, etc) Se lo sapevate infastiditi. Se non lo sapevate, like! A lunedì!
    22 points
  15. GianCann

    La fuga...

    Ebbene sì, ogni tanto costruisco qualcosa anch'io Nulla di ché, sia chiaro.... Questa volta ho realizzato un piccolo scenario (3x2 baseplate 32x32) che ho intitolato "La fuga". Ho ripreso un'idea che già avevo abbozzato nel diorama City comunitario realizzato a Lucca Comics 2015: una scenetta dove un T-Rex correva dietro ad alcune "minifigure pollo". Questa volta ho provato a creare un'ambientazione selvaggia, ricca di vegetazione, nel quale contestualizzare gli attori di questa scenetta. Per essere una cosa che m'è venuta in mente di realizzare soloo ieri sera, sono abbastanza soddisfatto del risultato finale Oggi e domani, infatti, io ed altri AFOL toscani siamo al TuscanyHall, per il Festival del Buon Sollazzo (evento dedicato ai giochi in legno) con lo scopo di promuovere BiFF2019. Per l'occasione, quindi, ho voluto creare (all'ultimo minuto) qualcosa di nuovo e questo è ciò che ne è uscito fuori: Ho fatto diverse foto, che trovate qui, più che altro per capire la resa della vegetazione e per fare qualche scatto "carino". Gli alberi, chiaramente, li avevo già pronti da tempo... si è trattato solo di realizzare il sentiero (con plate e wedge plate reddish brown/dark tan) e fare la vegetazione del "sottobosco". Quest'ultima l'ho fatta proprio stamani, sul tavolo espositivo A fine di questa micro-esposizione smonterò il tutto e, forse, la costruirò da zero con qualche novità per BiFF2019. Sicuramente, se dovessi decidere di rifarla, rialzerò tutto di un brick.
    22 points
  16. Ciao a tutti, oggi vi presento una MOC che avevo in mente da diversi mesi ma che ho realizzato solo recentemente per una occasione specifica: l'Evento LEGO di Firenze (BiFF 2017). I paesaggi della Toscana sono da sempre nel mio cuore, negli ultimi 15 anni mi sono recato più volte in primavera ed estate in una zona specifica della toscana che sono le Crete Senesi. In questa area geografica che parte dal sud di Siena fino ad arrivare alla cittadina di Pienza ci sono paesaggi formati da colline sinuose con casolari e cipressi. Da anni fotografo queste zone e non potevo mancare di realizzare una MOC proprio dedicata a questa terra. Come ispirazione ho utilizzato una mia foto che potete vedere qui: http://www.unafotoalgiorno.it/portfolio/visgallery.php?cat=paesaggi&id=11838 Tra progettazione e costruzione c'è voluto un solo mese: credo sia una delle MOC che ho realizzato in meno tempo nella mia storia da AFOL! Avevo poco tempo ma le idee abbastanza chiare di cosa volevo realizzare. Con soli 4 ordini di Bricklink effettuati tutti lo stesso giorno non ho fatto altro che attendere che arrivassero a casa e poi tutta la costruzione è avvenuta nel giro di un paio di settimane (nei ritagli di tempo). E' una moc molto semplice, non è composta da tecniche particolari (la parte più complicata è stato realizzare le nuvole). Mi sono comunque divertito moltissimo a costruirla perchè in parte ho rivissuto i miei ricordi di viaggi fotografici che ho fatto in passato. Con questa MOC volevo anche dimostrare che senza nessuna tecnica speciale e con una spesa modesta si possono realizzare delle moc molto colorate e d'effetto. Nonostante i suoi 3500 pezzi ho infatti utilizzato in modo accurato parti poco costose che non si notano ma che fanno parte della moc stessa. Ecco la galleria di Flickr: https://www.flickr.com/photos/sdrnet/albums/72157690184763535 Spero vi piaccia e se avete domande sono a disposizione! Saluti, Sandro
    22 points
  17. Praetorian

    Neo Classic Space

    tra un castello e un tempio mi sono dedicato un po allo spazio , per ora ho studiato 3 tipologie di navi e qualche piccolo mezzo di terra… ma ci sto prendendo gusto
    20 points
  18. M.I.G.I.

    MOSAICO

    Ecco come ho impegnato la mia quarantena... Mosaico realizzato con circa 70'000 mattoncini, suddivisi in 4 blocchi, montato a stile muro (non su baseplate) per una profondità di 4 stud.
    20 points
  19. Il Chiosco del caffè Il caffè è probabilmente la bevanda più bevuta al mondo, con un consumo annuo di più di 400 miliardi di tazzine. Io sono un gran bevitore di caffè: moka e espresso a "leva" sono i miei preferiti. Era quindi scontato che costruissi qualcosa a tema.Ecco qui il mio nuovissimo chiosco del caffè in stile retrò. Non manca niente: dai tavolini sul terrazzo alle insegne in stile "googie", dagli interni super dettagliati al pick-up vintage che trasporta i sacchi di caffè verde. Dategli un occhio e scoprite tutti i dettagli del "Coffee Stand" Qui sotto il retro del chiosco Gli interni con molti dettagli Altre foto e info sul mio FLICKR Buona serata e alla prossima MOC!
    20 points
  20. Dario3643

