Jump to content
IGNORED

Il topic dei problemi di qualità LEGO


poldo
 Share

Recommended Posts

12 minuti fa, Pix ha scritto:

Può essere anche che il cartone sia fine? o che per loro sia impossibile (penso) aver tutte le dimensioni di scatole pronte per la spedizione? A pensarci i Set LEGO quante dimensioni di scatole hanno? 30-40? una infinità...non semplice da gestire. 

Sicuramente le scatole non sono troppo solide e le bolle d'aria servono giusto a riempire un po' gli spazi vuoti. Comunque per fare delle spedizioni a prova di corriere devi fare tutte le scatole ad hoc con, magari, il doppio rinforzo e questo non è fattibile sopratutto per un normale shop online con la logistica che fa il pickup dei prodotti dal magazzino.

I formati dei pack sono molti, sopratutto ora che hanno anche vari pack irregolari come quelli di DOTS, ma per il resto se fai attenzione vedrai che spesso sono sempre i soliti usati in modalità anche diverse (landscape/portrait) poi ovvio che a seconda delle necessità tirano fuori un pack nuovo (vedi appunto DOTS).

Link to comment
Share on other sites

16 minuti fa, Pix ha scritto:

 A pensarci i Set LEGO quante dimensioni di scatole hanno? 30-40? una infinità...non semplice da gestire.

Da persona estremamente pedante quale io sono, l'ho sempre trovato un grosso difetto.
Hanno cambiato millemila formati con gli anni e spesso si sono ritrovati ad usare formati veramente simili ad uno usato anni prima, con differenza di pochi cm. Dai...
Potrebbero standardizzare il tutto tanto molte scatole sono già piene d'aria.
Per dire, siamo andati a Gunzburg e avevamo il portabagagli già pieno prima di arrivare. Abbiamo passato la sera a zippare, e una scatola in genere arriva a contenere 3 set di quella stessa tipologia, pressati, per dire che una scatola LEGO ha circa il 60/65% di aria e il resto di mattoncini e istruzioni.

Link to comment
Share on other sites

La mia esperienza con questo "problema di qualità" è stata che la LEGO HOUSE è arrivata come già scritto nell'altro topic in un imballo più piccolo della scatola e la minifig presa per non pagare le spese di spedizione in un imballo di circa 70x40x20 cm 😂.

Vabbè questa cosa è già stata detta e ridetta anche in passato, le spedizioni non sono proprio il massimo...

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, Fabbbbbricks ha scritto:

Questo perché, ahimè, hanno una logistica esterna. L'unica cosa che si può fare è segnalare i disagi, ma dubito che, a meno di migliaia di segnalazioni, cambi qualcosa. 😞

Fabio, non sono d'accordo... nel senso che il problema della spedizione, è che in quel tipo di scatole, non si protegge il prodotto.

C'è poco da fare. E con questo tipo di imballaggi andiamo avanti da quando ha aperto lo shop. Ogni tanto c'è un pò più di attenzione ma generalmente è davvero pessimo l'imballaggio.

Banalmente usassero un pò di bolle protettive... 

Link to comment
Share on other sites

15 ore fa, Fabbbbbricks ha scritto:

Sicuramente le scatole non sono troppo solide e le bolle d'aria servono giusto a riempire un po' gli spazi vuoti. Comunque per fare delle spedizioni a prova di corriere devi fare tutte le scatole ad hoc con, magari, il doppio rinforzo e questo non è fattibile sopratutto per un normale shop online con la logistica che fa il pickup dei prodotti dal magazzino.

Ti dirò...

Io in azienda produco e spedisco circa 2500/3000 colli (di media) a settimana. Di questi colli forse solo il 25% ha la stessa dimensione. Tutto il resto ha dimensioni diverse l'una dall'altra. Per ovviare a questo problema abbiamo messo un impianto che imballa da sola i colli. Come funziona? spiegato velocemente: prende le misure del collo, le manda alla taglierina che taglia in cartone e poi assiema i due pezzi. Il cartone non è a doppia onda (o tripla - vulcano) ma a singola. Teniamo presente che l'80% dei Set LEGO non pesa neppure tanto.

