Jump to content
AirMauro

Listino LEGO, sconti e acquisti

Recommended Posts

Ciao,

stamattina è il 100esimo giorno di seguito che sullo shop ci sono set in sconto.

In particolare oggi erano circa 150 i set ribassati dal 20% al 30%.

Io invito tutti quelli che collezionano come me, a ponderare molto bene un acquisto LEGO a prezzo pieno a anche se a fronte di gadget promozionali.

Il listino LEGO è di fatto gonfiato di un 30%, tantochè vende perennemente "scontati" una marea di set.

E se tu hai il prezzo scontato tutto l'anno vuol dire che il prezzo vero... è quello scontato.

Io nella vita devo massimizzare i profitti per l'azienda in cui lavoro e comprendo benissimo le logiche del pricing LEGO.

Essendo però in questo caso dall'altra parte della barricata, vi invito tutti a pesare bene i vostri acquisti e non alimentare ulteriormente l'impennata dei prezzi LEGO che da anni insegue i prezzi , quelli si a senso collezionistico, del mercato secondario di bricklink.

DON'T FEED THE TROLL.... THE PRICE pardon.

DON'T FEED THE PRICE !

Valutate con attenzione il prodotto che viene offerto, come quantità di pezzi e come plastica industriale prodotta in milioni di copie (non c'è rarità).

Il treno city tutti gli anni viene venduto al 35% sotto le feste.... è il suo prezzo. Non quello normale.

Un conto è pagare giustamente per set non più in produzione e rari, un conto è pagare a prezzi collezionistici qualcosa che è in produzione è non è ne raro ne esclusivo....

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 30/11/2019 alle 09:42, AirMauro ha scritto:

Un conto è pagare giustamente per set non più in produzione e rari, un conto è pagare a prezzi collezionistici qualcosa che è in produzione è non è ne raro ne esclusivo....

Mauro apprezzo sempre (e seguo con interesse) ogni tua disamina perchè sei una persona attenta e un collezionista molto più esperto di me per numero di anni di frequentazione del mondo LEGO. Detto questo però credo che ormai lo stanno comprendendo un po' tutti che comprare a prezzo pieno i set è una pura follia. I set devono essere comprati come minimo al 20% e se non si trovano scontati bisogna aspettare con calma e relax. Ormai i set, a parte alcuni casi speciali come gli Ideas, generalmente mantengono la loro vita per 3 anni in media e nell'arco di 3 anni è difficile che uno non riesca a trovare una buona offerta su quello che gli interessa se è un minimo informato sui canali di acquisto on-line. Molte tipologie di set poi arrivano a sconti sicuri del 30% proprio come hai segnalato come treni, diversi set Creator e altre cose che puntualmente ogni anno ricorrono. Ovviamente noi AFOL siamo ben attenti ai prezzi e "dovendone" acquistare parecchi di set sappiamo che correre subito al primo arrivo non è una cosa buona. Poi negli ultimi 2/3 anni LEGO sta mettendo in sconti pesanti anche set di una certa importanza, scatole da 200 euro che fino a pochi anni fa non si sognava neanche.
Le uniche cose che compro a prezzo pieno sono per poter prendere alcuni set promozionali sullo Shop LEGO ma si tratta di casi davvero nimini (2 max 3 all'anno) e restando sempre sulla soglia richiesta per accaparrarsi tale promozione. Alle volte non conviene nemmeno così perchè lo stesso set gratuito si può comprare in futuro su bricklink con un prezzo che è inferiore allo sconto stesso di un set che ti poteva servire per accaparrarti tale promozione...
Insomma... mai comprare a prezzo pieno. Il prezzo pieno è per la persona che compra occasionalmente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
34 minuti fa, Pix ha scritto:

Comunque, mai visto a memoria così tanti sconti e per così tanto tempo.
Devo dire che le vendite (non) vanno proprio bene...

Sono d'accordo però credo che i fattori da mettere in considerazione sono tanti. Negli ultimi 3 / 4 anni sono cambiate molte cose. Intanto ci sono il doppio dei set prodotti rispetto a qualche anno fa e poi molti set a prezzi alti. Ad un certo punto (specialmente verso fine anno) bisogna fare fuori più scatole possibili ed è qui che, come dice Mauro, i prezzi vengono allineati a quello che sarebbe dovuto accadere nello standard.

Share this post


Link to post
Share on other sites

È indiscutibile che il prezzo di listino di alcuni set è anomalo.

Prendiamo io mastodontico 42100 da 450 euro.