    New York 1929

    ciao a tutti questa è la mia ultima moc ,Nee York 1929,molto similare a Detroit 1930 ma con piu colori
    20 points
  21. Nome MOC: Mulino a vento medievale Numero pezzi: 5.200 circa Tema: medievale, paesaggio Minifig: 2 Particolari: pale motorizzate A metà gennaio 2018 dopo uno stop costruttivo durato un paio di mesi, mi sentivo bloccato da troppe idee e senza un progetto concreto da realizzare. Dopo un po' di prove in LDD arriva finalmente lo "sblocco" e nel giro di una decina di giorni avevo pronta una nuova bozza di progetto LDD da realizzare dal vivo. Per la prima volta avevo in casa così tanti pezzi utili per questa moc che ho dovuto fare solo 3 ordini BL. La costruzione è poi avvenuta nell'arco di un paio di mesi. Volevo da tempo realizzare un mulino a vento ma in passato avevo in mente il classico mulino olandese immerso tra i tulipani. Poi girando una sera su Pinterest mi sono imbattuto in un'immagine di un mulino a vento medievale e sono stato colpito dalla sua bellezza. Mi sono quindi ispirato a questo mulino trovato in rete e ho deciso di realizzarlo in LEGO, facendo ovviamente diverse modifiche. Mi piace pensare a questo mulino ambientato nel medioevo, abitato da una famiglia semplice che viveva in un'era dove non esisteva ancora la tecnologia di oggi, senza cellulari, computer, internet. Solo una casa di pietra e legna costruita con la fatica delle braccia e una vita condotta a produrre la farina per il pane e coltivare le verdure e i prodotti della terra. Il tutto circondato da una natura rigogliosa senza traffico e aria inquinata. Una vita senz'altro molto dura ma molto più semplice e costruita su concetti basilari come la famiglia, la terra e il cibo. Il mulino non ha arredamenti interni perchè l'interno è stato progettato per contenere il pacco batterie, il motore e anche un trasformatore a cui sono collegate delle luci a led. Il mulino di notte si illumina con una bella striscia di led. Azionando invece un piccolo pulsante sul retro della casa si attiva il motore che fa girare lentamente le pale del mulino a vento rendendolo così più dinamico. Questa la considero una delle mie moc meglio riuscite e spero di avere riscontri positivi anche da parte vostra per capire se il risultato finale è all'altezza delle mie aspettative. Verrà presentato per la prima volta al MEI di Verona 2018. Galleria immagini su Flickr: https://www.flickr.com/photos/sdrnet/albums/72157690184763535 Saluti a tutti alla prossima! Sandro
    20 points
  22. Ciao a tutti, ho realizzato una seconda versione della mia recente MOC "trasporto eccezionale", questa volta in versione ferroviaria, per partecipare ad un contest indetto da Texas Brick Railroad (http://texasbrickrr.com/) Per chi volesse partecipare, e so che qui ci sono tanti appassionati di treni, c'è tempo fino al 23 Luglio. Teazza
    19 points
  23. Razer

    Newsstand - Edicola

    Ciao a tutti, il tempo a mia disposizione è sempre meno ma sono riuscito ad inserire un altro piccolo pezzettino all'interno del mio Winter Village: la vecchia edicola. Al momento è ancora in versione "estiva" ma ben presto verrà innevata per sposarsi meglio al contesto. La piccola moc è nata ispirandomi alle vecchie edicole delle città storiche come Milano e Parigi. Sono consapevole che presenta ancora qualche "difetto" ma , purtroppo per il tempo a disposizione, è già un risultato essere riuscito a presentarvela. Spero vi piaccia e spero di riuscire a finire tutto per questo inverno. Piccolo SPOILER: rispetto alle foto pubblicate in precedenza, il villaggio è quasi raddoppiato e manca ancora un piccolo spazio per finire tutto. Alessio
    19 points
  24. Ciao a tutti, in seguito all'uscita di ieri, dell'ultimo set Winter Village "Elf Club House" posso stilare un elenco dei set Winter Village prodotti dal 2009 ad oggi. Approfitto anche ad inserire alcune curiosità, molti di voi sapranno già tutto, ad altri magari sarà interessante conoscerle. Buona lettura. Curiosità 1 - Se paradossalmente una persona potesse acquistare adesso, a prezzo ufficiale di listino, tutti i set Winter Village prodotti dal 2009, spenderebbe meno di 1000 euro! La media di prezzo di un set Winter Village è di 79,99 euro. 2 - Babbo Natale, personaggio simbolo stesso del Natale, è stato inserito in un solo set in tutta la serie… il 10245 Santa's Workshop. 3 - Nonostante la serie sia costituita da set relativamente piccoli, in molti di loro c'è stato l'avvento di nuovi pezzi o nuove ricolorazioni. Nel Winter Village Market ad esempio c'è stato il grande ritorno dell'arco 1x8 in dark-blue che era sparito da anni, molto raro e prodotto unicamente per i due modulari del 2007. 4 - Nel 2016 fu prodotto il Winter Holiday Train che fu una rivisitazione a distanza di 10 anni esatti del vecchio set 10172 Holiday Train, il quale però non faceva ancora parte del tema Winter Village. 5 - Il set con più pezzi in tutta la serie è il Winter Village Cottage con 1490 pezzi. Quello con meno pezzi è il Winter Bakery con soli 687 pezzi. 6 - Il set con più minifig è il Winter Market con 9 minifig mentre quello con meno è il Gingerbread House con sole 2 minifig. 7 - La chiesa che è un edificio tipico natalizio, non potrà mai essere prodotto da LEGO per via delle sue regole restrittive riguardo alla religione. 8 - Non è mai stato usato il colore bianco e nemmeno il giallo per un qualsiasi edificio della serie. 9 - Come per i modulari, il tema Winter Village ha mantenuto la regola di far uscire un solo set all'anno e solitamente viene presentato a settembre di ogni anno. Legato a questo tema però ogni anno escono degli altri piccoli set promozionali e anche delle polybag. 10 - Il Winter Toy Shop del 2015 (#10249) è stato un remake del primo set 10199 del 2009. Il set fu abbastanza criticato dai fan a causa del fatto che era pressochè identico a quello originale con pochissimi cambiamenti. Le cause non del tutto accertate di questo set, dicono che i designer erano tutti impegnati in altri progetti e per riuscire in tempo a produrre un set Winter hanno deciso di rifare quello più famoso. 11) In tutta la serie ci sono solamente due set che prevedono l'uso opzionale di un motore. Sono il Winter Market per la giostra e il Winter Train per il treno. 12) Il mattoncino 3x2 con la luce a pressione (https://www.bricklink.com/v2/catalog/catalogitem.page?P=54930c02#T=P) è presente in ben 8 set su 12. Questo perché le luci di Natale sono sempre state apprezzate anche se molti AFOL hanno deciso di farsi dei veri e propri impianti elettrici a led per rendere i set molto più belli e luminosi. 13) In 4 set della serie (Bakery, Post Office, Market, Station) non è presente un albero di Natale, né grande né piccolo. Sono tuttavia presenti in molti set (compresi questi 4) i pinetti LEGO nel formato piccolo e anche grande. 14) La media del costo al pezzo si attiene a 0,07 centesimi di Euro. E' un prezzo molto buono grazie anche al fatto che nessuno di questi set deve rendere conto ad una licenza specifica. 15) Qual è il set che mi è piaciuto meno? La mia risposta è il Fire Station. Nonostante sia un set ben costruito lo trovo comunque poco interessante e anche poco attinente al tema. Ci sarebbero ancora molte altre idee da sviluppare per il tema natalizio e fino ad ora c'è stata una grande mancanza di set più corposi (in stile UCS) che rendessero giustizia a questa categoria di set molto amati dagli AFOL di tutto il mondo. Se volete vedere tutte le immagini e le caratteristiche di questi Set li potete trovare su Brickset qui: https://brickset.com/sets/theme-Creator-Expert/subtheme-Winter-Village
    19 points
  25. Inizia a sentirsi l'aria di Natale... Come sempre in questo periodo è tempo della MOC natalizia, orami è una consuetudine. Quest'anno presento ancora una volta la casetta di Babbo Natale ma in stile A-frame. Ho ripreso il design del mio A-frame cottage di un paio di mesi fa utilizzando una nuova colorazione: un bel rosso natalizio per l'esterno e tanto bianco sul tetto e tutt'attorno che simula l'effetto neve. Molti dettagli sono simili a quelli del precedente lavoro ma questa volta sono tutti ricoperti di neve...cioè di tile bianchi. Nel basamento i "lingotti" hanno preso il posto dei martelli di Thor ma l'effetto è sempre piacevole. Ho voluto inserire la nuovissima renna presente solo nel set LEGO 10275 di quest'anno. Davvero ben fatta. Anche la fotografia ha un ruolo importante con la luce proveniente da sinistra che crea un'atmosfera calda e un ambiente accogliente. Non mi resta che augurarvi un buon Natale e serene feste! (almeno si spera...)
    19 points
  26. Teazza