Non nego che utilizzo l'impianto anche per imballare i Set che vendo su BrickLink, e ad oggi, su circa 270 Set spediti, reclami per l'imballo o per merce danneggiata "0" (testimoni della qualità del Packaging sono @GianCann e @SanMa). Oltre in Italia, ho spedito anche oltre oceano, quindi USA e Australia.

Se vi interessa sapere di più sull'impianto (per vostra cultura generale), questa è l'azienda che l'ha progettato e realizzato:
PANOTEC - https://www.panotec.com/it
Video esempio di impianto: https://youtu.be/PwZdPb2sPww

Detto questo: concordo con @Shintaku sul fatto che le scatole per il loro 60% sono vuote, ma li entra in gioco il Marketing. 

Edited by Pix
Link to comment
Share on other sites

16 ore fa, AirMauro ha scritto:

Fabio, non sono d'accordo... nel senso che il problema della spedizione, è che in quel tipo di scatole, non si protegge il prodotto.

Infatti questo vale per la quasi totalità di spedizioni gestite da logistiche e da Amazon.

 

6 ore fa, Pix ha scritto:

Come funziona? spiegato velocemente: prende le misure del collo, le manda alla taglierina che taglia in cartone e poi assiema i due pezzi.

Stiamo parlando di finalità completamente diverse.

Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, Fabbbbbricks ha scritto:

Stiamo parlando di finalità completamente diverse.

Si, si, non lo metto in dubbio. E' per dire che se vogliono una soluzione c'è, sia nei modi, nella organizzazione e nel costo.
Mi piacerebbe sapere la quantità di richieste di reso per merce arrivata danneggiata, ma non lo sapremo mai.

Link to comment
Share on other sites

Giusto per avvertire, LEGO grand piano 21323, axle da 32 in giro in mezzo ai sacchetti, fortunatamente stavolta mi è andata meglio della gru mk2 ed è dritto.

Possibile che facciano fatica a creare un inserto o dei fermi sulla scatola? Anche quella interna, basta piegare il cartone.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Laz ha scritto:

https://www.newelementary.com/2020/09/missing-faulty-LEGO-consumer-perceived-quality.html

Report dell'incontro con Bjarke Schønwandt, Quality Director, dai Fan Media Days.

Che probabilmente corrisponde molto a quello che ci sarà tra non molto alla LEGO House!

Ho letto l'intervista ed è molto interessante.

Per quello che riguarda gli errori contenuti nelle istruzioni generalmente non li segnalo mai. Prima perchè ne trovo decisamente pochi e poi perchè alle volte sono delle inezie. Nonostante questo mi ricordo recentemente quando ho montato la nave dei pirati di LEGO Ideas e ho trovato un passaggio che è proprio un errore... non è una cosa trascendentale ma sicuramente una svista da parte loro.
Lo trovate al passaggio 308 / 309. In pratica nel passaggio 308 viene indicato come montare un pezzo che in realtà si trova solamente nello specchietto del passaggio dopo (309).

Edited by sdrnet
Link to comment
Share on other sites

All'incontro di oggi dalla LEGO House oltre a ribadire le cose già descritte lì ci sono state diverse ottime domande con alcune risposte davvero molto, molto interessanti, soprattutto riguardo alla Lamborghini e ai colori (il loro problema più pressante, al momento).

Spero che qualche sito abbia modo di farne un articolo perché non ho potuto seguire con attenzione... ma sostanzialmente (non prendetemi alla lettera, è il concetto che conta) mi pare di capire che per il lime veramente sfasato della Lamborghini ci sia stato un problema di materiale che s'è bruciato mentre era in attesa di entrare nello stampo. Mentre per le differenze di colori... loro hanno sempre operato all'interno di un margine di tolleranza a livello di fornitura di materiale e un altro un poco più ampio a livello di lavorazione. Ora immaginatevi un grafico cartesiano dove sui quattro assi/versi ci sono i quattro colori: giallo, rosso, verde e blu. Segnando lo stesso valore di tolleranze sui quattro assi/versi, si creano due cerchi. Ora, il risultato interno a questi cerchi è considerato regolare, solo che fino a due anni fa riuscivano a tenere i valori nello stesso "spicchio", nello stesso quadrante. Questo riduceva le differenze a livelli minimali e non percepibili. Da due anni a questa parte, un particolare pigmento (?) che usavano, non è più disponibile. E sempre due anni fa hanno dovuto rimuovere altri pigmenti per risolvere il problema del Reddish Brown. Questo ha causato la tolleranza che prima stava in un singolo spicchio a restare invece nell'intero cerchio. Possono così capitare distanze maggiori nello stesso singolo colore che rendono la differenza visibile. Fermo restando che il problema più grosso e particolare della Lamboghini era dovuto al materiale bruciato, come detto prima.