Dal giorno in cui è uscito (1° ottobre) e (quasi) sempre stato in offerta, e non solo su Amazon.

camelchart-locale-itasin-b07ndbgw4gpricetypes-amazonforce-1zero-0w-312h-375desired-falselegend-0ilt-1tp-allfo-0lang-it_it2019-12-0114_29_36.png.19258eb4d02544d2ae5342ebc3edcd48.png

Così, come per molti altri set.

Sicuramente, val la pena attendere, se non si ha la bramosia di voler montare/possedere subito un set.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interessante questo sito che hai utilizzato per capire l'andamento dei prezzi, si possono fare tante analisi.

Ci sono tutti i set LEGO?

Edited by Alessandro
Compitazione

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

  • Similar Content

    • By AirMauro
      Sempre più spesso, ultima è il caso della batmobile, LEGO sta usando la tecnica del LIMITED EDITION per incrementare le vendite, inseguire i prezzi del mercato secondario e far percepire come raro e prezioso il collezionare.
      Da studioso del giocattolo e collezionista, mentre scorrevo sorridendo la pazzia di molti venditori che a prezzi folli hanno rimesso in vendita la limited edition su brick link, mi chiedevo se chi organizza queste cose in LEGO ha una cultura industriale ben chiara sui pericoli che può correre un'azienda quando cerca di entrare nel suo mercato secondario.
      Vi voglio quindi parlare di un episodio clamoroso, in cui una limited edition sancì un disastro economico assurdo per chi la creò:
      IL FIASCO 1701: PLAYMATES vs STAR TREK
      Playmates produttrice allora (periodo di Star Trek the Next Generation) delle action figures di STAR TREK, all'apice del suo successo, con vendite in espansione ovunque, e un numero impressionante di set sfornati giorno dopo giorno, influenzata dal mercato secondario, decise di produrre una serie limitata e numerata di action figures. Tre personaggi che sarebbero stati prodotti in soli 1701 esemplari (1701 è il numero di registro dell'astronave Enterprise).
      E' stata una delle più catastrofiche scelte sbagliate che si ricordi nel mondo dei giocattoli.
      I collezionisti che in quel momento erano in crescita in tutto il mondo, numerosissimi e affamatissimi di nuovi prodotti, si lanciarono subito alla caccia dei set, non riuscendo per lo più ad averli. Le lamentele si fecero così pressanti che PLAYMATES tentò una retromarcia cercando di aumentarne la tiratura a posteriori.
      Non servì a nulla, l'effetto psicologico sui suoi clienti fu devastante.
      Come potete immaginare, immediatamente i prezzi schizzarono alle stelle (Vi ricorda qualcosa?...), aumentando di decine di volte il prezzo originale dei set incriminati, per arrivare in pochissimo tempo a superare i 1000$ ciascuno.
      In breve la grande maggioranza dei collezionisti si rese conto che non avrebbe mai potuto completare la collezione (se collezioni hai solitamente l'insana idea che vuoi tutti i set di un dato tema...non tutti tranne uno... pensate a chi fa i modulari ad esempio). In più uno dei set in questione rappresentava un personaggio minore, che appariva in un solo episodio, ma che i fan adoravano (Tasha Yar in Yesterday's Enterprise se ricordo bene...)
      A peggiorare ulteriormente le cose, PLAYMATES pensò bene di distribuire i set solo negli USA... risultato tutto il resto del mondo seppe immediatamente di non poter accedere a quei set se non attraverso costosi intermediari sul mercato secondario (vi ricordate i set LEGO vintage esclusivi solo da WALMART?).
      Il risultato di questa operazione fu che una marea di collezionisti in tutto il mondo, amareggiata per non poter completare la propria collezione... SMISE DI COLLEZIONARE TUTTA LA SERIE.
      Le vendite, come in MARY POPPINS... fioccarono sul mercato secondario, e crollarono le vendite nei negozi di giocattoli.
      PLAYMATES colò a picco e lasciò perdere...
      1701 FIASCO!
      Ora adesso che conoscete questa storia, onestamente, non vi sembra che molte operazioni LEGO degli ultimi anni camminino pericolosamente sullo stesso crinale che percorsero i manager PLAYMATES ingolositi da quel che vedevano succedere?
      Se avessero continuato a dedicarsi solo a sfornare giocattoli da mettere sugli scaffali.... ma no... hanno comprato BRICKLINK, pardon scusate un refuso, hanno prodotto la serie 1701...
      Mediatate gente, medita @GianCann medita @sdrnet...
      Meditate....
      PS: @Laz avvisali... da notare che LEGO quando ristampa alcuni set... vedi millenium falcon UCS, forse non l'ha fatto come molti di voi sostengono per combattere i repeller, ma piuttosto, realizzando che troppi collezionisti ne erano sprovvisti, di evitare un FIASCO 1701.....
       
       
×
×
  • Create New...