    Il mago

    Ciao a tutti, vi presento questa veloce MOC con la quale ho partecipato al concorso di Brickset “build a polybag”. Mi sono classificato al secondo posto! Sono molto contento, visto l’altissimo numero di partecipanti! Qui l’articolo: https://brickset.com/article/52161/polybag-competition-winners
    19 points
  27. Dopo l'evento di Borgobrick decisi di intraprendere il tema agricolo, a me caro, essendo figlio di agricoltori! Negli eventi che avevo visto era poco rappresentato, quindi ero ancora più spinto a realizzare questo tema! Questo diorama mi porterà a fare il mio primo ordine bricklink, la mia prima mod e prima moc (Farò un post dedicato). Nella linea city fattoria (dove c'erano le famose mucche!!! non ne ho solo 2), mi era scappata la mietitrebbia 7636, poi acquistata su bricklink, ho deciso che da questa (modificata per renderla più simile ad una vera) sarei partito a realizzare il campo di orzo, creando la classica scena che avviene durante la mietitura nella vita odierna (che naturalmente ho vissuto e vivo ancora adesso di persona) L'ho esposto la prima volta al Model Expo Italy del 2015, mi ricordo che riuscii a farmi dare mezza giornata al lavoro il venerdì , per ultimare la moc della rotopressa(per chi non sapesse è quella rossa nelle foto) Prime fasi di costruzione!
    19 points
  28. Ciao a tutti! Dopo settimane di ricerche impossibili, tra immagini, piante, sezioni, prospetti, e chi più ne ha, più ne metta, finalmente ho completato Piazza San Marco: con quasi 26000 pezzi, è di gran lunga la più impegnativa delle moc fatte finora. Le istruzioni per il Campanile (da solo circa 4000 pezzi, in costruzione dalla prossima settimana) sono già disponibili, mentre per la basilica ci vorrà ancora del tempo. Prossimamente altre immagini! Spero vi piaccia! P.S. Veneziani, scatenatevi!
    19 points
  29. Laz