Ripeto, spero che qualcuno abbia potuto ascoltare meglio e magari riprendere il grafico che ha disegnato per spiegare questo concetto.

Questo è appunto al momento il loro problema principale e stanno cercando di risolverlo.

Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti, vi vorrei segnalare alcune cose che ho notato nel set 21322 "Pirates of Barracuda Bay".

Partiamo da questo: una grossa differenza di colore in alcuni pezzi dark reddish brown, spero che la foto renda l'idea ma dal vivo i 3 pezzi in basso sembrano quasi un viola scuro.

IMG_9260.thumb.JPG.3f601738d4af6f71acd4e5d038165cde.JPG

 

Problema analogo in alcuni pezzi neri, tanti di questi sembrano più un grigio scuro o un nero sbiadito e affiancati al nero corretto stanno decisamente male...

IMG_9265.thumb.JPG.add0e80eebfad47571d1dc7e67e7fd55.JPG

IMG_9270.thumb.JPG.642b85a8f0f44a83716ecabe935a584c.JPG

IMG_9271.thumb.JPG.5f78d6cca9d344fb21c4d57a57e4349c.JPG

 

Altra cosa che ho notato è che in generale molti mattoncini hanno i bordi un po' rovinati, come se fossero usurati o molto giocati. Forse dovuto al materiale più morbido e allo strofinamento con gli altri pezzi in fase di produzione?

IMG_9263_large.thumb.JPG.9d24bc05dc0772c8e3ac9f0e0e6ecab7.JPG

 

Qui sotto alcuni dettagli riguardanti lo scafo:

IMG_9261.thumb.JPG.dfdd088021278ed58d980bda9ac09040.JPG

IMG_9262_large.thumb.JPG.61383496a9ac443a09ae69e983697e60.JPG

 

Qui invece un piccolo difetto su una vela:

IMG_9266_large.thumb.JPG.ea53029eaa758d5c51ffa88c70ee712c.JPG

 

Tra questi pezzi invece è normale che ci siano delle fessure così? In un caso si vede addirittura la carta bianca sotto...

IMG_9267.thumb.JPG.b3328750bb18c9c8b0be40c6a0ac1c2c.JPG

 

Spero di avervi dato qualche spunto di riflessione 🙂 Io da amante dei set in particolar modo dal '78 al '95 trovo una decisa differenza di qualità dei materiali e una diminuzione della professionalità da parte di TLG nella produzione dei propri prodotti.

 

 

Edited by Ceis
Link to comment
Share on other sites

Il 25/9/2020 alle 18:35, Ceis ha scritto:

Spero di avervi dato qualche spunto di riflessione 🙂 Io da amante dei set in particolar modo dal '78 al '95 trovo una decisa differenza di qualità dei materiali e una diminuzione della professionalità da parte di TLG nella produzione dei propri prodotti.

Ma tu hai segnalato al Customer Service?

Te li hanno sostituiti?

Link to comment
Share on other sites

Il 26/9/2020 alle 23:53, AirMauro ha scritto:

Ma tu hai segnalato al Customer Service?

Te li hanno sostituiti?

Al momento mi hanno proposto la sostituzione del set o il rimborso previa restituzione.

Ho chiesto la sostituzione dei pezzi difettati, vediamo cosa dicono...

Edited by Ceis
Link to comment
Share on other sites

6 ore fa, Wolfolo ha scritto:

Riprendiamo il discorso con l'ultima uscita epica: https://brickset.com/article/67650/LEGO-is-now-designing-sets-that-can-t-be-taken-apart#.YaX1iS5HJnw.facebook

Cosa ne pensate

 

Onestamente non sono d'accordo con Brickset per quanto riguarda il primo esempio:

67650_1.png

Con la punta del brick separator non si riesce con calma a sollevare la capocchia del 4?

Perchè usare il coltello?