    Evento terminato

    Evento davvero andato bene! Pensavamo arrivasse meno gente perché è agosto... e invece ne è arrivata di più! Fairy Bricks contentissimi hanno già chiesto di tornare l'anno prossimo, i francesi (ne avevamo 10 quest'anno!) contentissimi, il designer capo della LEGO House Stuart Harris contentissimo (nonostante non poche disavventure all'arrivo, dovute ai problemi sui voli per il maltempo... venerdì sarebbe dovuto arrivare a Lecco alle 20, invece è sceso alla stazione del mio paesino alle 23:45 e l'ho portato io in auto!), le presentazioni sono andate bene (nonostante i problemi del politecnico con il WiFi), le MOC erano fantastiche, il diorama cittadino veramente ottimo, il quiz direi che è andato benone (per fortuna il WiFi era tornato o avremmo dovuto cancellarlo... dobbiamo pensare a un piano di backup per il futuro)... insomma tutto fantastico! Io (e non solo io) ho corso qua e là per tutta la durata dell'evento e nemmeno ho pranzato , ma quello è normale! Volevo anche e soprattutto ringraziare i volontari, coordinati da @SUPERMIRKO che si è fatto in quattro insieme a @Superteo00 (tutti super siete,??) e le nuove leve Mirko Marangoni (non proprio nuovo, ma nuovo come volontario a un evento!), @Greenlamia (nuova davvero, come socia) e tutta la famiglia Spallone (semi nuovi ) (non taggo più o resto qui fino a domani) che sono arrivati e sostanzialmente si sono messi a disposizione delle varie attività dell'evento. Senza di loro (e di molti altri) l'evento non si potrebbe fare. Grazie anche a @MastroMarco e @Canio per essersi fatti tutti quei chilometri! Okay, la smetto a vado a dormire! Non si offenda chi non ho ringraziato, si consideri ringraziato a prescindere!
    19 points
  30. Ciao a tutti, ho realizzato un isolato micropolis che esporró a Genova, rappresentazione di un impianto chimico, spero vi piaccia!
    19 points
  31. fabio bruni

    Leonardo da Vinci

    Vi presento la mia Moc a tema Leonardo da Vinci, pesentata per la prima volta al BiFF 2018 di Firenze, un tema a me particolarmente caro, in quanto io vivo proprio a Vinci, città natale di Leonardo e un omaggio al il mio famoso concittadino nell'anno in cui si celebra il 500entenario dalla morte. L'dea era quella di ricostruire un laboratorio di Leonardo, e lo spunto è preso da un quadro in cui si raffigurava l'arrivo di Leonardo a Milano e venivano mostrate alcune sue opere (macchine, quadri e studi sul volo e sull'anatomia) come se fosse un vero e proprio curriculum. Ho voluto anche inserire il momento in cui veniva dipinta la Monna Lisa, con tanto di modella.... Al Piano interrato ho inserito un laboratorio di anatomia ed uno di falegnameria.
    19 points
  32. Ecco a voi la mia ultima creazione, il museo di storia romana. I primi pezzi sono stati raccolti a febbraio, e ora è finalmente completo (in tutto sono più di 7000 pezzi).Buona visione!!! PIANO TERRA Laboratorio di restauro Toilette PRIMO PIANO
    19 points
  33. Laz

    Microscale Billund, 1954

    E' da quando ho visto la Copenhagen di Ulrik Hansen (prima quella "a colori" a Skærbæk e poi quella "bianca" alla LEGO House) che mi frullava in testa l'idea di utilizzare le sue tecniche... incredibile che nessun altro ci abbia pensato, tra l'altro! Così, tra i vari test e prove (che includevano Billund oggi "a colori" e il mio paesino) mi sono spostato su "Billund nel 1954 con colori attenuati". Perché 1954? Perché è l'anno in cui c'è questa mappa e per cui ho quindi accesso virtuale a tutto il paese. Perché non con i colori veri? Perché la mappa (e le foto di riferimento) sono in bianco e nero, inventare per inventare l'effetto degli edifici bianchi mi pare ottimo. Ovviamente un grosso grazie va a Ulrik per aver inventato le tecniche delle strade! Immagine TLG. Questa è di qualche anno dopo, tra il 1958 e il 1960. Immagine TLG Immagine TLG
    18 points
  34. ilcarota

    Sushi

    ho passato gli scorsi mesi in una sorta di crisi creativa fotografica, e ho cercato di esplorare nuove possibilità con i nostri amati mattoncini... fra le altre cose è uscita questa piccola serie dedicata al cibo. Le tecniche costruttive in sè non sono nulla di nuovo o speciale, ma volevo comunque rappresentare una fusione fra il mondo reale e i mattoncini, ispirandomi agli scatti di food photography. spero vi piacciano, magari nei prossimi giorni posterò altri piatti!
    18 points
  35. Jack75

    Winter Village 2020

    Ciao a tutti visto lo sforzo di tempo e di pezzi quest'anno ripubblico il mio diorama natalizio che tutti gli anni io e i miei figli allestiamo attendendo il Natale. Abbiamo raggiunto la ragguardevole dimensione di 110 cm x 220cm, il limite massimo fruibile nella stanza adibita. Ho utilizzato tutti i set Winter Village usciti fino al 2019 tranne il rifacimento del Toy Shop, vediamo se babbo natale ci porterà la novità 2020 . Vi allego alcune immagini quasi definitive (mancano alcuni pezzi in arrivo da LEGO per terminare la massicciata) ma per il resto il colpo d'occhi mi piace tantissimo. Alla fine alcune immagini del backstage.... Vi allego anche link a piccolo video Buon Natale a tutti
    18 points
  36. Ciao a tutti, vi mostro un’altra piccola e voloce moc fatta ieri sera:
    18 points
  37. Ciao a tutti, vi presento una piccola moc fatta ieri sera, l'idea mi è venuta parlando con una mia amica di viaggi spaziali, spero vi piaccia. Ciao Teazza
    18 points
  38. E alla fine siamo arrivati alla conclusione del 'contest' #iorestoacasaecostruisco raccogliendo ben 139 vignette di cui 127 valide per l'estrazione dei tre premi che abbiamo assegnato a questa attività. Vi ricordo che tutti i partecipanti riceveranno (in modalità ancora da verificare) un mattoncino personalizzato per ogni costruzione inviata oltre ad un singolo tile 2x4 di partecipazione. Terzo estratto: LEGO Creator 3-in-1 31100: Auto sportiva Secondo estratto: LEGO Creator 3-in-1 31098: Avventure all'aperto Primo estratto: LEGO Ideas 21319: Central Perk A breve ci sarà una comunicazioni più precisa circa l'estrazione che ssi svolgerà nei prossimi giorni tramite una live su uno dei nostri canali. Per il momento è tutto, non mi resta che ringraziare tutti gli AFOL e TFOL che hanno partecipato a questa iniziativa! Grazie, grazie grazie!
    18 points
  39. CARROZZONI GITANI (XIX-XX secolo) I primi Carrozzoni Gitani (meglio chiamarli Gypsy Wagons...) sono nati probabilmente in Francia agli inizi del '800 e utilizzati prima dai circhi viaggianti e poi dalle comunità Gitane. Queste ultime ne hanno fatte le loro case viaggianti. Colorati, creativi a volte barocchi erano trainati da cavalli e viaggiavano per centinaia di chilometri in giro per l'Europa e non solo. Mi hanno sempre affascinato e nelle ultime settimane ne ho costruiti un paio, complice anche un libro fotografico regalatomi da mia moglie: "Les Roulottes, une invitation au voyage", fonte inesauribile d'ispirazione. E' stato molto divertente costruirli e scegliere le Minifigure adatte (non stupitevi di Jack Sparrow, ha un look da Gitano DOC). Qui sotto i carri trainati dai cavalli E infine il retro... Spero vi piacciano e spero che in questi giorni di isolamento vi facciano girare un po' il mondo almeno con la fantasia. LATCHO DROM!
    18 points
  40. Eccomi qui con una nuova moc. Questa volta sono uscito fuori dai miei soliti schemi per creare una cosa che mi interessava fare da tempo. Quando ero un ragazzino mi piaceva molto la mitologia greca, leggevo le storie dei miti ed eroi greci e mi affascinava scoprire le incredibili avventure che si trovavano ad affrontare. Tra i miti più conosciuti quello che mi ha sempre colpito è la storia di Perseo e Medusa. Ci sono varie versioni del mito di Perseo. Quella più acclamata però è questa: "Perseo, figlio di Zeus, per via di una disputa con il re Polidette gli viene chiesto di recuperare un oggetto magico e pericolosissimo: la testa di Medusa. Medusa era una delle tre Gorgoni, tre sorelle e mostri che abitavano nell'estremo occidente del mondo conosciuto dai greci. Aveva dei serpenti al posto dei capelli e un terribile potere ovvero quello di pietrificare chiunque le volgesse lo sguardo. Perseo si deve recare nel regno degli inferi e navigare nel fiume Stige attraverso il traghettatore di anime, Caronte. Per riuscire nella sua ardua impresa, in questo regno spettrale dovrà recuperare dei manufatti magici dalle Graie e poi scoprire il luogo segreto dove si trova il tempio di Medusa. Atena donò invece a Perseo uno scudo lucido come uno specchio dicendogli che avrebbe dovuto guardare Medusa solo di riflesso. Grazie allo scudo di Atena, l'elmo di Ade che rende invisibili e un falcetto, Perseo recise la testa di Medusa e la ripose in una sacca magica. Con la testa riuscì successivamente anche a liberare la bellissima Andromeda, sua futura sposa, salvandola da un terribile ed enorme mostro marino liberato da Poseidone. Ancora oggi si può ammirare la magnifica scultura bronzea di Perseo nella Piazza della Signoria a Firenze." Ho cercato con questa modesta opera di ricreare la scena principale, con il fiume Stige e il traghettatore Caronte, l'ambiente spettrale e ovviamente Perseo in procinto di tagliare la testa di Medusa mentre usciva dal suo tempio. La moc è abbellita da un filo di microled nascosti tra i brick per donare luce in questo luogo infernale. La costruzione mi ha richiesto un mese di tempo, e questa volta non ho realizzato il progetto su cad ma sono andato di istinto. La moc è realizzata con circa 3.900 pezzi e sarà presentata per la prima volta al MEI di Verona 2020. Buona visione delle foto Saluti da Sandro Galleria Flickr: https://www.flickr.com/photos/sdrnet/albums/72157690184763535
    18 points
  41. chmar