Link to comment
Share on other sites

@AirMauro se non ricordo male non ami i pezzi technic, quindi probabilmente ti sfugge che una volta inserito il pezzo è totalmente solidale con il frame, non fa spessore, è effettivamente praticamente impossibile utilizzare il brick separator.

Appena riesco ti faccio una foto (dovrei avere dei pezzi technic sotto mano)

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Canio ha scritto:

@AirMauro se non ricordo male non ami i pezzi technic,

Non amo il Meccano.... è diverso. heheheh

Di Technic ne ho una 40ina tutto montati sino all'8466 ultimo "vero" Technic (in effetti è un ibrido) 

(anche se segretamente ogni tanto qualche set degli ultimi anni l'ho comprato, ma non dirlo a nessuno)

PS: e i Technic li apro!!! Niente MISB

Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, AirMauro ha scritto:

Capisco... e non vi è nessuna alternativa al taglio di cui parla Brickset?

Da fonte molto autorevole (che non sono io):
"Ma poi per quale scopo, tenere in posizione il pin arancione? Sarebbe bastato mettere un pin nero con un beam da 1 nel foro centrale della piattaforma girevole"

...che se non capisco male, vuol dire:

image.thumb.png.2fb97d41bb802e48875854d1f9328575.png

Link to comment
Share on other sites

Questa volta bisogna spezzare una lancia a favore di LEGO: dopo aver provato a spiegare “a parole” come smontare quel particolare assemblaggio, ma senza essere più di tanto presa sul serio, si è decisa a farci addirittura un video…

P.S.

il video è cruelty-free: nessun mattoncino è stato maltrattato durante la sua realizzazione! 😀

Edited by cborella
Link to comment
Share on other sites

Il 18/12/2021 alle 13:15, cborella ha scritto:

Questa volta bisogna spezzare una lancia a favore di LEGO: dopo aver provato a spiegare “a parole” come smontare quel particolare assemblaggio

Nì... Nel senso che mi fa piacere che si siano interessati al problema, ma resta una modalità di smontaggio troppo dipendente da tolleranze che potrebbero anche essere opposte e bloccare definitivamente l'axle e costringere a danneggiare i pezzi. 

Piuttosto che suggeriscano di infilare un pezzetto di filo sotto la capocchia in fase di montaggio, quindi se serve smontarlo si tira il filo e vien fuori subito. 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Wolfolo ha scritto:

Nì... Nel senso che mi fa piacere che si siano interessati al problema, ma resta una modalità di smontaggio troppo dipendente da tolleranze che potrebbero anche essere opposte e bloccare definitivamente l'axle e costringere a danneggiare i pezzi.

Da appassionato Technic la questione mi ha incuriosito e per questo ho riprodotto il collegamento incriminato.

In effetti hai ragione: in generale non sono riuscito ad estrarre l'axle esattamente come suggerito nel video perchè non sono mai riuscito a tenerlo fermo dopo il primo movimento verso l'esterno. In compenso ho trovato una piccola variante alla procedura che ha sempre funzionato, senza rovinare i pezzi e senza fare appello a tolleranze favorevoli.

Per farla breve, dopo avere spostato il pin verso l'interno del telaio ho bloccato l'axle inserendo nel taglio del pin connector un lembo di un elastico tenendolo premuto con la punta del brick separator. Ho portato indietro l'axle connector, liberato l'axle dall'elastico e spinto in avanti di nuovo lo stesso axle connector. In questo modo, tutte le volte che ho provato, ho potuto fare avanzare al primo colpo l'axle da liberare quel tanto che basta da potere fare leva con la punta del brick separator ed estrarlo del tutto.

Ammetto che non è una soluzione particolarmente elegate e fa uso di un oggetto non incluso nei diversi set, ma vista la sua relativa affidabilità potrebbe aprire la porta ad un uso più spregiudicato di questi collegamenti che non è azzardato definire "difficilmente separabili".

A presto,

 

Fabio

Link to comment
Share on other sites

36 minuti fa, Canio ha scritto:

Ma poi una cosa non mi è chiara, il pezzo verde (di cui ora mi sfugge il nome) è proprio necessario?

Non si può montare il tutto senza quel pezzo?

No, perché è quello che tiene fermo il tutto, l'idea da quello che ho compreso è di non far entrare nel frame il pin arancione

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...