    Evento terminato

    La manifestazione chiude con 4805 visitatori nella giornata di oggi che sommati ai 4403 di ieri, diventano 9208. Ma la cosa importante è vedere tutti gli AFOLs contenti. Grazie a tutti! Ora si comincia a smontare, a presto per le fotografie e tutto il report.
    18 points
  42. Ecco il mio primo modulare angolare, in stile liberty, con colori più vivaci del solito. Al piano terra un negozio di minerali (con laboratorio d'alchimia segreto - il proprietario, un alchimista occulto, è riuscito a trasformare i metalli poveri in oro grazie ad una formula ricercata da secoli) e al primo piano uno studio di architettura con luminosi lucernari di rame ossidato. Spero vi piaccia!
    18 points
  43. Ciao a tutti. Vi presento la mia ultima creazione, in ordine di tempo, che comunque credo avrete già visto dalle foto durante l'allestimento alla LEGO House. L'ho chiamata Space Explorer, ma sicuramente avrei potuto fare di meglio. E' nata per creare un'ambientazione per la minifig della serie collezionabile, a mio parere la minifig più bella di sempre creata da LEGO. L'ho costruita in due mattine, circa sei ore, cercando di utilizzare per la maggior parte pezzi provenienti da buste di BrickBox e pezzi "inutili" da vari part-out fatti nel corso degli anni. Non era previsto che portassi questa costruzione alla LEGO House, anche perchè l'ho fatta giusto qualche giorno prima della partenza, e non ero affatto sicuro che avrei potuto esporla. Stavo allestendo la mia vetrina quando ho chiesto a @Laz di tradurre per me "Adesso ne ho una che non avete mai visto (rivolgendomi a Jan Beyer e Stuart Harris che mi stavano osservando), se però non vi piace la riporto a casa". Ho aperto la scatola, hanno visto il contenuto e mi hanno detto di metterla assolutamente, davanti alle altre, sono rimasti colpiti. E' assurdo che proprio l'ultima, quella fatta di fretta e con pezzi di "scarto" sia proprio quella che è piaciuta di più. Potete trovare altre foto sulla mia pagina Flickr https://www.flickr.com/photos/vedosololego/ Spero vi piaccia. Ciao e alla prossima, Cristiano
    18 points
  44. "Barn Find": un tesoro nel fienile. Il sogno di ogni appassionato di auto d'epoca è ritrovare in un fienile o in una vecchia rimessa un tesoro a quattro ruote, caduto nell'oblio per anni e sepolto sotto la polvere. E' quello che gli inglesi chiamano BARN FIND. Non potendo vivere quell'esperienza nella vita reale, l'ho ricostruita con i mattoncini LEGO: due car-hunter si trovano davanti a una gloriosa Bugatti Type 35 blu Francia scovata quasi per caso in un fienile. Il fattore non capisce cosa stia succedendo...e il "gioco" è fatto! La Type 35 è la più famosa Bugatti da corsa mai costruita. Il suo esordio sportivo avvenne nel 1924 al Gran Premio di Lione, ma fu al Gran Premio di San Sebastian dello stesso anno che colse la sua prima vittoria. Da lì in poi, la Type 35 collezionò circa 2.000 vittorie in 7 anni di gare. Dagli stabilimenti Bugatti ne uscirono 96 esemplari. Pochi giorni fa una Type 35 del '25 è stata aggiudicata per più di 1.4 milioni di euro ad una asta organizzata da Artcurial a Parigi. La mia vale qualcosina meno
    18 points
  45. sdrnet

    Weekend al mare

    Ecco una mia nuova MOC. Dopo aver fatto per 5 anni diorami con la stagione invernale avevo voglia di qualcosa di più estivo! Per i primi 3 mesi di quest'anno ho avuto uno "stop artistico". In realtà avevo molte idee in mente, che probabilmente realizzerò in futuro, ma nessuna che mi prendesse completamente. l primo giorno di Primavera invece mi è venuta in mente questa moc. Immaginavo di bere un buon caffè seduto al tavolino di un bar in riva al mare. Ho così deciso di progettare questa moc molto diversa dai miei soliti temi ma altrettando divertente da costruire. La moc si poggia su 4 basi 32x32. Come ispirazione ho scelto la riviera Ligure dove ogni tanto faccio un giro, ma tutto quanto è stato inventato senza basarmi su scene reali. I 4 edifici colorati che vedete sullo sfondo sono (partendo da sinistra): un bar, un negozio di souvenir, un fruttivendolo, un fiorista. Inizialmente volevo fare solamente la parte della facciata e poi ho deciso di fare dei semplici abbellimenti degli interni visibili (come sempre) dal retro. La parte ciottolata è una classica passeggiata dei paesini di mare con panchine, lampioni, aiuole... La spiaggia è ancora poco affollata perchè mi sono immaginato un periodo pre-estivo nel quale c'è ancora poca gente in giro. L'intera moc è stata costruita in 3 mesi (nei ritagli di tempo) impiegando circa 5.500 pezzi. Spero vi piaccia. Verrà presentata dal vivo tra pochi giorni a Lecco 2017. Ciao a tutti! Sandro Ecco la galleria completa su Flickr: https://www.flickr.com/photos/sdrnet/albums/72157683391045352
    18 points
  46. Non lo avevo mai fatto gli anni scorsi e immagino che anche quest'anno non avevate necessariamente la voglia di leggere un post così lungo. Sentivo però la necessità di parlare, come se fossimo tutti insieme a qualche evento a guardarci in faccia senza mascherina. Ho voluto scrivere quindi una sorta di resoconto di fine anno con un piccolo anticipo di 3 giorni, un anno davvero particolare e che molto probabilmente non dimenticheremo mai più. Non starò a parlarvi del terribile virus che ormai conosciamo tutti e con il quale abbiamo dovuto convivere, un grave problema che è entrato in modo profondo nella nostra vita sconvolgendo tutto quello che sapevamo fosse "la normalità" e ribaltando completamente le nostre routine di tutti i giorni. Volevo invece parlarvi di quest'anno dal punto di vista del nostro hobby, della nostra passione ovvero i LEGO. Una cosa che mi riguarda molto da vicino è aver vissuto diversi mesi in attesa di una risposta, di un verdetto che certamente non mi avrebbe cambiato la vita ma sicuramente mi avrebbe dato una piccola mano a migliorarla. Sto parlando ovviamente della votazione del mio Winter Chalet su LEGO Ideas. Nel pomeriggio del 23 Giugno durante i resoconti live, vengo a scoprire che purtroppo lo Chalet non è passato. Ero preparato a questa cosa già da tempo. Negli ultimi giorni quando si sapeva che ci sarebbe stato il verdetto, l'euforia era risalita come i tanti commenti ricevuti un po' da tutto il mondo e devo dire che per un breve momento ci ho sperato. Pazienza. Notizia di pochi giorni fa però sembra che ci siano nuove possibilità che lo Chalet venga preso in considerazione, questa volta dal Team di Bricklink... forse si saprà qualcosa a gennaio e solo se sarò contattato vi farò sapere. Parliamo di Set? Ormai credo che lo sappiano tutti. Il 2020 è stato in assoluto l'anno con la maggior uscita di set di una certa importanza. Quelli che fino a un decennio fa erano ritenuti i top dell'anno... quest'anno ne abbiamo avuto uno al mese, alle volte anche due! Il 2020 detenie il record con il maggior numero di set D2C (Direct To Consumer). La query sempre valida che ho creato su Briskset mostra chiaramente i fatti: https://brickset.com/sets/query-5602/year-2020 Sono ben 17 i set che hanno un prezzo uguale o superiore a 180 euro! Quest'anno sono usciti set memorabili, non solo per grandezza e prezzo ma anche per la loro bellezza e varietà. Come non citare i fantastici LEGO Ideas della Baia dei Pirati o del bellissimo Pianoforte, nel mondo dei film la Ghostbusters ECTO-1, così come la Batwing 1989 oppure la magnifica Mos Eisley Cantina di Star Wars. E poi cose così originali e inaspettate come il set della Nintendo di Super Mario, oppure la magnifica Lamborghini Sian della Technic. E poi ancora il set di Topolino e Minnie, la nuova Haunted House, e il bellissimo set di Diagon Halley per i patiti di Harry Potter. E per finire il pezzo da 90... il Colosseo, 500 euro per uno dei set più attesi e discussi... quello che ora detiene il primato per il maggior numero di pezzi (ben 9036). Insomma quest'anno ne abbiamo avuto per tutti i gusti ed è davvero difficile non trovare qualcosa che piace anche al collezionista con pochi interessi. Il modulare (La Libreria) che da tutti era ritenuto uno dei set più importanti dell'anno ora si trova laggiù... in fondo alla lista. Se facciamo la somma di tutti questi 17 set otteniamo la ragguardevole cifra di oltre 4700 euro! E quello che servirebbe ad una famiglia per comprare da mangiare per un anno intero. Sapete la cosa paradossale per me? Che quest'anno nonostante così tanto ben di Dio per un appassionato LEGO come me è stato l'anno che ho speso meno soldi ed ho collezionato meno set. Guardando le cifre e i numeri che mi ripropone Brickset non capitava da 10 anni una cosa del genere. Il motivo? Troppi set, troppo belli... li vorrei avere tutti ma alla fine devo scendere a compromessi e non posso permettermi tutte queste spese e alla fine non scelgo nulla e restano lì, nella mia Wanted List. Probabilmente rimarranno fino al momento in cui andranno fuori produzione. Si perchè ormai il trend è questo. Chissà cosa ha in riserbo per noi la LEGO per il prossimo anno? Sono già stati annunciati molti set, ma i pezzi da '90 devono ancora essere presentati e allora prepariamoci a far ripartire il contatore e vedere dove arriverà! E in tutto questo non ho neanche menzionato gli altri 800 set proposti nell'anno 2020! Questo è stato anche l'anno della nascita della nuova linea "18+". Mai prima d'ora LEGO si era spinta con così tanta franchezza ad affermare che "si sono accorti che i loro set non sono più solamente dedicati ai bambini ma ad una grossa fetta di adulti"! Ovviamente è una affermazione che definirei spiritosa perchè oso chiunque, anche le famiglie più facoltose a regalare ai propri bambini decine di set che oltrepassano i 200 euro. Non sono più "giocattolini" o "scatoline" di quelle che si vendevano nei miei lontani e gloriosi anni '80... quando ci accontentavamo di un set con una ventina di pezzi e ci giocavamo per mesi interi fantasticando e trasformando ogni cosa con tutta la nostra immaginazione e creatività. Ebbene sì. Ora LEGO ha deciso ufficialmente che gli adulti sono anch'essi un loro punto di riferimento e quindi hanno deciso di produrre set di una certa importanza. Mannaggia a loro, se solo fossero un pochino più economici! E' dura stare dietro alla loro produzione di questi tempi, ma al tempo stesso sono estremamente felice che hanno deciso di prendere questa strada perchè sono sicuro che prima o poi faranno uscire set che sono nei miei sogni da sempre e sarà una grande magia. Sono accadute anche cose parecchio controverse quest'anno come la particolare questione "militare" del set Technic 42113 del veivolo Osprey... oppure dell'uscita della mitica Fiat 500, proposta su LEGO Ideas solo 1 anno prima... E' stato anche l'anno della nascita dei mosaici, il grande ritorno di un treno degno dei collezionisti (il Coccodrillo), la nascita di una nuova concezione di gioco con luci, suoni e movimenti... ovviamente parlo della fortunata serie di Super Mario. Poi sono nate le nuove macchine Speed Champions larghe 8 stud, la serie di minifig da collezione hanno festeggiato il numero 20, per l'ultima volta contenenti 16 personaggi visto che già la serie 21 che esce il prossimo anno avrà solo più 12 personaggi. E adesso le brutte notizie. Come fare a non parlare di Gian. Questa notizia è stata un pesante pugno in pancia. Una mazzata arrivata in seguito ad un anno già abbastanza buio e triste della nostra storia. Gianluca ci ha lasciati proprio in questo anno con i suoi soli 49 anni. Una persona che ha fatto davvero molto per questa associazione. Quando anche io facevo parte del Consiglio Direttivo non capivo come faceva a sbattersi così tanto e fare tutto con così tanta energia. Comunque al di là di tutto quello che ha fatto nel mondo AFOL, in Toscana Bricks e soprattutto in ItLUG era prima di tutto un amico, una persona che a modo suo mi ha sostenuto e che aveva sicuramente ancora molto da dare, sia a me che a tutti quelli a cui stava accanto. Per quello che riguarda invece la mia attività di moc non posso dirvi molto. Sapete che tengo le mie novità in segreto e sicuramente non escono Leaks come nelle novità LEGO Posso dire però un paio di cose. Intanto il 2021 sarà il decimo anniversario da quando ho costruito la mia prima vera moc da adulto. Nel lontano 2011 creai la chiesa del mio villaggio invernale. Fu questa la mia prima costruzione da zero e da allora non ho più smesso di costruire. Quindi per i miei 10 anni di moc ho in riserbo alcune cose interessanti. Ho già due moc in progetto, una in particolare sarà un bomba... un progetto impegnativo di un tema molto caro a parecchie persone Spero di riuscire ad avere il tempo necessario a sviluppare al meglio queste idee. Ci sarebbero ancora tante cose da dire di quest'anno anche solo per entrare in dettaglio per ogni tema che è stato sviluppato, ma se dovessi parlare di ciò dovrei scrivere un intero libro e credo di essere già stato sufficientemente lungo. Se volete aggiungere anche voi le vostre impressioni potete scrivere tutte le altre cose che mi sono dimenticato e che coinvolgono il nostro mondo dei mattoncini. Concludo quindi che spero ovviamente in un futuro roseo per LEGO e per tutti noi e speriamo vivamente che il 2021 sia un anno migliore di questo perchè prima del gioco c'è la salute e la tranquillità delle nostre famiglie e quest'anno un po' tutti ce lo meritiamo davvero. Un caro saluto da Sandro
    17 points
  47. Mi sono preso qualche ora per rispondervi. Per un breve momento ci ho sperato ma purtroppo mi devo abbandonare all'idea di non poter realizzare questo mio piccolo sogno. Sinceramente pensavo che almeno passasse il Planet Express di Nicola e invece i risultati hanno sbaragliato le previsioni. La scelta dei vincitori è dettata sicuramente da regole e valutazioni di marketing che vanno al di là di una mera considerazione di aspetto esteriore. Purtroppo è andata così e me ne farò una ragione. Al di là della fama e gloria che mi avrebbe portato, sicuramente mi sento deluso anche non poter a livello economico dare un bell'aiuto alle finanze famigliari che per una volta ne avrebbero giovato grazie ad una mia passione e non un lavoro. Per una famiglia si deve valutare anche questo e mi spiace. Caro Marco, un mio vecchio amico diceva che errare è umano ma perseverare è diabolico! Non so se ci riproverò. Al momento onestamente mi sento confuso e devo metabolizzare la "sconfitta". Comunque sia volevo davvero ringraziare tutti quanti voi per l'enorme supporto che mi avete dato e per i grandi gesti di amicizia che mi avete dimostrato con messaggi, mail, telefonate e quant'altro. Grazie a tutti!!
    17 points
  48. Praetorian

    Lady Lake Castle

    Altra aggiunta alla mia folle utopia medioevale che nelle intenzioni si collega alla città descritta in uno degli altri post
    17 points
  49. Norton74

    Antique gas station

    Il pieno, grazie! Le prime stazioni di servizio erano semplici baracche e la benzina veniva venduta insieme ad altri prodotti di prima necessità. A volte erano drugstore, a volte erano rivendite di farmaci. Quel che è certo è che erano molto diverse dalle stazioni in stile Art Déco o modernista degli anni '50 e '60. Nel mio ultimo lavoro la Bugatti Type 35 Grand Prix, che verrà poi ritrovata dopo anni abbandonata nel fienile, sta per rifornirsi in una tipica pompa di benzina anni '20, una baracca appunto... Grazie per l'attenzione e alla prossima MOC! Qui su flickr.
    17 points
  50. GiancasStick

    Morning Star

    Il progetto che mi salvò la vita. Nel 2012 ancora non avevo mai acquistato un singolo pezzo che non fosse stato contenuto in un set, ma per questa impresa avrei dovuto cominciare. In effetti avevo già tentato l'impresa svariati anni prima senza risultati, ma la passione per certi decenni, costumi e leggende è incontenibile. Ispirazioni qua e la, film videogame libri "Assassin's Creed Black Flag", "Corsari" titolo originale "Cutthroat Island" film del 1995, ma anche "L'isola del Tesoro", "La Vera Storia del Pirata Long John Silver" e via dicendo. Dopo giorni di studi e conteggi vari mi resi conto che avevo i pezzi necessari per realizzare il tessuto/struttura technic interna (grazie anche ai pezzi di un 10179) permettendo cosi lo sviluppo dei piani (tre per i primi 4 blocchi e quattro per il blocco poppa) che avrebbero dovuto caratterizzare il modello con una splendida vista interna completamente arredata, obiettivo principale del tutto. Per rendere le cose più facili suddivisi il modello in 5 blocchi, sia per facilità di costruzione ma anche di spostamento. Perni avrebbero poi permesso la completa apertura laterale del vascello in ambo i lati per osservarne meglio l'interno. I primi ordini ed esperimenti da vero AFOL mi presero parecchio, ottenere i pezzi giusti nelle giuste quantità mi spalancava un mondo nuovo e dopo 3 anni il vascello cominciò ad avere un suo stile. Per quanto riguarda i colori che dire, tutte le tonalità di marrone, beige, grigio, e nero. Riguardo ai pezzi originali sapevo che dovevo inventarmi qualcosa. La struttura, le coperture e la base sono tutti pezzi LEGO originali. Purtroppo è impossibile utilizzare tessuti LEGO per le vele o funi. Ho introdotto di recente parti custom, stampe da me create. Vi presento uno dei progetti a me più cari in continua evoluzione, il galeone pirata Morning Star.
    17 points
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00
×
×
  • Create New...